TG La7



15
luglio

ATTENTATO A NIZZA: MENTANA IMPROVVISA UNA ‘MARATONA’ NOTTURNA IN COLLEGAMENTO TELEFONICO

TgLa7, attentato a Nizza

Terroristi al volante nella notte insanguinata di Nizza. La Francia è tornata nell’incubo degli attentati: ieri sera un tir ha travolto la folla radunata a Nizza lungo la Promenade des Anglais per la festa nazionale del 14 luglio, provocando oltre 70 vittime e almeno 150 feriti. Una nuova strage vicino a casa nostra. Sul luogo del massacro si sono uditi spari e il conducente del mezzo è stato ucciso. La tragica notizia ha immediatamente trovato spazio in tv, con notiziari che si sono protratti fino a notte fonda anche sulle principali emittenti italiane.




20
giugno

LA7, MARATONA DI MENTANA: BATTUTE CON GLI INVIATI, IRONIA SU CAIRO. LA DIRETTA DIVENTA UNO SHOW

Enrico Mentana, maratona sindaci 2016

Matteo non sta sereno. Il secondo turno delle Elezioni Amministrative 2016 ha portato notizie sconfortanti al premier Renzi e al Pd: i Cinquestelle hanno trionfato a Roma e Torino, a Trieste ha vinto il centrodestra. Ai democratici sono andate solo Milano (per un soffio) e Bologna. E’ questo il quadro politico emerso dalla lunga notte elettorale di ieri, che tra i suoi protagonisti più vivaci ha avuto il ‘maratoneta’ della notizia Enrico Mentana.


5
giugno

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016, I RISULTATI IN DIRETTA TV: GLI APPUNTAMENTI

Elezioni Amministrative 2016

Sono 1.342 le città chiamate alle urne per le Elezioni Amministrative 2016. Tra di esse ci sono anche sette capoluoghi di regione, sui quali in particolare è puntata l’attenzione degli analisti: Milano, Roma, Torino, Bologna, Trieste, Napoli e Cagliari. Per scoprire e commentare in diretta l’esito della consultazione elettorale, le principali emittenti hanno predisposto una speciale programmazione che inizierà proprio a poche ore dalla chiusura dei seggi e si protrarrà fino a lunedì 6 giugno.





24
marzo

TGLA7: MENTANA “ZITTISCE” LA BOLDRINI, EROE SUI SOCIAL. MA IL DIRETTORE SMONTA LA POLEMICA

Enrico Mentana

Nel giorno dei terribili attentati di Bruxelles, Enrico Mentana è diventato – suo malgrado – un eroe dell’informazione tosta. Il motivo? Durante lo speciale TgLa7 sulla strage nella capitale belga, il giornalista ha interrotto bruscamente l’inviata Bianca Caterina Bizzarri che citava le reazioni dei rappresentanti istituzionali. In particolare, il direttore ha stoppato la sua cronista proprio sulle parole di Laura Boldrini: tanto è bastato per far guadagnare al Mitraglietta il titolo di fustigatore della Presidente della Camera.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


22
marzo

ATTENTATI A BRUXELLES: LE VARIAZIONI DI PALINSESTO

Bruxelles, attentati

Torna il terrore nel cuore dell’Europa. Da stamane Bruxelles è sotto attacco: esplosioni all’aeroporto Zaventem e alle fermate metro di Maelbeek e Schuman (vicine alle istituzioni europee) hanno gettato la capitale belga nella paura. Stando alle informazioni che trapelano in queste ore, ci sarebbero almeno 26 morti e 130 feriti, ma il bilancio della strage è in continuo aggiornamento. Gli attentati di Bruxelles hanno stravolto i palinsesti televisivi, che in questo momento e per l’intera giornata daranno spazio ad approfondimenti e notizie in diretta. Ecco le modifiche alla programmazione.





13
gennaio

TG LA7 DIFFONDE UN VIDEO DELLE VIOLENZE DI COLONIA, MA E’ UN FALSO. MENTANA SI SCUSA IN DIRETTA

Enrico Mentana

Qualcuno lo definirebbe una bufala, Enrico Mentana ha preferito parlare di “errore”. Nel telegiornale di La7 di lunedì sera è infatti stato trasmesso un video che, secondo quanto annunciato, mostrava una delle aggressioni avvenute nella notte di Capodanno a Colonia. In realtà si trattava di un falso: il video era stato girato nel 2012 in Egitto da una giornalista tedesca.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


25
maggio

ELEZIONI EUROPEE 2014: RISULTATI AGGIORNATI IN DIRETTA TV. ECCO GLI APPUNTAMENTI

Elezioni Europee 2014

Il futuro politico dell’Europa lo si decide in un giorno. Dalle 7.00 alle 23.00 di oggi, domenica 25 maggio, i seggi resteranno aperti per le elezioni europee che designeranno i 73 nuovi rappresentanti italiani al Parlamento di Strasburgo. Nella tornata odierna, inoltre, i cittadini di oltre 4mila comuni rinnoveranno i consigli e le giunte comunali. Sul doppio appuntamento elettorale si concentrano molte attese: l’esito delle urne, infatti, delineerà i nuovi assetti dell’Eurozona e a livello nazionale fornirà indirettamente un riscontro sull’operato del governo e sulle forze (anti)politiche in campo. A partire dalla chiusura dei seggi, che avverrà stasera, i principali canali televisivi daranno inizio ad una programmazioni straordinaria dedicata alle elezioni, che si protrarrà fino a lunedì 26 maggio.

Elezioni Europee 2014: gli speciali di domenica 25 maggio

RAI 1 >>> Dalle 22.50 di oggi, domenica 25 maggio, Rai1 e Tg1 trasmetteranno uno Speciale Porta a Porta Elezioni Europee che seguirà lo spoglio delle schede con le proiezioni ed i primi risultati fino alle 03.00.

Rai2 >>> Rai2, invece, aprirà una finestra sull’attualità politica ed elettorale alle 00.40

Rai3 >>> Anche Rai3 realizzerà uno Speciale Elezioni Europee a cura del Tg3, dalle 22.50 alle 02.00.

Rainews24 >>> racconterà in diretta la giornata di voto con servizi, commenti, collegamenti, interviste in studio a partire dalle ore 20. Lo speciale elettorale del canale all news si protrarrà fino alle ore 3.00, orario in cui il testimone passerà ai conduttori del desk della notte che continueranno ad aggiornare sui dati elettorali.

TgCom24 e Rete4 >>> Mediaset aprirà la programmazione dedicata alle elezioni con lo speciale “La notte dell’Europa”, in onda su TgCom24 dalle 22 di domenica 25 maggio fino ai risultati definitivi del voto. Dalle 23, subito dopo la chiusura dei seggi, verrà diffusa la prima serie di Intention Poll raccolti da Tecnè, trasmessi in simulcast fino alla mezzanotte anche su Retequattro.

Canale5 >>> Su Canale 5, al termine della semifinale di “Amici”, dopo la mezzanotte, il Tg5 dedicherà alla tornata elettorale uno“Speciale Elezioni Europee” che proseguirà fino a tarda notte.


8
maggio

AGCOM, NUOVO RICHIAMO AI TG. LA RAI PROPONE TRE PRIME SERATE CON GRILLO, BERLUSCONI E RENZI DA VESPA

Silvio Berlusconi

Il bilancino dell’Agcom torna in azione. A quasi due settimane dalle elezioni europee, il Garante per le comunicazioni ha di nuovo rilevato “alcune criticità riguardanti la parità di trattamento tra i soggetti politici e istituzionali”. Anche stavolta, al centro dei richiami ci sono stati gli spazi riservati al premier Matteo Renzi e a Silvio Berlusconi. In particolare, nel periodo compreso tra 19 aprile e il 2 maggio, l’Autorità ravvisato un eccessivo spazio concesso all’ex Cavaliere e a Forza Italia da parte di Studio Aperto e del Tg4.

Agcom: troppo Berlusconi su Tg4 e Studio Aperto

Il Consiglio dell’Agcom ha segnalato un “persistente squilibrio” nei due telegiornali Mediaset, pur prendendo atto di una “riduzione della concentrazione, nelle edizioni principali, del tempo riservato a Forza Italia”. Secondo l’organo di garanzia, anche TgCom24 avrebbe riservato troppo spazio all’ex Cavaliere, mentre per Laeffe si è rilevato uno sbilanciamento a favore del Movimento Cinque Stelle. A seguito degli esposti ricevuti, l’Autorità ha così predisposto richiami nei confronti di Rai, Rti, La7 e Sky sollecitando le emittenti ad assicurare una presenza adeguata a tutte le liste e non soltanto a quelle con maggior rappresentanza parlamentare.

Agcom: meno Renzi al TgLa7

Il cartellino giallo è scattato nuovamente anche per il TgLa7, che già era stato richiamato dall’Agcom nella sue precedente rilevazione (periodo compreso tra il 5 e il 18 aprile scorsi). Il notiziario, in particolare, era stato attenzionato per il troppo spazio concesso al premier Matteo Renzi, non senza una reazione stizzita da parte del direttore della testata Enrico Mentana. “Il tg non è una farmacia” aveva detto il giornalista, prendendosela con “la stupidità della legge (par condicio, ndDM) e l’insipienza dell’Agcom“.