19
giugno

MARIA PIA AMMIRATI A DM: ANNO FATICOSO. GRANDI FATTI DI CRONACA E UN BUON RACCONTO SONO IL NOSTRO ‘SEGRETO’. CON LIORNI E PARODI…

Maria Pia Ammirati

Maria Pia Ammirati

Identificato il presunto assassino di Yara Gambirasio, il contenitore pomeridiano di Rai 1, trattando l’argomento, guadagna punti di share e tocca il 19%. Un risultato che fa riflettere e che abbiamo voluto commentare con Maria Pia Ammirati, Vice Direttore di Rai 1 con delega al day time. E il commento ai dati d’ascolto è uno spunto per una chiacchierata a 360 gradi che ha riservato non poche sorprese…

Ti chiedevo un commento sul 19% di Estate in Diretta. La cronaca nera è la gallina dalle uova d’oro dei talk show?

La cronaca non è mai un peccato, un tabù o qualcosa che non si debba fare. Se la racconti bene è buon racconto che può andar bene sia per il telespettatore che per il fatto in sè. Se non si scade nel morboso, nell’eccessivo, che non sia debordante nei particolari inutili, il telespettatore ne ricava una notizia, coerente e anche utile. Tutte le notizie, se hanno un’utilità, sono moralmente giustificabili. Dopo di che il limite è vero, perchè la cronaca, spesso, si organizza intorno a contesti che non sono solo fatti, ma retroscena, insistenza sulla privacy delle persone, invadenza. D’altra parte, invece, la parte aulica della cronaca è il romanzo nero, il giallo, il noir. Quindi c’è un padre nobile della cronaca che è l’invenzione dei narratori intorno ai fatti di sangue, anche quelli più efferati. Tutto sta nel racconto. Se racconti bene le cose fai un buon servizio e ne ricavi anche un’attenzione diversa. Per questo motivo, quando mi chiedi il perchè di questo picco di martedi, mi viene da risponderti che probabilmente abbiamo fatto un buon racconto.

Questo significa che nei giorni precedenti il racconto non era stato fatto altrettanto bene?

No. Significa che comunque è un buon racconto di fatti che attraggono l’attenzione. Avevamo dalla nostra due fatti di sangue clamorosi, e in più con una risoluzione: da una parte il caso di Yara Gambirasio, uno dei cold case aperti da più di quattro anni con un racconto straordinario di una provincia nascosta, non sempre visibile; dall’altra il caso di un padre che stermina una famiglia quasi senza necessità, vista l’assenza di un movente forte, cosa che fa chiedere alla gente “cosa succede?”.

Mi parli da scrittrice adesso…

Mi fa piacere la tua sottolineatura perchè sono un po’ vanitosa. Scherzi a parte, se la televisione la guardi da un punto di vista più complesso, più articolato, meno schematico, è un mezzo potente ma anche molto bello, che ti può dare tanto. Se la utilizzi bene anche la televisione, che oggi purtroppo è al centro di una serie di critiche, forse anche giuste alcune volte, finisce per soffrire quelle potenze che ha. Ma la potenzialità che ha è straordinaria.

Sei soddisfatta del tuo anno appena concluso come Vice Direttore con delega al pomeriggio?

E’ stato un anno molto faticoso. Abbiamo dovuto fare i conti con un panorama televisivo diverso dai precedenti anni, con una cornice completamente nuova, con un programma che si muoveva contro una grande corazzata che si è rivelata improvvisamente. Ce ne siamo accorti un po’ tardi, ma l’ingresso de Il Segreto (la telenovela di Canale 5, ndDM) già a giugno scorso ha cominciato a far soffrire La Vita in Diretta. Quindi era una morte annunciata. O meglio, una malattia.

Malattia in che senso…

Noi abbiamo sofferto, dico la verità. Ma oggi, guardando tutto l’anno, ci accorgiamo che la sofferenza è cominciata molto prima, con il primo giorno di Segreto.  Basta una grande scoperta, un’idea, un movimento di palinsesto diverso per mettere in crisi il sistema. Ma soffrire significa lavorare di più.

Quindi l’anno prossimo sei confermata?

Io sto già lavorando al prossimo anno. Non c’era stato un cambio di marcia.

Dunque, niente Teche…

(ride, ndDM) Assolutamente no. Non sono ancora pronta.

Torniamo a noi. Se è stato individuato nel Segreto il problema della programmazione del pomeriggio, come si spiega un nuovo cambio di conduzione a La Vita in Diretta? Hanno influito negativamente anche i presentatori?

Influisce tutto. Quindi, probabilmente, anche un cambio di contenuti. Di riffa o di raffa, un cambio l’abbiamo dato. Sono i cambi dei tempi. Ho fatto un’operazione storica e i tempi chiedono un’altra tipologia di programma, soprattutto un altro stile, e noi abbiamo cambiato linguaggio. Chiaramente, tra cambi di linguaggio e cambi di palinsesto, c’è stato un adattamento del pubblico, questo è vero e non possiamo negarlo. Noi abbiamo cercato di intuire come gestire questi cambiamenti, evitando scossoni, evitando rivoluzioni inutili.

E’ un processo che continuerà o ci sarà un passo indietro nella prossima stagione?

Non credo che si possa mai tornare indietro. C’è una proiezione quasi natuale ai cambiamenti. Il cambiamento è una cosa che serve a tutti anche quando non lo vorremmo. Ed anche quando sembrano imposti, i cambiamenti sono naturali. Altrimenti non ci sarebbero i salti generazionali.

L’arrivo di Parodi e Liorni può esser letto come “innovazione (arrivo di un volto nuovo come Cristina) nel solco della tradizione (il ritorno di Marco)”?

Marco è un bel volto; è un ragazzo molto plastico, intelligente, predisposto all’ascolto e a capire cosa succede intorno. Marco credo sia una bella carta da giocare.

E Cristina?

Cristina rappresenta quella parte materna di cui a Rai 1 c’è sempre bisogno. La parte femminile di Rai 1 è una grande madre, una donna matura anche professionalmente. E’ una giornalista e una conduttrice.

E adesso anche “first lady”…

Ma questo non riguarderà il programma. (sorride, ndDM)

Sai che avevo pensato che Estate in Diretta potesse essere un test per Eleonora Daniele in vista dell’edizione autunnale?

La Daniele è già riconfermata in un programma di grande successo dello scorso anno e sarebbe stato uno sbaglio non farle fare un altro anno lì. Bisogna insistere su una cosa che è andata bene. Magari aumenta ancora di più. Lei è brava, è molto cresciuta. Eleonora ha questo piglio sicuro che non aveva dieci anni fa. Siamo riusciti anche a far crescere alcune ragazze giovani, facendole diventare conduttrici di Rai 1.

Tra mattina e pomeriggio cosa preferisci?

Sono slot molto diversi. Il pomeriggio è molto difficile e da questo punto di vista è più attraente. Televisivamente il pomeriggio è più bello. Ma sono legata alla mattina dove abbiamo fatto un bel lavoro e l’abbiamo portata a livelli molto alti, anche di autorevolezza.

C’è qualcosa di cui ti rimproveri?

Troppe cose, tutti i giorni. Io sono molto precisa, dicono che sia troppo fiscale. Ma è una cosa che chiedo a me stessa.

Chi è rigido con  se stesso normalmente fa una brutta vita!

(ride, ndDM) bravo. Questa è la sintesi! Con la maturità bisognerebbe imparare a lasciare andare un po’ le cose…

Ci sarà anche qualcosa di cui sei particolarmente orgogliosa…

Mi trovi in un momento un po’ così… Sono talmente incasinata che il mio unico punto d’orgoglio è l’estate.

C’è stata qualche polemica sui costi di Vita in Diretta…

Una sola, di un sito che non so dove abbia trovato cose false. Forse messe ad arte oppure provenienti da fonti sbagliate. Ecco, a pensarci bene, forse un piccolo punto d’orgoglio è l’aver risparmiato in tutti i programmi che ho fatto. Anche quest’anno ci sono riuscita, risparmiando cifre consistenti senza fare tagli feroci. Abbiamo lavorato di ripulitura.

Dove andrai quest’estate?

Ovunque purchè ci sia il mare.

E in vacanza?

In campagna per stare da sola.

Nel pomeriggio di cui sei responsabile non rientra Verdetto Finale ma… che ne sarà?

Per mio stile non chiedo mai a chi se ne occupa, ma so che ci stanno lavorando. Tra l’altro ci anticipa, per cui c’è bisogno di un Verdetto Finale che ci aiuti un po’.

Sei responsabile anche di Domenica In. Che ne sarà?

Quest’anno abbiamo fatto una domenica tradizionale che è andata molto bene.

Sarà confermata l’anno prossimo, con l’arrivo di Paola Perego?

Al momento sì.

Visto che sei stata anche responsabile del palinsesto notturno, Marzullo direbbe: “Si faccia una domanda, si dia una risposta”.

La domanda è: “ti piace ancora pensare ai programmi?”. E la risposta è: “sì, amo molto questo lavoro perchè la televisione può dire ancora tanto. I programmi sono proprio una bella cosa”.

Anche quando c’è Il Segreto dall’altra parte?

Sì. Quando si va in battaglia, chi ci dice che dobbiamo vincere per forza? Io voglio vincere, ma non sempre mi capita, purtroppo. E quando succede, la vivo male, malissimo (ride, ndDM).



Articoli che potrebbero interessarti


Paola Perego
PAOLA PEREGO A DM: VITA IN DIRETTA RIPARTE CON VENIER, CANALIS E IL MINISTRO KYENGE. SI INIZIA CON ITALIA IN DIRETTA ALLE 15.20. IN POSTAZIONE WEB DANIELA FEROLLA


MARCO LIORNI
MARCO LIORNI A DM: “NON SO SE CI SARO’ L’ANNO PROSSIMO A BUON POMERIGGIO ITALIA”


marco liorni
MARCO LIORNI DICE NO AD UNA FICTION RAI: HO RINUNCIATO PER LA VITA IN DIRETTA. E PENSA AL PRIME TIME


Mara Venier
MARA VENIER (DA OGGI IN HD) A DM: CON LA VITA IN DIRETTA, SONO PIU’ CREDIBILE. VEDREI BENE SCOTTI IN RAI E GILETTI IN PRIMA SERATA. PER SOGNANDO HOLLYWOOD NON AVEVAMO UN CAST FORTISSIMO.

22 Commenti dei lettori »

1. ciak ha scritto:

19 giugno 2014 alle 14:05

diciamo pure che l’ossessione da ascolti non è o almeno non dovrebbe essere da RAI…
ma che a la vita in diretta ci sia tanto da migliorare….non c’è dubbio…
non sia più la copia di pomerig. 5 …che già era la copia della vita ibn diretta…



2. Phaeton ha scritto:

19 giugno 2014 alle 14:15

Quindi conferma Parodi-Liorni a vid! Vedremo, come sarà il programma, la vera novità di quest’anno è aver millantato novità senza averle mai fatte!



3. Gianco ha scritto:

19 giugno 2014 alle 14:26

Da suo datore di lavoro, pagante il canone, le dico Sig.ra Ammirati che lei meriterebbe il licenziamento per giusta causa.

Per una semplice questione: il merito.

Un posto di lavoro, specie in un’azienda di Stato in cui a pagare lo stipendio sono i cittadini onesti, occorre meritarselo. E nell’ultimo anno con R1 che ha perso più di 4 punti percentuali (ovvero più di quanto guadagna C5 con il Segreto) lei ha dimostrato di non meritarselo.

Abbia uno scatto di dignità e rinunci quantomeno a quelle deleghe.

Spero che non censuriate il mio messaggio. La mia è una critica diretta, circostanziata e motivata con numeri alla mano.



4. Davide Maggio ha scritto:

19 giugno 2014 alle 14:28

Gianco: se ci mettessi nome e cognome, sareste pari.



5. Gianco ha scritto:

19 giugno 2014 alle 14:29

(i punti percentuali persi di cui parlo sono quelli dello slot 15-18)



6. Gianco ha scritto:

19 giugno 2014 alle 14:33

Ma affatto io non sono un personaggio pubblico, non rivesto cariche pubbliche e non vengo pagato dai cittadini Italiani

Intervengo liberamente in un blog (esprimendo il mio pensiero) come accade nella totalità della blogosfera in cui non si richiede nome e cognome.

Non vedo perché mi si chieda di derogare a questa regola solo per il fatto di aver mosso una critica alla Signora di cui si parla.



7. Gianco ha scritto:

19 giugno 2014 alle 14:38

E sarò ancora più diretto: a mio avviso chi ha consentito che la Perego fosse alla guida di ViD merita quanto meno un demansionamento da ogni incarico nella televisione pubblica.

Come mai il sottoscritto aveva preannunciato – sin da Agosto – che con la Sig.ra Presta la ViD sarebbe stata distrutta? Sono un preveggente?

O forse perché penso che le logiche di potere debbano restare fuori dalle scelte di programmazione e palinsesto?



8. Davide Maggio ha scritto:

19 giugno 2014 alle 15:06

Gianco: perchè ci si deve assumere sempre la responsabilità di ciò che si dice.



9. iki ha scritto:

19 giugno 2014 alle 15:39

Premetto che ho seguito VID fino all’edizione di Sposini(da solista),da lì in poi il programma non mi è più piaciuto,tanto meno la svolta data dall’ Ammirati quest’anno.
Perché secondo me non c’è stata una cosa che abbia funzionato a prescindere dal Segreto.
Io tornerei alla conduzione singola(anche perchè c’è davvero bisogno di due presentatori?Non credo) affidata alla Parodi(Liorni è insignificante),ma se proprio deve esserci una coppia,uno dei due deve essere carismatico e spiccare rispetto all’altro altrimenti non funzionerà.
La salvezza di VID condotyo ad esempio da Venier-Liorni è stata proprio la presentatrice veneta sennó sarebbe stato un fiasco anche quella edizione.
Per i contenuti di VID io vedrei bene un’impostazione simile al programma fatto su La7 dalla first lady di Bergamo



10. maggy ha scritto:

19 giugno 2014 alle 15:42

fallito su tutt la linea..distrutti anche dall durso..

e ora fa il 17 CONTRO IL NULLA(i filmacci..ahah) E con un FATTO CLAMOROSO DI CRONACA



11. iki ha scritto:

19 giugno 2014 alle 15:44

L’Ammirati non puó gioire neanche al mattino secondo me perchè l’ultima edizione,benchè sia stato leader della fascia mattutina,UnoMattina ha arrancato parecchio.
Ma che segmenti sono quelli in onda?
Il blocco centrale va più che bene e anche Storie Vere è passabile e programma da Servizio Pubblico ma Consumi con la Isoardi non lo capisco.
Come anche Verde.
Domenica In è da cancellare.



12. Mattia Buonocore ha scritto:

19 giugno 2014 alle 15:45

@Gianco Canale 5 ha guadagnato 3,9 nello slot 15-18 e Rai1 ha perso il 4% o poco più… Ricordo che Il Segreto in prime time ha battuto anche Un Medico in famiglia e ora Reazione a Catena sta perdendo punti.



13. Mattia Buonocore ha scritto:

19 giugno 2014 alle 15:50

@Iki l’Ammirati non c’entra con l’ultima edizione di Uno Mattina



14. Peppe93 ha scritto:

19 giugno 2014 alle 15:52

A mio parere dovevano mantenere il taglio giornalistico dell’inizio alla “vita in diretta” e non tornare alla formula dello scorso anno. Anche perché secondo me è stato molto limitato Di Mare che non poteva parlare né di politica né di estero. Adesso è giusto che si cambi senza avere paura di rischiare.



15. Gianco ha scritto:

19 giugno 2014 alle 16:07

Mattia Buonocore ha scritto:
19 giugno 2014 alle 15:45

@Gianco Canale 5 ha guadagnato 3,9 nello slot 15-18 e Rai1 ha perso il 4% o poco più… Ricordo che Il Segreto in prime time ha battuto anche Un Medico in famiglia e ora Reazione a Catena sta perdendo punti.

__________________________

appunto io cosa ho detto? R1 perde più di quanto C5 con il Segreto guadagni…ergo il problema non è da imputare SOLO al Segreto



16. Mattia Buonocore ha scritto:

19 giugno 2014 alle 16:15

@gianco si tratta di decimali però e da anni le generaliste perdono punti (solo Canale 5 quest’anno ha guadagnato mezzo punto grazie proprio a Il Segreto). Nella fascia 15-18 c’è anche Verdetto che sicuramente ha influito per qualche decimale.



17. Michele87 ha scritto:

19 giugno 2014 alle 16:18

Ma quindi l’Ammirati conferma le indiscrezioni sui conduttori del prossimo anno: Parodi e Liorni alla VID e la Perego a Domenica In dopo Giletti? Ma allora ad essere infondati erano quei post sui dietrofront della RAI…



18. iki ha scritto:

19 giugno 2014 alle 16:55

Grazie Mattia per avermi corretto



19. Gianco ha scritto:

19 giugno 2014 alle 17:39

Mattia Buonocore ha scritto:
19 giugno 2014 alle 16:15

@gianco si tratta di decimali però e da anni le generaliste perdono punti (solo Canale 5 quest’anno ha guadagnato mezzo punto grazie proprio a Il Segreto). Nella fascia 15-18 c’è anche Verdetto che sicuramente ha influito per qualche decimale.

_______________

il senso del tuo intervento qual è scusa?

La ViD non è stato un disastro questa stagione?



20. Gianco ha scritto:

19 giugno 2014 alle 17:53

Non aggrappiamoci ai decimali per favore. E non difendiamo l’indifendibile. La nuova (?) ViD è stato un fallimento. COMPLETO.
E non è neppure giusto che a farne le spese sia stato soltanto una persona che (guarda un pò…) per dignità si è dimessa di sua sponte.
In un momento in cui il programma faceva gli STESSI risultati che ha fatto di lì in avanti.

E non aggrappiomoci neppure al calo delle generaliste che pedono tutte…
Vogliamo fare degli esempi??

-Linea Verde ha guadagnato quest’anno
-Tg1 è in crescita post era Minzolini
-Nelle ultime 2 stagioni La7 si è inventata un talk – L’aria che tira – che fa il 6%, così come dal nulla si è affermato, proprio in maniera contestuale al passaggio al digitale, Coffee Break
-I Fatti Vostri e Mezzogiorno in Famiglia da 10 anni fanno gli stessi ascolti
-Forum ha bloccato l’emorragia

Ergo non facciamo di tutta l’erba un mazzo. I dati vanno letti, analizzati e contestualizzati. Eventualmente in maniera obiettiva.



21. Mattia Buonocore ha scritto:

19 giugno 2014 alle 18:05

@Gianco sei tu che ti sei aggrapato ai numeri. Io ho detto i fatti senza entrare nel merito. Vid può essere un bel programma o un brutto a prescindere anche dei numeri. Hai fatti comunque esempi di programmi che negli anni sono calati di moltissimo, e che magari in questa stagione sono calati meno o rimasti stabili. Linea Verde una volta arriva al 30, idem per Forum (che pure è calato di 1,5 punti in questa stagione), I Fatti Vostri facevano il 20% e 7 milioni in prime time (forse sono andato troppo in là negli anni però di fatto Guardì non è mai stato cacciato), La7 ha fatto dei programmi nuovi ergo non conta il passato. Il tg1 è in crescita ma forse perchè era calato con Minzolini…

Senza contare che Rai1 quest’anno è calata sia al mattino che in prima serata.



22. Gianco ha scritto:

19 giugno 2014 alle 20:12

Non ha senso fare confronti su un arco temporale di 20 anni.
Per paradosso confronteremmo gli ascolti del 1989 con quelli del 1969 (ammesso fosse possibile una qualche forma di rilevazione)…?

Ha invece senso il mio ragionamento che considera gli ultimi 10 anni -che hanno segnato il passaggio da un era pre a post-digitale – dal momento che Mattia giustificava i dati di ViD col calo delle generaliste e l’avvento del digitale.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.