21
aprile

Rai: le star sono escluse dal tetto compensi

Antonella Clerici compensi

Antonella Clerici

I beniamini di Viale Mazzini possono dormire sonni tranquilli. Il ministero per lo Sviluppo Economico, sulla base del parere dell’Avvocatura di Stato, autorizza la Rai ad elargire compensi agli artisti in sostanziale libertà e secondo criteri di mercato. Le star, dunque, non devono sottostare al limite dei 240 mila euro lordi annui.

La notizia arriva a pochi giorni dalla data fissata (il prossimo 30 aprile) per l’applicazione del tetto ai compensi dei volti noti. Quarantaquattro, secondo quanto trapelato, sarebbero stati i personaggi interessati dalla decurtazione. Tra questi Fabio Fazio e Carlo Conti, che guiderebbero la carica dei più pagati, ma anche Antonella Clerici, Flavio Insinna e tanti altri (qui alcune cifre).

Andranno valutate, invece, posizioni come quelle di personaggi che operano a cavallo tra l’attività artistica e autorale e quella giornalistica. I giornalisti, a differenza degli artisti, rientrano nel tetto. A proposito, Repubblica fa sapere che il ministero ha chiesto alla Rai di dotarsi di un regolamento interno che le consenta di individuare che cosa sia davvero una prestazione artistica.

Ricordiamo che il Cda Rai aveva dato via libera al tetto stipendi come atto cautelativo in attesa di un parere chiarificatore da parte del Ministero dello Sviluppo economico, al quale era stato chiesto di esprimersi riguardo all’interpretazione della norma sull’editoria (art. 9 della legge 198/26 dell’ottobre 2016). La legge in questione prevede infatti che il tetto dei 240 mila euro sia applicato a tutti i soggetti “la cui prestazione professionale non sia stabilita da tariffe regolamentate”. Lo scorso novembre il CdA aveva proceduto con una delibera applicativa, escludendo solo le collaborazioni di natura artistica, in seguito ha poi deciso diversamente estendendo l’applicazione agli artisti, in via cautelativa e nell’attesa di delucidazioni, per evitare eventuali sanzioni.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Rai
Rai, tetto stipendi: per il Governo «è sempre stato chiaro» che non riguardasse gli artisti. Dirlo subito, no?


Carlo Conti, Antonella Clerici
RAI, SVELATI I COMPENSI DELLE STAR E I COSTI DEI PROGRAMMI: ECCO LE CIFRE. VIALE MAZZINI ANNUNCIA AZIONI LEGALI


Massimo Giletti
RAI, ECCO I COMPENSI DELLE STAR. FAZIO MILIONARIO, GIANNINI PIU’ RICCO DI GILETTI


Cachet milionari in Rai: Fabio Fazio
CACHET MILIONARI IN RAI: PERCHE’ NESSUNO PROTESTA PER I 2 MILIONI DI FABIO FAZIO?

7 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

21 aprile 2017 alle 13:25

BU-FFO-NI ! BU-FFO-NI !



2. xxxxx ha scritto:

21 aprile 2017 alle 14:39

Uno dei problemi della RAI, è che tutti i conduttori vengono pagati tantissimo, anche immeritatamente. Capisco che, ad esempio, Conti voglia essere strapagato (ha risollevato le sorti di Sanremo dopo il disastro combinato da Fazio, conduce Tale e Quale Show e in passato l’Eredità con successo da anni…), ma la cosa vergognosa è la Clerici, che sono anni che viene comunque pagata quasi tre milioni di euro all’anno per floppare. Io, piuttosto che ridurre o stipendio indiscriminatamente a tutti, decimerei lo stipendio della Clerici e della Carlucci, e alzerei un pochino quello di Magalli (non è giusto che lui prenda meno della Clerici, alla fine I Fatti Vostri in ascolti va sempre bene). La gente si lamenta tanto di Sanremo, ma il vero spreco sono i soldi usati per finanziare i flop, di cui ourtroppo nessuno si lamenta.



3. Giovanni ha scritto:

21 aprile 2017 alle 14:41

Viva la Rai ci fa crescere sani….viva la Rai!



4. Giorgia ha scritto:

21 aprile 2017 alle 16:12

E’ una vergogna.In Italia sono sacrifici per tutti tranne che per questi privilegiati,ma chi se ne frega se vanno via,semmai è un’occasione per prendere finalmente volti nuovi e magari risparmiare.Voglio proprio vedere poi chi è disposto a strapagarli.E cmq se la tv privata paga di più sono fatti loro,ma la rai è pubblica,trovo assurdo che dobbiamo pagare il canone per pagare milioni di euro a sta gente in tempo di crisi.



5. lele ha scritto:

21 aprile 2017 alle 17:58

Nessuna tv pubblica europea ha tetti per i compensi dei cast artistici. E ci mancherebbe altro.
Comunque, in generale, questi tetti orizzontali messi così son buoni giusto per calmare la pancia dell’elettorato in perenne meteorismo qualunquista e per facilitare l’ascesa di mezze calzette in ruoli chiave.



6. Fra X ha scritto:

21 aprile 2017 alle 19:15

Perché, ci sono star oggi nella TV italiana? XD

“dopo il disastro combinato da Fazio”

Un’ annata non memorabile può capitare a tutti. L’ anno prima era andato molto bene.

“Comunque, in generale, questi tetti orizzontali messi così son buoni giusto per calmare la pancia dell’elettorato in perenne meteorismo qualunquista e per facilitare l’ascesa di mezze calzette in ruoli chiave.”

Hai ragione! La VERA VERGOGNA comunque sono i parlamentari ecc… che rifiutano di abbassarsi i compensi mentre quando si tratta di fare le stangate a noi non si fanno tanti scrupoli! Questa è la VERA VERGOGNA! Bleah!



7. silvia ha scritto:

22 aprile 2017 alle 06:10

“”"star della tv”"”"” ma di chi e di cosa parlano???????ci rendiamo conto di quanto percepiscono questi buffoni e ipocriti????? noi gente comune non possiamo sentire certe cifre,,,lavoriamo seriamente sempre per avere poco più di 1000 euro al mese((((e ci dobbiamo far rientrare tutto mangiare, vestire, bollette e canone rai)))) e questi come niente fosse oltre al compenso((stratosferico e immeritato))))) hanno autisti , privilegi ecc. ,,,,((conti, fazio, clerici, giletti ecc,ecc, la lista è molto lunga))))) no non ci stà bene per niente bisogna adeguarli ai comuni lavoratori e a chi non stà bene che vada a zappare la terra!!!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.