19
ottobre

Digitale terrestre, dal 20 ottobre Rai e Mediaset visibili solo in HD. Come accedere al bonus rottamazione

Switch off, Dvb-T2

I primi traslochi televisivi inizieranno il 20 ottobre. Insomma, ci siamo quasi. Da quel giorno, alcuni canali tv passeranno dalla codifica Mpeg2 a quella Mpeg4, iniziando così la graduale migrazione al nuovo sistema digitale terrestre Dvb-T2, tecnologia supportata solo dagli apparecchi televisivi di ultima generazione. Lo switch off, in questa primissima fase, riguarderà nove canali Rai e sei Mediaset; ad essi seguiranno poi gli altri canali, in un processo che si completerà – secondo la tabella di marcia -  il prossimo 1 gennaio 2023.

Nuovo digitale terrestre, i primi canali Rai e Mediaset coinvolti nello switch off

Dal 20 ottobre prossimo, ad essere trasmessi solo in HD – in vista della totale transizione al  – saranno tutti i canali Rai, tranne i tre generalisti e Rai News (quindi Rai4, Rai5, Rai Movie, Rai Premium, Rai Gulp, Rai Yoyo, Rai Storia, Rai Sport+ HD, Rai Scuola), i canali Mediaset TgCom24, Italia 2, Boing Plus e tre canali di radiovisione: Radio 105, R101 Tv e Virgin Radio Tv.

Bonus rottamazione, come funziona e chi ne ha diritto

L’adeguamento al nuovo standard riguarderà tutti gli italiani, che dovranno dunque assicurarsi di avere un televisore adatto a codificare il nuovo segnale. Al riguardo, sono considerati obsoleti gli apparecchi acquistati prima del 22 dicembre 2018, data di entrata in vigore dello standard di codifica «Hevc Main 10» adottato dalla nuova tecnologia. Solo le tv e i decoder compatibili con il nuovo digitale, potranno ancora ricevere i programmi televisivi. Per chi dovrà cambiare la tv è stato previsto un bonus rottamazione del governo. L’incentivo arriva fino a un massimo di 100 euro e si traduce in uno sconto del 20% sul prezzo finale di acquisto del nuovo televisore, comprensivo di Iva. Non ci sono limiti di reddito per ottenerlo e ne spetta solo uno per ogni codice fiscale di persone in possesso dei requisiti. L’incentivo si può richiedere fino al termine del 2022 o fino all’esaurimento delle risorse.

Nuovo digitare terrestre, il test per verificare se la tv è idonea

Per capire se il proprio televisore è in grado di supportare il nuovo standard Dvb-T2, basta fare un test sui canali 100 e 200, verificando che appaia la scritta “Test Hevc Main10“. Può accadere che ci siano problemi nel visualizzare la schermata, pur essendo il televisore o il decoder compatibili con la nuova tecnologia. L’esito negativo del test potrebbe derivare da una non corretta (ma temporanea) ricezione dei due canali, dalla momentanea presenza di un’altra emittente sul canale o dal fatto che la propria tv non riesca ad agganciarsi alle frequenze più recenti. In questi casi è opportuno risintonizzare i canali.

Il passaggio al nuovo digitale terrestre consentirà un miglioramento della qualità visiva, con l’HD, ma avrà anche implicazioni tecniche: permetterà infatti di liberare la cosiddetta “banda 700″, le cui frequenze che saranno destinate al 5G, la rete mobile ultraveloce in arrivo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Nuovo digitale terrestre
Nuovo digitale terrestre Dvb-T2, slitta lo switch off. Ecco le nuove date


Nuovo digitale terrestre
Nuovo digitale terrestre DBV T2: il calendario dello switch-off


Tv, nuovo digitale terrestre
Nuovo digitale terrestre: entro il 2022 lo switch off al Dvb T2-Hevc. 45 milioni di televisori da sostituire o ‘aggiornare’


Auditel - logo
AUDITEL VERSO LA RILEVAZIONE DEGLI ASCOLTI TV SU PC, TABLET E SMARTPHONE

1 Commento dei lettori »

1. ale88 ha scritto:

15 ottobre 2021 alle 22:20

quanta disinformazione!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
i canali NON passano in HD.
i canali saranno ricevibili SOLO con ricevitori HD.
Sono due cose completamente diverse.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.