10
novembre

IL MINISTERO DEGLI INTERNI VIETA L’USO DELLE ARMI IN SCENA. SET DELLE FICTION BLOCCATI

"Pulp" Fiction

Aggiornamento di martedì 11 novembre 2014: Il Consiglio dei Ministri ha prorogato i termini di scadenza per l’adeguamento tecnico delle armi di scena sui set al 31 dicembre 2015.

Salvo Montalbano usa la pistola solo se necessario e il vicequestore Domenico Calcaterra ha trovato modi più piacevoli e meno cruenti per fronteggiare la malavita, ovvero andare a letto con tutte le sue esponenti. Ma che Tonio Fortebracci possa affrontare i suoi tanti nemici sparandogli contro bolle di sapone è un’ipotesi alquanto improbabile. Eppure, potrebbe non restargli molta scelta.

Blocco dei set in Italia

Come comunica l’Anica – Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali – una direttiva del Ministero degli Interni vieta infatti l’uso di armi di scena sui set cinematografici italiani, sui quali non sarà dunque più possibile girare scene d’azione poliziesche o violente a meno di omettere le armi e, dunque, cadere nel ridicolo. Cosa, questa, che crea un grosso problema ai tanti set attualmente attivi nel nostro paese.

“A partire da oggi ogni fornitura di armi ad uso scenico si ferma, e con essa si fermano tutti i set cinematografici e di fiction d’azione. Le perdite economico/produttive che ne deriveranno al settore si annunciano ingenti. Gli sforzi delle Film Commission, e le finalità delle politiche di incentivazione, volte ad attrarre sul territorio del nostro Paese le produzioni cine audiovisive d’azione, saranno vanificate. Tutto ciò a causa della Legge che regolamenta la detenzione e l’uso delle armi a uso scenico, che ne stabilisce i requisiti tecnici e che indica le procedure per il relativo riconoscimento, ma con norme tecnicamente opinabili, oggettivamente inapplicabili e per di più con termini di attuazione perentori giunti oggi a scadenza. Al momento siamo arrivati solo alla mera stesura, da parte dei competenti Dicasteri, di un testo contenente la proroga dei termini, ma fermo da un mese nel suo iter promulgativo. Risultato: stop alle attività, stop allo sviluppo, stop all’occupazione, stop alla competitività. Il passo del gambero”.

I motivi del “blocco delle armi” sui set italiani

La notizia coinvolge alcune delle case di produzione più importanti per la serialità italiana che, se escludiamo il “fronte religioso” composto da Don Matteo e Che Dio ci aiuti, vive in gran parte di titoli polizieschi - vedi Squadra antimafia o Il Commissario Montalbano, giusto per citarne un paio – e di racconti di malavita come Gomorra – La Serie e i prodotti a marchio Ares, nei quali le armi la fanno da padrone.

Ma da cosa nasce questo stop? A spiegarlo dalle pagine del Corriere è Pietro Valsecchi, numero uno di Taodue.

“Come accade in tutta Europa (sui set, ndDM) si spara con armi vere, modificate ovviamente. Le stesse fabbriche d’armi applicavano le modifiche necessarie affinché le pallottole non potessero uscire dalla canna. E certificavano che la pistola sparava a salve. Da qualche tempo una commissione del Ministero degli Interni stava lavorando per cambiare le cose. Che sono appunto cambiate da venerdì. Ma secondo le armerie queste nuove modifiche non vanno bene e dunque le armi non possono essere certificate. Da qui il blocco totale”.

Stop alle armi sui set: si dovrà girare all’estero?

Né Mediaset né Rai possono però fare a meno delle fiction d’azione, foriere di grandi successi auditel. E dunque, se le cose non dovessero cambiare, bisognerà spostare i set all’estero, il che significherebbe perdita di denaro e indotto per il nostro Paese e per il settore dello spettacolo che è già in affanno. Oppure, per semplificare le cose, si potrebbero usare armi giocattolo, a discapito però della verosimiglianza e dell’intensità delle scene, come spiega sempre Valsecchi affermando che è “una questione anche di peso, del rapporto che l’attore/gangster/killer instaura in quel momento con l’arma. Con il giocattolo non si crea”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


don-matteo
BOOM! Rai 1 pensa alla fiction per il sabato sera (contro C’è Posta Per Te)


Sirene
Sirene: Rai 1 rischia grosso e si dà al fantasy


Dario Franceschini
Riforma Franceschini, approvato il decreto su film e fiction italiane in TV. Contrari i broadcaster (a ragione!): «Imposizioni insostenibili e ricadute drammatiche»


Federica Citarella ieri
Come sono diventati i bambini della fiction italiana – Foto

9 Commenti dei lettori »

1. Marco89 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 12:09

Ma si’, tanto le cose in Italia vanno talmente bene che ci si puo’ permettere di andare all’estero riducendo ancora di piu` le entrate in Italia e togliendo posti di lavoro alle poche persone che ancora lavorano. Andranno in Albania che adesso va tanto di moda o nei vicini paesi dell’ est Europa. Cose difficili da credere.
Ormai qua ci propineranno solo suore e preti e il paese andra` alla grande.



2. Michele87 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 12:39

Benissimo, dai si togliamo pure le fiction poliziesche e crime, le uniche decenti che si fanno ancora in questo Paese, facciamo solo telenovelas di serie Z stile Il segreto, agiografie per vecchie e le solite cavolate inamidate tipo Un medico in famiglia, Don Matteo, Che Dio ci aiuti ed Un’altra vita…. Senza parole proprio…

Vogliono far passare l’idea che in Italia queste cose non esistano, che il massimo dei problemi siano storielle di corna, truffe e furtarelli, quando nella realtà c’è un omicidio ogni tre giorni……



3. Groove ha scritto:

10 novembre 2014 alle 12:49

Che schifo!!! Non ho parole il Governo dovrebbe pensare a cose molto più importanti, senza dimenticare il fatto che così aumenterá ancora di più la disoccupazione!!! Davvero pazzesco, ci sorbiremo solo Suore e Preti, Mediaset di sicuro avrá maggiori problemi, ma anche la Rai senza Montalbano come fará?



4. Simone ha scritto:

10 novembre 2014 alle 13:36

Le bestialità che solo in Italia si possono vedere, il problema è che il divieto blocca non solo le fiction come SAM e affini che comunque sono quello che sono, ma impediscono di fare fiction più impegnate aventi come ambientazione la guerre attuali e passate, il terrorismo etc, etc.



5. momon ha scritto:

10 novembre 2014 alle 13:42

Come sempre un italia se non ci rendiamo ridicoli non siamo contenti….che senso ha?? Non c’è una motivazione valida per stoppare l’uso delle armi in un set….l’unica conseguenza sera quella che i set dovranno spostarsi e si perderanno altri posti di lavoro….ridicoli….



6. JB007 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 13:51

Ma poi che cazzo glie ne frega al ministro degli interni se nei film si usano armi vere modificate e meno, comunque se non cambia niente addio riprese di Bond 24 a Rome e Inferno a Firenze. Sempre piú leggi stronze in Italia.



7. JB007 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 14:08

La differenza tra l’Italia e il resto del mondo, in Italia si fermano tutti i set dove sono presenti le armi da fuoco in Inghilterra lo stato stanzia 340 milioni per l’ampliamento dei Pinewood Studios ha ha haaa



8. Rezon ha scritto:

10 novembre 2014 alle 14:46

sì vede che in Italia sono più importanti “le lettiere per attutire lo sforzo dei sogni dei cani” (a quanto pare, servizio di ieri del TG5)



9. Andrew ha scritto:

10 novembre 2014 alle 20:28

In Italia il nostro governo non sa proprio come riempire le giornate… Già mi ci vedo a girare serie come “Gomorra” col fucile di Spongebob! Ma che cavolo gli passa per la testa a questi? Che problema gli usava l’uso di armi “reali” (che poi reali reali non sono, come è scritto nell’articolo…). Intanto facciamo spostare anche i set all’estero, tanto da noi il lavoro ci avanza!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.