5
novembre

AL VIA RAI EDU STORIA, SU SAT E DTT L’ANTI HISTORY CHANNEL

Rai Edu Storia @ Davide Maggio .itE’ appena nato (lunedi alle 20) Rai Edu Storia, la naturale evoluzione di Rai Edu 2, che vede nelle vesti di art director Giuseppe Giannotti e in quelle di direttore l’instancabile presentatore de “La Storia siamo noiGiovanni Minoli.

Il canale ha un palinsesto composto da due blocchi di programmi. Il principale ha inizio alle 20.00 e avrà, ogni giorno, un filo conduttore che caratterizzerà i programmi realizzati dalla divisione Educational di mamma Rai. Oltre al già citato “La Storia siamo noi”, sono in programmazione anche “Cultbook” dedicato alla lettura, “Magazzini Einstein” con taglio scientifico e ”Un Mondo a Colori” dedicato agli immigrati in Italia. Il blocco, della durata di quattro ore, è inoltre impreziosito dai contributi provenienti dall’archivio di Rai Teche che offre documentari storici e grandi inchieste giornalistiche.

Alle 8.00 e alle 18.00 è proposto un secondo blocco dedicato ai programmi abitualmente trasmessi sul canale come “Tv Talk“, “Art News“, “Un Mondo a Colori“, “Economix“, “Visioni Private“, “Scrittori per Un Anno” tutti interamente prodotti da Rai Educational.

I due blocchi trovano spazio in replica durante tutta la giornata e completano così le 24 ore di programmazione del canale.

Ma il palinsesto non si ferma qui. Sono in realizzazione, infatti, quattro rubriche inedite dedicate al mondo della cultura:

  • R.E.S. Gestae – Persone, Eventi, Ricorrenze. La Rubrica che ricorda i fatti e i personaggi più importanti e significativi, che nel corso della storia sono rimasti legati alla data del giorno di messa in onda;
  • R.E.S. TORE – Televisione Del Passato – le grandi inchieste di costume e cultura dell’archivio Rai;
  • R.E.S. TAURO – Documentari d’Autore;
  • R.E.S. Tube – il passato si specchia nel presente. Delle proposte tematiche del giorno, l’attenzione odierna attraverso i filmati presenti nella rete.

Il nuovo progetto della divisione culturale della Rai ha quindi l’arduo compito di concorrere sul mercato culturale televisivo italiano, da sempre dominato dai grandi gruppi esteri con i loro canali a pagamento in esclusiva sul satellite. Rai Edu Storia al contrario è completamente realizzato in Italia, gratuito e multipiattaforma.

Potete seguirlo sul satellite Hotbird (freq. 11766 – pol. V – SR 27500 – Fec 2/3), sul canale 806 di Sky e prossimamente nelle aree di switch off, come la Sardegna, sul digitale terrestre.

Via | digital-sat.it



Articoli che potrebbero interessarti


Rai Storia @ Davide Maggio .it
IL 2 FEBBRAIO ARRIVANO SUL DIGITALE TERRESTRE “RAI STORIA” E IL SUPER BOWL IN HD


La Storia Siamo Noi
LA STORIA SIAMO NOI, QUANDO LA TV FA CULTURA: DA DOMANI LE NUOVE PUNTATE


cieloskyarte
DOPO LO SCANDALO INTERCETTAZIONI, MURDOCH RIPARTE DALL’ITALIA: TRE NUOVI CANALI SKY SUL DTT


Cielo partenza rimandata News Corp
NIENTE TERRA PER CIELO: RIMANDATO IL LANCIO DEL CANALE DI NEWS CORP PER IL DIGITALE TERRESTRE

13 Commenti dei lettori »

1. roberto ha scritto:

5 novembre 2008 alle 09:28

Spero abbia grande successo, anche perchè ho partecipato alla “”Bibbia Giorno e Notte”" come lettore e tutti i componenti dello staff di Rai Edu 2 sono stati cortesissimi.



2. STE ha scritto:

5 novembre 2008 alle 11:09

chiss quando riusciremo a vederlo… i tempi di RaiWay sono biblici.



3. Diegoz ha scritto:

5 novembre 2008 alle 11:30

@STE: Mi sembra che RaiEdu 2 arriver in coincidenza dello switch-off graduale In Sardegna mi sembra che cè gi ;)



4. Francesco Lauciello ha scritto:

5 novembre 2008 alle 14:51

@STE: Le date degli switch off e quindi dellarrivo di Edu 2 sul DTT sono state gi indicate dal Ministero dello Sviluppo Economico (info qui: http://www.davidemaggio.it/2008/09/10/che-switch-off-sia-ecco-il-calendario-dello-switch-off-regione-per-regio



[...] Continua su http://www.davidemaggio.it Scritto da Francesco Lauciello Archiviato in DTT – Canali, DTT – Switch off, Tv, Tv Sat         [...]



6. STE ha scritto:

5 novembre 2008 alle 20:11

@ Diegoz & Francesco Lauciello: beh il 2010 per la lombardia è ancora lontano. non capisco… fanno partire una rete con una copertura insoddisfacente… una rete però ha bisogno di riscontri di pubblico. e che riscontro si può avere solo dagli abitanti della sardegna?? stesso discorso per RAI4. in alcune zone il MUX-A se lo sognano. e i signori dirigenti come fanno a capire se la strada intrapresa è quella esatta avendo un bacino di utenza cos limitato?! mah.



7. Francesco Lauciello ha scritto:

5 novembre 2008 alle 23:04

@STE: purtoppo le frequenze disponibili sono ovunque esaurite e quindi solo con lo switch la Rai come tutte le altre aziende potr garantire buona copertura ovunque ;) Rai Edu Storia è rilegato alla sola Sardegna solo per il Digitale terrestre, ma è po



8. lele ha scritto:

10 novembre 2008 alle 14:40

io invece lo vedo ma vorrei capire in cosa e cambiata la programmazione, tutto e identico a prima tranne il logo rai con la farfalla enorme che oltre ad essere esageratamente ingombrante si e ulteriormente ingigantito e corredato di un rettangolo rosso. ecco….. rai edu storia e cambiato nel logo, per il resto ci sono i soliti format che vanno avanti da anni ormai e che tutti conosciamo a memoria.



9. lele ha scritto:

10 novembre 2008 alle 14:50

e anche rewind, in programmazione al sabato e domenica non fa che trasmettere fino alla sfinimento le solite quattro tragiche trasmissioni demenziali condotte da piero chiambretti, paolo rossi, le avventure di pinocchio… e pensare che in archivio ci sono centinaia di trasmessioni bellissime da rivedere ma rewind trasmette sempre le solite da anni ormai…. vorrei perche a raidedu ce gente che viene pagata per fare cosa….



10. matteo ha scritto:

10 novembre 2008 alle 22:26

troppi effetti speciali nel montaggio e poca sostanza. la storia siamo noi, solite cose gia viste



11. mario ha scritto:

13 novembre 2008 alle 11:45

rai edu storia… altri fannulloni stipendiati per trasmettere soliti format che vanno avanti dal 1990. concordo sulla bruttezza dell grafica e gli effetti speciali che vanno bene per un film di 007



12. pinin ha scritto:

21 dicembre 2008 alle 20:27

che schifo rai edu storia e rewind….. sempre i soliti format e programmi uguali a rotazione. larchivio ce ma giace inutilizzato. minoli, una vergogna tutta italiana.



13. stefano ha scritto:

31 dicembre 2008 alle 10:48

buongiorno, sarei un potenziale fruitore del canale rai edu 2 ma purtroppo non riesco a seguire le trasmissioni in quanto esageratamente farcite da striscioni sonoramente fastidiosi, riquadri, girandole, paroloni e titoli ad effetto in lingue a me sconosciute (sono italiano e sono fiero di rimanere tale) come res-gestae, res di qua, res di la… ma che e’…..

queste nostre vecchie e belle trasmissioni massacrate, spezzettate e vivisezionate hanno perso tutto il loro fascino antico, io non le riconosco piu’, mi fa male rivedere un capitolo della nostra ex bella tv intercalato da striscioni che si aprono ogni 30 secondi a mo’ di saracinesca e come se cio’ non fosse sufficiente ci avete messo anche un logo grossolano ed inopportuno che occupa un quarto del televisore. lo stesso vale per ‘rewind’ che si vede solo per la meta’ inferiore in quanto i due loghi aberranti occupano tutto lo spazio superiore del tv. signor Minoli ma percheì ha dei gusti cosi’ barbari? nel suo staff non c’e’ un grafico professionista capace di ridare dignita’ al canale?

stefano



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.