28
ottobre

CHE TEMPO CHE FA: LUCIANA LITTIZETTO COMMENTA A SUO MODO IL CASO MARRAZZO

Non metto più la mano sul fuoco su nessuno, le mani le metto una davanti e una di dietro. L’unico di cui ormai mi fido è Napisan.

Non poteva non essere pungente l’orazione domenicale di Luciana Littizzetto, ritornata a Che tempo che fa dopo una breve pausa a causa dell’impegno sul set con Veronesi, a commento della spinosa cronaca settimanale. Non c’è mai la citazione diretta di Marrazzo, ultimo uomo degli scandali, ma tutte le frecciatine incrociate vanno a finire sempre lì.

La pruderie del trans spopola tra la gente (e il Grande Fratello ha dimostrato di averlo capito benissimo) e quindi quale miglior argomento per la cara Lucianina per imbastire uno dei consueti pamphlet irriverenti sull’attualità bizzarra. La sua amara rassegnazione al fatto che solo il presidente della Repubblica sia ormai custode indiscutibile della moralità, è pero molto eloquente del malumore popolare. La comica torinese confessa sconsolata che anche Barba Papà ha perso la sua integrità morale, facendosi cogliere in flagrante con il Gabibbo.

Il monologo è come sempre brillante: si va dalla parodia del più bella che intelligente, che adattato a Fazio diventa più bello che pirla, al sospetto divertente che anche l’angelico Fabio nasconda qualche scheletro nell’armadio dopo un presunto avvistamento di ciabatte rosa da coquette nel suo camerino. Tutto il clamore di questa attualità escortcentrica è un invito a nozze per le metafore ardite della piccola comica sagace.

Ma le bordatine non finiscono qui e la satira cade anche sulla diatriba del posto fisso definito una torronata inutile, un parlare di maionese quando non c’è ancora nemmeno il pesce o di shampoo per i calvi. C’è spazio anche per un suo originalissimo papello che prevede l’asportazione della frangia a Fazio, un camerino più grande, degli ospiti maschili più fighi (tronchi di pino come li apostrofa lei) nelle puntate che la ospitano.

Immancabile poi la notizia baggiana, ovviamente a sfondo sessuale: uno studioso, tale Squirrell, avrebbe infatti scoperto che un uomo su tre soffre di velocità, cosa poco positiva però perché si tratta della permanenza in loco, come la chiama la Littizzetto, che poi estende la considerazione al dramma per il mondo femminile nell’avere amanti troppo poco ritardatanti, ed eccesivamente adsl. Il solito filone che partendo dai suoi celebri romanzi neofemministi, tipo Sola come un gambo di sedano, l’ha resa una sortà di autorità morale per le donne italiane ma anche per molti telespettatori in genere che non si perdono mai il suo piccolo show domenicale, come per i migliori appuntamenti imperdibili.



Articoli che potrebbero interessarti


Che Tempo Che Fa
Che Tempo Che Fa torna con Littizzetto al posto di Fazio


Fabio Fazio, Luciana Littizzetto, Filippa Lagerback
Che tempo che fa, Tiziana Ferrario contro Fazio: «Tv maschilista con valletta semimuta e bruttina intelligente»


Che tempo che fa
Che tempo che fa, Luciana Littizzetto imita Morgan – Video


Fabio Fazio e Luciana Littizzetto
Che Tempo Che Fa, tutti gli ospiti dell’esordio. Littizzetto: «Su Rai 2 mi scatenerò»

5 Commenti dei lettori »

1. giulia ha scritto:

28 ottobre 2009 alle 12:06

Anch’io ormai non metto più la mano sul fuoco per nessuno : in verità Marrazzo era, se non l’ultima, la penultima persona dalla quale mi sarei aspettata uno scheletrix ( e che scheletrix! ) nell’armadio. :(



2. Cristian Tracà ha scritto:

28 ottobre 2009 alle 12:46

è di quelle classiche notizie che non ti aspetti……del resto forse solo in una vita troppo normale e precisa può scattare qualcosa di così estremo…



3. giulia ha scritto:

28 ottobre 2009 alle 13:49

Cristian Tracà :
Marrazzo mi sembra infatti una brava persona ed io mi chiedo con la massima disponibilità di comprensione. cosa possa subentrare a volte nella vita di un uomo. Qualche giorno fa ho citato il libro della Mazzantini , Non ti muovere : quando l’ho letto qualche anno fa la storia mi sembrò surreale ma la genialità di uno scrittore è sicuramente la capacità di sondare meglio di altri l’animo umano e riuscire a decodificarne le pulsioni.



[...] Grande attesa per la puntata di domani sera di AnnoZero, che avra’ come fil rouge la politica transvanguardistica (nel senso di trans all’avanguardia). Michele Santoro, alla ricerca di un alto share per alimentare il suo stipendio (il giornalista, non dimentichiamolo, percepisce una parte di stipendio a provvigione in relazione agli ascolti che la puntata totalizza) non poteva lasciarsi sfuggire uno speciale a 360 gradi sulla vicenda dell’ex governatore Marrazzo. [...]



5. sirio ha scritto:

28 ottobre 2009 alle 22:44

ma quant è brava la lucianina? ormai è un’autorità veramente. E’stata l’unica spesso a segnalare delle decisioni poco condividibili della Chiesa e non ha avuto remore a cantarle a tutti, qualunque fosse il loro colore



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.