15
luglio

MADE IN SUD: GLI ARTETECA DALLA TV AL CINEMA CON “VITA, CUORE, BATTITO”

Arteteca

Arteteca

Made in Sud si avvia a diventare il nuovo Zelig della tv italiana, e proprio come avvenuto per lo show comico di Mediaset, anche il programma di Rai 2 è pronto a fare il grande passo, quello dal piccolo al grande schermo: sono infatti in atto in questi giorni tra Napoli e Barcellona le riprese del film Vita, cuore, battito che avrà per protagonista il duo comico formato da Monica Lima ed Enzo Iuppariello, ovvero Gli Arteteca.

Vita, cuore, battito: il film degli Arteteca di Made in Sud

Gli appassionati di Made in Sud li conoscono molto bene, soprattutto riconoscono Monica, il suo ciuffo e il tormentone “Aggiù spaccat cu stu shatush!“. E se non capite cosa significa non importa, probabilmente è un effetto voluto: l’ultima performance dei due attori, portata in video nell’ultima edizione, è quella che li vede trasformati in due “tamarri” napoletani sopra le righe. Ma di personaggi ne hanno fatti conoscere al pubblico anche molti altri.

Sono stati una coppia che si è conosciuta in chat, con tutti i fraintendimenti del caso; hanno impersonato dei ragazzi totalmente dipendenti dai social network nonché una coppia di neo sposini nel giorno delle loro nozze. E nei loro dialoghi talvolta surreali sui problemi dei giovani di oggi sono un marchio di fabbrica gli appellativi con i quali lei si rivolge a lui: vita, cuore, battito. Parole che danno il titolo al film, diretto da Sergio Colabona per la Tunnel Produzione Srl, di cui vi anticipiamo la trama molto metatelevisiva.

Vita, cuore, battito: la trama

Enzo e Monica sono due fidanzati trentenni della periferia di Napoli che conducono una vita fatta di routine e sistematica regolarità. Enzo insieme al suo datore di lavoro vince al clandestino un terno a lotto: un viaggio culturale. Enzo e Monica partono per il loro viaggio ma le difficoltà non si fanno attendere. Sono continuamente due pesci fuor d’acqua, la loro semplicità e, soprattutto, la loro ignoranza vanno continuamente in contrasto con il contesto in cui si trovano. Ma il loro ritorno a Napoli non sarà un ritorno alla routine. Infatti il loro non era un viaggio derivato dalla casualità: ogni loro movimento era stato registrato da telecamere; un vero e proprio reality, ideato per uno studio antropologico. In particolare per studiare il comportamento e le reazioni di persone che si trovano in un ambiente a loro sconosciuto e in un contesto totalmente inadeguato alla loro cultura e ceto sociale. E’ inevitabile che non appena le avventure di Enzo e Monica vanno in onda in prima serata sconvolgono radicalmente la loro vita. Diventano delle vere e proprio star. Come capita spesso ai partecipanti di reality, ad essere sconvolta non sarà soltanto la loro vita, ma soprattutto la loro umanità, subendo inoltre la totale perdita della realtà.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


trio d'italia
I comici di Made in Sud 2017 (new entry e gruppi)


Paola Perego
Paola Perego colpita e affondata. La Rai stoppa la sua ospitata a Made in Sud


Eurovision Song Contest Gabbani
Pagelle TV della Settimana, 8-14 Maggio 2017. Promosso l’Eurovision Song Contest, bocciata Radio Rai che non ne ha trasmesso le semifinali


Gigi D'Alessio
Made in Sud, Gigi D’Alessio: «Non posso essere accusato di flop [...] il programma lo stavano chiudendo». Ecco la verità sull’addio di Gigi & Ross

7 Commenti dei lettori »

1. ciak ha scritto:

15 luglio 2015 alle 13:46

loro sono bravi.
spero per entrambi che il film vada bene… anche se mi ricorda qualcosa del FILM REALITY



2. Stono2746 ha scritto:

15 luglio 2015 alle 14:08

CHI SAREBBERO COSTORO?!?!?! Comunquebnon potrebbero mai fare lo stesso successo di Checco Zalone.



3. xxxxx ha scritto:

15 luglio 2015 alle 15:41

Del film di Pino & gli Anticorpi si sa qualcosa?



4. ellis ha scritto:

15 luglio 2015 alle 15:51

molto bravi e divertenti (non e’ che se uno non li ha visti a made in sud debbano x forza essere degli sconosciuti).
ritengo che possano avere la loro parte di successo senza paragoni…c’e’ spazio x tutti purtroppo o x fortuna…



5. Gianni ha scritto:

15 luglio 2015 alle 23:13

Fiasco annunciato come quello di quasi tutti gli altri comici di secondo piano che hanno miracolosamente ottenuto un film. Basti dire Johnny Groove!

Fiasco totale tranne che in Campania ovviamente. Lì verrà celebrato come capolavoro assoluto della cinematografia. Non perchè lo pensino veramente ma solo perchè hanno uno spirito campanilistico tale da andarsi a vedere il film 10 volte solo per promuovere qualcosa di napoletano.

Hanno già salvato quella roba atroce chiamata Made in Sud dall’oblio che gli spetta. Hanno creato altri fenomeni inspiegabili come D’Alessio. Insomma i napoletani ci si mettono con impegno a promuovere Napoli. E’ tutto molto bello ma almeno promuovessero gente che merita che ci guadagnamo anche noi non di Napoli e dintorni!



6. Vincenzo ha scritto:

9 novembre 2015 alle 19:13

Sarà un flop e sicuramente le sale dei cinema saranno tutte scelte accuratamente al Sud ed in determinati quartieri…
Che fastidio quando delle persone della loro età 35/40 anni si mettono a parlare e “ragionare” peggio dei bambini di 3 anni, ormai non fanno più ridere nessuno.



7. marisa castelli ha scritto:

30 marzo 2016 alle 16:22

ho letto i commenti precedenti, sanno di snosbismo allo stato puro. chiunque va a vederlo sa che non è Pasolini, ma avrà le sue motivazioni.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.