29
febbraio

BORIS E’ APPRODATO SU NETFLIX (ED E’ LA PRIMA FICTION ITALIANA A FARLO)

Boris

Dallo scorso venerdì 26 febbraio, Boris è entrata nel catalogo italiano di Netflix, diventando così la prima serie tv nostrana a comparire nell’offerta del servizio di streaming californiano. Al di là degli ostacoli per acquisire library di Rai e Mediaset, perchè Netflix ha scelto proprio Boris, una serie battezzata nel lontano 2007?

C’era una volta Boris, la “fuori serie” italiana

Iniziamo facendo mente locale. Ambientata sul set televisivo della fiction fittizia Gli occhi del cuore, Boris racconta con piglio satirico ed autocritico la vita dietro le quinte delle produzioni italiane attraverso gli occhi del giovane stagista Alessandro, alias Alessandro Tiberi (attualmente in video con Tutto può succedere). E’ celebre, a tal proposito, una battuta del finto regista della serie René Ferretti, interpretato da Francesco Pannofino, “Signori io mi scuso con tutti voi, ma questa fiction è veramente tremenda.“. Oltre a Pannofino, hanno preso parte alle riprese molti noti attori del piccolo e grande schermo, fra cui Pietro Sermonti (anche lui in Tutto può succedere), Caterina Guzzanti, Antonio Catania, Carolina Crescentini, Ninni Bruschetta e Paolo Calabresi. La serie nasce da un’idea di Luca Manzi, prodotta poi dalla Wilder per Fox. Boris rimane in produzione dal 2007 al 2010, tempo in cui si realizzano tre stagioni da 14 episodi della durata di 25 minuti ciascuno. La fiction con protagonista Tiberi rimane in esclusiva per gli utenti della pay tv fino al 2009, quando arriva in chiaro su Cielo ed in seguito su Rai3. Il quarto appuntamento con Boris lo si è avuto attraverso la trasposizione cinematografica del 2011.

Boris nel corso delle sue tre stagioni ha ricevuto buoni commenti di critica e pubblico, senza però conquistare mai del tutto i cuori degli italiani. La scelta di investire su Boris, una serie di quasi 10 anni fa e chiusa alla terza edizione, da parte di Netflix potrebbe apparire irragionevole, eppure l’azzardo potrebbe essere ben calibrato. Boris, infatti, si presenta in quasi perfetta linea stilistica con le proposte del catalogo dell’azienda di Reed Hastings, lontano dalle commedie all’italiana o dai mistery con la tonaca tanto amati dal pubblico della generalista. Inoltre, la fiction ambientata sul set de Gli occhi del cuore è molta vicina al gusto internazionale, con un contenuto non rasserenante, un linguaggio non politically correct ed una realizzazione non convenzionale. Netlix potrebbe essere la casa più adatta per Boris, quella in grado di dargli l’accoglienza desiderata, tuttavia, i dubbi non mancano, perchè accedere a Netflix per fruire di una serie disponibile altrove, più volte trasmessa in tv, datata, in qualche modo archiviata e nemmeno così tanto conosciuta dal pubblico italiano?

Certamente il 26 febbraio rimarrà per Netflix Italia un giorno importante, quello dell’approdo in catalogo della prima serie tv nazionale. Tutto ciò è ad oggi un primo test per miscelarsi con il territorio ed affacciarsi su di un nuovo terreno, riproponendo agli italiani contenuti fatti in casa. Boris conquisterà Netflix? E voi, quale serie tv italiana – questioni di diritti a parte – vorreste vedere su Netflix?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sky Go, Netflix tv on demand
Sky Go, Premium Play e Netflix anche all’estero: l’Europa abolisce il geoblocking


Pedro Almodovar, Will Smith
Cannes, Netflix divide la giuria. Almodovar polemizza, dal 2018 in gara solo film per le sale


Katherine-Langford-Tredici
Tredici: seconda stagione per il teen drama che ha diviso l’opinione pubblica


Sense 8 - 16
Sense 8: la seconda stagione parla italiano con Valeria Bilello

16 Commenti dei lettori »

1. Alex ha scritto:

1 marzo 2016 alle 21:02

Io, come tantissimi altri fan del’evento FB ‘SALVIAMO IL TREDICESIMO APOSTOLO’ vorremmo su Netflix ‘Il XIII Apostolo’!!!! Se Netflix potesse comprare da TAODUE i diritti, potrebbe produrre l’ultimo capitolo della trilogia e trasmetterla sulla piattaforma! Gli abbonamenti, secondo me, non mancheranno!!
#salviamoilXIIIApostolo



2. MARIA ha scritto:

1 marzo 2016 alle 22:20

Ciao.Io come tanti altri fan la serie italiana che voglio vedere su netflix è il XIII APOSTOLO,una bellissima e avvincente fiction sul paranormale. Se netflix acquistasse la serie per realizzare l’ultimo capitolo,avrebbe un boom di abbonamenti. NETFLIX ASCOLTACI.
#SALVIAMOILXIIIAPOSTOLO
# SALVALONETFLIX



3. Elisabetta ha scritto:

1 marzo 2016 alle 22:49

Come fan del XIII° APOSTOLO,m piacerebbecdavveto se Netlix,acquistasse i diritti.



4. Elisabetta ha scritto:

1 marzo 2016 alle 22:55

Betty.
Sicuramente il XIII° APOSTOLO.
Se Netflix acquistasse i diritti da TaoDue e desse finalmente un’epica terza ed ultima serie a questa trilogia avvincente



5. Annamaria ha scritto:

2 marzo 2016 alle 16:12

Senza dubbio IL TREDICESIMO APOSTOLO merita di essere salvato….siamo in tanti a desiderare la terza parte e a chiedere alla Netflix di acquistare i diritti della serie #salviamoilXIIIApostolo #salvaloNetflix



6. Palmira ha scritto:

2 marzo 2016 alle 16:58

Il Tredicesimo Apostolo!
E di fatto l’abbiamo chiesto, sotto questo post di Netflix ci sono oltre 300 commenti in cui i fan chiedono a Netflix di acquistare e produrre la serie!
https://www.facebook.com/netflixitalia/videos/1004036876308284/?hc_location=ufi



7. Connie ha scritto:

2 marzo 2016 alle 17:05

Anche io spero nel “miracolo” di vedere il Tredicesimo Apostolo approdare su Netflix e magari con la 3 serie conclusiva. È la migliore serie TV italiana, ma, ovviamente, da noi le cose più belle non hanno il riscontro dovuto! Speriamo sempre in un acquisto da parte del network.



8. AURA5 ha scritto:

2 marzo 2016 alle 23:52

Vorrei vedere Il tredicesimo apostolo,prima, seconda e possibilmente…terza stagione, già scritta ma mai realizzata.E’ una serie affascinante al pari di quelle prodotte da Netflix, e troverebbe di certo innumerevoli estimatori.



9. Squirrel ha scritto:

3 marzo 2016 alle 17:19

E come non chiedere la nuova serie del XIII Apostolo.
Una storia magica, cast fantastico, una fotografia eccezionale e poi e da troppo che lo stiamo chiedendo a tutti. La terza serie è già scritta. Rivediamo le prime due e una sorprendente terza serie. E che GABRIEL ANTINORI sia con noi. VOGLIAMO A GRAN VOCE IL XIII APOSTOLO.

facebook.com/netflixitalia/videos/1004036876308284/?hc_location=ufi



10. Giulio ha scritto:

5 marzo 2016 alle 12:36

Ovviamente il Tredicesimo Apostolo! Sarebbe perfetta per Netflix!



11. Roberta ha scritto:

5 marzo 2016 alle 12:57

Io vorrei assolutamente il XIII apostolo…sono una grande fan mi piacerebbe che netflix ci venga incontro mettendo in onda la 3 serie,da avere almeno la trilogia completata e una gran bella fiction sugli schermi. #salviamoilXIIIApostolo
#netflixaiutaci
#davidemaggio



12. Domenica ha scritto:

5 marzo 2016 alle 16:38

Vorrei il XIII Apostolo ! E’ una serie che merita di continuare !



13. ConnieP ha scritto:

5 marzo 2016 alle 17:04

L’unica serie che sembra fatta apposta per Netflix è Il XIII° Apostolo. Spero ancora nel miracolo! #salviamoilXIIIApostolo



14. Serena ha scritto:

5 marzo 2016 alle 19:09

La serie che mi piacerebbe vedere su Netflix è “Il XIII Apostolo” perchè è una serie che merita. La trama e i personaggi sono particolari ed interessanti.
In Netflix we trust!



15. Maria ha scritto:

5 marzo 2016 alle 22:30

La serie italiana che voglio su Netflix è il Tredicesimo apostolo. Vi prego siamo in tantissimi a volere questa fiction bellissima e mozzafiato. VOGLIAMO LA TERZA SERIE.
#SALVIAMOILXIIIAPOSTOLO



16. Sara ha scritto:

11 marzo 2016 alle 00:24

Nessuno nel panorama delle serie italiane è adatto come “Il Tredicesimo Apostolo”, perfettamente in grado di reggere il confronto (in certi casi, persino superare) con le varie serie oltreoceano dell’immenso catalogo Netflix.
#salviamoilXIIIApostolo #salvaloNetflix



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.