6
marzo

GIANLUIGI PARAGONE: “SE BARNARD CHIEDESSE SCUSA LO RIPRENDEREI”. L’ECONOMISTA NON CI STA

Paolo Barnard, La Gabbia

Per le sue offese alle donne si è visto costretto ad abbandonare La Gabbia, il talk show anti-politico di La7. Ed ora Paolo Barnard è furioso più che mai, implacabile. Dal suo profilo Twitter, il giornalista economico si è scagliato in particolare contro Gianluigi Paragone, reo di averlo messo alla porta del programma d’approfondimento da lui condotto a seguito di alcuni post sessisti. Secondo le ricostruzioni, a sollecitare un provvedimento contro lo studioso bolognese sarebbero state le donne della redazione de La Gabbia.

Ieri sera, ospite a Le Invasioni Barbariche di Daria Bignardi, Gianluigi Paragone ha ricostruito così la vicenda:

“Lui aveva scritto un post molto volgare, violento, maschilista sulle donne e io non posso avere un doppio binario. Quindi gli ho detto: ‘per me tu sei un grande esperto, però o rimuovi quel post e chiedi scusa contestualmente altrimenti sei fuori‘. Penso che pochi giornalisti possano avere il coraggio, la spericolatezza, l’irrazionalità di dare il microfono a Paolo. Io lo rivendico, pur conoscendo l’irregolarità di Paolo e le sue debolezze personali, però quando si arriva oltre è giusto dire basta. Se lui dovesse chiedere scusa e rimuovere il post, lo riprenderei. Era già successo anche a L’Ultima Parola, Paolo purtroppo ha questi momenti”

In quegli stessi minuti, Barnard proseguiva su Twitter le sue invettive contro le donne e contro lo stesso Paragone. “Amico di Della Valle, scalava la Lega mentre Bossi diceva di sparare sui disperati che affogavano con bambini a Lampedusa” ha scritto l’economista. Alla sua sfuriata non è scampata nemmeno Daria Bignardi, come si può leggere in questo cinguettio alquanto velenoso rivolto alla conduttrice:

Paolo Barnard vs Daria Bignardi: continui a fare la velina?

La risposta di Paolo Barnard a Gianluigi Paragone

A chiudere (ma solo momentaneamente) la polemica, un nuovo post offensivo nei confronti di Gianluigi Paragone.

Dello stesso tenore erano state le offese sessiste che, nei giorni scorsi, hanno fatto scoppiare la polemica sfociata con l’addio di Barnard alla Gabbia. “Va ammesso. Le donne sono tutte tr*ie, inclusa mia madre, mia moglie e la mia fidanzata, e le altre 16 che mi sc*po. Ordino la 7a Ceres. Notte” aveva ad esempio twittato il giornalista.

Altri messaggi di questo tipo hanno fatto scattare l’ultimatum. Da lì, la decisione del giornalista economico: “…la mia risposta a Gianluigi Paragone è scontata. Può affogarsi, e io non sarò più alla Gabbia“.



Articoli che potrebbero interessarti


Daria Bignardi
LE INVASIONI BARBARICHE RADDOPPIANO E SFRATTANO LA GABBIA. VOLANO SCINTILLE TRA BIGNARDI E PARAGONE


Paolo Barnard
PAOLO BARNARD VS URBANO CAIRO: E’ L’IMPRENDTORE PIU’ STUPIDO D’ITALIA. GESTISCE UNA TV COME UNA SQUADRA DI CALCIO


Gianluigi Paragone
La Gabbia chiude, Gianluigi Paragone a DM: «Scelta del Direttore, non c’entrano gli ascolti. Nessuno fa i miei risultati con 90 mila euro a puntata»


La Gabbia, Gianluigi Paragone
La7 chiude La Gabbia. Gianluigi Paragone: «Ha vinto il ‘Ciaone’»

6 Commenti dei lettori »

1. Francesco Bacone ha scritto:

6 marzo 2014 alle 12:43

Piena, totale, assoluta, incondizionata solidarietà a Paolo Barnard.

E’ ora di finirla con questa Gestapo del bispensiero contro tutte le idee e le cose non conformi a quell’abominio moderno che si definisce come “IL POLITICAMENTE CORRETTO”.



2. max79 ha scritto:

6 marzo 2014 alle 12:46

dire che le donne sono tutte zoccole è sicuramente una frase scorretta e forte ma non mi pare una cosa poi così inedita, capita spesso di sentirlo dire da comici, nei film così come donne che discono che gli uomini sono tutti bastardi e coglioni. La cosa più grave sono altri commenti in cui ha scritto che le sono intrinsicamente cattive, disumane, che per certe donne bisognerebbe metterle nella camera gas insieme a certi ebrei. Mi pare il minimo che Paragone non dia più la parola a uno che dice di mettere qualcuno in una camera a gas, che sia tutta la categoria delle donne, che sia una donna solo nello specifico, che sia un uomo, un bambino o che so io.



3. max79 ha scritto:

6 marzo 2014 alle 12:52

francesco bacone ma smettila! Politicamente scorretto può essere che uno dica “le donne facessero finta di essere delle sante quando nel caso un uomo potente le corteggia per fare strada eccome se ci vanno a letto”. Questa è una frase politicamente scorretta, quando si comincia a dire che certe persone vanno messe nelle camere a gas non è più politicamente scorretto ma è delirio sociopatico.



4. Vince! ha scritto:

6 marzo 2014 alle 14:35

Questo qui tra qualche anno di sicuro ce lo ritroveremo in Parlamento…



5. fafner ha scritto:

6 marzo 2014 alle 15:07

Forse non avete letto la serie completa di deliri, tra l’erotomaniaco e la paranoia violenta, che Barnard ha dedicato al sesso femminile (citando en passant i suoi 18 cm con palle depilate, il sionismo ebraico e l’opportunità di mettere Milena Gabanelli in una camera a gas). Il signore deve aver smesso i farmaci, questa è l’unica sua giustificazione.



6. facciuzza ha scritto:

7 marzo 2014 alle 13:03

Barnard è un’ignorante, le sue frasi sono molto pesanti e offensive. Non è importante il sesso di una persona, né l’etnia della persona, ma è importante ciò che la persona è. Ha fatto bene Paragone, stimato giornalista, a metterlo fuori dal programma. Complimenti a lui.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.