14
aprile

Rai, il CdA conferma il tetto agli stipendi delle star. 44 i personaggi interessati

CdA Rai

Il tetto della discordia resta in vigore: di cancellarlo non se ne parla. Almeno per ora. Il CdA Rai tenutosi ieri a Viale Mazzini ha infatti deciso di non revocare il limite dei 240mila euro esteso agli stipendi degli artisti del servizio pubblico. Stando a quanto si apprende, i consiglieri non avrebbero ravvisato elementi tali da imporre una modifica all’attuazione della delibera sui compensi, che entrerà in vigore dal 30 aprile prossimo.

Il CdA ha confermato la sua linea a favore del tetto sui compensi, nonostante dal Mef fosse arrivato un invito ad approfondire la questione con il ministero per lo Sviluppo e con l’Avvocatura dello Stato, per capire quali possano essere i margini entro cui muoversi. In questa esortazione, tuttavia, i Consiglieri non avrebbero riscontrato elementi di novità: da qui la decisione di confermare il discusso tetto dei 240mila euro.

La norma è stata molto criticata con l’accusa penalizzare il servizio pubblico stesso. Le dimensioni del fenomeno sarebbero però circoscritte. Secondo quanto apprende l’AdnKronos, infatti, i dipendenti Rai che superano il tetto dei 240mila euro annui sono 44, di cui 6 guadagnano più di 1milione di euro (tra questi Fazio, Conti, Clerici e Insinna), 6 tra 500mila euro e 1 milione; 32 tra 240mila euro e 500mila euro per un ammontare complessivo pari a 24,3 milioni di euro.

Alcuni popolari conduttori Rai hanno già espresso la loro contrarierà al tetto sugli stipendi. Bruno Vespa non ha usato mezzi termini al riguardo, mentre Fabio Fazio si è lasciato andare ad alcune considerazioni fragorose che hanno ulteriormente alimentato le indiscrezioni su un suo possibile addio alla Rai.

Ma il CdA Rai, che ieri ha approvato il bilancio 2016 di Viale Mazzini, per il momento è irremovibile. Non si escludono colpi di scena o inversioni di rotta, ma intanto la fatidica scadenza del 30 aprile si avvicina. Da quella data, scatterà la tagliola sugli stipendi delle star.



Articoli che potrebbero interessarti


CdA Rai
CdA Rai, tetto stipendi: autoregolamentazione entro il 2 giugno. Delia Gandini nominata all’Anticorruzione


Antonio Campo Dall'Orto, Monica Maggioni
Rai, tetto stipendi: quer pasticciaccio brutto de Viale Mazzini


Carlo Conti
Rai: da aprile tetto compensi di 240 mila euro anche per i conduttori. Ecco le star interessate dal provvedimento


Rai
STIPENDI RAI: L’ELENCO COMPLETO DEI COMPENSI SUPERIORI A 200MILA EURO. POLEMICHE

3 Commenti dei lettori »

1. Michele87 ha scritto:

14 aprile 2017 alle 11:58

Datemi pure del populista ma io dico ERA ORA!!!!! Milioni di euro dati a gente per fare interviste-zerbino al potente di turno di sinistra (Fazio) o di qualsiasi partito vada per la maggiore in quel momento (Vespa), ballare male, cucinare male, presentare male e cantare male (Clerici), e aprire due pacchi (Insinna): se la Rai vuole stare sul mercato allora la privatizzassero al 100% (sarebbe anche ora, visto che il servizio pubblico lo ha smesso di fare dal 1960). Purtroppo credo che tale decisione sarà ben presto elusa, visto che siamo il Paese dei ricorsi al TAR e dei cavilli salva-tutto, ma tale decisione è solo da ammirare.



2. teoz ha scritto:

14 aprile 2017 alle 16:04

Io penso che a questo punto potrebbero valutare dei premi di produzione. Intendiamoci, ci sono conduttori che prendono tanto però questi tetti se confermati non aiuteranno la rai a crescere controcorrente rispetto al mercato libero di oggi (discovery si sfrega le mani).



3. Indignato85 ha scritto:

20 aprile 2017 alle 10:33

Finalmente!!! Con questa decisione forse le reti generaliste RAI (dall’altra parte non è che vada meglio), grazie a nuovi conduttori e/o programmi, usciranno dallo stato comatoso in cui sono ormai sprofondate da anni e anni!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.