Marco Liorni



11
giugno

ESTATE IN DIRETTA: MARCO LIORNI E BARBARA CAPPONI DAL 17 GIUGNO SU RAI1

Marco Liorni

Sarà contenta Mara Venier, dopo mesi mesi di lavoro potrà finalmente godersi l’estate e le meritate vacanze e naturalmente pensare al suo prossimo impegno autunnale, ovvero il ritorno a Domenica In. La vita in diretta, infatti, venerdì chiude i battenti dopo due settimane di straordinari e darà ai telespettatori l’arrivederci a settembre con una nuova coppia alla conduzione formata con ogni probabilità da Paola Perego e Franco Di Mare.

Marco Liorni, invece, non lascerà subito lo studio di Via Teulada: per lui continua l’avventura con il gruppo di lavoro capitanato da Toaff per tutta l’estate 2013 con Estate in diretta che debutta lunedì 17 giugno alle 17:15 su Rai1 e termina il 6 settembre. Liorni ha già condotto la prima edizione del programma nel 2011, allora con Lorella Landi: il progetto sembrava messo da parte anche per quest’anno ma ora è pronto a partire per contrastare – almeno per due settimane – la D’urso e il suo Pomeriggio Cinque.

Ad affiancare Liorni sarà Barbara Capponi: volto noto per i telespettatori del Tg1, la Capponi ha partecipato anche a un’edizione di Ballando con le stelle. I contenuti di Estate in diretta saranno quelli che caratterizzano da sempre il contenitore “fratello maggiore”, dalla cronaca nera a quella rosa.




29
aprile

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (22-28/04/2013). PROMOSSI IL COMMISSARIO MONTALBANO E IRIS, BOCCIATO IL TG5

Pomeriggio Cinque

10 a Il Commissario Montalbano. La fiction con Luca Zingaretti, non curante del tempo che passa e della frammentazione degli ascolti, continua a raccogliere consensi record.

8 a Iris. Complice una buona library, il canale di cinema e dintorni di Mediaset procede la sua scalata verso l’Olimpo del ‘nano share’  riuscendo nel mese auditel di marzo a piazzarsi, con l’1.16%, dietro a Real Time e Rai Yo Yo.

7 ai Fratelli Lo Tumolo. Ospite ad Amici, il duo, televisivamente nato a Italia’s got Talent, continua a strappare sorrisi. Quello dell’”ironia noir” è un filone originale, anche se alla lunga il repertorio potrebbe esaurirsi. Vedremo se e come i due comici riusciranno a portarlo avanti e/o ad emanciparsi.

6 al regolamento di The Voice, appesantito dalla presenza di troppi concorrenti o aspiranti tali. All’ottava puntata siamo ancora alle eliminatorie o quasi.


24
aprile

MARCO LIORNI A DM: NON CREDO CHE RIFARO’ LA VITA IN DIRETTA

Marco Liorni

Maggio, si sa, è un mese piuttosto “caldo” per gli appassionati tv. E i motivi non mancano. Uno è certamente rappresentato dai Teleratti; e quest’anno ci sarà da divertirsi (premiati esclusi, ovviamente). Un altro, invece, è figlio del rompete le righe della stagione in corso, che proietta tutti – addetti ai lavori e non – alla formazione dei nuovi palinsesti per l’annata successiva. E quella 2013/2014 sembra nascere sotto il segno della “rivoluzione”.

I rumors che imperversano sui conduttori di Rai 1 hanno fatto fin da subito una “vittima”: Marco Liorni. E se, da subito, c’è chi ha scommesso sul suo allontanamento da La Vita in Diretta (al momento, come vi abbiamo anticipato, ci sono in pole position Paola Perego e Franco Di Mare), qualcun altro scrive – addirittura! – che Liorni possa tornare a Mediaset. “Liorni, cui ho direttamente chiesto quante siano, a settembre, le possibilità di vederlo all’opera su Canale 5, mi ha detto: ‘Sentiamoci agli inizi di maggio’” – ha rivelato il direttore di Di Più Tv Sandro Mayer.

Noi di DM, però, nutrendo dubbi in proposito, abbiamo contattato Marco Liorni, chiedendo lumi:

“La mia agente sta facendo il suo lavoro e quindi sta sondando il terreno tra le varie emittenti. Proprio oggi ha un incontro con la Rai e pare che ci siano delle proposte per la prossima stagione televisiva”.

Per La Vita in Diretta? – gli chiediamo: “No, non credo che sarò a La Vita in Diretta il prossimo anno. Poi chissà… magari arriva una sorpresa!”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





11
aprile

LA VITA IN DIRETTA: IL SINDACO DI PERUGIA PAVENTA AZIONI LEGALI E DENUNCIA UN “EFFETTO MEREDITH”

Mara Venier, La vita in diretta

Tutta colpa della tv, che distorce la realtà. Il sindaco di Perugia Wladimiro Boccali ne è talmente convinto che pensato di scagliarsi ufficialmente contro la rappresentazione della sua città offerta dai media. “La misura è colma” ha tuonato, infastidito dal reiterato racconto dei misfatti accaduti in questi anni nel borgo umbro. L’ultimo risale al 25 marzo scorso, ed è l’uccisione di Alessandro Polizzi, freddato in casa con un colpo d’arma da fuoco. Della vicenda si sono occupati tutti i principali programmi d’approfondimento, ma a scatenare la reazione indignata del primo cittadino è stata in particolare una puntata de La Vita in Diretta.

Secondo Boccali, la rappresentazione dei fatti offerta dal programma di Rai1 condotto (ancora per poco…?) da Mara Venier e Marco Liorni è stata la “goccia che ha fatto traboccare il vaso“. Così, ieri il sindaco ha paventato “azioni legali a difesa dell’immagine” di Perugia, a cominciare da una querela nei confronti della Rai e de La Vita in diretta. A suo giudizio, su Rai1 le parole più “offensive” sarebbero state pronunciate del cronista di Panorama Carmelo Abbate, che il 4 aprile scorso scorso parlò di “mercato della droga fuori controllo“, di “situazione di microcriminalità” e di perugini in fuga dal centro storico.

Affermazioni forti, dalle quali la Rai si era subito dissociata, precisando che erano state pronunciate da un ospite e non da un giornalista dell’azienda. A quanto pare, ciò non è bastato a placare la reazione di Boccali, che ha così spiegato le motivazioni della sua paventata querela:


2
aprile

LA VITA IN DIRETTA: PURE PAOLA PEREGO TRA LE “ANTICIPAZIONI INTERESSATE”. MA PERCHE’ NON AFFIDARLE PARLANO LORO SU RAI2 AL POSTO DEI PRESUNTI FACTUAL?

Paola Perego - Parlano Loro

Paola Perego - Parlano Loro (dal sito ufficiale della conduttrice)

Troppi rumors e certezze su conduzioni prossima stagione tv. C’è ancora molto tempo per decidere. Indiscrezioni molte, verità poche”: così ha tuonato Giancarlo Leone su Twitter. Ma un fatto è certo: nella prossima stagione autunnale ci sarà un deciso cambio di rotta nel palinsesto della prima rete pubblica, che dovrà strizzare l’occhio anche ai più giovani senza dimenticare ovviamente lo zoccolo duro del canale. Come avverrà tutto ciò ancora non è chiaro, ma intanto dai piani alti di viale Mazzini giunge voce l’intenzione di mettere mano al daytime pomeridiano, a partire da La Vita in Diretta (ma la domenica non dovrebbe passare indenne) con un pesante restyling del programma e il conseguente passaggio di mano alla conduzione.

Partita ancora tutta da giocare (gli incontri – anche quelli con le star – per definire i prossimi palinsesti non ci sono stati ancora), anche se c’è già chi scommette che Mara Venier e Marco Liorni siano giunti al capolinea per essere poco idonei alla rivoluzione che il Direttore Generale Luigi Gubitosi e il Direttore Giancarlo Leone intendono apportare al pomeriggio di Rai1. “Anticipazioni”, però, che lo stesso Leone ha etichettato comepremature ed interessate“.

Di fronte a questo vortice di rumors interessati che ultimamente ha colpito il web, la carta stampata non è rimasta a guardare e ha puntato ancora più in alto: in pole position per prendere le redini del contenitore pomeridiano ci sarebbe sì il giornalista del TG1 Franco di Mare, che quindi lascerebbe UnoMattina in mano ad altri colleghi di testata, affiancato però a sorpresa da Paola Perego, che sarebbe addirittura la candidata numero 1. Un’ipotesi che a dire il vero appare un po’ inverosimile, e che – per giunta – potrebbe chiudere alla conduttrice di Monza le porte della prima serata di Rai1, propria ora che è lanciatissima con Eroi di tutti i giorni e Basta un sogno.





4
febbraio

DIVINA FICTION: MARCO LIORNI E PERLA PENDENZA SVELANO I DIETRO LE QUINTE DELLE TANTE FICTION A CARATTERE RELIGIOSO

Perla Pendenza

L’ultima in ordine di tempo è stata la Santa Barbara interpretata da Vanessa Hessler, trasmessa da Rai1 lo scorso 4 dicembre proprio nel giorno della sua commemorazione, il prossimo sarà invece il Barabba di Billy Zane, la cui messa in onda sul primo canale della tv di Stato coinciderà con la Pasqua, sperando di bissare il successo ottenuto lo scorso anno dalla miniserie Maria di Nazareth (7.828.000 spettatori). Tra Santi, Papi e personaggi biblici le fiction a carattere religioso rappresentano senza dubbio uno dei generi più prodotti e seguiti della tv.

Proprio a queste serie e miniserie tv sarà interamente dedicato Divina Fiction, il nuovo programma di Rai Premium condotto da Marco Liorni e Perla Pendenza. A partire dal mese di marzo i due conduttori, già al timone lo scorso anno di Fiction Mania, racconteranno, infatti, anche attraverso dei flashback, i dietro le quinte delle innumerevoli produzioni a tema religioso prodotte dalla Rai. La trasmissione sarà curata da Roberto Vecchi, autore televisivo e regista, già capo progetto di Pop – Viaggio dentro una canzone e de I borghi più belli d’Italia entrambi in onda su Rai5, oltre che  dello stesso Fiction Mania.

Come detto le figure più importanti della Chiesa Cattolica sono da sempre garanzia di grandi ascolti per il piccolo schermo. Lo sanno bene i dirigenti tv, pronti a spulciare per bene Bibbia e calendario alla ricerca di qualche nuova agiografia da realizzare. Una corsa contro il tempo per accaparrarsi il Santo o il Papa più amato, arrivando in alcuni casi alla realizzazione quasi contemporanea di fiction – doppioni incentrate sulla vita dello stesso personaggio. Come non ricordare la “guerra” tra il Padre Pio di Sergio Castellitto in onda su Canale5 e quello a marchio Rai interpretato da Michele Placido. Ed ancora le due fiction su Papa Giovanni Paolo II realizzate a stretto giro nei mesi successivi alla sua morte, e quelle su Papa Giovanni XXIII, il papa buono…per tutte le reti.


21
giugno

MARCO LIORNI A DM: “NON SO SE CI SARO’ L’ANNO PROSSIMO A BUON POMERIGGIO ITALIA”

Marco Liorni

Per Marco Liorni è stata la stagione della rinascita. Il conduttore, scrollatosi di dosso l’etichetta di inviato del Grande Fratello, ha trovato una dimensione di assoluto prestigio in tv. Al timone de La Vita in diretta ha saputo raccogliere la pesante eredità di Lamberto Sposini, diventando un valido compagno di viaggio per Mara Venier, con la quale si è instaurato un rapporto che va al di là delle telecamere: il conduttore, infatti, ha deciso che quando convolerà a nozze con la sua compagna sarà proprio la ‘zia Mara’ la sua testimone. Allo stesso tempo, però, Marco e Mara nella prossima stagione potrebbero “dividersi”. A DM, Marco annuncia a sorpresa che da settembre potrebbe non esserci nell’anteprima de La Vita in diretta, denominata Buon pomeriggio Italia, l’unico spazio in cui i due volti del programma conducono insieme…

Iniziamo da questa stagione. Com’è stata?

Preferisco risponderti con degli aggettivi: forgiante, bella, divertente, e naturalmente impegnativa.

Avevi un po’ paura prima di iniziare La Vita In Diretta?

Avevo un sano timore e un rispetto per un programma così importante. Inoltre andavo a ricoprire un ruolo difficile dovendo altresì raccogliere l’eredità di Lamberto Sposini. Devo dire che non mi sono fatto condizionare dalle pressioni e dall’ansia, e ho fatto l’unica cosa che bisogna fare a prescindere da tutto: lavorare.

Metti in ordine i fattori di successo de La Vita in diretta: tra Marco Liorni, Mara Venier, Daniel Toaff e Rai1.

La Vita in diretta è una macchina che va avanti da anni per cui metto al primo posto Toaff. Non lo dico soltanto per una questione di gratitudine quanto piuttosto per la scelta dei contenuti e dei tanti che collaborano al programma. Al secondo posto metto la rete perché Raiuno è la rete ammiraglia della televisione italiana e contribuisce a dare un’immagine di serietà e autorevolezza al programma. Al terzo posto Mara Venier e poi, senza falsa modestia, Marco Liorni.  Devo, però, citare anche il pubblico. Quest’anno, con un pizzico di timore, siamo andati anche sul sociale occupandoci di temi meno popolari ottenendo un ottimo riscontro.

Il successo de La Vita In Diretta è stato tale che ad un certo punto la concorrenza vi ha cominciato a “rincorrere” trattando argomenti più seri.

Purtroppo stando in onda non sono riuscito a vedere Pomeriggio Cinque e non so esattamente che scelte abbiano fatto. Poi al di là degli argomenti, bisogna vedere che taglio hanno usato. Sicuramente hanno agito al meglio delle loro possibilità perchè conosco come lavorano. Se vogliamo parlare di ascolti, invece, abbiamo vinto la “gara” ma devo ammettere che il nostro obiettivo non è mai stato quello di fare meglio degli altri ma di impegnarci al massimo.

Lui smentisce, ma c’è chi dice che “per contrastare Liorni”, Salvo Sottile potrebbe arrivare a Pomeriggio Cinque.


5
giugno

MARCO LIORNI DICE NO AD UNA FICTION RAI: HO RINUNCIATO PER LA VITA IN DIRETTA. E PENSA AL PRIME TIME

Marco Liorni

Dalla popolarità come inviato del Grande Fratello alla consacrazione come conduttore de La Vita in Diretta, dandosi nel frattempo da fare nell’isola felice di Radio Dimensione Suono (“cosa che faccio volentieri anche oggi” dice). Marco Liorni si gode il meritato successo professionale, premiato dalla riconferma nella prossima stagione tv al timone del contenitore pomeridiano di Rai 1.

Uno stile istituzionale e al tempo stesso fresco, che gli ha permesso di calarsi per bene nella parte, nonostante La Vita in Diretta sia un programma che lo “costringa” a trattare diversi argomenti, col rischio di gaffe live sempre dietro l’angolo. Ma l’ansia delle prime “battutte” è ormai soltanto un ricordo:

“Ho più esperienza e meno paura di sbagliare - dichiara Liorni a DiPiù - E vivo con maggiore serenità questa stagione ricca di soddisfazioni, che mi ha portato anche una proposta del tutto inattesa: mi hanno offerto persino di esordire come attore nei panni di un commissario di polizia. Vogliono che reciti. (…) Poche settimane fa mi hanno chiamato per una fiction della Rai sul dramma del terremoto del Friuli del 1976. Devo dire che l’idea di fare l’attore mi incuriosiva, ma ho rinunciato per dedicare tutto me stesso a La Vita in Diretta”.