14
giugno

Denise Pipitone è viva e ha una figlia? Milo Infante frena sulle rivelazioni dell’ex PM: «Riscontri negativi, segnalatori già in passato inattendibili»

Milo Infante, Ore 14

Le verifiche sulle informazioni ricevute da Maria Angioni hanno dato “un riscontro negativo su tutta la linea“. spegne i facili entusiasmi innescati dalle rivelazioni dell’ex PM che indagò sul caso di Denise Pipitone e che oggi, su Rai1, si era detta sicura del fatto che la bambina scomparsa nel 2004 fosse viva e avesse ormai una figlia. In un lungo post sui social, il giornalista ha messo in evidenza la precarietà di quelle informazioni e la dubbia attendibilità dei segnalatori che le avevano girate all’ex inquirente. 

Le segnalazioni sono fondamentali, ma vanno gestite non tramite annunci ma attraverso un’azione di verifica e riscontri che richiede tempo e capacità. Una semplice somiglianza non fa di una ragazza Denise o di una donna in sovrappeso la rom di Milano

ha scritto Infante, raccogliendo l’appello alla cautela che l’avvocato Giacomo Frazzitta, a nome di Piera Maggio, aveva lanciato dopo le clamorose dichiarazioni dell’ex PM a Rai1. Poi, il giornalista ha ricostruito la genesi delle nuove informazioni emerse: stando ai fatti riportati, Angioni si sarebbe fidata – con una facilità che lascia perplessi – di alcune fonti che già in passato avevano dato notizie non attendibili.

Mercoledì scorso la dottoressa Maria Angioni mi ha girato alcune informazioni e fotografie a sua volte ricevute da tale Sul. J. Lo. Questa signora conosciuta dalla dottoressa Angioni a sua volta è in contatto con tale Ahmed Sal., già in passato protagonista di millanterie e noto spacciatore di false informazioni. Nel messaggio la dottoressa Angioni mi comunicava che questa signora desiderava mettersi in contatto col sottoscritto e con l’avvocato Frazzitta e che lei riteneva a tal punto verosimili le informazioni ottenute dal volerle inviare alla Procura della Repubblica di Marsala.

A questo punto grazie all’amica Mary Falco abbiamo proceduto alle prime verifiche del caso, ottenendo un riscontro però negativo su tutta la linea. Ribadisco che la somiglianza tra la bambina di questa ragazza e la piccola Denise è evidente solo in una foto, in altre molto meno. Quanto alla mamma, che questa Sul. ritiene essere Denise, di lei sappiamo che dichiara di essere nata a Mazara ma di fatto vive tra la Francia e la Tunisia“.

ha ricostruito Infante, che ha preso particolarmente a cuore la battaglia di verità sostenuta da Piera Maggio per ritrovare Denise. E che – ad Ore14 – aveva mostrato una foto di quella che, secondo i segnalatori, sarebbe Denise oggi.

Sul. è in contatto con Ahmed dal quale riceve informazioni che già in passato si sono rivelate non attendibili. Le gira alla dottoressa Angioni che mercoledì scorso ritiene di inviarle alla Procura di Marsala, al sottoscritto e all’avvocato Frazzitta (che però non riceve nulla). Noi facciamo verifiche e non troviamo riscontri.

Aspettiamo con fiducia l’esito di quelle dei magistrati inquirenti. Quanto alla scelta di condividere informazioni non verificate in diretta, mi sia consentito di sollevare qualche obiezione. Ricordiamoci che dall’altra dello schermo ci sono genitori che soffrono

ha concluso il giornalista, manifestando un certo disappunto (condivisibile, alla luce della ricostruzione emersa) per l’odierna fuga in avanti, con annesse dichiarazioni roboanti, da parte dell’ex PM.



Articoli che potrebbero interessarti


Ore 14, caso Denise Pipitone
Denise Pipitone: spuntano due supertestimoni con rivelazioni clamorose. Lo scoop di Milo Infante


Ore14
La foto della presunta Denise Pipitone a Ore 14. «Somiglianza straordinaria»


Ore14, Milo Infante
Ore 14 torna con tre speciali su Denise Pipitone e una seconda serata


Chi l'ha visto, Denise Pipitone
Denise Pipitone, a Chi l’ha visto arriva una lettera anonima: «So tutto. Sono 17 anni che so, non parlato per paura»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.