14
aprile

A SUA IMMAGINE: IL PAPA RISPONDERA’ IN TV AI FEDELI SU RAI 1 IL VENERDI SANTO

Papa Ratzinger

Il Papa teologo, guida spirituale all’apparenza così solenne, in realtà mica si formalizza: per Pasqua scenderà dallo scranno pontificio e andrà in tv a parlare di Dio. Un evento straordinario, mai avvenuto prima nella storia della Chiesa (e del piccolo schermo). Il prossimo 22 aprile, venerdì santo dei cristiani, Benedetto XVI risponderà alle domande dei telespettatori su Gesù all’interno di uno Speciale del programma A sua immagine. A condurlo sarà il giornalista Rosario Carello, anchorman del programma religioso. L’intervento di Joseph Ratzinger, che sarà registrato da una troupe del Centro Televisivo Vaticano, verrà trasmesso alle 14.10 su Rai1.

Le riprese dello Speciale avverranno nella biblioteca privata del Palazzo Apostolico vaticano, dove il Pontefice seguirà da un monitor le video domande che gli verranno poste direttamente dai fedeli. In 80 minuti di trasmissione, i quesiti al Papa saranno 3, tutti riguardanti la fede e la figura di Gesù. Il primo sarà posto da Elena, una  bimba giapponese di 7 anni e di padre italiano che ha vissuto il dramma del recente terremoto, quando la terra ha tremato “tanto tanto“, devastando tutto e seminando morte. La sua domanda a Ratzinger sarà sul tema del dolore e della sofferenza che ogni uomo sperimenta nella sua vita in base agli insegnamenti di Gesù. Il Santo Padre le risponderà in tv nell’ora della Passione di Cristo, momento in cui Dio abbraccia il dolore umano.

Il Papa, ex professore di dogmatica e teologia fondamentale, visionerà in anticipo tutti gli interrogativi che dovrà soddisfare, in modo da poter approfondire e argomentare meglio le risposte. “Egli sperimenta ora- con qualche audacia- il mezzo televisivo per raggiungere con il suo ragionamento sulla fede il pubblico più vasto a cui sa che non potrebbe arrivare né con le omelie, né con il libro su Gesù, né con il libro-intervista” ha affermato il conduttore di “A sua immagine – Domande su Gesù”, consapevole dell’unicità dell’evento che verrà trasmesso.

La Chiesa si evolve, prende sempre più confidenza con il mezzo televisivo e, anzi, sembra quasi benedirlo come medium ‘provvidenziale’. Ai tempi Paolo VI la prassi era: “non si fanno domande al Papa“. Poi arrivò Giovanni Paolo II, il grande comunicatore, capace di offrire uno slancio mediatico al suo apostolato. Ora Benedetto XVI, il Papa intellettuale che studia la dottrina, ha deciso di continuare su quella strada, a modo suo.

Venerdì prossimo, 22 aprile, sarà su Rai1 alle 14.10 con lo Speciale di A sua immagine. Sarà un gesto coraggioso visto che oggi, in una logica distorta, parlare di Dio in tv sembra quasi una bestemmia.



Articoli che potrebbero interessarti


Papa domande su Gesù
IL PAPA VA IN TV E PARLA DI FEDE. DALLA VIGILANZA RAI BELTRANDI (RADICALI) CHIEDE IL CONTRADDITORIO


veronica maya natale
PROGRAMMAZIONE NATALIZIA 2014: RAI 1 E CANALE 5 A CONFRONTO


Papa Francesco
PAPA FRANCESCO IN TERRA SANTA: DIRETTA SU RAI E TV2000. ECCO GLI APPUNTAMENTI


Lorena Bianchetti
A SUA IMMAGINE: TORNA LORENA BIANCHETTI. ROSARIO CARELLO NELLA SEDE RAI DI PERUGIA

5 Commenti dei lettori »

1. warhol_84 ha scritto:

14 aprile 2011 alle 19:36

Non vedo l’ora…chi ce l’ha il numero per fargli un paio di domande?



2. Marco Leardi ha scritto:

14 aprile 2011 alle 20:06

@ warhol_84. è possibile scriverle sul sito di A sua immagine.. domande serie, però! :P



3. iTruth ha scritto:

14 aprile 2011 alle 20:10

In effetti… viviamo in uno stato talmente laico… c’è bisogno di queste iniezioni di cattolicesimo, altrimenti andremmo alla deriva ^^



4. iTruth ha scritto:

14 aprile 2011 alle 20:12

“La Chiesa si evolve” supera, in umorismo involontario, qualsiasi fregnaccia dei politici (contemporanei e non) ^^



5. Antonio ha scritto:

14 aprile 2011 alle 22:22

Eh beh….ne sentivo l’esigenza….0.0′ ma che vada a fan…bicchiere!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.