27
giugno

Monica Maggioni: «La perdita di Fazio avrebbe portato uno scossone ai nostri ascolti con effetti seri e sistemici». Diaconale parla di pressioni sul CdA

Monica Maggioni

Una corsa contro il tempo per trattenere Fabio Fazio in Rai. Il DG Mario Orfeo si è speso in prima persona per portarla a termine: l’ipotesi che il conduttore potesse trasferirsi su altre reti aveva infatti allarmato i vertici del servizio pubblico e così è scattata la contro-offerta milionaria che oggi fa tanto discutere. “La perdita di Fazio avrebbe portato uno scossone ai nostri ascolti” ha spiegato la Presidente Monica Maggioni, che davanti ai parlamentari della Commissione di Vigilanza ha argomentato le recenti scelte della governance Rai.

Alla vigilia della presentazione dei prossimi palinsesti autunnali del servizio pubblico, Maggioni si è espressa sul caso Fazio ed ha fatto riferimento ad un contratto che il conduttore avrebbe potuto siglare con la concorrenza. Contratto di cui, in realtà, non vi è stata traccia né conferma da parte delle parti in gioco.

Noi non abbiamo visto il contratto che Fazio si preparava sembra a sottoscrivere con la concorrenza. In fondo, chi ti fa vedere una cosa del genere? Ma non ho dubbi che il contratto esistesse. Come sono certa che la perdita di Fazio avrebbe portato uno scossone ai nostri ascolti, con effetti seri e sistemici che non ci siamo sentiti di affrontare avendo 13 mila dipendenti

ha affermato la Presidente Rai. Un ragionamento anche condivisibile, che tuttavia non giustificherebbe comunque l’ingente cifra (si parla di 20 milioni di euro in totale, tra format e produzione) che a Viale Mazzini dovrebbero sborsare per vedere in onda un programma di interviste. Ed è altresì singolare che si parli di ascolti da preservare proprio nelle ore in cui si discute della chiusura de L’Arena di Giletti, programma che regalava picchi di share a Rai1.

Fazio fa parte della storia della televisione di Stato. Vedere transitare quel marchio, quel volto, su un’altra emittente avrebbe comportato uno scossoneNon so se la conferma di Fazio sia stata la scelta migliore. Certo, avere addosso il mirino per piccioni come capita a noi non è la condizione migliore per lavorare

ha aggiunto la Maggioni, che in Vigilanza ha invitato i parlamentari a riflettere sui benefici economici che il trasferimento di Fazio su Rai1 dovrebbe portare. In particolare, la top manager ha argomentato:

Uno spot sulla terza rete, dove Fazio ha lavorato finora, pesa meno di uno spot sulla prima dove noi lo spostiamo. Vi invito a ragionare su questo e sull’impatto che il suo trasloco su Rai1 produrrà per i nostri conti“.

Parole che – probabilmente – vanno rilette accompagnandole a quanto testimoniato solo ora dal Consigliere Arturo Diaconale, il quale ha utilizzato espressioni forti in riferimento a quanto avvenuto in CdA proprio attorno al caso Fazio:

Ci è stato detto che se non avessimo chiuso l’accordo quella mattina, Fazio avrebbe firmato con una azienda concorrente (…) Non siamo stati costretti con una pistola puntata alla fronte, ma dal codice civile. Se non lo avessimo firmato avremmo potuto rispondere per un danno all’azienda“.



Articoli che potrebbero interessarti


Monica Maggioni
Monica Maggioni: «La Rai non è al tracollo e gli ascolti di Fazio non sono flop»


Mario Orfeo
Mario Orfeo in Vigilanza Rai: «Nel 2018 possibile perdita da 100 milioni. Giletti a La7? Scelta legittima. Costava più dei suoi ricavi»


Fabio Fazio
Vigilanza Rai: documento contro il conflitto d’interessi di agenti delle star e artisti-produttori. Fazio avvisato


Fabio Fazio
Rai Sport, polemica dopo Italia-Svezia: «Avremmo voluto più spazio su Rai 1». Ma Fazio incombeva

18 Commenti dei lettori »

1. marco ha scritto:

27 giugno 2017 alle 16:32

MA VAI A SEDERTI SUL WATER……



2. marco ha scritto:

27 giugno 2017 alle 16:34

IO VORREI SAPERE MA CHI SARAI MAI QUESTO FAZIO… PER POI PAGARLO COSI TANTO…
ONESTAMENTE NON MI PIACE PER NIENTE , NE A CHE TEMPO CHE FA TANTO MENO A SANREMO
E CMQ RICORDATEVI SONO SOLDI DEGLI ITALIANI….



3. Nina ha scritto:

27 giugno 2017 alle 16:48

Pazzesco che la direttrice di un servizio pubblico dica cose simili. Fazio dunque non si accontentava di quello che aveva? Avido.



4. kalinda ha scritto:

27 giugno 2017 alle 16:52

Fazio fa una trasmissione da 2 milioni di spettatori una volta a settimana, non è Maria De Filippi che regge tutto l’anno Mediaset……poi rivelazioni hanno svelato che Cairo non lo avrebbe pagato così tanto.



5. Tore ha scritto:

27 giugno 2017 alle 17:26

No comment.



6. Nina ha scritto:

27 giugno 2017 alle 17:26

Kalinda: stai attenta, potresti essere accusata di poca lucidità ;-))))



7. Luca ha scritto:

27 giugno 2017 alle 18:14

Traduzione :
La perdita di Fazio avrebbe dato seri scossoni al numero di elettori del PD
Fazio è fondamentale per la Nomenklatura sinistrorsa e per continuare a fare propaganda per quella parte politica
Non ci sono altri motivi che possano giustificare un così copioso fiume di soldi nelle sue tasche



8. Nina ha scritto:

27 giugno 2017 alle 18:16

Ciao Luca, dici???? Il solerte Orfeo, solerte soprattutto con il PD, si è dato da fare.



9. Nina ha scritto:

27 giugno 2017 alle 19:11

Ora pare, addirittura che la7 non abbia nemmeno trattato con lui. Che bel soggetto! Questo ci faceva la morale assieme a quell’altro, come si chiama? Saviano!



10. Sabato ha scritto:

27 giugno 2017 alle 20:41

Ora Fazio viene accusato di aver parlato di trattative in corso con La7, in realtà mai esistite… ma dove e quando lo avrebbe fatto? Vorrei vedere l’intervista, la dichiarazione in cui Fazio spiega di essere in trattativa con Cairo! Questa voce è stata messa in giro da giornali e blog, spesso gli stessi che ora accusano Fazio di aver mentito… hanno fatto tutto loro, forse per aver qualcosa da scrivere, rimediando così qualche copia venduta/qualche visualizzazione in più?
Fazio ha gestito la scadenza del suo contratto con onestà e totale discrezione rispetto ad eventuali trattative parallele a quella con la Rai (con la7? Con Sky? Con Discovery? Non lo sappiamo). Giornali e siti in cerca di guadagni facili hanno usato il suo nome, di grande richiamo, dimostrando tutta la loro cattiva fede.



11. Srich ha scritto:

27 giugno 2017 alle 20:55

Lolissimo
Infatti il PD ha fatto male alle amministrative quando Fazio non è in onda, non fa una piega.
Sono curioso di vedere dove arriva quest’escalation <3



12. Felicity ha scritto:

27 giugno 2017 alle 21:19

Che credibilità può avere una che ha usato i soldi dei cittadini per pagare la promozione del suo libro? Non lo dico io,è scritto ovunque.



13. controcorrente ha scritto:

27 giugno 2017 alle 21:33

scusate ma se alla domenica.. Teche Teche te’ fa’il 20% A COSTO 0
e Fazio fa’ il 10%… questa ha il coraggio di parlare di scossone agli ascolti ???? CHE FACCIA DI…



14. XxdanyxX ha scritto:

27 giugno 2017 alle 23:45

scusate la mia ingoranza eh… ma non faceva più ascolti Giletti che Fazio? non mi spiego il compenso di Fazio al contrario di quello di Giletti con tanto di chiusura del programma…
qualcuno può spiegarmelo?



15. Nina ha scritto:

28 giugno 2017 alle 09:39

XxdanyxX: infatti è quello che mi chiedo pure io. Come mai non c’è problema a cancellare un programma di successo come quello di Giletti mentre perdere Fazio sarebbe stata un’ecatombe?



16. Nina ha scritto:

28 giugno 2017 alle 12:01

Dunque, voi cattivoni dei blog e dei giornali, avete lavorato per Fazio? Ah! ah! ah! ahhhhhh! Come se non ci fosse documentazione di tutta la manfrina che ha fatto costui a partire almeno da marzo.



17. Nina ha scritto:

28 giugno 2017 alle 12:08

Evito commenti personali, non è il mio livello.



18. Nina ha scritto:

28 giugno 2017 alle 15:25

Poteva mancare il vittimismo? Ma certo che no! “Fazio denuncia la campagna d’odio” e conferma che aveva una trattativa altrove, ma non la 7.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.