7
gennaio

DALLA COMMEDIA SEXY ALLA FICTION, LA REDENZIONE TELEVISIVA DI BANFI, BUZZANCA ED EDWIGE FENECH

Lino Banfi ed Edwige Fenech

C’erano una volta le infermiere di notte, le liceali, le supplenti, le Giovannone dalla coscialunga, i merli maschi e decine di altri personaggi confezionati su misura e con successo per la commedia sexy degli anni 70 e 80. Ci sono ora nonni, padri, commissari e restauratori, persino frati, intenti a popolare con altrettanto successo le numerose fiction televisive. Ad accomunare i due generi tanto diversi tra loro, i loro interpreti, ovvero Lino Banfi e Lando Buzzanca. I due principali protagonisti delle commedie “pecorecce” all’italiana hanno infatti trovato nuova vita lavorativa proprio nelle più familiari e decisamente meno pruriginose fiction tv.

Il primo a riscattarsi agli occhi del pubblico è stato Lino Banfi, già sul finire degli anni 80, impegnato a vestire i panni del vigile urbano in una serie tv Rai. Ma è a partire dal 1998, con la partecipazione ad Un medico in famiglia, che l’attore pugliese riesce definitivamente ad accantonare il vecchio e ormai stantio ruolo del cialtrone sessuomane. Il suo nonno Libero entra nelle case di 10 milioni di italiani, alternando sorrisi e commozioni. Un successo senza precedenti che porta Banfi ad inanellare a stretto giro una lunga serie di interpretazioni per il piccolo schermo. Dal sordomuto Sciusciù, a frate Raniero di Un posto tranquillo al fianco di Nino Manfredi, sino ad arrivare al recente e poco fortunato Commissario Zagaria.

Stessa sorte per l’eterno rivale Lando Buzzanca, soltanto recentemente riscoperto dalla fiction italiana. E’ del 2005 il successo della miniserie Mio Figlio, nel quale l’ex merlo maschio si trova a dover accettare seppur con difficoltà l’omosessualità di suo figlio. Un successo in grado di raggiungere il 30% di share, e spalancare definitivamente le porte della tv a Buzzanca. L’attore siciliano diventa Pietro di Bernardone nella miniserie Chiara e Francesco, recita al fianco di Beppe Fiorello ne Lo scandalo della Banca Romana, prende parte alla serie Capri 3, e da domani vestirà i panni del misterioso Basilio nella nuova serie di Rai1, Il Restauratore.

Sul fronte della fiction, a trovare nuova vita lavorativa, anche Edwige Fenech. La bella attrice algerina, smessi i “succinti” panni d’attrice, ha intrapreso con successo la strada della produzione televisiva e cinematografica. Tra le fiction di successo a firma della sua Immagine e Cinema, la serie tv Commesse, con Nancy Brilli e Sabrina Ferilli, Per una notte d’amore, Una sera d’ottobre e La ragazza americana, tutte e tre con Vanessa Hessler. Sempre la Hessler, sarà protagonista il 9 e 10 gennaio della miniserie Rai in due puntate La figlia del capitano, nella quale, eccezionalmente, la Fenech tornerà  a recitare nelle vesti di Caterina II di Russia.

La fiction, dunque, si è rivelata vera e propria ancora di salvezza per carriere a rischio di stop,  e chissà che le infinite vie della serialità made in Italy, non possano magari un giorno portare le 3 colonne della commedia sexy, a lavorare insieme in una fiction tv. Le idee per la sceneggiatura non mancherebbero di certo, a patto, però, che l’infermiera di notte non si trasformi in badante.



Articoli che potrebbero interessarti


Edwige Fenech, film
Edwige ‘70: su Iris l’erotismo soft della Fenech


Lino Banfi ed Albano Carrisi
Lino Banfi ed Albano Carrisi insieme per fiction


Lino Banfi
Un Medico in Famiglia 11, Lino Banfi fa un appello ad Orfeo: «Andrebbe fatta un’ultima serie per salutare il pubblico»


Lino Banfi
Lino Banfi a DM: «Un Medico in Famiglia chiude? Magari lo sapessi! La produttrice mi ha detto che si fa, ma solo la Rai può deciderlo»

5 Commenti dei lettori »

1. ANTONIO1972 ha scritto:

7 gennaio 2012 alle 12:38

non c’entra con l’articolo,ma io buzzanca proprio non lo reggo. una antipatia unica



2. tinina ha scritto:

7 gennaio 2012 alle 13:03

@ Antonio

Anche a me Buzzanca non piace, c’è da dire, però, che sia lui che Banfi e la Fenech hanno anni di gavetta alle spalle (Banfi addirittura con l’avanspettacolo) e sicuramente sono meglio loro di tante olgettine, letterine, veline, caccoline, gieffini e fauna varia che infestano (è proprio il caso di dirlo) l’attuale mondo dello spettacolo.



3. lelio85 ha scritto:

7 gennaio 2012 alle 16:39

La Fenech nell’ultima intervista ha superato ogni limite, dicendosi pentita di aver girato le pellicole degli anni 80′ ma di essere stata obbligata dal suo status di ragazza madre…ma stiamo scherzando? Poteva fare la cameriera, la commessa, la spazzina, ora perchè una è carina e ha un figlio per mantenersi deve spogliarsi in un film? A chi la vuole dare a bere? Dica la verità: ho girato quei film perchè volevo fare la bella vita e quello era l’unico modo che avevo per riuscirci dato che, oltre al bel fisico, avevo poche qualità!



4. nanà ha scritto:

7 gennaio 2012 alle 17:37

Buzzanca è stato bravissimo ne ” I Viceré ” di Faenza. Domani sera penso che mi vedrò Il Restauratore. Negli anni ‘80 avevamo le commedie “pecorecce” che però sono diventati anche dei cult; oggi c’abbiamo Garko e Arcuri…..



5. Ornella ha scritto:

8 gennaio 2012 alle 21:53

Io la sto guardando ora la fiction. Purtroppo Buzzaca è troppo antipatico ancora di piú quando ho letto un’intervista.In questa intervista spiegava che era stato operato d’urgenza all prostata e diceva “ho chiesto che sessualmente poi potessi ancora funzionare”. A quasi 80 anni e con la moglie morta da poco mi ha fatto proprio schifo! Si dovrebbe vergognare…Cmq è un bravo attore ma pessima persona.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.