13
agosto

Edoardo Raspelli lascia Melaverde: «Era tutta la mia vita professionale (e non solo), ma non me la sento più di lavorare a corrente alternata»

Edoardo Raspelli

Edoardo Raspelli

Era la mia vita e mi piange il cuore, ma non me la sento più di lavorare a corrente alternata“. Con queste parole, il giornalista e gastronomo Edoardo Raspelli ha annunciato che non sarà più il conduttore di Melaverde, il programma enogastronomico in onda su Canale 5 ogni domenica mattina. Alla base della scelta dell’uomo, il rifiuto di condurre soltanto 7 delle 14 puntate previste per la nuova edizione autunnale (le restanti avrebbero visto infatti al timone della trasmissione Vincenzo Venuto).

“Mi piange il cuore, dopo quasi 21 anni. Melaverde era tutta la mia vita professionale (e non solo) ma non me la sento di proseguire così, a corrente alternata. Mi avevano comunicato di aver deciso di voler fare a meno di me nel 2020 ma di volermi fare condurre la metà delle puntate di quest’autunno, sette su quattordici: preferisco lasciar perdere, anche se ho il magone”.

Un addio, in un certo senso, “forzato” perchè Raspelli, in ogni caso, non sarebbe stato riconfermato a partire dal 2020. Non nascondendo il suo rammarico, l’ormai ex conduttore del programma ha ricordato con entusiasmo i 21 anni trascorsi a Melaverde:

“Era un lavoro entusiasmante: era faticoso ma si respirava l’aria di una piccola grande squadra di amici, sempre a contatto con la natura e gli animali, scoprendo e facendo conoscere agli italiani Terra Territorio e Tradizione, le piccole grandi cose del nostro grande e sfortunato Paese… Ma, come direbbe Dante, ‘Vuolsi così colà dove si puote quel che si vuole e più non dimandare“.

Raspelli ha anche spiegato che nessuna clausola contrattuale ha impedito a Mediaset di “rimpiazzarlo”:

“Da sempre, sia su Rete 4 sia a Canale 5,  il contratto mi veniva fatto ogni sei mesi: possono fare in piena libertà quello che vogliono“.

L’alternanza tra Raspelli e Venuto si era già verificata lo scorso anno: dopo l’esordio del secondo, avvenuto tra settembre e ottobre 2018, ad Edoardo – nel frattempo ripresosi da un intervento al cuore – erano state assegnate le puntate da novembre a febbraio 2019. Da marzo la palla era passata però nuovamente nelle mani di Vincenzo, già autore di Melaverde. Una situazione non gradita dal gastronomo che, in considerazione di ciò che sarebbe successo nel 2020, ha preferito staccare da solo la spina.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Edoardo Raspelli
Melaverde, Edoardo Raspelli sostituito da Vincenzo Venuto. «Non me lo spiego, ho dato tanto a Mediaset»


Edoardo Raspelli
Melaverde, Edoardo Raspelli tornerà: «Convalescenza forse un po’ esagerata». Al suo posto c’è Vincenzo Venuto


hellen
MELAVERDE DEBUTTA OGGI SU CANALE 5


Edoardo Raspelli - Melaverde
BOOM! MELAVERDE PROMOSSA SU CANALE 5

3 Commenti dei lettori »

1. DaviB ha scritto:

13 agosto 2019 alle 23:35

Ci siamo noi poveri mortali operai che dobbiamo lavorare fino a morire (senza poter giustificare le malattie che abbiamo) e, chi ha avuto problemi di salute ed età avanzata, non riesce a rassegnarsi a starsene a casa e lasciare spazio alle nuove generazioni.



2. Maria Cristina Giongo ha scritto:

16 agosto 2019 alle 09:37

Mi spiace molto per Edoardo Raspelli, conduttore storico di Mela Verde. fa male se hai dedicato vita e lavoro alla tua professione, con serietà e fatica. Coraggio!



3. Francisca ha scritto:

18 agosto 2019 alle 18:26

E un peccato,che vai via ,guardava sempre,e quando e arrivata la olandese ( come me ) cambiava canale.Mi sfugge pure il nome,quando alla fine diceve alla prissima settimana.ect.ect.ect.. ma sopra tutto DIKKE KUS sarebbe grosso bacio



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.