14
dicembre

Di Maio: «In Rai c’è un caso Fazio. Serve buon senso nelle retribuzioni». Il conduttore risponde

Fabio Fazio, Luigi Di Maio

Certo che c’è un caso Fazio in Rai“. Parlando in Commissione di Vigilanza, non usa giri di parole e innesca l’ennesimo botta e risposta sul compenso del conduttore di Che tempo che fa. Interrogato sull’argomento, il vicepremier è tornato all’attacco del presentatore ligure – già in passato oggetto di critiche da parte dei Cinquestelle – ed ha chiesto ai vertici di Viale Mazzini di intervenire sul tema delle retribuzioni e su quello delle società di produzioni esterne. Impallinato dall’esponente di governo, ha risposto al Ministro.

Qualcuno chiede: ‘c’è un caso Fazio in Rai?’ Certo che c’è un caso Fazio in Rai e spero faccia parte il prima possibile delle azioni che si porteranno avanti all’interno della Rai per quanto riguarda le retribuzioni e l’ingegneria delle società di produzione, dei compensi in parte attribuiti dalla Rai e in parte attribuiti dalle società private. Sicuramente questo è tema che va affrontato, fa parte delle sensibilità che abbiamo trasferito al management della Rai. C’è un piano della precedente governance valido fino a marzo, speriamo il prima possibile che si possa costituire un po’ di buon senso per quanto riguarda le retribuzioni

ha affermato Di Maio. Poi, riferendosi al tema dell’informazione, ha aggiunto:

Dispiace anche a me che in Rai ci sia solo una prima serata d’informazione ma le precedenti gestioni della Rai hanno regalato alla concorrenza Giletti, Floris, Gabanelli, Porro“.

Alle parole sul suo stipendio, Fabio Fazio ha risposto con toni concilianti, dichiarandosi pronto a discutere con Di Maio.

Gentile Sig. Ministro Di Maio, colgo al volo il suo auspicio al buon senso e Le do tutta la mia sincera disponibilità sin d’ora a parlare di televisione, di costi e  naturalmente di ricavi, di opportunità, di compensi e guadagni e di ogni aspetto che riguarda la produzione dei programmi, delle produzioni esterne e del mio lavoro. E soprattutto, se lo riterrà utile, a parlare di prodotto e di contenuto“.

Nelle scorse settimane, lo stipendio di Fazio era stato criticato anche da Matteo Salvini, che in riferimento ad esso aveva commentato: “Ci lavoreremo. E poi, in maniera ancora più esplicita: “Per me non è corretto che ci siano stipendi nel pubblico di quella maniera“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Luigi Di Maio, Che tempo che fa
Centralino «Che tempo che fa»: Di Maio e Martina telefonano in diretta. Renzi si indigna, l’auditel lo boccia


Fabio Fazio e Luciana Littizzetto
Che Tempo Che Fa, tutti gli ospiti dell’esordio. Littizzetto: «Su Rai 2 mi scatenerò»


Fabio Fazio promo Che tempo che fa
Che Tempo Che Fa: Fabio Fazio sbarca su Rai2. «Siamo sulla rete giovane» – Video


Fabio Fazio
Fabio Fazio cade in piedi: stesso budget su Rai2 per Che tempo che fa, nuovo prime time e progetto per Raiplay

26 Commenti dei lettori »

1. Rosanna Frison ha scritto:

14 dicembre 2018 alle 20:50

L’unica parola è VERGOGNA!!!. Per Fazio e per quelli come lui. Come si può accettare simili compensi sapendo che ci sono tanti italiani in stato di povertà e pensionati costretti a “vivere” o
meglio a sopravvivere con 500€ al mese. E si dichiara pure di sinistra. VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA



2. controcorrente ha scritto:

14 dicembre 2018 alle 21:11

ma non vi ricordate i 28 miliardi che prese da TMC per il fatto che il suo programma per il quale aveva firmato esclusiva con la rete non era partito ?— a questo son sempre piaciuti i soldi facili.. dopodiche’ ha davanti un manager che disquisisce sulle pause e sui minuti max per la pausa pipi’ di operai a 1.200 € al mese x 7-8 ore di lavoro “usurante” .. e che magari si alzano 2 ore prima per raggiungere il lavoro e rientrno a casa 2 ore dopo l’uscita.. .. e gli striscia ai piedi con la lingua fuori



3. Paolo ha scritto:

14 dicembre 2018 alle 21:32

Populista per populista, a me indignano più i 6 milioni di euro di stipendio mensile di Casalino che i guadagni di Fazio. Il vicepremier, implacabile sui privilegi altrui, smemorato e generoso su quelli della propria combriccola.



4. Giorgio ha scritto:

14 dicembre 2018 alle 21:59

Fazio, stai zitto, sei una vergogna, io ti licenzierei. Vergognati



5. Sabato ha scritto:

14 dicembre 2018 alle 22:06

Quando il Governo ha bisogno di spostare l’attenzione degli italiani dal suo operato a qualsiasi altra cosa, lo stipendio di Fazio è sempre la soluzione migliore 😆 Perché? Perché c’è chi, come Controcorrente e Rosanna Frison (gli utenti che hanno commentato prima di me), si indigna per il fatto che una stella del mondo dello spettacolo sia pagata molto di più di un operaio o di un pensionato (pensa un po’?!) 🤣



6. Vince! ha scritto:

14 dicembre 2018 alle 22:56

Perché mi piace molto Fazio e mi trovo spesso a difenderlo qui?
Bhè, anche per la grande risposta che ha appena dato a Di Maio.



7. Vattelalbicocca ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 00:14

Ma lol a quello che dice che Casalino prende 6 milioni al mese. Abbassa quella bottiglia.



8. Patrick ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 03:23

Rossanna Frison e i soliti ridicoli commenti populisti basati sul nulla tanto per scrivere qualcosa e fingersi INDINNNNNNIATI: Ma che ne sapete voi della beneficenza che i personaggi pubblici fanno?
Che ne sapete di quanto quel compenso frutti alla Rai in termini di sponsor, personale assunto nei programmi, lavoro, responsabilità?
Vi sapete solo INDINNIARE perché nella vita vendereste vostra madre pur di arrivare a guadagnare anche solo un decimo di quella cifra.
Ebbene, chiedetevi una volta tanto il motivo per cui voi non ci siete riusciti, potreste stupirvi delle risposte.



9. Cugino ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 07:20

Vince! a me Fazio non fa impazzire per molti motivi ma poi tocca difenderlo per forza perchè qua sopra gli vengono mosse critiche che non si possono sentire.
D’accordo con te sulla grandezza della sua risposta, tutt’altro che “conciliante” come la definisce l’articolo.
La demagogia sullo stipendio di Fazio raffrontato a quello degli operai è urticante, ma gli italiani sono un popolo ben strano. Trovano scandaloso che una star della tv non guadagni quanto un operaio (cit. Sabato), ma poi non battono ciglio se a casa loro un idraulico per un’ora di lavoro prende quello che un operaio guadagna in dieci giorni, e non rilascia nemmeno la fattura.
Che poi gente che al governo ha condonato gli abusi edilizi di Ischia con il decreto Genova e che vuole mantenere il meridione con i redditi di cittadinanza critichi lo stipendio di Fazio …. beh, va beh. Ormai ci mancano solo il tribunale del popolo e la ghigliottina sotto il balcone di Di Maio.



10. Paolo ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 08:15

Ci si indigna per Fazio… ma per i calciatori mai. siamo un popolo di imbecilli: dateciil pallone,Belen e i Reality e siamo felici… poveri noi…



11. teoz ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 11:55

ancora con queste lamentele??? davvero vuol dire proprio non arrivarci… ok prendersela con Fazio per partito preso ma qui si parla di ritorni pubblicitari… che il governo non ci capesse nulla di economia era chiaro ma così diventa proprio evidente!
Facciamo così, per la teoria “paghiamo troppo” mettiamo un cachet fisso a 100′000 euro annui lordi ad artista RAI, tempo una stagione li troviamo piazzati tutti tra mediaset/discovery/la7 o a casa … poi andremo a vedere l’auditel, e come noi lo faranno i pubblicitari… poichè la RAI non campa di solo canone come molti credono i primi tagli saranno gli eventi olimpiadi/mondiali/champions ecc..no ma tranquilli il problema è Fazio!



12. carla ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 13:53

Io dico, se mettiamo a condurre uno sconosciuto o quasi, sicuramente lo pagheremo poco ma a livello di introiti pubblicitari il nulla
Paghiamo Fazio 20? Sicuramente ce ne tornano 40
Mettiamo a condurre un giornalista x cosa ci torna?



13. marco urli ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 14:23

Privatizzare la Rai lasciando solo Raiuno e RairadioUno allo Stato.
Fazio lo vedrei bene a LaF.



14. Nina ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 14:31

Grazie Di Maio. Grazie, grazie.



15. Nina ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 14:44

Patrick: benvenuto suddito.



16. Patrick ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 14:51

Carissima Nina, io non sono proprio suddito di nessuno, semplicemente cerco di migliorare me stesso e la mia vita, perché trovo frustrante e pietoso stare qui a criticare quelle altrui solo perché io non ci sono arrivato.

Ah, in ultimo, forse un politico dovrebbe preoccuparsi di questioni un pochino più serie dello stipendio di Fazio, o di capire come possa funzionare un mezzo televisivo,cosa di cui lui non sa evidentemente nulla.



17. PAOLO76 ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 15:13

Speriamo che finalmente si ponga fine a questa esagerazione…. Complimenti a Di Maio…. (non credevo di poter fare un complimento a Di Maio, ma questa volta quello che ha detto è sacrosanto)



18. Nina ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 16:45

Sono cose assurde! Chi si rifiuta di portare il cervello all’ammasso addirittura viene aggredito con male parole (da chi non capisce nemmeno Nanni Moretti). Tutto ciò fa il paio con la vicenda del povero Anastasio, reo di qualche Luke un po’ azzardato.



19. Socrate ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 19:58

Il grande Nanni Moretti, che ultimamente qualcuno qui sul blog cita ogni giorno (purtroppo a sproposito), in un suo vecchio film coniò la bellissima espressione “discorsi da autobus”, che è un pò l’equivalente di “discorsi da bar”, ma rende meglio l’idea. Ti sembra proprio di vederle, le vecchie comari con le borse della spesa che sedute sull’autobus si scambiano banalità intercalate da “dove andremo a finire signora mia”.
Ecco, in questo momento siamo governati da gente che, non avendo la più pallida idea di dove si cominci a guidare una Nazione, e non essendo in grado di dare la benchè minima soluzione ai problemi del paese, intrattiene il popolo bue con i discorsi da autobus. Lo stipendio di Fazio, i vitalizi, le pensioni d’oro, l’aereo di stato, i piloni delle autostrade (cit. Crozza). Ovvio che gente così rimpianga Giletti e Porro.



20. Nina ha scritto:

15 dicembre 2018 alle 20:33

Anche se involontariamente Socrate ha fatto un’autocritica perfetta: è da tempo che fico chevsiete delle comari.



21. ross ha scritto:

16 dicembre 2018 alle 00:24

Nina non stupisce mai, i suoi commenti sono a senso unico.
Fazio e la Rai sono il male assoluto e qualcosa da dire contro di loro la trova quasi sempre.
Se si ritiene che gli stipendi devono avere un massimo, perchè è indecente che ci sia tanta differenza tra gli stipendi massimi e quelli minimi dei lavoratori, deve valere per tutti, nel pubblico e nel privato, nello spettacolo, nel calcio, nelle aziende, nel parlamento, altrimenti è una giustizia sociale finta, solo una scusa per rimuovere chi non si allinea ai padroni di turno.



22. Socrate ha scritto:

16 dicembre 2018 alle 00:49

Nina questa cosa che vivi nascosta negli angoli bui del blog pronta a saltare istantaneamente fuori appena si nomina Fazio ha un che di inquietante, mi evoca Samara che esce dal televisore …



23. Nina ha scritto:

16 dicembre 2018 alle 15:02

Scorate: a me inquietano le tue fantasie.Prima ti sei lanciato/a con quella storia assurda sui nick che dovevano rappresantare qualcosa ora questa roba assurda.Una cosal’hai beccata ho lunghi capelli neri naturali.



24. Michele ha scritto:

17 dicembre 2018 alle 12:03

1. Di Maio non ha tirato fuori la questione Fazio per distrarre l’opinione pubblica dal suo operato. Gli è stata posta una domanda su Fazio e ha risposto, punto.

2. I costi di produzione del programma sono gonfiati.
Far produrre il programma dalla casa di produzione di Fazio(L’Officina) costa 18 milioni all’anno, 73 milioni in 4 anni. Produrre lo stesso programma in RAI costerebbe almeno 2 volte meno.
Inoltre, a causa dello share deludente, le previsioni su ricavi pubblicitari sono state riviste in ribasso, e pare che non ripagheranno i costi di produzione.

C’è un caso Fazio eccome. La RAI non può permettersi di sballare i conti per un milionario con la maglietta rossa sopravvalutato.
Produrre le puntate di Angela costa molto meno, i ricavi sono maggiori e i saldi sono positivi.



25. Angelo L. ha scritto:

18 dicembre 2018 alle 00:41

Di Maio non ha usato il caso Fazio per depistare l’opinione pubblica gli hanno fatto una domanda in commissione vigilanza e ha risposto.
In un’azienda pubblica si dovrebbero rispettare i tetti per i compensi.
Se la Rai riesce ad autoprodursi un programma meno costoso che fa lo stesso share o addirittura di più non vedo perchè strapagare Fazio.



26. Zio Enzo ha scritto:

18 dicembre 2018 alle 18:36

Grande Luigi questo Fabio STRAZIO deve sparire dalla Tv perchè oltre che noioso fà anche ascolti scadenti come il suo programma



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.