Mediaset



12
giugno

Alberto Sordi: Rai e Mediaset ‘celebrano’ i 100 anni dalla nascita dell’attore con una programmazione speciale

Alberto Sordi

Alberto Sordi

A 100 anni dalla sua nascita, avvenuta il 15 giugno 1920, la tv omaggia Alberto Sordi. Attore, regista, comico, sceneggiatore, compositore, cantante e doppiatore, il romano – venuto a mancare il 24 febbraio 2003 – sarà il protagonista di una programmazione speciale che coinvolgerà le reti Rai e Mediaset.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




12
giugno

Serie A in chiaro: Mediaset diffida la Lega a dare l’ok

Serie A

L’accordo per la trasmissione in chiaro di alcune delle prossime partite di Serie A sembrava ormai raggiunto. Questione di giorni. Dopo l’incontro positivo tra il Ministro dello Sport ed il management di Sky, mancava solo il via libera formale dei club. Invece no: nella serata di ieri, ha inviato alla Lega una lettera di diffida con cui ha di fatto declinato la propria adesione al progetto. Ora il banco – per come era stato preparato – rischia di saltare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


9
giugno

Mediaset: risarcimento da quasi 5milioni per la pirateria ai danni di Premium

Mediaset

Ammonta a quasi 5 milioni di euro il risarcimento che dovrà ricevere dal gestore di un sito che piratava le partite. Lo ha stabilito il Tribunale delle Imprese di Milano, come riporta Il Sole24 Ore. Il provvedimento – a quanto si apprende – è stato emesso nei confronti del sito “Calcion”, che nella stagione 2015/16 trasmetteva illegalmente in streaming le gare di Serie A di cui l’azienda del Biscione aveva acquistato i diritti tv per la messa in onda su Mediaset Premium.





11
maggio

Paolo Bonolis apre al ‘cambio di casacca’. Torna in Rai o è gioco al rialzo?

Paolo Bonolis

Paolo Bonolis

Con Mediaset si discute, a volte sono d’accordo e altre no […] Ho avuto con loro scontri come li ho avuti quando ero in Rai. Io non sono un aziendalista a prescindere, devo rendere conto a un contratto, ma anche a me stesso, contratto firmato 59 anni fa” – dice Paolo Bonolis a Fanpage.it. Queste parole acuiscono un interrogativo: ‘E’ reale la volontà di far ritorno in Rai oppure è un “gioco al rialzo””?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


17
aprile

Pagelle TV della Settimana (6-12/04/2020). Promossi Unhortodox e Tiger King. Bocciati Ferro e Mentana

finale gf vip

Finalisti GF Vip

Promossi

9 alle rivelazioni primaverili di Netflix: Unhortodox e Tiger King. Due racconti agli antipodi accomunati dalla rappresentazione di paradossi e nonsense dell’era moderna, in particolare degli Stati Uniti d’America. Da un lato, la storia vera (romanzata) di un’ebrea ultra ortodossa alla ricerca non facile di emancipazione, dall’altro la storia vera (al 100%) di un uomo talmente antieroe da sbandierarlo in un contesto di situazioni e personaggi ancor più torbido. Da vedere.





16
aprile

Mediaset a tutta saga: in arrivo anche Hunger Games

Hunger Games

Hunger Games

Ai tempi del Coronavirus, Mediaset si riscopre la TV delle saghe. E’ in arrivo anche Hunger Games, adattamento cinematografico della serie di tre romanzi scritti da Suzanne Collins. Si tratta di Hunger Games, il primo capitolo, nelle sale nel 2012; l’anno successivo il secondo, La ragazza di fuoco; e poi Il canto della rivolta, di cui sono usciti due film nel 2014 (Parte 1) e nel 2015 (Parte 2).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


31
marzo

Claudio Brachino fuori da Mediaset

Claudio Brachino

lascia Mediaset. Lo annuncia l’azienda del Biscione con un comunicato in cui si parla di decisione consensuale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


31
marzo

Coronavirus, in tv crollano gli investimenti pubblicitari: -40% a Marzo e Aprile

Urbano Cairo

La platea televisiva e gli ascolti aumentano, ma le casse delle emittenti restano vuote. O quasi. Il paradosso vissuto dal mondo tv ai tempi del Coronavirus è facilmente spiegabile: con la quarantena imposta dall’emergenza sanitaria, i telespettatori davanti al piccolo schermo sono cresciuti sensibilmente ma al contempo gli investitori pubblicitari hanno frenato di colpo la loro attività e procurato ai broadcaster un preoccupante periodo di magra. I dati al riguardo sono piuttosto eloquenti.