16
febbraio

Come una Madre: un autentico e impressionante guazzabuglio

Come una Madre - Vanessa Incontrada

Come una Madre - Vanessa Incontrada

Se oltre cinque milioni di persone hanno visto ben due puntate di Come una Madre, senza abbandonarla dopo la curiosità iniziale, vuol dire che la fiction ha saputo toccare le corde giuste per far breccia nel cuore dei telespettatori. Quali, però, si fatica a capirlo, dal momento che l’appuntamento domenicale di Rai 1 si fonda su una trama forzata ed inverosimile, che nulla ha a che vedere con il consueto (e credibile) repertorio di rete.

Come una Madre: trama forzata e poco credibile

La storia di Angela, che si trova coinvolta in un brutale omicidio e fugge con i figli della vittima per salvarli, finendo per essere accusata dello stesso, era già sulla carta alquanto sopra le righe. Ma la messa in scena ha amplificato il tutto, con degli snodi narrativi nonsense e passaggi poco chiari, o mal spiegati, che creano un vortice singhiozzante nel quale lo spettatore o annega o si affida per non affogare, credendo all’incredibile.

Per fare quale esempio: perchè uno spietato assassino, che ha appena accoltellato ripetutamente una donna sull’uscio di casa sua, dovrebbe suonare il campanello per entrare a prendere ciò che cerca? Perchè costui, che deve rapire i figli della donna, non li prende e li porta via con l’aiuto dei suoi scagnozzi, ma si mette a patteggiare con una donna inerme che li protegge, dando tutto il tempo alla Polizia di arrivare e costringerlo alla fuga? Sarebbe bastato poco per rendere queste scene verosimili, e invece no.

Come una Madre: recitazione forzata e per nulla spontanea

Da una scrittura del genere non potevano che venir fuori personaggi sballati, eccessivi, che agiscono spesso senza logica, mettendosi nei guai per esigenze sceniche. Tutto ciò si riversa sulla recitazione degli attori che, per rendere in video quello che la sceneggiatura richiede, caricano a mille la propria interpretazione, esagerando; come Sebastiano Somma, che finalmente è tornato in video dopo anni di assenza, scegliendo purtroppo il prodotto sbagliato.

Quanto alla protagonista Vanessa Incontrada, che ha delle ottime doti di intrattenitrice e riesce benissimo in ruoli leggeri e di commedia, dovrebbe in futuro mostrare più amor proprio e più fiducia in se stessa. Rifiutando di ricalcare sempre le stesse orme di madre in difficoltà e prestarsi a prodotti del genere che, con ogni probabilità, ottengono ascolti solo grazie a lei e all’amore incondizionato che il grande pubblico le riserva.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Come una Madre - Vanessa Incontrada
Come una Madre: Vanessa Incontrada in fuga per Rai Fiction


Il Capitano Maria
Il Capitano Maria: Vanessa Incontrada patetica in una trama ai confini della realtà


Un'Altra Vita - Vanessa Incontrada e Claudia Alfonso
UN’ALTRA VITA: MOLTO MELO’ IN UNA PRIMA PUNTATA CARICA DI PROMESSE


La Casa di Carta 4
La Casa di Carta 4: un racconto allungato troppo che non ha più nulla da dire

3 Commenti dei lettori »

1. lip ha scritto:

16 febbraio 2020 alle 15:52

ma davvero secondo voi i telespettatori delle fiction di rai1 si rendono conto? potreste mettere 90 minuti di ripresa di una balaustra e farebbe il 23%. suvvia. gente che si beve 28 stagioni di don matteo dove l’unico che recita in modo decente è il cornicione, non fa parte della specie umana.



2. Rena ha scritto:

16 febbraio 2020 alle 21:36

Sei stato troppo buono!!! E’ incredibile che non ci sia nessuno che filtra una sceneggiatura.
Nemmeno un lobotomizzato avrebbe fatto passare almeno l’80% delle scene.



3. Cristina ha scritto:

19 febbraio 2020 alle 00:30

Concordo con quanto scritto, io non ho visto nemmeno una puntata, ma dalle pubblicità è evidente che un bambino di 4 anni, avrebbe scritto una sceneggiatura migliore di questa…..Mi ripeto ma è ormai è evidente che la fiction di lunga serialita di Raiuno e Mediaset fa acqua da tutte le parti. Si salvano le miserie su personaggi realmente esistiti (di due puntate) e l’amica geniale, ma per il resto è meglio vedere la serialita americana (vedi netflix e prime video, ma anche le reti generalist3 americane hanno sempre delle serie di qualità che gli italiani non sapranno mai fare o imitare)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.