TG La7



1
dicembre

MATTEO RENZI IN DIRETTA AL TG LA7. BERSANI SNOBBA (ANCORA) L’INVITO DI MENTANA?

Matteo Renzi

Ormai, di primarie del Pd ci sono solo le liti. A poche ore dal ballottaggio, i due candidati alla leadership del centrosinistra hanno abbandonato il far play e, in attesa del secondo round, si sono democraticamente “presi a mazzate”. A far volare colpi bassi tra Pierluigi BersaniMatteo Renzi, in particolare, sono state le regole della campagna elettorale e di voto, con uno scontro di posizioni sull’eventuale accesso alle urne da parte di chi non aveva partecipato al primo turno.

Su tali questioni, ieri sera il sindaco di Firenze è intervenuto in diretta nel corso del TgLa7, collegato dal suo ufficio.

Sono 130mila i cittadini che hanno chiesto in questi giorni di votare al ballottaggio: hanno aderito al programma del centrosinistra e vogliono andare a votare. Che facciamo, li facciamo restare a casa?” ha dichiarato il rottamatore in maniche di camicia.

In vista del ballottaggio, Renzi ha puntato tutto sulla tv e nei giorni scorsi lo stesso Enrico Mentana aveva sottolineato il maggior appeal mediatico del rottamatore rispetto al suo competitor. Ieri, su Twitter, il Mitraglietta è tornato a parlare del vispo Matteo, attribuendogli il merito di aver movimentato le primarie. “anche chi lo odia dovrebbe dir grazie a Renzi: senza la sua sfida che primarie sarebbero state?“. E Bersani?




7
novembre

LA7, LUCIA ANNUNZIATA CONTRO GIULIANO FERRARA: “SEI UN CRETINO”. L’ELEFANTINO PERDE UNA SCOMMESSA E SGANCIA 100EURO A MENTANA (VIDEO)

Lucia Annunziata

Altro che la sconfitta di Mitt Romney. La prima vera arrabbiatura della notte elettorale di ieri è stata quella di Lucia Annunziata. La giornalista, in collegamento con lo speciale di La7 condotto da Enrico Mentana, ha esordito scagliandosi contro Giuliano Ferrara, reo di aver ironizzato sulle proiezioni pro-Obama sfoderate anzitempo dalla direttrice dell’Huffington Post.

Mi permetto di dire a Giuliano che è un perfetto cretino” ha detto la Annuziata, con tono offeso. Poi, rivolgendosi all’Elefantino: “Queste tue battute sono insopportabili. Non me ne frega niente di un’amicizia fatta come questa“. La giornalista, non cogliendo il sarcasmo del momento, ha inoltre rimproverato Ferrara per le sue posizioni di sostegno al candidato repubblicano. “Se vuoi sentire cosa sta succedendo in America devi fare i compiti a casa. Quindi zitto e aspetta!” ha bacchettato Lucia.

Stupito dalla reazione piccata (e probabilmente esagerata) della giornalista, Enrico Mentana ha provato a sdrammatizzare il battibecco, restandone a sua volta coinvolto. “Le risatine di Giuliano con voi in studio che non alzate un sopracciglio non mi piacciono” ha lamentato la giornalista campana, bacchettando il Mitraglietta per alcuni sorrisi d’intesa scambiati con Ferrara: “vi amo tutti e due ma queste cose non le sopporto, va bene?!“.


29
ottobre

ELEZIONI IN SICILIA, I RISULTATI IN TV: BENE I GRILLINI, ASTENSIONE DA RECORD

Enrico Mentana

Minch*a, che (s)coppola. In Sicilia il Movimento Cinque Stelle è tornato a ruggire, ma il partito che ha trionfato nei consensi è stato un altro: quello del non-voto. L’astensionismo, infatti, ha toccato il 52,58% – un record – ed è questo il primo dato dal quale sono iniziate le analisi televisive sulle elezioni regionali nell’isola. Lo spoglio delle schede, che sta delineando la vittoria di Rosario Crocetta (candidato Pd, UdC, Api), sta avvenendo in diretta su La7 e sulle emittenti all news. In serata si aggiungeranno gli approfondimenti delle altre generaliste.

Enrico Mentana, che ha iniziato la maratona elettorale con uno Speciale del TgLa7, ha aperto la trasmissione collegandosi con il grillino Giancarlo Cancelleri, il quale entrerà nell’Assemblea Regionale forte di un ampio consenso attribuito dai siciliani alla sua persona e al Movimento Cinque Stelle.

C’era da parte dei siciliani tanta voglia di rinnovamento che hanno sofferto per una politica di cattivissima qualità, assistendo anche a veri soprusi sotto gli occhi”

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





23
ottobre

QUELLI CHE… PER UNA VOLTA DIFENDONO I PRETI

Don Patriciello e il Prefetto di Napoli

Brutta serata mediatica per il Prefetto di Napoli, additato da più parti per il rimbrotto a Don Patriciello, prete anti – camorra di Caivano, colpevole di aver peccato di poca diplomazia in un intervento pubblico. Per chi non lo sapesse oggetto del contendere è stata la mancata apposizione dell’allocutivo prefettizio al generico ‘Signora’ che il prelato di periferia ha rivolto al Prefetto di Salerno, Carmela Pagano.

Un lapsus, se così si poteva considerarlo, prontamente spiegato dall’autore, che ha usato l’alibi della sua genuinità per coprire la sua ‘colpa’. Se dapprima al ‘curato’ non era stata concessa la Riconciliazione, anche sotto penitenza, in una seconda fase, dopo il tam tam virtuale, è giunta la marcia indietro, con la proposta alla parte ‘lesa’ di stringersi la mano e chiudere il brutto episodio.

Con un meccanismo di perdono che con effetto domino non è stato elargito allo stesso Andrea De Martino la tv si è vendicata a sangue freddo. Due in particolare le sferzate catodiche, che sono arrivate al cospetto del Signor Prefetto da due tribune molto autorevoli nell’orientamento di una parte dell’opinione pubblica come il tg di Enrico Mentana e la ‘morale’ della settimana di Massimo Gramellini a Che tempo che fa del lunedì.


2
ottobre

ALESSANDRO SALLUSTI BACCHETTA MENTANA: FINGE DI ESSERE SUPER PARTES MA E’ UN GRANDE BLUFF

Alessandro Sallusti

Dopo la condanna a 14 mesi di reclusione per un articolo non scritto da lui, l’ex direttore del Giornale Alessandro Sallusti si è tolto qualche sassolino dalla scarpa. Così, giusto per dare un nome e un volto alle circostanze. In un’intervista concessa al settimanale Vanity Fair in edicola domani, il giornalista è tornato a parlare del caso giudiziario che lo ha portato sulle prime pagine dei quotidiani, assestando qualche stoccata di rovescio.

Dai vertici del Pdl al premier Monti, passando per Fini e Sarkozy, Sallusti fa i nomi di chi avrebbe “per certo” chiesto la sua testa. Nell’elenco sono compresi anche i ‘nemici’ Ezio Mauro, Marco Travaglio ed Enrico Mentana, i quali tuttavia espressero parole di solidarietà nei suoi confronti.

Anche loro sono corresponsabili di questa sentenza. Hanno creato nei miei confronti un clima di odio e di denigrazione, il presupposto mediatico su cui si è inserita una magistratura in malafede. In questo Mentana è il più bravo e il più pericoloso, il suo fingere di essere super partes è uno dei grandi bluff del giornalismo italiano. Vorrei andare in carcere solo per sputtanare questi finti paladini della libertà

ha commentato Sallusti. Parole non certo tenere, soprattutto nei confronti del Mitraglietta di La7.





16
settembre

ENRICO MENTANA: SE MEDIASET ACQUISTASSE LA7 MI DIMETTEREI (VIDEO)

Enrico Mentana

Il mondo delle frequenze è in subbuglio dopo la notizia di ieri che racconta di un  interesse di Mediaset per l’acquisto de La 7. Fatto già di per sé pieno di valenze degne di cronaca, ulteriormente rimbalzato all’attenzione per l’intervento chiaro e diretto di Enrico Mentana, simbolo della transizione a una sorta di triopolio che ha tolto forza al network di Cologno Monzese.

Lui che con il Biscione ha avuto una storia lunga, lui che ha scippato alla concorrenza anche Cristina Parodi, nonostante per ora la signora Gori stia faticando parecchio con l’Auditel, lui che a Matrix era riuscito a rintuzzare in un angolo il Premier che cercava di spiegare come indicare le preferenze sulla scheda, lui che dopo il grande affronto del Grande Fratello aveva preferito peregrinare come l’Enea degli ultimi quadri narrativi dell’Iliade. Lui che è il primo a commentare il rilancio dell’offerta, il primo ad annunciare una nuova Odissea per il tubo catodico pur di non sottostare alle magie di Circe Mediaset – Berlusconi. Queste le sue dichiarazioni, nell’editoriale del Tg di ieri sera (video al termine dell’articolo):

Se Berlusconi torna premier avrebbe il controllo di Mediaset, di gran parte della Rai e con la7 controllerebbe tutta l’informazione in chiaro, forse è un pò troppo…[..] Personalmente – ha aggiunto il giornalista – tre anni e mezzo fa lasciai non per mia scelta, fu una rottura sulla libertà di informazione e per coerenza e dignità mi dimetterei da questo Tg’

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,


20
agosto

GAFFE AL TG LA7: LA PRESUNTA FIGA DI ARMANDO SOMMAJUOLO (VIDEO)

Gaffe al TgLa7 - Presunta Figa di Armando Sommajuolo

Qualcuno poteva pensare che il Tg La7 di Enrico Mentana avesse l’F Factor solo nel momento in cui per questioni di feeling con il sesso femminile sulla graticola c’era il Berlusca. E invece no. Nel terzo polo televisivo la parola ripiomba al centro del bancone dell’informazione, anche se solo sotto forma di lapsus.

Protagonista dello svarione è Armando Sommajuolo, probabilmente il collaboratore di Enrico Mentana dalla favella più funambolica. Ne avevamo notato già da tempo l’incredibile ‘disinvoltura’, fino alla papera da cui si è salvato in calcio d’angolo con un’apprezzabilissima dose di autoironia. Frame che comunque rischia di entrare di diritto nella hit parade delle eccentricità di questa estate ormai sul viale del tramonto. Immaginate se fosse successo nell’istituzionalissimo Tg1.

Il lapsus, freudiano o meno non possiamo saperlo, ricorda quelli memorabili dell’indimenticabile Mike Bongiorno. E’ ancora una volta sul sottile lembo dell’allusione hot che si consuma la gaffe. Nel corso del notiziario serale di sabato parlando della presunta fuga del vice presidente della Siria avviene il fattaccio e Sommajuolo esclama:

“giallo sulla presunta figa… sulla presunta fuga, quella lasciamola da una parte”



4
agosto

DM LIVE24: 4 AGOSTO 2012. MENTANA SNOB, BELEN E IL FILM IN USCITA

Diario della Televisione Italiana del 4 agosto 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Belen: nuovo film in uscita

tinina ha scritto alle 13:55

«Questa ve la dico va: stamattina Belen era in polizia postale perchè ci sono altri video pronti a uscire. Forse con Corona. Pare che questa volta dichiari che non ne era a conoscenza. Di lei copulante, che ve lo dico a fa’». Queste sono state le parole di Selvaggia Lucarelli, comparse nella sua pagina Facebook. Ancora una volta l’opinionista televisiva commenta gli atteggiamenti poco lineari e piuttosto equivoci di alcuni vip e personaggi famosi. Questa volta nel mirino c’è finita la bella Belen che, secondo quanto riporta la Lucarelli, avrebbe ancora molto da nascondere sulla sua storia con Corona. (Leggo.it)

  • Mentana snob: niente meteo

Nicola ha scritto alle 20:39

Alla ripresa, dopo la pubblicità, Mentana fa notare come nel suo TG, nonostante le imminenti partenze degli italiani, non ci sia spazio per servizi sul clima torrido o su quanti compaesani siano attualmente in vacanza e quanti invece abbiano preferito rimanere a casa. Sottolinea che, per chi volesse, ci sarà la possibilità di recuperare queste informazioni volutamente tralasciate dal TG terzopolista in altri modi e altrove. Giusto quel tocco di superiorità spudorata per ribadire quanto sia over the top, secondo il direttore del telegiornale, la sua La7.