13
dicembre

ALESSANDRO CATTELAN: LA GENTE HA BISOGNO DI SENTIRE QUANTO SEI BRAVO. SOGNO UN FUTURO ALLA FIORELLO

alessandro cattelan

Alessandro Cattelan (dalla pagina facebook ufficiale)

Continua la nostra chiacchierata (il primo estratto – video – potete vederlo sotto) con Alessandro Cattelan. Questa volta “pungoliamo” il conduttore di X Factor sul vezzo della pay tv satellitare di rimarcare con estrema enfasi risultati e meriti. Ne approfittiamo altresì per cercare di scoprire cosa ne sarà di Alessandro nel periodo post talent…

Soddisfatto di questa edizione di X Factor?

Sì, di anno in anno c’è un leggero miglioramento, forse perché si pone rimedio ai piccoli errori degli anni precedenti. Il primo anno l’hanno visto in tantissimi, ci sembravano tantissimi allora però, perché rispetto a quelli che l’hanno seguito quest’anno è poca roba. Evidentemente sarà aumentato il passaparola. E’ un carro vincente sul quale di anno in anno la gente sale sopra.

X Factor ha un ottimo riscontro ma c’è bisogno di rimarcarlo con tanta insistenza?

Sei un po’ come il mio papà che diffidava dai film troppo pubblicizzati e non andava a vederli. Questa è comunicazione, non è un campo mio, ma credo che Sky abbia una capacità di usare un linguaggio contemporaneo che in questo momento pochi altri hanno e i risultati le danno quasi sempre ragione. L’Italia ha bisogna di essere sedotta, c’è gente a cui bisogna dire quanto sei bravo. Per anni siamo stati governati da uno che passava il tempo a dire quanto era bravo ed era benvoluto.

Sei d’accordo con chi governava?

Sono d’accordo con il metodo. Perché chi fa i record deve tenerli nascosti?

Ci sono record e record…


Però che una rete satellitare che superi per una giornata tutti i canali free esistenti in Italia è una roba impensabile, che non era mai successa prima (e infatti non è mai accaduto, probabilmente intendeva canali specializzati free, ndDM).

Parliamo però di un programma costoso che in partenza nasce per essere ambizioso…

Si potevano fare cose più brutte con gli stessi soldi. Non è mi è mai capitato di camminare per strada senza essere fermato per avere notizie sul programma. L’interesse è pazzesco. I miei colleghi che conducono programmi da 4 o 5 milioni sono sì fermati ma magari per fare le foto.

Non temi di rimanere intrappolato nel ruolo di conduttore di X Factor?

Sono ancora in una fase di follia adolescenziale, in questo momento non è un problema che mi pongo. Finchè mi diverto e sono contento, ci sarò.

Una piccola curiosità: ad X Factor non esiste il gobbo, né per il cantante, né per il conduttore…

Se hai il gobbo poi ti viene da leggere. Ma basta azionare il cervello, del resto è un programma dove il massimo che può succedere è che qualcuno canti.

Hai guardato “Dopotutto non è brutto”, lo show della Cucciari che ricorda il tuo “Potevo farlo anch’io”?

No, però lei mi piace molto. Mi hanno solo raccontato l’argomento, ma d’altronde non possiamo essere depositari di nulla. A me quella cosa lì all’inizio mi sembrava una cagata, invece, poi, è andata bene.

Qual è il tuo obiettivo?

Avere un programma mio, ci stiamo pensando e magari se siamo fortunati quest’anno ci sarà. Credo su Sky.

Cosa potresti fare?

A me piace la tv divertente con un briciolo di intelligenza. Sarebbe bello mettersi nella direzione di Fiorello, a volte c’è l’istinto di fare il passo più lungo della gamba ma bisogna procedere per gradi soprattutto per un determinato tipo di carriera.

Sanremo ti piacerebbe?

Per chi fa questo mestiere potrebbe essere un passaggio, ma non è un mio sogno. Se me lo chiedessero, naturalmente, lo farei volentieri.

Le sirene della tv generalista non ti attraggono?

Un’altra cosa che non vivo tanto è la differenza tra pay tv e tv generalista. Anche se Sky ha un bacino oggettivamente inferiore ti permette comunque di arrivare a tanta gente. Io farei tutto, l’importante è il progetto. Finchè non sarò in gravi difficoltà economiche non andrò in televisione tanto per.


Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


alessandro cattelan
ALESSANDRO CATTELAN A DM: C’E’ UN’ATTESA PER XFACTOR IMPRESSIONANTE. SI E’ SENTITA LA MANCANZA DI ARISA, GIOVANE E COMPETENTE


X Factor 7 - intervista ad Alessandro Cattelan
ALESSANDRO CATTELAN A DM: A X FACTOR LE COSE SI FANNO BENE, E’ NORMALE CHE ALTRI PROGRAMMI TENTINO DI FARE LA STESSA COSA (SUI SOCIAL)


Potevo farlo anch'io 3.jpeg
ALESSANDRO CATTELAN A DM: HO PREFERITO SKY ARTE ALLE GRANDI PRIME SERATE. A XFACTOR 7 VORREI JOVANOTTI IN GIURIA, BEN VENGA THE VOICE


Alessandro Cattelan, E poi c'è Cattelan
Alessandro Cattelan a DM: Robbie Williams a #EPCC farà molto più che a Sanremo. In onda tutti i giorni senza orario

10 Commenti dei lettori »

1. anto ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 15:59

L’ho sempre ritenuto un grande sin dai tempi in cui conduceva TRL! Quanto mi piacerebbe rivederlo in tv come prima!



2. aleimpe ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 16:13

Un programma stile “Bachman” su Cielo ?



3. Gowapper ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 16:45

A me Xfactor piaceva anche prima in Rai ma è Innegabile che un programma dato per morto con la cura Sky (che diciamo a fatto benissimo anche ad Arisa) e alla voglia di Cattelan hanno fatto si che sia diventato un gran bello spettacolo. L’unico neo e la mancata interazione quest’anno con XtraFactor. Spero che il prossimo anno venga migliorato.



4. Davide Maggio ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 17:04

Gowapper: per confrontarlo bisognerebbe mandarlo su una generalista. Poi si potrebbe parlarne. Perchè, stando ai numeri, a vedere l’XFactor di Sky sono state molte meno persone rispetto a quello Rai.



5. Giovanni ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 18:10

Il conduttore più sopravvalutato degli ultimi anni. Non è che per XFactor ci sia bisogno di chissà che per dire quattro cose sempre le stesse. Non mi è mai piaciuto sin dai tempi di TRL… avevano registrato qualche puntata nella mia città e ho avuto modo di entrare a contatto con lui… sgarbato e superbo come pochi non degnava di uno sguardo e si atteggiava a grande presentatore quando non lo era…



6. Michele ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 18:18

Lui si che è un giovane talentuoso ed una promessa della tv altro che Troiano ed il figlio di Pooh, collezionista di fiaschi.



7. mugnezz ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 19:39

la penso come giovanni .
adesso perchè un programma , ha avuto pseudo successo , non significa che lui sia bravo. anzi lo trovo spocchioso e arrogante. appena finirà X factor , lui sparirà dal video



8. lordchaotic ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 20:11

io non lo sopporto, già su mtv con il suo arrivo, tel si rovinò definitivamente



9. lordchaotic ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 20:13

*trl



10. Gowapper ha scritto:

13 dicembre 2013 alle 21:07

@DavideMaggio è innegabile però che da quando è su Sky ha avuto una spinta esponenziale a livello mediatico che di qualità che la Rai non ha mai dato nemmeno a The Voice. Comunque



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.