9
gennaio

DOWNTON ABBEY: PER FEYLES IL 4% E’ UN OTTIMO RISULTATO. SU RETE 4 ANCHE LA QUARTA STAGIONE (ANTICIPAZIONI)

Downton Abbey 4

Si sta per chiudere su Rete4 con una shockante morte la terza stagione di Downton Abbey. Anche in questo nuovo capitolo, complice la poco ricercata collocazione in palinsesto, la celebratissima e premiatissima serie inglese non è riuscita ad ottenere il successo di pubblico meritato. I primi 4 appuntamenti sono stati, infatti, seguiti da una media di appena 951.000 spettatori pari ad uno share del 4%. Ascolti decisamente modesti che, fortunatamente, non sembrano mettere in percolo la messa in onda nel nostro Paese della quarta stagione della serie, già trasmessa con enorme successo in Inghilterra, e destinata al palinsesto di Rete4 presumibilmente tra novembre e dicembre 2014. A confermarlo è lo stesso direttore di rete Giuseppe Feyles che, contattato da La Repubblica, ha colto l’occasione per analizzare i bassi ascolti realizzati dalla serie:

“Sapevamo che era un prodotto difficile perché parla alla testa e non alla pancia, ma respingo al mittente le critiche, è giusto mettere nel palinsesto la qualità alta, dobbiamo offrire prodotti per ogni tipo di pubblico, non solo quelli “larghi” per tutti….. Gli ascolti non sono una sorpresa, per un livello così alto possiamo rinunciare a qualche punto di share, è un ottimo risultato. Perché destinare una serie così solo alla pay tv? Downton Abbey mi ha colpito per la cura. Tanta bellezza è un messaggio per la nostra società, che è sciatta: quella era una società dove la cura della casa e delle persone è centrale. È ciò di cui sentiamo nostalgia. Proporremo anche Downton Abbey 4″.

Downton Abbey 4 ci sarà – Anticipazioni

La quarta stagione si aprirà a sei mesi di distanza dall’improvvisa morte di Matthew, un tremendo lutto che ha cambiato per sempre la vita degli abitanti di Downton e in particolare di sua moglie Lady Mary (Michelle Dockery). La primogenita di casa Crawley si ritroverà a dover crescere da sola e con non poche difficoltà il proprio figlio, ma fortunatamente tornerà a sorridere grazie a Lord Gillingham (Tom Cullen), un vecchio amico di famiglia con il quale riscoprirà le gioie dell’amore. Anche Tom Branson (Allen Leech) rimasto vedovo dopo la morte di Lady Sybil (Jessica Brown-Findlay) si ritroverà a fare i conti con una bambina da crescere. Sarà proprio questo aspetto comune ad avvicinarlo a Mary, dando vita tra i due ad un rapporto di forte intesa, anche sul piano lavorativo, visto che ad entrambi spetta ora gestire Downton.

Lady Edith (Laura Carmichael) continuerà a lavorare come giornalista e ad avere una relazione con il suo editore, Mr.Gregson (Charles Edwards). Nei nuovi episodi ritroveremo naturalmente la contessa di Grantham (Maggie Smith), Lord Robert Crawley (Hugh Bonneville), e Lady Cora (Elizabeth McGovern). Con loro anche la giovane e anticonformista nipote lady Rose MacClare (Lily James) e Isobel Crawley (Penelope Wilton), quest’ultima fortemente provata dalla morte del figlio Matthew. Nella quarta stagione ritroveremo anche Martha Levinson, la madre di Lady Grantham, interpretata da Shirley MacLaine, e faremo la conoscenza di Harold Levinson (Paul Giamatti), fratello di Lady Cora.

Downton Abbey 4 – Foto

Su fronte della servitù, ritroveremo il Signor Carson (Jim Carter) e Mrs. Hughes (Phyllis Logan) e John e Anna Bates (Brendan Coyle e Joanne Froggatt), finalmente sereni. Una tranquillità destinata però ad essere presto turbata da uno stupro, che la dolce Anna subirà da parte di Mr.Green (Nigel Harman), un ospite dei Crawley. In cucina Daisy Mason (Sophie McShera) e Ivy Stuart (Cara Theobold) saranno ancora rivali, ma sempre ubbidienti a Mrs. Patmore (Lesley Nicol), mentre uscirà di scena la furba e stratega cameriera O’Brien (Siobhan Finneran).

Downton Abbey 4 – Il successo americano

Downton Abbey da record negli Stai Uniti. Il primo episodio della quarta serie, andato in onda domenica 5 gennaio, è riuscito a incollare davanti al canale Pbs ben 10.200.000 spettatori. Il dato è in rialzo rispetto ai 7.300.000 spettatori che seguirono l’anno scorso la premiere della terza serie. Si tratta della migliore performance per la tv pubblica per quanto riguarda il debutto sul piccolo schermo di un drama.

Downton Abbey – Quinta stagione

Per quanto riguarda il futuro di Downton Abbey, di cui s’inizierà a girare a breve la quinta stagione, il creatore della serie Julian Fellowes, intervistato dal The Wall Street Journal, ha dichiarato:

“Non so ancora se ci sarà una sesta, ma è certo che non andrà avanti per sempre. Non è ‘Perry Mason’”

Fellowes, va detto, è già stato arruolato dalla statunitense Nbc Universal per scrivere un’altra storia in costume, questa volta ambientata a New York e alla fine dell’800. Un progetto al quale inizierà a lavorare solo dopo la fine di Downton Abbey.

IL PECCATO E LA VERGOGNA DELL’AUDITEL: 8,5 MLN PER DON MATTEO, 825 MILA PER DOWNTON ABBEY



Articoli che potrebbero interessarti


MIchelle Dockery Downton Abbey
DOWNTON ABBEY: DA STASERA L’ULTIMA STAGIONE. LE DICHIARAZIONI DI MICHELLE DOCKERY E MATTHEW GOODE (VIDEO)


Mike & Molly 8
MIKE & MOLLY: GRASSE RISATE CON LA QUARTA STAGIONE DA QUESTA SERA SU JOI


Downton Abbey 3 - 21
DOWNTON ABBEY 3: LA SERIE DEI GUINNESS TORNA SU RETE 4 CON SHIRLEY MACLAINE


Leonardo Manetti - Il Contadino Cerca Moglie 3
Il Contadino torna a cercare moglie (e non più marito). Al via su FoxLife la terza stagione

5 Commenti dei lettori »

1. Daniel ha scritto:

10 gennaio 2014 alle 13:41

Qualcuno può dire al direttore di rete4 di fare una puntata al giorno di tempesta d’amore come accade per le repliche del segreto e non puntate smezzate? e di aggiustare l’epg della guida tv e scrivere “tempestra d’amore 9″ grazie.



2. Willer ha scritto:

11 gennaio 2014 alle 12:56

aegregio direttore,è pur vero che come afferma che Downton Abbey è
un prodotto difficile,più per un pubblico di testa che di pancia,ma
proprio per questo, visto il livello culturale del nostro paese,che ritego
utile programmi di testa più che di pancia come Downton Abbey,ed un vero peccatato rinviare a sinedie la 4 stagione.

Cordialità Willer



3. Cristina ha scritto:

11 gennaio 2014 alle 15:33

Ho seguito dalla prima puntata della prima serie Downton Abbey e ne sono rimasta affascinata. Quest’anno ho coinvolto anche mio marito e ha seguito con me la terza serie. Ora voglio domandare al direttore di rete 4: dato l’alto livello qualitativo della serie universalmente riconosciuto, e che lo stesso direttore riconosce ed è per questo che vuole che sia fruibile a tutti in chiaro, ma perchè, allora, non fare una degna campagna pubblicitaria? Mediaset è bravissima nel pubblicizzare e vendere qualsiasi prodotto (il segreto, l’onore e il rispetto, la Barbara D’Urso…) quindi un impegno in qualcosa di veramente meritevole, non sarebbe un investimento sbagliato! Ho paura di perdere la messa in onda della 4 serie e quelle prossime, con la scusa di mancanza di Auditel buon!



4. Flaminia ha scritto:

26 ottobre 2014 alle 12:41

L’errore per me è stato quello di trasmettere downton abbey su rete 4 che da sempre trasmette telenovelas. Downtown Abbey non è una telenovelas ma un prodotto di qualità e doveva essere trasmesso su canale 5!



5. Roberta ha scritto:

22 novembre 2014 alle 22:28

Spero che la 4stagione non faccia la fine della 3 che hanno tagliato il finale non é giusto per le persone appassionate e aspettavano di capire con chiarezza il finale spero che questo errore non lo facciano anche questa volta le persone guardano tempesta d’amore e non questa cosa spettacolare solo per i costumi non riuscirò mai a capire il pubblico ma per chi cerca di arrivare in fondo e si rende conto che é stati tagliati il finale non so cosa gli avrei fatto se avessi avuto quelli della produzione fra le mani grazie



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.