13
ottobre

ALTRI TEMPI: OTTIME INTERPRETI PER UNA STORIA CUPA CHE PARLA DI SESSO SENZA SESSO

Altri Tempi - Vittoria Puccini

Cominciare a raccontare una storia partendo da un (brutto) finale non è mai una scelta sicura. Perché l’espediente del flashback, o comunque del ripercorrere i fatti partendo dall’epilogo, toglie ogni speranza a coloro ai quali ci rivolgiamo e può levargli anche la voglia di restare ad ascoltarci.

Altri Tempi: un racconto veloce ma cupo con interpreti di livello

Altri Tempi, miniserie che gode della sofisticata regia di Marco Turco, ha sfidato questo pericolo, iniziando con la morte violenta della protagonista Maddalena (Vittoria Puccini) e affidando ad una sua lettera, scritta alla senatrice Lina Merlin, il compito di tornare indietro in quei tempi per raccontare la sua storia e il suo dolore. Il dolore di una ragazza rimasta sola al mondo, violentata dall’unica persona di cui poteva fidarsi e costretta a prostituirsi in una casa chiusa per assicurare un futuro alla figlia nata dallo stupro.

Ed è proprio un nutrito gruppo di personaggi subdoli e negativi, che di certo non aiutano ad intravedere la luce oltre il buio, quello che Maddalena incontrerà sulla sua infausta strada. Le uniche ad aiutarla davvero saranno le prostitute delle quali diventerà amica, a dispetto dei problemi che la sua presenza ingenua ed inesperta porterà nel bordello in cui sarà costretta a lavorare.

Una storia dai toni cupi e disperati, vibrante di frustrazione ed impotenza, rischiarata però dall’ottima interpretazione delle attrici protagoniste. Per prima la Puccini, attrice da sempre carica d’intensità che nella storia interpreta più ruoli in uno: quello della giovane sprovveduta, della madre disperata e poi della donna d’affari ormai risolta, che non teme più nulla.

Oltre a lei una Stefania Rocca/Duchessa nel passato algida e dura, nel presente debole e disperata per la morte dell’amica pian piano apprezzata e che rappresenta lo specchio inverso della protagonista: così diverse in ogni fase della vita, ma forse per questo complementari. Degna di nota anche la prova di Benedetta Buccellato, la senatrice, che il pubblico televisivo ricorda in Vento di Ponente ed Incantesimo, e buona scelta del casting quella di Valentina Corti per il ruolo da adulta di Anna (poi Adele), la figlia di Maddalena: la giovane attrice somiglia molto, nei modi e nella fisionomia, a Vittoria Puccini.

Nel complesso un film denso ma allo stesso tempo delicato, in cui il sesso è al centro della trama ma non lo si vede mai. Una ricostruzione storica interessante e dai tempi di racconto veloci per una storia che lascia l’amaro in bocca fin dall’inizio e che, a dispetto della voglia delle donne di lottare e cambiare il mondo (che il richiamo iniziale ad Anna Karenina sottolinea), le racconta vittime senza scampo di un mondo sporco che non lascia spazio alla speranza.

ALTRI TEMPI ANTICIPAZIONI ULTIMA PUNTATA

ALTRI TEMPI FOTOGALLERY

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


I Fatti Vostri
I Fatti Vostri: Magalli unico padrone di casa di un format sempre uguale a se stesso


Mara Maionchi
X Factor 2017: è subito Mara Maionchi show. Ecco i concorrenti ammessi


Pechino Express 2017 - Gli Egger
Pechino Express 2017, prima puntata: i capricci della «marchesa» Egger scalzano Antonella Elia


Top Chef 2 - Il primo eliminato è Andrea
Top Chef 2: i giudici prendono il sopravvento

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.