3
giugno

VARIAZIONI PIANO FICTION RAI 2015: SALTA LA SUORA, VANESSA INCONTRADA “MAMMA IN INCOGNITO”, I GIOCATORI SU RAI3

Vanessa Incontrada

A distanza di alcuni mesi dalla sua approvazione, avvenuta lo scorso mese di dicembre, il piano fiction per il 2015, presentato dal direttore di Rai Fiction Tinni Andreatta, è tornato sul tavolo del Cda Rai. Il piano, che stabilisce quali produzioni devono essere avviate nell’anno in corso, e che per il 2015 prevede investimenti per circa 200 milioni di euro, ha subito alcuni cambiamenti in corsa ed importanti integrazioni.

Le variazioni, approvate ad unanimità in una sola seduta dal Cda, hanno tenuto conto dei buoni riscontri ottenuti in questa stagione dalla fiction Rai, assestatasi da settembre a maggio su una media di 5.540.000 spettatori e il 21.3% di share. Un risultato superiore di circa 100.000 spettatori medi e dell’1% di share rispetto alla passata stagione, che acquista maggiore importanza se si tiene conto della crescente offerta televisiva, e soprattutto della grande difficoltà di Rai1 nell’intercettare i gusti dei telespettatori con altri generi, in particolare con il varietà. Vediamo nel dettaglio le novità.

Che Dio ci aiuti 4 rinviato al 2016

La prima novità riguarda la casa di produzione Lux Vide, da sempre molto attiva in Rai, grazie al successo di fiction come Don Matteo, Un Passo dal Cielo, la recente La Dama Velata, e Che Dio ci aiuti. Di quest’ultima serie, che vede protagonista Elena Sofia Ricci nei panni della simpatica suor Angela, visto il buon riscontro ottenuto con le prime tre stagioni, era previsto un nuovo capitolo per il 2015. Rai e Lux Vide hanno però cambiato idea e deciso, come riportato dal mensile Tivù, di privilegiare per la prossima stagione la realizzazione di una nuova fiction. Per le nuove avventure di Che Dio ci aiuti bisognerà dunque attendere il 2016.

Non dirlo al mio capo con Vanessa Incontrada

La nuova serie a marchio Lux Vide che prende il posto di Che dio ci aiuti 4 nel piano fiction 2015 s’intitolerà Non dirlo al mio capo, e affronterà il tema del difficile rapporto tra lavoro e maternità. Protagonista dei 12 episodi (della durata di 50 minuti) sarà Vanessa Incontrada nei panni di Lisa, una giovane mamma di due figli, rimasta vedova. La donna, dopo aver affrontato senza successo numerosi colloqui di lavoro, si rende conto che il vero problema è rappresentato dalla sua condizione di madre. Per poter trovare lavoro decide allora di nascondere il suo ruolo di mamma, e trova lavoro da un avvocato misogino. La serie, diretta da Giulio Manfredonia e destinata alla prima serata di Rai1, non sarà l’unico impegno della stagione della Incontrada, che sulla prima rete Rai sarà protagonista anche de La classe degli asini, miniserie che ripercorrerà la battaglia dell’insegnante Mirella Casale alla fine degli anni ‘70 per chiudere le classi differenziali.

‘Ritorno a casa’ per Barbareschi

Ritorno a casa, mai titolo più azzeccato per una serie che vede Luca Barbareschi e la sua Casanova Multimedia tornare a produrre per la Rai. Presente nella scorsa stagione esclusivamente con la miniserie Pietro Mennea – La Freccia del Sud, la casa di produzione dell’attore e regista ritorna sulla tv di Stato con una serie in 6 puntate che racconta la storia di Fausto, un cinquantenne che si risveglia dopo 5 anni dal coma. Al suo risveglio però la sua vita è completamente cambiata. L’azienda agricola di famiglia rischia il fallimento a causa delle scelte avventate fatte dal figlio maggiore, la moglie ha una relazione con il suo migliore amico, e la figlia rifiuta qualsiasi autorità paterna. Al protagonista non resta che ricominciare tutto da capo.

‘Le Donne’ di Camilleri

Dall’autore de Il Commissario Montalbano, arriverà nella prossima stagione anche Donne, un ciclo di 10 episodi della durata di 10 minuti ciascuno. Le puntate, ispirate all’omonimo libro dello scrittore, racconteranno il mondo femminile ed in particolare il ruolo carismatico della donna all’interno di storie d’amore piccole e grandi.

‘I Giocatori’ di Rai3

L’offerta della fiction, negli ultimi anni destinata quasi ed esclusivamente a Rai1, come annunciato più volte dalla stessa Andretta, riguarderà dalla prossima stagione anche le altre reti Rai, in particolare Rai3. Sulla rete diretta da Andrea Vianello, oltre allo storico appuntamento con Un Posto al Sole, e l’atteso Non Uccidere con protagonista Miriam Leone, andrà in onda anche il film tv I Giocatori. Il tv movie è tratto dallo spettacolo teatrale dello spagnolo Pau Mirò, tradotto e portato in Italia da Enrico Ianniello (il commissario Nappi di Un Passo dal Cielo). Protagonista della storia un gruppo di giocatori appassionati di carte che, tra una scopa e una briscola, condividono gioie e dolori della loro esistenza. I Giocatori sarà una produzione a basso costo, realizzata da Teatri Uniti con la partecipazione del CPTV della Rai di  Napoli.



Articoli che potrebbero interessarti


Che Dio ci Aiuti 4 - 119
Che Dio ci Aiuti 4: anticipazioni decima ed ultima puntata di domenica 5 marzo 2017


Che Dio ci Aiuti 4
CHE DIO CI AIUTI 4: UN MOTO RASSICURANTE MA PERPETUO


Che Dio ci Aiuti 4 - 126
CHE DIO CI AIUTI 4: TUTTI I NUOVI PERSONAGGI (FOTO)


Che Dio ci Aiuti 4 - 125
CHE DIO CI AIUTI 4: SUOR ANGELA TORNA SU RAI 1 TRA INNESTI, ESCORT E CONTINUITA’ (FOTO)

4 Commenti dei lettori »

1. federiko24 ha scritto:

3 giugno 2015 alle 14:33

Uh menomale che hanno fatto fuori almeno la suora.
Interessanti le mini puntate tratte da Camilleri.



2. Peppe93 ha scritto:

3 giugno 2015 alle 17:00

La Incontrada sta avendo davvero troppo come attrice. Non è brava, molto meglio come conduttrice.



3. dumurin ha scritto:

3 giugno 2015 alle 21:37

E così nuovamente zero fiction in costume e zero fiction di genere melò-mistery e di genere fiabesco.
Avrebbero dovuto mettere in produzione La Dama Velata 2 che è stata la fiction rivelazione dell’anno! Chissà cosa aspettano a farla!



4. chiara ha scritto:

9 luglio 2015 alle 18:03

Spero che la serie di Che Dio Ci Aiuti venga fatta il prima possibile.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.