Silvio Berlusconi



15
gennaio

LO SPOGLIO, ILARIA D’AMICO INCALZA BERLUSCONI. E LUI: “BRAVA, E’ STATA SUFFICIENTEMENTE CATTIVA” (VIDEO)

Silvio Berlusconi, Lo Spoglio

Dopo Travaglio, una ’spolveratina’ se l’è beccata anche il Cavaliere. Ospite della prima puntata de Lo Spoglio, il nuovo approfondimento politico di SkyTg 24, ieri sera Silvio Berlusconi si è confrontato con una  Ilaria D’Amico particolarmente tosta, che lo ha intervistato senza fare sconti. La giornalista alla guida del programma ha più volte incalzato il leader del Pdl, impedendogli così di sfoderare appieno quella strategia che nelle ultime settimane gli aveva permesso di affrontare con un efficacia i suoi interventi tv.

Tra le domande più pungenti rivolte a Berlusconi, quelle sul processo Ruby, sui costi della politica ed i rimborsi elettorali. In particolare, la D’Amico ha chiesto all’ex premier di esprimersi con chiarezza sulla volontà di restituire o meno i finanziamenti pubblici erogati per le prossime votazioni. Poco prima, la giornalista aveva rintuzzato Silvio sulla lunghezza delle sue risposte: “sei minuti di spot elettorale” si è lamentata. E lui: “io sono venuto qui per fare spot elettorale. Pensa che sia venuto qui a farle la corte?“.

Come accaduto giovedì scorso a Servizio Pubblico, Berlusconi aveva tentato di eludere una situazione potenzialmente scivolosa sfoderando l’ironia. Da parte sua, però, Ilaria D’Amico non è stata al gioco, facendo così saltare la strategia dell’ex premier. In chiusura di trasmissione, il Cav ha criticato il «voting» di Sky Tg24 sulla sua credibilità, perché realizzato col contributo “di coloro che hanno i soldini per sottoscrivere l’abbonamento di Sky“. Pronta la replica della conduttrice: “quindi dovrebbe essere a suo favore, in teoria…“.




14
gennaio

DM LIVE24: 14 GENNAIO 2013. BERLUSCONI NEL PROMO DI ZELIG, DA BELPIETRO E DALLA D’AMICO

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

>>> Dal Diario di ieri…

  • Berlusconi nei promo di Zelig

Marco MDNA ha scritto alle 16:58

Il nuovo promo di Zelig – E’ da ieri sera che su Canale 5 viene mandato durante le pause pubblicitarie il nuovo promo di Zelig,sulla base di un audio diventato piuttosto famoso in questi giorni:,domanda Berlusconi e Santoro risponde:Un’altra voce termina il promo:(anche scritto a caratteri cubitali) Evidentemente gli autori del programma comico di Canale 5 non hanno saputo resistere allo scambio di battute tra Berlusconi-Santoro,e ne hanno approfittato per farsi pubblicità. (fonte mancante, Marco indicala per favore!)

  • … a La Telefonata di Belpietro…

Il leader del Pdl Silvio Berlusconi sarà ospite de La telefonata di Belpietro, in onda su Canale 5 alle ore 8.40 circa.

  • e dalla D’Amico a Lo Spoglio!


11
gennaio

SERVIZIO PUBBLICO, BERLUSCONI TRASCINA SANTORO E ‘PROCESSA’ TRAVAGLIO: UN’OCCASIONE SPRECATA

Silvio Berlusconi - Marco Travaglio - Servizio Pubblico 10 gennaio 2013

Silvio Berlusconi - Marco Travaglio - Servizio Pubblico 10 gennaio 2013

Una tensione così non la si avvertiva dai tempi della finalissima Italia-Francia, ai Mondiali del 2006. Anche in quel caso, peraltro, il partitone si concluse ai rigori. Ieri sera, Silvio Berlusconi giocava in trasferta nell’arena di Servizio Pubblico e, manco a dirlo, l’attesa per l’evento era a livelli esponenziali. Del resto, quando ti ricapitava di vedere il Cav al cospetto di Michele Santoro? Il match televisivo avrebbe dovuto essere una resa dei conti, l’occasione per chiudere un processo (mediatico) durato vent’anni e cominciato proprio lì, in tv. In realtà, non è stato proprio così.

All’inizio del confronto, il pubblico ha trovato un Berlusconi stranamente pacato ed un Santoro fin troppo morbido. Più che ad un duello, pareva di assistere ad uno scambio di cortesie tra Lord. Poi, pian piano e senza disturbare, fuoco alle polveri. “Ma Santoro, lei ha fatto l’Università o le serali?” ha attaccato il Cav, che fino a quel momento era riuscito a dribblare le domande di Giulia Innocenzi e di Luisella Costamagna. Sfoderando il sorriso durbans delle grandi occasioni, l’ex premier ha più volte tentato di sdrammatizzare con l’ironia la tensione del momento, per sottrarsi alle possibili insidie: una tattica ben calcolata, che ha regalato momenti di astutissima comicità. Mai una affermazione pronunciata a caso, per Silvio.

L’ex premier, che nel corso della serata ha ricevuto e menato stoccate, ha poi depotenziato la carica offensiva dei suoi interlocutori utilizzando le loro stesse armi dialettiche. Un giochino diabolico, tipo specchio riflesso. Pensate al povero Marco Travaglio, che si era preparato due monologhi alquanto cazzuti: il giornalista si è visto tradito dal suo stesso metodo, col Cav che ne ha imitato lo stile ‘inquisitorio’ mettendosi a leggere una letterina a lui dedicata. Un siparietto, questo, surreale e non particolarmente brillante, che però ha ottenuto l’effetto strategico di far saltare i nervi Santoro





10
gennaio

SERVIZIO PUBBLICO: BERLUSCONI VS SANTORO. IL DUELLO E’ LIVE SU DM

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi vs Michele Santoro: che il duello abbia inizio. Questa sera nell’arena di Servizio Pubblico, su La7, andrà in onda un confronto senza precedenti. Dopo anni di scontri a distanza, il Cavaliere siederà al cospetto del giornalista che più gli ha dato filo da torcere. Il match si annuncia caldissimo, almeno dal punto di vista mediatico, con l’ex premier pronto a misurare le proprie forze anche in territorio “nemico”.

Non sarà una resa dei conti ma un semplice confronto con giornalisti” ha assicurato Santoro. Tuttavia, il clima che accompagna la puntata di stasera – intitolata Mi consenta – è tutt’altro che disteso. Secondo i ben informati, il Cav si sarebbe preparato a ricevere le domande più feroci disponendo una serie di tattiche da mettere in atto. Come se la caverà Berlusconi di fronte agli interventi di Santoro e – soprattutto – dell’insidioso Marco Travaglio? Lo vedremo in diretta.

Intanto c’è chi scommette su un possibile abbandono anticipato del ring da parte dell’ex premier. In studio, accanto al conduttore e a Travaglio, ci saranno anche Luisella Costamagna, Gianni Dragoni, Giulia Innocenzi e il vignettista Vauro. Per l’occasione, seguiremo la puntata di Servizio Pubblico in diretta live, per commentare in tempo reale le stoccate, i rovesci e i colpi di scena che un tale evento mediatico non mancherà di riservare.

AFFILATE LE TASTIERE E TENETEVI FORTI

SERVIZIO PUBBLICO E’ LIVE SU DM DALLE 21.00

Ore 21.15: Inizia la puntata di Servizio Pubblico. In studio risuona “Addio Granada”, ed ecco che entra in scena un Michele Santoro sorridente. “Da molto tempo abbiamo detto addio a Granada, città dei Toreri, per raggiungere un altro luogo dove ci potesse essere un confronto leale” dice il conduttore, parlando di impoverimento dei sistema informativo. “Gli italiani non hanno più bisogno di un torero che ammazzi il toro, saranno loro a scegliere con il voto“. Poi ricorda che Servizio Pubblico è uno spazio aperto a tutti, anche a Berlusconi. E ora, che il duello cominci.

Ore 21.27: Rullo di tamburi, si parte con l’inno di Forza Italia e con un video ‘agiografico’ che raffronta il Berlusconi del ‘94 alla situazione di crisi attuale. Nel ricco nord, l’inviato di Servizio Pubblico documenta la difficoltà delle piccole imprese e raccoglie pareri politici. In studio, Berlusconi ascolta attento con lo sguardo al vidiwall.

Ore 21.34: Santoro scodella la prima domanda, rivolta al Berlusconi imprenditore. Il Cavaliere è teso, imbastisce la risposta poi dice: “c’è un’acustica strana in questo studio“.

Ore 21.41: Giulia Innocenzi rimprovera a Berlusconi di non aver dato peso alla crisi, specialmente nel passato. Cita la copertina anti-Cav dell’Economist, poi mostra il celebre filmato in cui l’ex premier parlava di ristoranti pieni, alla faccia delle ristrettezze economiche. Al ritorno in studio, Santoro lamenta un problema tecnico e lancia la pubblicità. Time out.

Ore 21.48: Berlusconi “disinnesca” la domanda della Innocenzi e nega ogni responsabilità del suo governo rispetto alla crisi. Poi snocciola qualche dato. Il Cav parla con un tono di voce stranamente tranquillo, argomenta con molta calma: si svela così la sua prima tattica. La crisi è come l’acqua alta, dice l’ex premier… “e se arriva Monti c’è il diluvio“, imbecca Santoro. Volano piccole stoccate ma non scatta la scintilla del confronto.

Ore 21.55: Tocca a Luisella Costamagna: “voglio ricordare che l’Imu era stata approvata dal suo governo (…) perché ora vuole abolirla?”. Berlusconi replica che, nelle sue intenzioni, la tassa in questione era concepita diversamente rispetto al governo Monti. La Costamagna incassa la risposta, Santoro invece si accende e provoca l’ex premier, il quale chiede tempo per rispondere.

Ore 22.01: Botta e risposta tra Santoro e Berlusconi, che si aggrappa ad un suo cavallo di battaglia: “in Italia il premier non ha poteri sufficienti“. Ma lei ha avuto una maggioranza ampia, ribatte Michele: “se non ha cambiato le istituzioni fino ad adesso, come fa?

Ore 22.04: Santoro, lei è andato all’università o ha fatto le serali?


10
gennaio

BERLUSCONI, BERSANI E MONTI VERSO UN CONFRONTO SU SKY TG24 L’8 FEBBRAIO

Berlusconi e Monti

Alle Elezioni Politiche più litigiose di sempre manca poco (24 febbraio) e il clima della campagna elettorale si fa sempre più incandescente. Tutti i leader sono alla ricerca del proprio spazio televisivo, della propria vetrina e il rigore della par condicio permetterà ai candidati la medesima visibilità. Il colpaccio di questo inizio delle ostilità – oltre, ovviamente all’ospitata di Berlusconi negli studi di Servizio Pubblico – l’ha messo a segno Sky Tg24.

Pochi minuti fa, infatti, Sarah Varetto, direttrice del canale 500 della piattaforma satellitare, ha annunciato che l’8 febbraio è stato individuato da Sky come data probabile per un confronto a tre tra i leader dei principali schieramenti Silvio Berlusconi, Mario Monti e Pierluigi Bersani. La stessa moglie di Salvo Sottile ha spiegato che dopo aver ricevuto la disponibilità dei tre leader, attende adesso una risposta definitiva.

Per quel che attiene lo stile del confronto, ancora la Varetto specifica:

Sarà un confronto con regole condivise e domande a tempo sui programmi di ciascuno e sui temi caldi che interessano la gente





9
gennaio

SILVIO BERLUSCONI A SERVIZIO PUBBLICO: SI SCOMMETTE SULL’ABBANDONO IN DIRETTA

Silvio Berlusconi domani ospite di Santoro su La7

Si è scommesso praticamente su tutto, o quasi. All’appello, forse, mancava la scommessa sul leader politico che abbandona lo studio in diretta. Detto fatto. Stanleybet quota a 5.00 la possibilità di abbandono da parte di Silvio Berlusconi dello studio di Servizio Pubblico di cui è ospite domani sera in prima serata su La7.

Secondo gli esperti dell’agenzia di scommesse, nonostante si sia dichiarato un “guerriero pronto a tutto” (ieri a Otto e mezzo con Lilli Gruber), l’ex premier potrebbe non riuscire a cavarsela di fronte all’incalzare di domande di Michele Santoro e optare per “l’uscita d’emergenza”. L’ipotesi che l’ex premier regga fino in fondo il confronto con il suo antagonista, tuttavia, rimane quella più probabile: Stanleybet offre infatti a 1.12 l’eventualità che Berlusconi rimanga in studio fino alla fine della puntata.

Non sarebbe la prima fuga in diretta del Cavaliere. E’ già successo durante il programma In mezz’ora di Lucia Annunziata nel marzo del 2006 quando Berlusconi lasciò stizzito lo studio pronunciando queste parole: «Lei ha dei pregiudizi nei miei confronti, per questo vado via. Dovrebbe provare un po’ di vergogna… E poi dicono che la Rai è controllata da me». Ora, dopo aver vacillato nei contraddittori con Massimo Giletti e Lilli Gruber, potrebbe riaccadere da Santoro che sarà affiancato dal fidato Marco Travaglio.


8
gennaio

OTTO E MEZZO, BERLUSCONI ALLA GRUBER: “IL SUO MODO DI FARE TV NON E’ OBIETTIVO”. POI ANNUNCIA: ANDRO’ DA SANTORO

Silvio Berlusconi, Otto e mezzo

E’ stato un testa a testa serrato, quello andato in onda stasera a Otto e mezzo. Ospite della trasmissione di La7, l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che ha duellato con una Lilli Gruber pugnace ed impegnatissima ad indossare i panni della giornalista tutta d’un pezzo. Di fronte alle sue domande, spaziate dalla politica ai sondaggi e fino alle inchieste giudiziarie, il Cavaliere ha preso tempo per argomentare le proprie tesi, allungando così la consueta durata del programma.

Al termine del match, Berlusconi ha rifilato una stoccata alla Gruber, che da parte sua ha bene tenuto le redini del confronto.

Il suo modo di fare televisione non è obiettivo, lei ha occupato questo tempo soltanto portandomi domande che erano attacchi. Non credo che questo giovi al suo ascolto e alla considerazione che di lei possono avere i suoi spettatori” ha attaccato il Cavaliere.

L’ex premier ha poi rivendicato di possedere uno spirito battagliero che gli avrebbe permesso di sostenere le domande della conduttrice senza soccombere. Per Berlusconi si trattava di un debutto a La7, nell’ambito di una serrata campagna mediatica che lo stesso Cavaliere sta sostenendo da alcune settimane. Nello studio di Otto e mezzo, il leader del centrodestra è apparso più combattivo del solito, considerando anche che molte delle sue ospitate precedenti erano avvenute in trasmissioni tv reputate a lui poco ostili.


4
gennaio

BERLUSCONI A STUDIO APERTO: “LA PAR CONDICIO E’ UNA TRUFFA”. STASERA MONTI OSPITE A OTTO E MEZZO

Silvio Berlusconi, Mario Monti

Altro giro, altra corsa. Silvio Berlusconi è tornato all’attacco in tv, e pochi minuti fa è apparso a Studio Aperto (e al Tg4) con un’intervista registrata nella quale ha parlato di politica ed elezioni. Il Cavaliere, in particolare, si è espresso con toni severi sulla norma della par condicio, che proprio in questi giorni è tornata al centro del dibattito.

La par condicio è una truffa che dà ai piccoli e anche piccolissimi partiti uno spazio sui media di gran lunga maggiore di quello che sarebbe logico“ ha affermato il Cavaliere, paventando come conseguenze di tale situazione la frammentazione del voto e l’ingovernabilità. L’ex premier ha poi parlato della possibilità di cambiare questa norma: “quando abbiamo cercato di farlo, i primi a mettersi di traverso sono stati Fini e Casini (…) quando torneremo al governo agiremo di conseguenza” ha aggiunto a Studio Aperto.

Parole, le  sue, che si prestano a molteplici interpretazioni, visto che di recente il Cav è stato accusato di sovraesposizione mediatica a causa delle sue ripetute ospitate tv. La stessa sorte è toccata al premier uscente Mario Monti, che con i suoi interventi ravvicinati a Unomattina ha messo in fibrillazione la Rai. Proprio ieri, infatti, il Presidente della Vigilanza Sergio Zavoli è intervenuto severamente sull’argomento, a margine dell’approvazione del regolamento sulla par condicio nel servizio pubblico.