Papa Ratzinger



28
febbraio

PAPA BENEDETTO XVI, L’ABBANDONO DEL VATICANO IN DIRETTA TV

Papa Benedetto XVI

Le sue ultime ore di pontificato, Benedetto XVI le vivrà in diretta tv, con le telecamere al seguito. Come in reality da consegnare per sempre alla storia. Dopo il saluto rivolto ieri ai fedeli in Piazza San Pietro, alle 17 di questo pomeriggio il Papa lascerà il proprio appartamento al terzo piano del Palazzo Apostolico e raggiungerà l’eliporto vaticano, per decollare alla volta di Castelgandolfo. Lì attenderà le ore 20, quando non sarà più il Pontefice in carica e scatterà così la Sede Vacante. Con un gran dispiegamento di forze, il Centro Televisivo Vaticano si appresta a documentare l’ultimo viaggio pubblico di Joseph Ratzinger, ed il segnale verrà ripreso in diretta dai media di tutto il mondo.

A partire dalle 16.45, anche Rai1 seguirà il Papa in tempo reale grazie alle immagini del Ctv, che con 19 telecamere affiancherà il Pontefice, anche in volo. Con il contributo dei vaticanisti Aldo Maria Valli e Fabio Zavattaro, la prima rete mostrerà anche il saluto che Ratzinger rivolgerà, attorno alle 17.30, alle autorità e ai fedeli radunati a Castelgandolfo (dove trascorrerà i prossimi due mesi e, comunque, tutto il tempo necessario al completamento dei lavori di ristrutturazione del convento di clausura in Vaticano nel quale risiederà). Alle ore 20, quando le dimissioni papali entreranno ufficialmente in vigore, i telegiornali potranno aggiungere dettagli e resoconti dell’intensa giornata appena trascorsa. In seconda serata, una puntata di Porta a Porta sull’argomento.

Sul fronte Mediaset, Rete4 dalle ore 16.40 alle ore 17.40 trasmetterà uno Speciale Tg4 intitolato “L’ultimo saluto“, nel corso del quale verrà raccontato l’eccezionale momento storico con collegamenti dal Vaticano e da Castelgandolfo. Tgcom24, invece, sarà in onda con due speciali: Federico Novella condurrà una lunga diretta dalle 16.00 alle 19.30, poi alle 21.30 la linea passerà a Luca Rigoni per nuovi aggiornamenti, immagini ed interviste. Non mancherà il contributo di alcuni ospiti in studio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




11
febbraio

PAPA BENEDETTO XVI SI E’ DIMESSO. ECCO GLI SPECIALI TV: STASERA PORTA A PORTA IN PRIME TIME

Papa Benedetto XVI

Una notizia ha scosso il mondo: Papa Benedetto XVI lascerà il pontificato il prossimo 28 febbraio. L’annuncio è stato dato stamane dal Santo Padre in persona, durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto. Con parole di estrema umiltà ed inaudita forza, Joseph Ratzinger ha spiegato – esprimendosi in lingua latina – di aver a lungo meditato su questa decisione e di averla presa in autonomia, per il bene della Chiesa.

Dal momento del suo pronunciamento, il messaggio ha fatto il giro del pianeta, e in Italia i palinsesti delle principali reti hanno interrotto la regolare programmazione per trasmettere news ed approfondimenti al riguardo, a partire dalla diretta no-stop con la Sala Stampa Vaticana.

“Per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali…”

ha dichiarato il Papa nell’annuncio espresso stamane. Mentre i canali all news approfondiscono minuto dopo minuto la clamorosa notizia, Rai1, Rai3 e Italia1 sono in onda con edizioni speciali dei loro Tg, ed anche La7 trasmette uno Speciale condotto da Enrico Mentana. Il giornalista tornerà in onda alle 19 con un nuovo approfondimento, che si protrarrà per un’ora fino al notiziario della sera.


2
giugno

BIANCA BERLINGUER SFUMA IL DISCORSO DEL PAPA: GAFFES E IMBARAZZI A VIALE MAZZINI

Papa Benedetto XVI alla Scala

Chissà se l’indulgenza plenaria indetta dal Papa otterrà l’assoluzione anche a Bianca Berlinguer. A giudicare dall’imbarazzo che si sarebbe creato in Rai, pare di no. Il direttore del Tg3 avrebbe infatti commesso uno scivolone imperdonabile, di quelli che un professionista dell’informazione potrebbe evitare. La giornalista ha sfumato il discorso tenuto ieri dal Santo Padre alla Scala di Milano e l’improvvida mossa avrebbe fatto tremare la Direzione Generale della tv pubblica. La bufera che ne è conseguita è facilmente immaginabile.

A rivelare il retroscena è il sito Affaritaliani, secondo il quale l’errore della ‘zarina’ Bianca avrebbe creato non pochi imbarazzi al DG Lorenza Lei, da sempre ritenuta molto vicina al Vaticano. Il Tg3 ha infatti sfumato il discorso di Benedetto XVI proprio nelle sue battute finali e la scelta, di per sé, avrebbe anche poche giustificazioni visto che i giornalisti erano stati messi al corrente del fatto che l’intervento del Pontefice sarebbe durato all’incirca 13 minuti. Dunque, i tempi erano cronometrati anche a prova di tv.

Ma il ‘misterioso’ taglio non è stata l’unica svista capitata ieri dalle parti di Rai3. L’altra gaffe si è consumata attorno alle 19, durante il passaggio di testimone tra Rai1 e la terza rete per la diretta papale. Il canale diretto da Antonio Di Bella si è infatti occupato di trasmettere il concerto in onore del Santo Padre, che è stato annunciato come se fosse diretto dal Maestro Muti. Peccato, però, che sul podio sarebbe salito Barenboim. Ed ecco l’altra ’sonora’ cantonata.





1
giugno

INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE: IL PAPA A MILANO. EVENTO IN DIRETTA SU RAI E TV2000

Papa Benedetto XVI

L’abbraccio del Papa alle famiglie andrà in diretta tv. A Milano è tutto pronto per la visita di Benedetto XVI, che da oggi (e fino a domenica) presiederà la parte conclusiva del VII Incontro Mondiale delle Famiglie organizzato dalla Santa Sede in collaborazione con l’Arcidiocesi meneghina. L’evento si articolerà come una grande festa, e saranno più di un milione le persone provenienti da tutto il mondo che vi parteciperanno. L’importante manifestazione sarà seguita anche dalla tv, che punterà le telecamere su alcuni momenti della visita pontificia. Ecco gli appuntamenti.

Significative saranno le dirette programmate della Rai, che per l’occasione utilizzerà oltre trenta telecamere con ripresa ad alta definizione ed impiegherà circa duecento persone. Appuntamenti in diretta anche su Tv2000, l’emittente della Cei. Si comincia oggi alle 17.00, quando il Papa atterrerà all’aeroporto di Linate e raggiungerà Piazza Duomo (verso le 17.30) per tenere il discorso d’apertura. Rai1 seguirà il Pontefice anche durante il suo tragitto grazie alle riprese in moto e ad un elicottero “ponte”. Alle 19.30 il Papa sarà al Teatro della Scala per assistere al Concerto in suo onore che verrà trasmesso in diretta su Rai3 e Tv2000.

Domani, sabato 2 giugno, alle 10.00 Tv2000 seguirà dal Duomo di Milano la celebrazione dell’Ora media con la meditazione di Benedetto XVI e, dalle 11.00, l’incontro del Papa con i cresimandi presso lo Stadio San Siro. Quest’ultimo evento sarà trasmesso, in diretta solo per la Lombardia, da Rai3 (via Tgr). Tv2000 tornerà a collegarsi con Milano alle 16.30 durante il programma “Nel cuore dei giorni”Rai News e Rai 1, invece, dalle 17.00 seguiranno con una ripresa personalizzata l’incontro con le Autorità al palazzo dell’Arcivescovado. In serata, alle 20.30, andrà in onda la Festa delle Testimonianze nel parco di Bresso.


23
aprile

IL PAPA VA IN TV E PARLA DI FEDE. DALLA VIGILANZA RAI BELTRANDI (RADICALI) CHIEDE IL CONTRADDITORIO

Papa Benedetto XVI

Il terremoto in Giappone, lo stato vegetativo, le violenze in Costa d’Avorio, le persecuzioni dei cristiani in Iraq. La Resurrezione. Alla faccia delle domande: il ‘question time‘ papale non si è fatto mancare  nulla, a cominciare dagli impegnativi temi affrontati. Erano quesiti di fede quelli a cui ieri Benedetto XVI ha risposto in tv durante uno speciale del programma A sua immagine, su Rai1. Per la prima volta un Pontefice ha partecipato ad una trasmissione televisiva con un’intervista registrata e, tramite il piccolo schermo, ha dialogato in differita con alcuni fedeli (maggiori info, qui)

A Sua Immagine – Domande su Gesù, condotto dal giornalista Rosario Carello, ha alternato gli interventi video del Papa ad un confronto tra gli ospiti in studio (Padre Ugo Sartorio, direttore del Messaggero di S. Antonio, Chiara Amirante di Nuovi Orizzonti e lo scrittore Davide Rondoni). Seduto alla sua scrivania, il Pontefice ha risposto a sette domande con tono affabile e argomentazioni precise. Un’immagine televisiva certamente insolita rispetto all’abituale programmazione pomeridiana. Il suo intervento di ieri ha suscitato commenti e reazioni anche all’interno della stessa Rai.

Dopo la diretta tv, ad esempio, il membro della Commissione di Vigilanza Marco Beltrandi ha dichiarato di aver presentato un’ interrogazione urgente al DG Mauro Masi, perché l’intervento del Papa “accade nell’imminenza di un passaggio legislativo in Parlamento proprio sul tema del fine vita, e si configura come un’ingerenza gravissima con cui un Capo di Stato straniero cerca di influenzare non solo il clima culturale, ma anche la politica del nostro Paese“. Secondo l’esponente radicale l’intervista al Santo Padre sarebbe quindi stata una manovra per “alimentare nuove tensioni” e costituire ”un sostegno all’attuale governo“.





14
aprile

A SUA IMMAGINE: IL PAPA RISPONDERA’ IN TV AI FEDELI SU RAI 1 IL VENERDI SANTO

Papa Ratzinger

Il Papa teologo, guida spirituale all’apparenza così solenne, in realtà mica si formalizza: per Pasqua scenderà dallo scranno pontificio e andrà in tv a parlare di Dio. Un evento straordinario, mai avvenuto prima nella storia della Chiesa (e del piccolo schermo). Il prossimo 22 aprile, venerdì santo dei cristiani, Benedetto XVI risponderà alle domande dei telespettatori su Gesù all’interno di uno Speciale del programma A sua immagine. A condurlo sarà il giornalista Rosario Carello, anchorman del programma religioso. L’intervento di Joseph Ratzinger, che sarà registrato da una troupe del Centro Televisivo Vaticano, verrà trasmesso alle 14.10 su Rai1.

Le riprese dello Speciale avverranno nella biblioteca privata del Palazzo Apostolico vaticano, dove il Pontefice seguirà da un monitor le video domande che gli verranno poste direttamente dai fedeli. In 80 minuti di trasmissione, i quesiti al Papa saranno 3, tutti riguardanti la fede e la figura di Gesù. Il primo sarà posto da Elena, una  bimba giapponese di 7 anni e di padre italiano che ha vissuto il dramma del recente terremoto, quando la terra ha tremato “tanto tanto“, devastando tutto e seminando morte. La sua domanda a Ratzinger sarà sul tema del dolore e della sofferenza che ogni uomo sperimenta nella sua vita in base agli insegnamenti di Gesù. Il Santo Padre le risponderà in tv nell’ora della Passione di Cristo, momento in cui Dio abbraccia il dolore umano.

Il Papa, ex professore di dogmatica e teologia fondamentale, visionerà in anticipo tutti gli interrogativi che dovrà soddisfare, in modo da poter approfondire e argomentare meglio le risposte. “Egli sperimenta ora- con qualche audacia- il mezzo televisivo per raggiungere con il suo ragionamento sulla fede il pubblico più vasto a cui sa che non potrebbe arrivare né con le omelie, né con il libro su Gesù, né con il libro-intervista” ha affermato il conduttore di “A sua immagine – Domande su Gesù”, consapevole dell’unicità dell’evento che verrà trasmesso.


6
ottobre

LINO BANFI: “I MARTINI? SONO DEI CASINISTI”, E NONNO LIBERO PONTIFICA SUL MEDICO IN FAMIGLIA

Lino Banfi (Nonno Libero, Un Medico in Famiglia)Se il Medico in Famiglia fosse un disturbo della personalità, sarebbe il borderline: da un lato un super-nonno, Libero, un uomo d’altri tempi tradizionale e tradizionalista come pochi, un patriarca radicato nell’immaginario collettivo della famiglia à la Mulino Bianco quanto un ulivo plurisecolare nella campagna pugliese; dall’altro, il resto della ciurma di suoi consanguinei (e non), il Lele ritrovato e i Martini tutti, che da Mulino Bianco davvero non sono, anzi.

E infatti: “I Martini non sono proprio una bella famiglia”, ha sparato a zero Lino Banfi sul numero di Tv Sorrisi e Canzoni in edicola questa settimana. All’indomani della dura reprimenda papale“Di fronte a famiglie allargate che moltiplicano padri e madri, i ragazzi perdono dei riferimenti precisi per la loro educazione e si sentono orfani, non perché figli senza genitori, ma perché figli che ne hanno troppi, sono le parole di Sua Santità al riguardo -, ci si è messo anche nonno Libero a pontificare su quel che resta della famiglia italiana. Ma almeno ha avuto la buona creanza di farlo partendo dalla sua.

“La famiglia Martini è una famiglia di casinisti, ha tuonato Banfi dalle pagine del giornale diretto da Alfonso Signorini, “E’ sregolata. Sul nonno per esempio sono cadute troppe responsabilità, con un padre assente per dieci anni”. Di qui, la ragione data al monito di papa Ratzinger: “Le famiglie allargate rovinano la vita di molti bambini. Io sono per la famiglia unica. Non a caso sono sposato da 47 anni e mezzo”. Un santino da Family Day. Curioso, però, che se ne sia accorto solo oggi che nonno Libero è sempre più affaccendato a riassettare la sua masseria lontano dalle telecamere della fiction, non trovate? Possibile che, proprio ora che il medico è tornato in famiglia e che lui, il nonno, uscirà di scena, i ‘disgrazieti’ Martini siano diventati un cattivo esempio? Che ci sia dietro tutta una questione di interesse personale?