13
dicembre

LE COSE CHE RESTANO: DA QUESTA SERA SU RAI1 LE VICENDE DELLA FAMIGLIA GIORDANI, SPECCHIO DELL’ITALIA ATTUALE.

Il cast de "Le cose che restano"

Un buon cast – spiaccano, tra gli altri i nomi di Claudio Santamaria, Paola Cortellesi, Ennio Fantastichini e Antonia Liskova – si mette al servizio di Gianluca Maria Tavarelli, un regista che ha sempre realizzato fiction di gran successo come Paolo Borsellino (38,7% di media) e Maria Montessori (29,5%), per realizzare un prodotto il cui titolo è ispirato a un verso di una poesia di Emily Dickinson.

Le cose che restano è una serie tv in quattro puntate che ha tutte le carte in regola per diventare il fiore all’occhiello tra le produzioni Rai fiction di questo autunno 2010. E’ una sorta di “terzo atto” di una saga iniziata con “La vita che verrà” e proseguita con “La meglio gioventù” (con la serie di Marco Tullio Giordana ha in comune sceneggiatori e produttore) che mette in luce la nuova vita di una famiglia borghese dell’Italia di oggi divisa da un tragico evento.

Con la morte, a seguito di un incidente stradale, del figlio minore inizia il nuovo percorso della famiglia Giordani: i tre fratelli Andrea, Nora e Nino perdono le certezze e la tranquillità che aveva caratterizzato la loro borghese esistenza. I protagonisti abbandonano la casa in cui hanno sempre vissuto e si confrontano con la durezza della vita quotidiana e con il disorientamento che, inevitabilmente, li colpisce dopo un lutto così importante. La “famiglia tradizionale”, rifugio sicuro e punto di riferimento di tutti (protagonisti compresi) si trasforma e da vita ad una “famiglia allargata”, specchio delle trasformazioni dell’Italia di oggi.

I grandi temi sociali del nuovo millennio, infatti, incroceranno le strade dei fratelli Giordani: dall’omosessualità di Andrea che porta il personaggio interpretato da Claudio Santamaria a fare delle scelte importanti e rinunciare al proprio egoismo al razzismo, con il racconto della vicenda di Shaba, un’immigrata clandestina aiutata da Nino ad ottenenere la cittadinanza.

Le puntate successive, nelle quali vedremo come le singole esistenze dei Giordani si andranno a ricongiungere, andranno in onda il 15, 22 e 29 dicembre.

Le cose che restano (miniserie tv in quattro puntate) è un film di Gianluca Maria Tavarelli del 2010, con Paola Cortellesi, Claudio Santamaria, Lorenzo Balducci, Ennio Fantastichini, Leïla Bekhti, Farida Rahouadj, Antonia Liskova, Francesco Sanna, Vincenzo Amato, Daniela Giordano.



Articoli che potrebbero interessarti


Tutti Pazzi per Amore
TUTTI PAZZI PER AMORE 2: TORNA LA FICTION CAMPIONE D’ASCOLTI DELLA SCORSA STAGIONE


Tutti Pazzi per Amore (Emilio Solfrizzi e Nicole Murgia)
TUTTI PAZZI PER AMORE: IN ATTESA DELLA SECONDA STAGIONE, UN MUSICAL E L’APPRODO IN SPAGNA


Laura e Paola
LAURA & PAOLA: PAUSINI E CORTELLESI DA STASERA SU RAI 1 CON IL LORO “TWO WOMEN SHOW”


duemilaluci pausini cortellesi
RAI 1: NEL 2016 ‘DUEMILALUCI’ CON LAURA PAUSINI E PAOLA CORTELLESI, LA REUNION DEI POOH E LA SERATA EVENTO DI ROBERTO BOLLE

3 Commenti dei lettori »

1. antonio1972 ha scritto:

13 dicembre 2010 alle 18:27

questa fiction mi pare sia ad un livello superiore rispetto al ciarpame prodotto solitamente dalle tv generaliste,ciò mi fa pensare che farà ascolti al di sotto delle aspettative. il target stavolta,credo sia più giovane,quindi la sua missione è quella di togliere pubblico al gf,che già di suo naviga in cattive acque. ce la farà? mah



2. Zoro ha scritto:

13 dicembre 2010 alle 18:53

quasi quasi la guardo, visto che non c’è niente in TV di interessante dopo aver mollato 3 settimane fa la farsa del GF11!!!



3. AnTo ha scritto:

14 dicembre 2010 alle 11:07

Anche se non ha avuto ottimi risultati (come credo ci si aspettasse), a me è piaciuto molto e non da quella sensazione di già visto come capita per altri prodotti (citofonare Paura di amare).



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.