1
novembre

PINOCCHIO: UNA SUPER FIABA PRONTA A CONTRASTARE IL GRANDE FRATELLO

Pinocchio (Luciana Littizzetto)

Stasera e domani, in prima serata, Raiuno si affida nuovamente alla fiction. E lo farà con una delle fiabe più famose e apprezzate dal grande pubblico: Pinocchio. La storia di un burattino che voleva diventare bambino (e figlio), la storia di un falegname che voleva imparare ad essere padre, e poi le bugie, gli ostacoli, i sentimenti e la redenzione. A 37 anni dal capolavoro di Comencini, con Nino Manfredi nei panni di Geppetto, Lux Vide e Power ritornano con una fiction “di punta” per la stagione Rai, schierando un cast stellare.

Bob Hoskins nel ruolo che fu di Manfredi, e il giovanissimo e bravissimo Robbie Kay nei panni di Pinocchio. Non mancano però molti volti noti del panorama italiano; su tutti: Luciana Littizzetto nelle verdi vesti del Grillo Parlante, Margherita Buy (La Maestra), Violante Placido nei panni della Fata Turchina (questa volta un pò più sexy e dispettosa rispetto alla tradizione), e Alessandro Gassman, nel ruolo di Carlo Collodi.  Tra gli altri vanno inoltre ricordati: Thomas Sangster (Lucignolo), Toni Bertorelli (la Volpe), Francesco Pannofino (il Gatto), Maurizio Donadoni (Mangiafuoco), Wenanty Nosul (l’Editore)  e Joss Ackland (nel ruolo di Mastrociliegia).

Interamente girata in inglese per la gioia della Littizzetto (“Il mio inglese è assurdo e incomprensibile, il protagonista Robbie Kay, mi guardava e gli facevo tenerezza, si vedeva che voleva aiutarmi. Morale, correvo per i boschi con le ghette e le antenne, rincorrendo un ragazzino e parlando una lingua ignota“), la fiction avrà un difficile compito: contrastare, negli ascolti e nella filosofia, la “corazzata Grande Fratello” (domani alla sua seconda puntata, probabilmente dedicata all’ingresso del trans di cui vi abbiamo svelato, in anteprima, l’identità).

Una storia didascalica quella di Pinocchio, in cui ad ogni azione del protagonista corrisponde una conseguenza, nel bene e nel male. La fiction (che avrà anche una sua versione cinematografica) richiama metaforicamente molte tematiche attuali: la speranza dei facili guadagni quando il burattino seppellisce gli Zecchini, l’illusione di una vita facile (il Paese dei Balocchi) in cui però, poi, tutti i bambini diventano asini, le difficoltà dei rapporti genitori-figli.

Pinocchio si ripropone di dare ai giovani e meno giovani telespettatori, uno squarcio di realtà quanto mai reale. “C’è più realtà in Pinocchio, che nei reality in cui la vita vera non c’è“, chiosa Ettore Bernabei (numero uno di Lux Vide): chissà se il pubblico gli darà ascolto e premierà la qualità di questa serie, oppure preferirà assecondare la sua vena curiosa e un pò voyeristica,  tornando a sbirciare tra le mura della “Casa”  di Cinecittà.



Articoli che potrebbero interessarti


Rai Fiction, primavera
GRADITI RITORNI E PIACEVOLI SORPRESE: TUTTE LE NOVITA’ DELLA FICTION RAI DI PRIMAVERA


PINOCCHIO: UNA SUPER FIABA PRONTA A CONTRASTARE IL GRANDE FRATELLO
GRANDE SUCCESSO PER LA FICTION DI RAIUNO: NEL 2009 LO SHARE SFIORA IL 26%, GRAZIE A UN MEDICO IN FAMIGLIA E DON MATTEO. SODDISFAZIONE DI DEL NOCE


Alessio Boni - La Strada di Casa 2
Rai 1 a tutta fiction: al via Un Passo dal Cielo 5, La Strada di Casa 2 e Imma Tataranni


Alessio Boni
Palinsesti Rai 2019/2020: le fiction

16 Commenti dei lettori »

1. Mauro ha scritto:

1 novembre 2009 alle 19:57

Io stasera vedro’ Pinocchio…domani ne riparleremo x un giudizio..



2. Pasquale Orlando ha scritto:

1 novembre 2009 alle 20:10

@mauro: ti aspettiamo! Credo che Pinocchio sia davvero un buon prodotto



3. Ignazio ha scritto:

1 novembre 2009 alle 20:16

Adoro la Litty! Lo vedrò sicuramente.
Non sapevo ci fosse pure la Buy… ottimo!



4. luigino ha scritto:

1 novembre 2009 alle 20:35

beh non voglio parlare prima div vedere… anche le “segretarie” avevano un cast stellare eppure erano decisamente inguardabili. la trama di pinocchio, secondo me, cade un po’ nella ripetitività,vediamo se gli autori sono stati capace di scongiurarla. Speriamo bene.



5. Daniele Pasquini ha scritto:

1 novembre 2009 alle 22:03

Oh santo cielo che doppiaggio…



6. luigino ha scritto:

1 novembre 2009 alle 22:52

bleah non mi piace… poi il bravissimo Robbie Key? ma se recita malissimo! pinocchio è già noiosino di suo,già Benigni ha stentato a rendere “interessante” questa storia, figuriamoci questa fiction da quattro soldi. brutta brutta!



7. Mauro ha scritto:

1 novembre 2009 alle 22:59

è un po’ noiosa…La Littizzetto è un pesce fuor d’acqua…il resto è troppo lento epoco incalzante…



8. max ha scritto:

1 novembre 2009 alle 23:38

pinocchio troppo diverso dalla favola originale per trama e ambientazione. Perde tutto il fascino della favola di pinocchio. E’ una interpretazione che non apprezzo. Leggere il libro…. 1000 volte più emozionante.



9. Iooi ha scritto:

2 novembre 2009 alle 00:31

Pinocchio….
Troppo lento…
Il fatto Dell doppiaggio nn funziona…
Avrà fatto poki ascolti… E se nn li ha fatti stasera li fara domani…
Ho visto di Meglio!!!



10. Antonio G. ha scritto:

2 novembre 2009 alle 01:48

orrendo PINOCCHIO!!!
ho visto i primi 30 minuti perchè mi son sforzato di reggere a continuare a vederlo…orrendo in tutto…musiche di sottofondo e colonna sonora inesistente, scritto male, manca completamente la poesia che in una favola ci deve essere, lento anzi lentissimo e noioso…davvero soporifero…
VOTO: 2!!!

chi ha avuto il coraggio di vederlo fino alla fine (secondo me domendo davanti alla tv) non lo guaderà domani…
quindi strada spianata per GRANDE FRATELLO che replicherà di sicuro il successo della prima puntata!!!

ciao
Antonio



11. Davide Maggio ha scritto:

2 novembre 2009 alle 02:22

Vedo un entusiasmo alle stelle! :-)



12. riflettendo ha scritto:

2 novembre 2009 alle 02:27

Di fronte a roba del genere l’unica domanda è: perchè?
Direi che il grande fratello può stare tranquillo.



13. intigo ha scritto:

2 novembre 2009 alle 09:51

L’idea di base è sicuramente buona, ma il ritmo è lento e il doppiaggio pessimo (forse il più brutto degli ultimi tempi).
Non basta Bob Hoskins, Alessandro Gassman e Margherita Buy (solo per citarne alcuni di noti) a rendere questa trasposizione di Pinocchio godibile.

E poi la computer grafica per i movimenti di pinocchio e dei burattini era veramente economica…spendeteli due soldi in più :-)



14. PIETRO ha scritto:

2 novembre 2009 alle 10:02

Non ho notato tutta questa negatività a parte la Littizzetto, comica per forza anche qui mentre non era il caso, e il doppiaggio che ha delle lacune.
Bella l’ambientazione,i costumi,bravi gli attori in modo particolare il gatto e la volpe..messaggio semplice,chiaro e immediato…a me è piaciuto..c’è molto, ma molto di peggio in circolazione, in primis il “piccolo” ma molto “piccolo” fratello!



15. Elisa ha scritto:

2 novembre 2009 alle 22:06

A me è piaciuto! Sicuramente MOLTO meglio di quel pollaio del “Grande Fratello”…poi ognuno ha le sue opinioni, quindi è inutile cercare di far cambiare idea =)))
Lo seguirò (lo sto già seguendo) anche stasera.



16. Emiliano ha scritto:

3 novembre 2009 alle 12:34

Premetto, non sopporto il GF, ho visto solo la prima stagione, per la novità.
Cmq forse era meglio il GF di questo “Pinocchio”
Non voglio essere troppo negativo, ma non mi è piaciuto per niente, sotto molti aspetti. Io ne ho visto solo la fine Domenica sera e un pezzo della seconda puntata.. veramente non riuscivo a guardarlo.
Doppiaggio brutto e furi sincronizzazione in molti casi, personaggi fuor d’acqua, effetti speciali “fatti in casa”. Va be, peccato perchè mi aspettavo qualcosa di bello. Interessante partire da Collodi, ma sviluppato male. Mio modesto parere di ignorante, ma vedo che sono in linea con la maggioranza dei post.
Gli attori presi di per se mi piacciono, hanno fatto cose carine da soli in altre produzioni, qui veramente no.
Peccato veramente… la Rai poteva spendere qualche soldo in più… visto che paghiamo anche il canone … oppure poteva spenderli in altre cose (se proprio deve spendere hehe)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.