31
gennaio

Un Medico in Famiglia 11, Lino Banfi fa un appello ad Orfeo: «Andrebbe fatta un’ultima serie per salutare il pubblico»

Lino Banfi

Lino Banfi

Lino Banfi non si arrende. L’attore pugliese, che dal 1998 convive con il suo alter ego Nonno Libero, continua a sperare che l’undicesima stagione di Un Medico in Famiglia si faccia e tenta di far cambiare idea alla Rai, che ha fermato la produzione alcuni mesi fa. Oggi ha spiegato le sue motivazioni in diretta su RTL.

Un Medico in Famiglia: Lino Banfi vuole un’ultima stagione

Ospite di Pierluigi Diaco, Giusy Legrenzi e Fulvio Giuliani a Non Stop News, Banfi ha espresso la volontà sua e degli altri protagonisti principali di tornare sul set e riaprire i battenti in quel di Cinecittà, per mettere in scena una sorta di commiato (qui l’intervista nel corso della quale ne ha parlato a DavideMaggio.it). L’attore, infatti, ben sa che andare avanti a prescindere non paga, e le ultime stagioni lo hanno dimostrato, con storie incapaci di appassionare davvero e sceneggiature deboli; ma il canto del cigno per lui è doveroso, dunque spinge per un’ultima stagione.

“Si dovrebbe fare, la dobbiamo come tributo al pubblico che ci ha voluto bene, per ventidue anni è durata ’sta storia. Siamo stati i primi a fare la lunga serialità che appartiene alla famiglia intera, che riguarda il padre, la madre, il nonno, tre generazioni, ed è andata bene. Ovviamente nelle ultime puntate poi non si sa più cosa raccontare se non hai delle buone sceneggiature. Però andrebbe fatta l’ultima serie per salutare il pubblico che ci ha voluto bene, questa è la mia opinione ma non sono io a decidere, è la Rai. Quando me lo chiede la gente pare che sia io che non voglio più farlo, che ho degli impegni, o Milena Vukotic, la mia consorte, bravissima attrice, o Giulio Scarpati, che è l’altro protagonista. Noi siamo pronti, ma se non si decidono in Rai, pazienza”.

Incalzato dai conduttori del programma, che nominavano il direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta nonché il direttore generale della Rai Mario Orfeo, chiedendo all’attore di fare un appello, Banfi ha lasciato intendere che la decisione riguardava più la prima che non il secondo. Gli hanno chiesto, infatti: “La Rai nella persona di? Tinni Andreatta?

“Per non fare nomi, Tinni Andreatta.[...] Mario Orfeo è una bravo “reghezzo”, l’ho conosciuto quando era direttore del tg, è un bravissimo giornalista, una brava persona, può darsi che neanche lo sappia…”

Ebbene, ora probabilmente lo sa, dal momento che segue il programma, come sottolineato da Giuliani. Interverrà in favore di Nonno Libero?



Articoli che potrebbero interessarti


Lino Banfi
Lino Banfi a DM: «Un Medico in Famiglia chiude? Magari lo sapessi! La produttrice mi ha detto che si fa, ma solo la Rai può deciderlo»


Massimo Giletti
Massimo Giletti: «Rimango a La7». Il conduttore polemizza con Orfeo


Mario Orfeo
Rai, bilancio 2017 con utili da 14,3 milioni e ricavi in calo. Orfeo annuncia al CdA: «Sanremo verso un Baglioni-bis »


Alessia Marcuzzi
Pagelle TV della Settimana (29/01-4/02/2018). Promosso Johnny Dorelli. Bocciata Alessia Marcuzzi

3 Commenti dei lettori »

1. controcorrente ha scritto:

31 gennaio 2018 alle 19:50

che patetici questi personaggi. che hanno oltretutto lavorato anche piu’ del dovuto nella loro vita !!!! e piu’ dei loro meriti!!!! e continuano a chiedere.. e a chiedere..



2. Ale ha scritto:

31 gennaio 2018 alle 20:36

Caro Banfi non serve fare una serie per chiudere il tutto ma basta un film tv o una miniserie in 2 puntate se proprio è necessario
E



3. Esabac ha scritto:

31 gennaio 2018 alle 20:51

Un’ultima serie da 5-6 serate con la partecipazione dei vecchi protagonisti (basterebbero Cettina, Maria, Torello e Ave) per dare una degna fine a una serie tv che ha dato tanto per anni sarebbe doverosa da parte della Rai che ha bistrattato con programmazioni assurde le decima serie che comunque ha mantenuto la media del 16-17%! La stessa media della pompatissima Braccialetti Rossi, che doveva fermarsi con la prima ottima serie



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.