Eleonora Andreatta



20
ottobre

MIA 2017, Eleonora Andreatta: «Stiamo sviluppando una fiction su una donna che corre come Primo Ministro»

mia 2017

Mia 2017 - Powerful Women in Global Entertainment

Una giovane donna potrebbe diventare Premier in Italia. Quello che sembra quasi fantascienza, almeno con l’attuale assetto politico nostrano, sta per prendere forma attraverso il racconto seriale. Intervenuta al MIA 2017, Eleonora Andreatta, numero uno di Rai Fiction, svela l’esistenza di un progetto al femminile che le sta molto a cuore:

Stiamo sviluppando un progetto in cui una giovane donna corre per diventare Cancelliere“.




6
ottobre

BRACCIALETTI ROSSI NOMINATO AGLI INTERNATIONAL EMMY KIDS AWARDS

Braccialetti Rossi

Braccialetti Rossi va agli Emmy. L’acclamato medical drama di Rai1 ha conquistato una nomination agli International Emmy Kids Awards, edizione su scala globale, e dedicata ai programmi per i più piccoli, del famoso riconoscimento a stelle e strisce. Orgogliosa, la numero uno di Rai Fiction, Eleonora Andreatta, ha dichiarato:


16
marzo

BRACCIALETTI ROSSI, ELEONORA ANDREATTA: NUMERI STRAORDINARI SUI GIOVANI E SUGLI ABBONATI PAY. TERZA STAGIONE COMPOSTA DA 6 PUNTATE

Braccialetti Rossi

Terminata ieri la seconda stagione di Braccialetti Rossi, Eleonora Andreatta - direttore di Rai Fiction – commenta, in una nota Rai, il rinnovato successo della fiction, confermando il varo di un terzo ciclo di episodi composto da sei appuntamenti:

“Con il successo della seconda serie di Braccialetti Rossi si è chiuso ieri un programma che nel panorama internazionale delle serie tv è unico, per tematica, innovazione, per la capacità di coinvolgere un pubblico di giovanissimi sulla tv generalista. I numeri degli ascolti, già altissimi, con oltre il 24% di share e 6 milioni di mezzo di spettatori, sono ancora più straordinari considerando le 400 mila visioni differite sul web, la febbre dei social network, il risultato tra le ragazze (un incredibile 57% di share), e tra le giovani donne (40%), ma anche presso gli adulti di 40 e 50 anni (oltre il 23% di share). E’ la fiction di gran lunga più seguita anche dal pubblico abbonato alla pay-tv, con un risultato (21%) non distante da quello generale.

Braccialetti Rossi presenta la realtà in modo a volte magico e favolistico, ma con una profonda verità e senza infingimenti, parlando di dolore, anche di morte, della fatica e della bellezza del crescere insieme. E’ una storia antiretorica ma piena di valori, il coraggio, l’amicizia, il sacrificio, la fantasia, l’amore. E’ una serie tv che ha appassionato i più giovani dimostrando che anche la tv generalista, per tutti, è luogo di innovazione e di aggregazione.





15
marzo

UN MEDICO IN FAMIGLIA 9: PER LA ANDREATTA SARA’ “UN NUOVO INIZIO”. LINO BANFI E’ GIA’ PRONTO PER LA DECIMA STAGIONE

Un Medico in Famiglia 9

La numero uno di Rai Fiction Eleonora Andreatta ha presentato Un Medico in Famiglia 9 – in partenza, domani, domenica 16 marzo 2014, su Rai 1 – come “un nuovo inizio“. I fans storici della serie, che la amano per quello che è e vogliono continuare a godere della continuità che la caratterizza dal lontano 1998, forse storceranno il naso. Ma non è detto che fermarsi e ripartire sia un male, giunti al punto in cui siamo.

Un Medico in Famiglia 9: si cambiano costumi, regista e fotografia

In otto stagioni, nella villetta dei Martini a Poggiofiorito, un nuovo inizio non lo abbiamo mai visto. Abbiamo visto invece una sorta di reboot nella sesta stagione quando, per archiviare la deludente quinta e dimenticare il suo cast indian style, si è fatto quasi finta che non fosse mai esistita richiamando a raccolta tutti gli amati protagonisti del passato. Con un risultato ben costruito ed appassionante. Poi con gli anni e le sistematiche defezioni di attori ed eliminazioni dei personaggi il senso delle storie è stato nuovamente in discesa, fino all’ultima stagione andata in onda, l’ottava, in cui il pubblico si è smarrito in una giungla di personaggi, senza punti di riferimento. Quindi ben venga un grosso cambiamento, che a questo punto può solo essere a fin di bene.

E il cambiamento pare sarà a tutto tondo. Innanzitutto a livello stilistico con una nuova fotografia, nuovi costumi e un regista che non aveva mai diretto Un Medico in Famiglia ma che nuovo alle fiction a tema “familiare” non è. Parliamo di Francesco Vicario, a cui subentreranno Elisabetta Marchetti ed Isabella Leoni, per anni alla guida de I Cesaroni. Ma il cambiamento principale risiede nel cast, visti i numerosi nuovi ingressi che si sono amalgamati perfettamente con i vecchi allargando davvero la famiglia, come dichiara Milena Vukotic, anima suprema della serie.

Un Medico in Famiglia 9: i nuovi personaggi faranno parte della famiglia


11
febbraio

TINNY ANDREATTA (DIR. RAI FICTION): I RAGAZZI HANNO RITROVATO LA GENERALISTA GRAZIE ALLA RAI. IN ARRIVO L’EREDE DI TUTTI PAZZI PER AMORE, PIF E ARCHIBUGI

Tinny Andreatta

E’ una Tinny Andreatta più loquace del solito, quella intervistata da Paolo Conti su Il Corriere della Sera. Il direttore di Rai Fiction snocciola dati e percentuali, rivela le fiction di prossima messa in onda e i progetti attualmente in fase di lavorazione. Il “Generale” Andreatta prosegue sulla strada dello svecchiamento della fiction made in Rai e punta ad un’offerta che possa generare un incontro di generazioni davanti alla tv pubblica. A sostenerla ci sono gli ottimi riscontri ottenuti proprio su questo fronte dalla fiction Braccialetti Rossi, in grado sin dalla sua prima puntata di ringiovanire il pubblico della rete.

“Raiuno ha avuto il 27% del pubblico 8-24 anni con una valanga di commenti sui social network. In quelle ore, Italia1 a parte, Rai1 è stata la rete più giovane del Paese. I ragazzi hanno ritrovato la tv generalista grazie alla Rai. Costruiamo per il 2014-2015 un’offerta con voci e punti di vista diversi, temi contemporanei attenti ai giovani, cercando di unire gli spettatori di ogni età. La tv pubblica come incontro tra generazioni, che racconti il Paese nella sua complessità, nella sua ricchezza di aspetti, anche problematici, ma che non perde la speranza”.

Un rinnovamento che a detta del direttore riguarda anche titoli ormai storici e consolidati come Don Matteo Un medico in famiglia, giunti ormai entrambi alla loro nona stagione.

“Anche lì inseriamo elementi di novità. Adolescenti e giovani adulti protagonisti, temi come la mancanza del lavoro, il bullismo femminile, il rapporto ossessivo con le nuove tecnologie. Anche registi e sceneggiatori sono più giovani”.

Fiction Rai: E’ arrivata la felicità è l’erede di Tutti Pazzi per Amore

Non solo titoli collaudati ma anche parecchie novità tra i progetti della Andreatta. Tra questi E’ arrivata la felicità, ideale proseguo di Tutti Pazzi per Amore, scritta dal trio Cotroneo, Bises, Rametta. In lavorazione anche Con gli occhi chiusi, nuovo progetto a firma di Pupi Avati, che conferma il suo sodalizio con Rai1 dopo il buon riscontro del tv movie Il Bambino Cattivo e della miniserie Un Matrimonio.





19
dicembre

PIANO FICTION RAI 2014: APPROVATO DAL CDA PER UN SOLO VOTO

Piano Fiction Rai 2014

Approvato il Piano Fiction Rai 2014

Aggiornamento del 19 dicembre 2013 alle 15:13 – Via libera oggi in consiglio di amministrazione Rai al piano fiction 2014. Il piano – secondo quanto  apprende l’Ansa – è stato approvato per un solo voto: la votazione è finita 5 a 4. Secondo alcuni consiglieri premiate sempre le stesse azienda.

Il Piano Fiction Rai 2014

Articolo del 9 dicembre 2013 – Giovedì 12 dicembre il piano fiction Rai 2014, stilato da Eleonora Andreatta, sarà sul tavolo del Cda. L’obiettivo del direttore di Rai Fiction è quello di riuscire, come avvenuto lo scorso anno, ad iniziare il 2014 con il Piano della Fiction già approvato, in modo tale di avviare subito i nuovi progetti in un rapporto più specifico e disteso con le società di produzione esterne. Il Cda si esprimerà sulla linea editoriale che caratterizza il piano nel suo complesso. Sui singoli contratti con le varie società di produzione, invece, il voto dei consiglieri entrerà in gioco soltanto quando il costo della fiction supera i 10 milioni di euro. Sotto tale somma basta l’ok del Presidente, mentre sotto i 2,5 milioni quello del Direttore generale.

Il costo totale del piano, come riferito da Adnkronos, ammonterebbe a 182.120.000 euro, ai quali bisogna aggiungere 15 milioni di euro destinati ai cartoni animati. Nel piano sono presenti tv movie, miniserie e lunga serialità, per alcune delle quali l’attivazione è stata già firmata. Altre sono state invece preacquistate, lasciando dunque ai produttori e non alla Rai lo sfruttamento dei diritti.

Serie Lunghe Rai 2014

Sul fronte della lunga serialità si punta tutto su serie dal successo collaudato come Un passo dal cielo 3 con Terence Hill (preacquisto, società Lux Vide, 12.000.000 di euro); Una grande famiglia 3 con Stefania Sandrelli, Stefania Rocca e Giorgio Marchesi (attivazione firmata, società Cross Prod, 10,4 mln); Che Dio ci aiuti 3 con Elena Sofia Ricci (preacquisto, società Lux Vide, 10.250.000 euro), Il Giovane Montalbano 2 con Michele Riondino (preacquisto, società Palomar; 8,1 mln di euro); Provaci ancora Prof 6 con Veronica Pivetti (società Endemol, 9,8 mln di euro).


30
dicembre

FICTION RAI: IL DIRETTORE ANDREATTA PUNTA TUTTO SULL’ATTUALITÀ E IL SOCIALE

Pulseras Rojas

Eleonora Andreatta, detta Tinni, classe 1964, da quattro mesi direttore di RaiFiction, sembra voler fare le cose sul serio. A capo di una struttura strategica della tv di Stato, in grado di muovere ogni anno qualcosa come 180 milioni di euro di budget, la neo-direttrice ha, infatti, voluto prendere sin da subito le distanze dai suoi predecessori, proponendo nuove strategie lavorative in grado di migliorare e diversificare la sin troppo stantia offerta della fiction Rai.

Lo scorso mese di novembre la Andreatta ha presentato il nuovo piano di produzione per il 2013, trovando l’immediato consenso positivo del Consiglio di Amministrazione. A differenza del passato dunque, il nuovo anno si aprirà con il Piano della Fiction già approvato, consentendo così di avviare subito i nuovi progetti in un rapporto più mirato e disteso con le società di produzione esterne, con gli autori e gli interpreti.

Nel prossimo anno la fiction della Rai crescerà sia in volume grazie al 20% di serate in più per Rai1 (si passerà da 99 a 120 prime time), ma anche in tipologie di racconto, per via della riapertura di una linea di prodotto destinata esclusivamente a Rai2. Convinta sempre più nella capacità della fiction di raccontare il nostro Paese, la Andreatta punterà su temi, storie e linguaggi molteplici e differenziati, ma con una comune linea di fondo: la narrazione della contemporaneità e la rappresentazione della nostra società.