Jessica Fletcher



27
ottobre

LA SIGNORA IN GIALLO E MAGNUM P.I.: DOPO 25 ANNI ARRIVA IN CHIARO L’INTERO CROSSOVER TRA LE DUE SERIE CULT DEGLI ANNI 80

Angela Lansbury e Tom Selleck

Per tutti gli appassionati di telefilm si tratta di una vera e propria chicca da non perdere. Sabato mattina, a partire dalle 12.00 su Rete 4, potremo assistere ad uno dei più attesi e allo stesso tempo improbabili crossover della storia della tv. Il baffuto Thomas Magnum (Tom Selleck) di Magnum P.I. e l’acuta Jessica Fletcher (Angela Lansbury), protagonista de La signora in giallo, s’incontreranno in un doppio appuntamento televisivo.

Correva l’anno 1986 quando la Cbs, che trasmetteva entrambe le serie tv, decise d’incrociare le avventure dei due amati e popolari detective del piccolo schermo. Un incontro destinato ad entrare nella storia della tv che il pubblico italiano potrà finalmente vedere in chiaro e nella sua completezza a distanza di ben 25 anni dalla prima messa in onda negli Stati Uniti.

A rendere possibile tutto ciò, il recente passaggio sulle reti Mediaset de La signora in giallo. Le due serie, infatti, pur provenendo entrambe dalla stessa rete statunitense, sono state a lungo divise dalla tv italiana. Le indagini in giro per le Hawaii dell’intrepido Magnum, furono acquistate a partire dal 1982 dalla Fininvest, e trasmesse con regolarità prima da Canale5 e poi da Italia1. Le vicende di Jessica Fletcher a Cabot Cove, sulla costa del Maine, hanno invece tenuto compagnia, dal 1988 al 2011, al pubblico di Rai1 e Rai2.




26
agosto

LA SIGNORA IN GIALLO: DA LUNEDI’ 29 AGOSTO LE AVVENTURE DI JESSICA FLETCHER TRASLOCANO SU RETE 4

Angela Lansbury (Jessica Fletcher) oggi

I più cattivi sostengono che porti sfortuna, solo perché in quel di Cabot Cove, piccola cittadina nel Maine, il tasso di morti per omicidi raggiunge percentuali da guinness dei primati, o perché, ovunque lei vada, c’è sempre qualcuno che muore nell’arco di poche ore dal suo arrivo. Parliamo naturalmente di Jessica Fletcher, il personaggio interpretato da Angela Lansbury nella celebre serie La Signora in Giallo.

Andata in onda in America per la prima volta nel lontano 30 settembre 1984, la serie composta di 264 episodi suddivisi in 12 stagioni, può essere considerata uno degli appuntamenti televisivi più longevi e amati dal pubblico. Un successo senza età, confermato anche in Italia, dove la simpatica Jessica è approdata su Rai 1 nel giugno del 1988. Dalla prima serata al mattino presto, passando per il pomeriggio e per la storica collocazione del mezzogiorno estivo, tra decine di riproposizioni, il serial ha sempre riscosso ottimi risultati d’ascolto.

Dal prossimo lunedì, alle 13.00 in punto, La Signora in Giallo tornerà a tenere compagnia ai telespettatori, non più dagli schermi di Rai1, bensì da quelli di Rete 4 che, visti scadere i diritti detenuti dalla tv di Stato, ha ereditato la serie e deciso di programmarla proprio nella fascia oraria  nella quale le avventure di Jessica Fletcher hanno ottenuto maggiori consensi. Ma qual è il segreto di un successo così duraturo, in grado di rendere a distanza di 27 anni La signora in giallo un appuntamento tanto amato dal  pubblico?


6
luglio

LA SIGNORA IN GIALLO: CONOSCI JESSICA FLETCHER E POI… MUORI!

Angela Lansbury

Angela Lansbury

Puntuale come i servizi sulla tintarella e sul gelato, le nostre estati in tv sono scandite dalle indagini de La Signora in Giallo, alias Jessica Fletcher (a sinistra la più recente foto di Angela Lansbury, giugno 2009). Ben 264 gli episodi, in onda da 21 anni, quasi ininterrotamente, prima in autunno, poi in estate.

Ma l’ “invadenza” con cui la signora Fletcher imperversa sui nostri teleschermi è nulla rispetto a ciò che gli abitanti di Cabot Cove, la città in cui si svolge la storia, potrebbero raccontarci. Perchè non c’è megalopoli che tenga, a guardare l’impressionante tasso di omicidi, Cabot Cove è, di sicuro, il posto più pericoloso del mondo, e a giudicare dalla facilità con cui i cittadini si lasciano ammazzare, c’è da pensare che sia anche il posto con la più alta concentrazione di stupidità. Unica, magra consolazione, è poter contare sulla signora Fletcher, sempre pronta a risolvere il mistero e a scovare il cattivo di turno.

Non di rado, però, l’illustre concittadina si sposta per ricevere premi o visitare parenti lontani ed ecco, anche lì, spuntare il fatale omicidio. Ovunque lei vada l’omicidio è di scena: sappiate che se Jessica viene a farvi visita, come minimo, c’è da temere di essere accusati di omicidio o peggio assassinati. Che, forse, Mrs. Fletcher porti un po’ di sfiga? Lo scenario cambia ad ogni episodio (locande, circhi, ambasciate, riunioni di famiglia, palcoscenici) ma il risultato è sempre il medesimo: qualcuno viene misteriosamente assinato. Ma il mondo di Jessica Fletcher, non è fatto di soli delitti. Ella, infatti, è preda ambita per tutti gli uomini di mezza età che la corteggiano spudoratamente; è un mondo in cui non esistono bambini, al contrario di dentiere, parrucchini, spalline e chiome cotonate, segni inconfondibili dei personaggi che si avvicendano puntata dopo puntata.