12
marzo

Freccero, show in Vigilanza: «Soffro per l’audience, ma ho aumentato gli ascolti. Sfera a The Voice? Poteva partecipare» Poi lo scontro con Vespa

Carlo Freccero

Ha risposto colpo su colpo su ascolti, costi, nuovi programmi, palinsesti e linea editoriale. Audito oggi in Commissione di Vigilanza, ha furoreggiato per oltre due ore, rompendo la compostezza del cerimoniale e appassionandosi per la causa di Rai2, rete che da alcuni mesi sta cercando di ristrutturare tra tentativi di rinnovamento ed esigenze aziendali. “Io sono solo un supplente” ha chiosato il direttore, alludendo alla breve durata del suo mandato. Stuzzicato poi sui dettagli della programmazione e sui riscontri degli ascolti, il professore ha zittito le critiche.

A far infervorare Freccero è stato in particolare l’intervento del deputato della Lega Paolo Tiramani, che lo ha accusato di aver ottenuto risultati deludenti. Il direttore, replicando, ha dichiarato di aver speso da gennaio ad ora solo 1.9 mln di euro. “Ma si rende conto che rapporto tra audicence e spesa? Dovrebbe farmi un monumento“. Di fronte alle insistenze del politico, il professore si è infervorato, parlando di ascolti in crescita: in prime time +0,52% e sull’intera giornata +0,17%. Nella fascia 21.20-23.30, +1,19%. Poi ha reagito così:

Lei non è onorevole Tiramani, ma tirapugni in questo momento. Lei mi accusa in modo vergognoso, mi tira dei pugni ingiustificati, a tradimento. Io le risponderò per iscritto, sotto giuramento, perché i miei dati sono veri, i suoi no. Bisogna essere molto precisi“.

Scendendo nel dettaglio della programmazione, Freccero ha affermato:

Il mio problema principale è Popolo sovrano, ma ci lavoro come fosse un dottorato di televisione, è una prova. Il problema è quello di rifondare l’informazione della rete. Sono partito da un titolo, Popolo sovrano, non per alludere al sovranismo, ma per fare capire che le istanze e i bisogni della gente“.

Sempre in riferimento alla trasmissione condotta da Alessandro Sortino, il direttore di Rai2 ha ammesso che la prima puntata “non era programmabile, ma dopo “c’è stato un impegno degno di ammirazione“.

Soffro per l’audience come fosse il primo giorno (…) ho questo insuccesso che mi pesa molto ed è un calvario terribile

ha rivelato Freccero. Poi, parlando dell’approfondimento politico Povera Patria, si è sfogato così:

Povera Patria l’ho fatto perché ha una sigla molto bella, che ho costruito io. È sbagliato che vada il venerdì, infatti doveva andare il mercoledì. Ma io ho dovuto inchinarmi al coordinamento dei palinsesti, perché Bruno Vespa non vuole controprogrammazione. Basta, mi sono liberato. E già so che pagherò questa affermazione“.

Dichiarazioni alle quali è seguita una replica da parte del conduttore di Porta a Porta:

E’ la vecchissima regola di non sovrapporre informazione a informazione. E un consumato uomo di televisione come Carlo Freccero la conosce perfettamente“.

Freccero ha poi annunciato che Realiti con Enrico Lucci partirà a maggio, mentre in autunno arriverà Vero contro vero, un talk show che il direttore ha evitato di programmare ora per non interferire con la campagna elettorale. Dopo l’estate, al lunedì, tornerà Stasera tutto è possibile, seguito poi da Contenuti zero, un nuovo varietà in onda da Milano. Rai2, invece, non trasmetterà Improvviserai con Ale e Franz, ceduto invece a Rai1 perché non gradito dal direttore stesso. Farà invece ritorno in palinsesto Renzo Arbore, con due o tre show realizzati a Napoli, e in occasione dei dieci anni dal terremoto in Abruzzo verrà programmato un documentario, L’Aquila 3 – La generazione dimenticata, narrato da Lino Guanciale e raccontato con la prospettiva degli studenti. Un altro progetto riguarderà la Strage di Piazza Fontana.

Intanto, ad aprile, debutterà come noto con Simona Ventura. Riguardo al talent show, Freccero ha accennato alla cancellazione di Sfera Ebbasta dal cast dei giudici, voluta – secondo quanto riferito dal direttore – a seguito di pressioni di un consigliere. Secondo Freccero, il rapper “poteva partecipare, perché era un modo per riportare dentro la Rai un certo pubblico“.

Nella sua audizione il direttore ha anche replicato alle accuse per il programma dedicato a Beppe Grillo:

Ero così preoccupato di non dare spazio al Grillo politico che in quel programma l’ho reso eunuco, l’ho censurato. Quindi per favore ditemi tutto ma non che faccio il tifoso per qualcuno. Tutto, ma questo no!“.

Parlando della necessità di una linea editoriale “solida e riconoscibile“, Freccero ha riaffermato la volontà di favorire il pensiero critico del pubblico, offrendo anche punti di vista non convenzionali. A proposito, il direttore ha ribadito che sarebbe interessante ambientare una nuova edizione de Il Collegio nell’epoca fascista, anche se questa ipotesi sta già incontrando resistenze.



Articoli che potrebbero interessarti


Sortino, Giovannini, Piervincenzi - Popolo Sovrano
Rai2: Popolo Sovrano sospeso. Povera Patria si sposta al lunedì


Carlo Freccero
Carlo Freccero: «La mia Rai 2 inizia adesso. Da Fazio mi aspetto l’8%. Ventura a nozze con i fichi secchi ma ce la farà. Detto Fatto spostato per tutelare Rai 1»


Adriana Volpe
Adriana Volpe tuona di nuovo contro Freccero: «Una Rai 2 in ginocchio e non si fa niente»


Adriana Volpe
Adriana Volpe contro la Rai2 di Freccero: «Ditemi che i dati d’ascolto non sono veri. Meglio stare in silenzio, altrimenti si perde il posto»

4 Commenti dei lettori »

1. marcov2 ha scritto:

12 marzo 2019 alle 19:15

Ha zittito le critiche?
Sulla rete il suo sfogo sta facendo ridere tutti.



2. Enzo ha scritto:

12 marzo 2019 alle 20:08

A scippato la Ventura da Mediaset alludendola … Simona ha fatto u grande sbaglio. Aveva TIVip che , ad oggi, sarebbe il vero e unico reality di Canale5 per l’autunno poi chissà dopo il caso Fogli poteva riavere la sua Isola nel 2021. Grave errore. Spero che The voice sia una parentesi e che da Settembre torni a C5 li dove i dirigenti, devono riconoscere le doti di Supersimo.



3. Sabato ha scritto:

12 marzo 2019 alle 21:18

Freccero ha dichiarato: “Il mio primo obiettivo è quello di ridare visibilità alla rete, far tornare a parlare di Rai2 e farla uscire dall’anonimato. La scelta che ho fatto è stata quella di dar vita a progetti rischiosi”
È vero che “si è tornati a parlare di Rai2″, ma per cosa? Per il flop del nuovo Nemo; per la sospensione di Pechino Express, un programma fortemente identitario; per la difficile messa a punto di The Voice; per il ridimensionamento di The Good Doctor, che con lo spostamento su Rai2 ha visto ridurre significativamente la propria visibilità e quindi i propri ascolti; per il flop di Tg2 Post, tutt’altro che un baluardo della libera informazione; per la messa in onda di tonnellate di repliche. È un motivo di vanto?
Per quanto riguarda “la scelta di dar vita a progetti rischiosi”, caro Freccero, questo è quello che ha fatto la Bignardi su Rai3. Daria, in poco più di un anno, ha arricchito enormemente l’offerta della rete, lanciando un numero incredibile di programmi nuovi e coraggiosi e registrando una crescita degli ascolti. L’unico fallimento della direzione della Bignardi è stato il talk di Semprini, che avrebbe dovuto sostituire Ballarò dopo anni di “crisi del martedì sera”: la Bignardi c’ha provato, le è andata male ed ha subito rimediato lanciando #CartaBianca, che tuttora va in onda senza sfigurare contro Floris.
La seconda esperienza in Rai di Freccero, invocata da anni, sta deludendo: è proprio vero che l’attesa del piacere è essa stessa piacere…



4. w.raiuno ha scritto:

14 marzo 2019 alle 10:31

La Ventura avrebbe in tasca anche la prossima edizione di Quelli che il calcio altro che ritorno a Mediaset….per me ha fatto bene



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.