Mediaset



29
maggio

Mediaset diventa prima azionista di Prosiebensat.1 e pensa ad una tv free europea

Piersilvio Berlusconi

punta all’Europa. L’azienda di Cologno ha acquistato il 9,6% del capitale sociale del broadcaster tedesco Prosiebensat.1 Media, operatore che gestisce tv in Germania, Austria e Svizzera, divenendo così primo azionista della società. Per il Biscione è il primo passo verso la creazione di un network tv generalista europeo, obiettivo dichiarato in tempi non sospetti dal Vicepresidente del gruppo milanese, Piersilvio Berlusconi.




24
maggio

Compensi artisti Mediaset. L’azienda replica: «Cifre esagerate rispetto alla realtà»

Mediaset

Cifre esagerate” che non corrispondo alla realtà. smentisce le indiscrezioni sui compensi milionari dei propri artisti riportate nei giorni scorsi da Italia Oggi. Tramite il proprio direttore degli Affari Legali, Pasquale Straziota, l’azienda di Cologno Monzese ha preso le distanze dalle notizie circolate a mezzo stampa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


23
maggio

Mediaset: Italia 2 passa al 55, nasce Boing Plus

Pier Silvio Berlusconi

Pier Silvio Berlusconi

L’espansione di Mediaset sul digitale terrestre si concretizza ulteriormente con l’acquisizione da Sony Pictures Entertainment Italia dei canali 45 e 55, che vedranno rispettivamente la nascita di una nuova rete televisiva (Boing Plus) e il riposizionamento di un canale già esistente (Italia 2).





22
maggio

Antitrust: Sky può acquisire R2 (ramo Mediaset Premium), ma col divieto di esclusive web

Sky

Sky può acquistare da Mediaset la società R2, che contiene la piattaforma del digitale terrestre usata da Premium. L’ ha autorizzato l’operazione di acquisizione, ma con dei vincoli: per tre anni, infatti, il Garante ha imposto a Sky misure atte a ripristinare la concorrenza nel mercato della pay-tv. L’emittente televisiva ha annunciato che farà ricorso contro i paletti imposti dall’Autorità.


22
maggio

Mediaset, i compensi dei conduttori. Quanto guadagnano Bonolis, D’Urso e De Filippi

Gerry Scotti, Paolo Bonolis

Dei compensi Rai, nelle ultime settimane, si è parlato fin troppo. Soprattutto dopo le critiche espresse da Matteo Salvini, con la proposta – da parte sua – di porre un tetto alle buste paga nel servizio pubblico. “Sopra il milione non ci si deve arrivare più” aveva tuonato il vicepremier. Ora, però, a mezzo stampa trapelano alcune cifre dal mondo Mediaset, dove gli stipendi sono notevolmente più alti: alcuni conduttori arrivano anche a guadagnare oltre 10 milioni l’anno. Un dato, questo, che non si può ignorare in una logica di mercato. Ecco i numeri.





21
maggio

Carlo Conti smentisce il passaggio a Mediaset: «Quando un matrimonio va bene, non c’è motivo di separarsi»

Carlo Conti

Prima che i rumors prendessero il sopravvento, ha sgombrato il campo da equivoci, anticipando addirittura le domande dei giornalisti. “Quando un matrimonio va bene non c’è motivo per cui ci si debba separare” ha affermato il conduttore, smentendo così le indiscrezioni – circolate a mezzo stampa – su un suo passaggio dalla Rai a Mediaset


19
maggio

Eliana Michelazzo al Grande Fratello: l’editore smentisce la rete. L’agente della Prati non entrerà nella Casa

casa del grande fratello

Casa del Grande Fratello

Contrordine. Dopo aver lanciato, con tanto di comunicato stampa e annuncio a Domenica Live, la notizia della possibile reclusione di Eliana Michelazzo nella casa del Grande Fratello 2019, Mediaset precisa che tale ipotesi non era mai stata presa in considerazione dall’editore. Di seguito il tweet di pochi minuti fa, arrivato al culmine di una polemica scoppiata sui siti (DavideMaggio.it è stato tra i primi a schierarsi apertamente contro l’eventualità) e sui social nelle ultime ore.


6
maggio

Mediaset continua la sua espansione sul digitale terrestre. Vicina all’acquisto del 45 e del 55

Cine Sony

Prosegue l’espansione di Mediaset sul digitale terrestre. L’azienda del Biscione sarebbe vicinissima ad un accordo per l’acquisto dei canali 45 e 55, gestiti sinora da  con Pop e Cine Sony. Secondo Il Sole 24 Ore, mancherebbero solo gli ultimi dettagli per la chiusura della partita. Cedendo i due lcn all’emittente di Cologno, la multinazionale sancisce il proprio addio al settore in qualità di editore di canali.