3
luglio

Adriana Volpe: «Ho ricevuto una lettera di richiamo dalla Rai. Se non dovessi più lavorare, che messaggio darebbe?»

Adriana Volpe

Adriana Volpe

I rapporti tra Adriana Volpe e la Rai sono terminati il 3 giugno scorso, con la scadenza del suo contratto. Dopo la notizia della mancata riconferma di Mezzogiorno in Famiglia, la conduttrice nelle scorse settimane aveva tuonato contro Carlo Freccero, colpevole di aver scelto di chiudere la trasmissione da lei condotta e di aver collezionato a suo dire una lunga serie di flop (non ultimo, qualche giorno fa, Woodstock – Rita racconta, alla luce del cui insuccesso la Volpe aveva parlato di una Rai 2 ormai in ginocchio). Una querelle tutta interna a Rai 2, come fu quella con l’ex collega Giancarlo Magalli.

“La cosa che più mi ha ferita è che quando ho provato a denunciare quello che stava accadendo, come risposta ho ricevuto una lettera di richiamo, con invito ad abbassare i toni e a evitare di parlare con la stampa. Se quest’anno non dovessi più lavorare, che messaggio darà la Rai ai suoi dipendenti e all’opinione pubblica? Guardando la mia storia si capisce perfettamente che, se denunci, si corre il rischio di essere allontanati e, infine, lasciati a casa”

ha dichiarato la Volpe a Chi. La lettera di richiamo di cui parla, come c’ha tenuto poi a precisare su Instagram, risale al 2017 e all’eterna bagarre con Giancarlo Magalli, che dagli studi televisivi pare essersi ormai spostata nelle aule di tribunale:

Per quasi due anni, mi ha dato della millantatrice, raccontando in giro che non lo avevo mai querelato. Ha perseverato a denigrarmi non appena ha potuto. Basti pensare a quando, ospite da Massimo Giletti su La 7, riferendosi a me ha detto: ‘Non parlo con le bestie’”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Milo Infante
Rai, Salini nomina i project leader e sblocca i vicedirettori di Rai1. Tra loro, Milo Infante e Franco Di Mare


Adriana Volpe
Adriana Volpe tuona di nuovo contro Freccero: «Una Rai 2 in ginocchio e non si fa niente»


Adriana Volpe
Adriana Volpe contro la Rai2 di Freccero: «Ditemi che i dati d’ascolto non sono veri. Meglio stare in silenzio, altrimenti si perde il posto»


Magalli spara ad una volpe
Giancarlo Magalli spara alla volpe. Adriana non ci sta

10 Commenti dei lettori »

1. controcorrente ha scritto:

3 luglio 2019 alle 20:10

ma questa e’ davvero una poveretta.. il messaggio sarebbe cercati un lavoro.. chi te l’ha detto che devi per forza lavorare a rai2…



2. Luca ha scritto:

4 luglio 2019 alle 09:41

Qualcuno mi può spiegare in quale campo delle arti questa signorina eccellerebbe ?



3. Filippo ha scritto:

4 luglio 2019 alle 10:59

Guarda, è rimasta senza trasmissioni pure la Clerici e non si sa ancora nulla di certo sulla Ventura. Quindi è inutile che continui a romperci le scatole, quando altri professionisti di calibro ben superiore hanno gli stessi problemi, ma nonostante ciò non continuano a piagnucolare con il pubblico!!!



4. Paoletta ha scritto:

4 luglio 2019 alle 12:56

Filippo c’è una differenza non da poco! La Clerici e la Ventura sono comunque sotto contratto, e alla Clerici il suo bel milione e mezzo all’anno (per cui nessuno stranamente si scalmana) glielo danno pure se passa tutto l’anno alle Maldive. Non è la situazione della Volpe.

Sinceramente non capisco questo accanimento, a me non sta particolarmente simpatica nè l’ho mai seguita in tv, ma in questa situazione ha ragione da vendere. Vorrei vedere succedesse a voi.



5. Pad ha scritto:

4 luglio 2019 alle 15:02

@Paoletta Proprio perchè non la segui non sai che ha un carattere abbastanza antipatico,con questo non giustifico le uscite di Magalli per le parole di cattivo gusto usate in passato ma lei ha un carattere particolare,va detto che ha anche avuto screzi con Tiberio Timperi,in più non eccelle nella conduzione,ha sempre lavorato nei programmi di Guardì oltre non è andata,se non a notti sul ghiaccio anni fa e Pechino express,mezzogiorno in famiglia è un programma che faceva buoni ascolti già prima del suo approdo lo scorso anno dove comunque era affiancata da altri due conduttori,la verità per me è che la conduzione non fa per lei,non è portata e quindi è ovvio che è difficile adesso collocarla da qualche parte,ci sono tante altre conduttrici brave che stanno a casa,io personalmente non vedo questo dramma o ingiustizia se rimane fuori.



6. gianni ha scritto:

4 luglio 2019 alle 15:09

Terribile il messaggio che ha lanciato!
Pensateci un attimo.

In sintesi dice che, visto che le è arrivato un messaggio della Rai per farla stare zitta, se il prossimo anno non lavorerà vorrà dire che la Rai l’ha emarginata.

In altre parole è un ricatto che sta facendo lei alla Rai: Attenta Rai che se il prossimo anno non lavorerò tutti sapranno che mi avete epurato perchè ho osato criticarvi! Avrete tutti contro! Dovete assumermi a tutti i costi o vi sputtanerete!

Ma si vergogni questa ricattatrice da mass media. Avesse anche solo una dote televisiva potrei capire ma è una facilmente sostituibile! Quello che sa fare lei lo imparerebbe una mai andata in tv in 10 minuti di addestramento!



7. Filippo ha scritto:

4 luglio 2019 alle 15:34

Paoletta, anche nella ditta dove lavoro io ci sono vari tipi di contratti. Quelli a tempo indeterminato, quelli a tempo determinato, a chiamata… e così via. Se a me scade il contratto e il mio datore di lavoro sceglie di non rinnovarmelo perché capisce che senza di me può benissimo lavorare comunque…… da chi vado a piangere io? Comincio a darmi da fare e vado alla ricerca di una nuova occupazione.



8. Paoletta ha scritto:

4 luglio 2019 alle 18:05

Scusate, ma qui non è in gioco la sua bravura o la sua capacità. La Volpe ha iniziato a lavorare in Rai nel 1993, e la Rai ci avrebbe messo ventisei-anni-dico-ventisei per capire che non ha bisogno di lei e che si tratta di un’incapace?
E’ lampante che l’abbiano epurata perchè si è messa contro Magalli, ma perchè volete negare l’ovvio? Purtroppo io di situazioni del genere ne ho viste “dal vivo”, e negli ambienti di lavoro sono tutt’altro che infrequenti. Lavori per venti o trent’anni senza nessun problema, poi un giorno ti fai nemico qualcuno di potente e improvvisamente diventi un incapace disadattato. E nella maggior parte dei casi questo succede a donne che si mettono contro qualche uomo di potere. E’ un clichè. Ed è una cosa orrenda, che va stigmatizzata con forza a prescindere da chi sia la vittima.
Dietro quello che dichiara la Volpe non c’è nessun “terribile messaggio”, ha detto semplicemente la verità, che è, quella si, la cosa più terribile che si possa fare in un paese come il nostro, che vive di clientele pseudo mafiose in tutti gli ambiti lavorativi. Tra le tante cose, quello che sta succedendo alla Volpe dimostra che protezioni potenti alle spalle non ne ha proprio, contrariamente a ciò di cui l’accusava Magalli.



9. vicky ha scritto:

4 luglio 2019 alle 21:45

Ma perchè non si cerca un lavoro invece di rompere . A casa ci sono fior di professionisti e si lamenta lei



10. Socrate ha scritto:

5 luglio 2019 alle 10:42

Paoletta hai perfettamente ragione, purtroppo l’Italia è uno dei paesi più maschilisti al mondo, e lo si vede anche da questa vicenda.
Nel mondo della tv c’è un pool di presentatori/autori pseudo intellettuali e realmente intoccabili, che concepiscono la donna solo per determinati scopi. Chissà se è un caso che molti di questi siano bassini, brutti, e sovrappeso (il che spiega anche molte cose).
Abituati da sempre alla compiacenza delle tante che frequentano i loro studi/uffici/camerini la donna che alza la testa e dice no è assente dalle loro categorie mentali, e se appare all’orizzonte va prontamente espulsa dal pianeta. Si fidanzano con tipe dell’età delle loro pronipoti, si sposano con società per azioni.
Vorrei anche dire a chi parla di simpatia che molte delle belle ragazze che in tv vedete sempre sorridenti e condiscendenti nella vita vera non le vorreste come fidanzate o come sorelle. Fino a una ventina di anni fa una certa ingenuità su questi temi era anche comprensibile, oggi no, e se non è ingenuità è malafede.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.