3
gennaio

Pagelle TV del 2019 – I Bocciati

Adriano Celentano

Adriano Celentano

5 a Lorella Cuccarini. A dispetto dalle polemiche, la rentrée televisiva era più che auspicabile. Ma se la notte vola, il pomeriggio procede a passi lenti. Da cotanta fama era lecito attendersi qualcosa di più; il campionato comunque è ancora lungo. Provaci ancora.

5 a Fiorello. Al bando le sfavillanti e complicate prime serate della tv generalista, lo showman siciliano ha scelto di rifugiarsi nell’ovattata nicchia di Raiplay tant’è che i risultati sono ben lontani dai record di un tempo ma nessuno se n’è accorto. Per rimanere al top hai bisogno di pubblico più che di encomi di stampa, colleghi o dell’azienda per la quale lavori. Sparviero pavido.

5 ad Alessandro Cattelan. Se non sei tu a cambiare, non puoi pensare che tutto rimanga uguale intorno a te. All’ennesima stagione di X Factor, il conduttore ha dovuto incassare un vero e proprio tracollo, coinciso -ironia della sorte- con l’abbagliante promozione al ruolo di “creative producer” (!). Non va meglio per la sua creatura E Poi C’è Cattelan, vittima della silenziosa spending review di Sky e di ascolti mai alle stelle: le 46 puntate del 2018 (40 seconde serate più 6 prime time a teatro), nel 2019 sono diventate 7 (in prima serata). Spompato.

4 a Fabio Fazio. Il paradossale ennesimo cambio di rete ha dato il la al conduttore per dar sfogo a tutta la sua vena vittimistica. Però se gli ascolti di Che Tempo Che Fa non erano così brillanti su Rai1 o sono calati più del previsto su Rai2 non è colpa certamente di manovre politiche. Salice piangente.

4 a Simona Ventura. Troppe volte in questi anni ha agito senza ragionare sul lungo periodo, incappando di conseguenza in harakiri professionali. Era arrivata alla conduzione di Temptation Island Vip e – anziché fermarsi e consolidare almeno per un’altra stagione – l’ha mollata per inseguire un incerto ritorno in Rai, fatto di progetti dalla caratura inferiore. ‘A gatta, pe gghí ‘e pressa, facette ‘e figlie cecate.

4 ad Antonella Clerici. Sono state le sue scelte a spianare la strada al direttore di Rai1, Teresa De Santis, per metterla in un angolo. Ha scelto di abbandonare La Prova del Cuoco senza avere un prime time consolidato, ha scelto di rifare Sanremo Young (e prima ancora Portobello) malgrado la prima edizione avesse dato segnali di debolezza e ha preferito Lo Zecchino d’Oro a Miss Italia. Gladiatrice ingenua.

3 a Carlo Cracco. Il passaggio sulla tv generalista, sponda Rai2, ha riportato un po’ coi piedi per terra lo chef-star (e forse tutto il suo mondo), abituato ai terreni più comodi di Sky e della pubblicità. Puzza di bruciato.

2 a Gerardo Greco. L’avventura in quel di Rete 4 si è conclusa in maniera fulminea senza che il giornalista riuscisse ad introdurre il minimo barlume di cambiamento. La sua sconfitta professionale, per lui che aveva lasciato la Rai con intenti quasi rivoluzionari, è altresì un passo falso per l’informazione Mediaset. Incompreso.

1 a Pamela Prati. Ha monopolizzato i media per mesi con la storia del suo matrimonio, e relativo smascheramento, facendo una pessima figura. E’ la dimostrazione, però, che i grandi personaggi degli anni 80-90, ben costruiti e davvero famosi, non muoiono mai a differenza dei fuochi di paglia del nuovo millennio. Viale del Tramonto.

0 ad Adriano Celentano. Anni e anni di lavoro per un progetto kolossal che, a conti fatti, può definirsi tale solo per la proporzione dell’insuccesso. Un flop fragoroso che si è ripetuto due volte: la prima – lo scorso inverno – quando Adrian è stato introdotto dallo spettacolo col Molleggiato “contumace”, la seconda a sorpresa è arrivata malgrado Celentano ci abbia messo la faccia. Troppo tardi, forse il pubblico si era stufato. Svalutation.

I PROMOSSI DEL 2019



Articoli che potrebbero interessarti


MARIA DE FILIPPI E ALBERTO
Pagelle Tv della Settimana (20-26/05/2019). Promossi Domenica In e Alberto Urso. Bocciato il paradosso Rai-Fabio Fazio


MARIA DE FILIPPI
LE PAGELLE DELL’ANNO 2016: I PROMOSSI


Pagelle del 2010 enrico-mentana
LE PAGELLE DELL’ANNO 2010. PROMOSSI MENTANA E CLERICI, BOCCIATI TELESCAZZI E CHIAMBRETTI


Mauro Mazza
MAZZA A TUTTO SPIANO TRA I NUOVI PROGETTI E LE FRECCIATINE A BONOLIS E FAZIO

1 Commento dei lettori »

1. Ale ha scritto:

27 gennaio 2020 alle 12:28

Felicissimo del 5 alla Cuccarini, ben le sta. Anzi, io le avrei dato anche un bello 0 visto il modo con cui ha ottenuto questo posto in tv. E spero ritorni da dove è venuta.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.