Giovanni Floris



9
ottobre

URBANO CAIRO: SU LA7 TROPPI TALK? CANALE5 NON LI FA EPPURE HA PERSO SHARE

Urbano Cairo

Tutto sommato, “il giudizio è positivo“. Ad un anno e mezzo dal suo arrivo a La7, Urbano Cairo promuove se stesso. “Abbiamo preso un’azienda tecnicamente fallita, azzerato le perdite e mantenuto tutti conduttori più importanti” ha dichiarato l’editore in un’intervista al Giornale. Ora, il suo obiettivo è quello di aprire la rete a nuovi innesti, ma soprattutto quello di far crescere l’interesse del pubblico. Per il momento, infatti, gli obiettivi d’ascolto preventivati per i talk show del canale non sono stati raggiunti e su questo fronte la strada è ancora in salita.

Lo stesso Giovanni Floris deve migliorare le proprie prestazioni, ma al riguardo Cairo è fiducioso:

Cairo: possibile evoluzione per DiciannoveQuaranta di Floris

Sono sicuro che farà benissimo, come già sta dimostrando alla conduzione di Otto e Mezzo temporaneamente al posto di Lilli Gruber e con diMartedì, un programma di qualità che sta guadagnando consensi strada facendo (….) Su DiciannoveQuarantaha proseguito l’editore – stiamo ragionando per vedere le sue possibili evoluzioni. Voglio consentire a Floris di esprimersi non solo con diMartedì”.

Dunque, la striscia quotidiana affidata all’ex conduttore di Ballarò potrebbe subire cambiamenti in vista di un’eventuale nuova messa in onda, in seguito al ritorno di Lilli Gruber alla guida di Otto e Mezzo. Secondo quanto dichiarato da Cairo, la giornalista ancora convalescente “tornerà entro fine mese“.

Urbano Cairo: ascolti La7 e talk show

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




3
ottobre

LA7: SOVRASTIMATI (PER ORA) TUTTI GLI OBIETTIVI DI ASCOLTO DEI TALK

Urbano Cairo

Urbano Cairo

Urbano Cairo rassicura tutti, ed è certo che il nuovo palinsesto di La7 funzionerà nel lungo periodo. Ma intanto deve fare i conti con risultati ben al di sotto delle aspettative iniziali, anche perché le stime parlano chiaro: stando agli obiettivi dichiarati agli inserzionisti, infatti, pare proprio che Cairo Communication – come tra l’altro riportato da Italia Oggi – abbia un po’ troppo esagerato con i numeri, sovrastimando gli ascolti delle nuove produzioni. Tanto che, nonostante la fiducia riposta nei volti di rete e le dichiarazioni ottimistiche, è inevitabile che qualcuno verrà a battere casa, prima o poi.

Partiamo da 19e40, nuova striscia quotidiana condotta da Giovanni Floris in preserale. Stimata a 1 milione di spettatori per il mese di ottobre, ogni spot da 30 secondi viene venduto a 78 mila euro circa. Per ora la produzione è sospesa, in attesa del ritorno di Lilli Gruber a Otto e mezzo, e se mai dovesse tornare – visto che fino ad oggi ha collezionato ascolti inferiori del 70% – pare un po’ difficile che possa arrivare alla soglia inizialmente prevista.

Non che diMartedì se la cavi tanto meglio. Partito in sordina e schiacciato dalla prima di Ballarò, il talk show del martedì di La7 condotto da Giovanni Floris si è ripreso nella seconda puntata, mantenendosi stabile alla terza attorno al 4%. Stimato a 1.5 milioni di spettatori (122 mila euro uno spot da 30 secondi), per ora ha ottenuto una media individui inferiore del 40%.


23
settembre

BALLARO’ VS DIMARTEDI’: GIANNINI OSPITA CRACCO, FLORIS TRAINA SE STESSO SU LA7

Ballarò, Massimo Giannini

Massimo Giannini di qua, Giovanni Floris di là. Torna stasera il duello tv più serrato della settimana, il faccia a faccia tra i cugini di primo grado dell’informazione. Riecco la sfida tra Ballarò e diMartedì: siamo solo al secondo atto, e forse è anche per questo che il confronto fra i due programmi desta ancora tale attenzione. Sette giorni fa, al loro debutto, i conduttori dei due format d’attualità si studiarono e annusarono a vicenda, come pugili al primo round. Per il pubblico a casa il risultato non fu così elettrizzante: Giannini spense gli entusiasmi della vigilia con un’intervista registrata a Roberto Benigni, mentre Floris copiò sostanzialmente se stesso.

Ballarò: i temi della seconda puntata

Il confronto, che in termini di ascolti vide prevalere Ballarò (con l’11,8% sul 3,47% di diMartedì), a livello di impatto mediatico e giornalistico si risolse con un pareggio a ribasso. Stasera, nella seconda puntata stagionale, Massimo Giannini cercherà di consolidare il dato d’esordio lanciandosi (senza troppa fantasia) sui temi canonici del dibattito politico attuale: lavoro, crescita, futuro. L’apparente assenza di questi fattori nella realtà italiana sarà al centro del confronto, con uno sguardo alle polemiche sull’articolo 18 che agitano Governo, Pd e sindacati, ma anche al cosiddetto Patto del Nazareno, con le conseguenti ricadute sulla tenuta dell’esecutivo.

Ballarò: Carlo Cracco ospite

Ospiti della puntata odierna di Ballarò saranno il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, il Presidente del PD Matteo Orfini e lo chef Carlo Cracco. Nel corso della puntata Massimo Giannini ospiterà anche il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone per un faccia a faccia. La copertina sarà affidata a Paolo Rossi, mentre in chiusura andrà in onda la prima puntata della web serie satirica ”Il Candidato” – intitolata Le Primarie – che vede protagonista Filippo Timi nel ruolo di uno sprovveduto candidato alla presidenza del Consiglio alle prese con un’improbabile campagna elettorale.

diMartedì: temi e ospiti della seconda puntata





23
settembre

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (15-21/09/2014). PROMOSSI BENEDETTA PARODI E ANTONIO MARANO. BOCCIATO IL PRIMO POMERIGGIO DI RAI1

Benedetta Parodi a New York pagelle

Promossi

9 a Benedetta Parodi. Conduttrice di Bake Off Italia, la cuoca giornalista è volata a New York per presentare il Everyday Cooking from Italy: 400 Quick and Easy Italian Recipes from Antipasti to Dessert. Finalmente un’italiana ai fornelli tenta la strada americana dove da anni ad insegnare la cucina nostrana ci pensano cuochi e star della tv, che l’Italia l’hanno vista in cartolina (o quasi). Certo poi vorremmo che lo stesso valesse anche per i veri chef, ma quella è un’altra storia. L’auspicio è che Discovery riesca a portare i cooking show di Benedetta in giro per il mondo.

8 ai premi del Roma Fiction Fest. La manifestazione orchestrata da Carlo Freccero sa premiare con criterio, sia la pay tv che la tv free, e saggiamente scegliere di non assegnare nessun riconoscimento al migliore canale, adducendo più che valide motivazioni (per maggiori info clicca qui). Discutibili, anche stavolta, i premi assegnati dai lettori di Tv Sorrisi e Canzoni ma in quel caso la kermesse capitolina ha ben poca voce in capitolo.

7 ad Antonio Marano che finalmente pone fine allo spezzatino dei programmi targato Rai. Tuttavia qualcosa da sistemare c’è ancora, se l’impressione è che solo i programmi e i personaggi “meno in vista” siano stati toccati.

6 alle ennesime dichiarazioni di Anna Maria Tarantola (per maggiori info clicca qui). Belle parole che non hanno quasi mai la dote del pragmatismo.

Bocciati


22
settembre

OTTO E MEZZO, GIOVANNI FLORIS: QUI SONO OSPITE, SPERIAMO CHE LILLI TORNI IL PRIMA POSSIBILE

Giovanni Floris, Otto e Mezzo

Un riferimento veloce ma dovuto a Lilli Gruber, la vera padrona di casa. Così Giovanni Floris ha aperto stasera la puntata di Otto e Mezzo da lui condotta in qualità di sostituto della collega di rete, assente ormai da una settimana dal video per una “indisposizione”. Stamane, con un breve comunicato, La7 aveva annunciato la temporanea soluzione adottata per ovviare alla mancanza della Gruber dagli schermi. Al contempo, veniva annunciata la sospensione momentanea di DiciannovEquaranta, lo spazio quotidiano curato dall’ex conduttore di Ballarò.

E stasera, come programmato, Floris ha debuttato nel suo ruolo provvisorio, introducendo subito gli ospiti della serata: l’onorevole Pd Rosy Bindi e Marco Damilano, cronista de L’Espresso. Poi ha aggiunto:

Ma evidentemente sono ospite anch’io. Condurrò Otto e Mezzo fino a che non tornerà Lilli Gruber, quindi speriamo tutti il prima possibile e che quindi io conduca per il minor tempo possibile. Un saluto a Lilli, andiamo in pubblicità ed iniziamo con Otto e Mezzo“.

Poche parole, forse pronunciate anche per gettare acqua sul fuoco di quelle indiscrezioni che ipotizzavano dissidi tra Lilli Gruber ed il nuovo arrivato Floris. Supposizioni mai confermate, che tuttavia hanno tratto ossigeno dall’improvvisa sparizione della conduttrice dal video.





22
settembre

STRISCIA LA NOTIZIA 2014/2015: AL VIA STASERA CON LA COPPIA PIERACCIONI-BATTISTA. TAPIRO A FLORIS

Striscia la Notizia, Battista e Pieraccioni

Nell’access di Canale 5 arriva da questa sera alle 20.40 Striscia la Notizia – La voce dell’indecenza; si tratta della 27esima edizione del tg satirico ideato da Antonio Ricci. Molte conferme, ma anche qualche sorpresa, a cominciare dalla prima coppia di conduttori: Leonardo Pieraccioni e Maurizio Battista, al timone del programma per tutta la settimana (da lunedì 29 settembre tornano Michelle Hunziker e Piero Chiambretti).

Striscia la Notizia 2014/2015: stasera il (vecchio) filmato di Daniele De Santis che aggredisce Dario Ballantini

Nella puntata d’esordio di questa sera viene trasmesso un filmato del 2005 con protagonista un giovane Daniele De Santis, l’ultrà romanista accusato di aver ucciso con un colpo di pistola il tifoso napoletano Ciro Esposito prima della finale di Coppa Italia. Nel filmato, registrato al Foro Italico di Roma in occasione degli Internazionali di tennis, De Santis, forse per proteggere Francesco Totti e Ilary Blasi, aveva aggredito il trasformista di Striscia Dario Ballantini (nei panni di Luca Cordero di Montezemolo) e la sua troupe, atterrandoli senza alcun motivo e impedendogli di completare il loro servizio.

Striscia la Notizia 2014/2015: Giovanni Floris è il primo attapirato

Giovanni Floris è, invece, il primo attapirato della 27esima edizione. L’ex conduttore Rai ha ricevuto il Tapiro d’oro per il suo passaggio a La7. Floris, intercettato a Roma da Valerio Staffelli, ha commentato il grosso investimento pubblicitario della Rai per il lancio del nuovo Ballarò: “Con Ballarò i soldi non sono mai buttati, perché ne fa guadagnare talmente tanti che ce ne sono anche per fare pubblicità“. Riguardo il nuovo conduttore di Ballarò Massimo Giannini ha detto: “Oltre a essere un bravo giornalista è un giocatore di calcio molto forte“. Ha poi dichiarato che da questa sera condurrà anche Otto e mezzo al posto di Lilli Gruber: “Lilli da quello che so sta bene. Fino a che ci sarà da sostituirla io sarò qua. E poi tornerà lei“.

Striscia la Notizia 2014/2015: confermati gli inviati, le veline e i velini


22
settembre

OTTO E MEZZO: GIOVANNI FLORIS AL POSTO DI LILLI GRUBER. DICIANNOVEQUARANTA SOSPESO

Giovanni Floris

Giovanni Floris condurrà Otto e Mezzo. Temporaneamente, in sostituzione di Lilli Gruber. A poche settimane dal suo arrivo a La7, a partire da stasera il giornalista si sposterà nell’access prime time in sostituzione della collega, da giorni assente dal video a causa di un’indisposizione. L’ex conduttore di Ballarò prenderà il posto di Lilli, e DiciannovEquaranta – la sua striscia quotidiana d’approfondimento – sarà momentaneamente sospesa per non interferire con la conduzione ad interim. Lo riferisce La7 in un comunicato.

A causa del protrarsi dell’assenza di Lilli Gruber, da questa sera lunedì 22 settembre, la conduzione di Otto e Mezzo sarà temporaneamente affidata a Giovanni Floris. Pertanto la programmazione della striscia DiciannovEquaranta, è stata momentaneamente sospesa per consentire a Giovanni Floris di condurre Otto e Mezzo. La decisione è stata presa dall’editore Urbano Cairo con il pieno accordo di Lilli Gruber, che tornerà quanto prima alla guida del suo programma

si legge nella nota diramata dalla rete terzopolista. Un avvicendamento, quello tra Lilli Gruber e Giovanni Floris, resosi necessario per cause di forza maggiore. Da lunedì scorso, infatti, la giornalista era assente dal video per una “indisposizione”: questa la formula usata da Enrico Mentana per giustificare la messa in onda – a partire da mercoledì – di uno speciale Faccia a Faccia da lui stesso condotto, al posto di Otto e Mezzo. “Un problema pensiamo momentaneo, speriamo momentaneo“, aveva aggiunto il direttore del TgLa7. Da stasera, il programma tornerà in access prime time ma con un conduttore provvisorio d’eccezione.


19
settembre

URBANO CAIRO: DA FLORIS MI ASPETTO COSE BUONISSIME, DIAMOGLI TEMPO. SOGNO UN LETTERMAN SHOW, MENTANA SAREBBE ADATTO

Urbano Cairo, La7

Floris l’ho sempre voluto“. Quella pronunciata da Urbano Cairo sembra una dichiarazione d’amore. In un’intervista a Sette del Corriere della Sera, l’editore di La7 ha così rivendicato la propria scelta di riempire il palinsesto con approfondimenti d’attualità, per i quali – assicura – ha “tenuto e preso il meglio“. L’ultimo arrivato è proprio l’ex conduttore di Ballarò, il quale però non ha fatto faville al debutto dei suoi nuovi programmi.

I dati d’ascolto lasciano poco spazio alle interpretazioni, ma Cairo è fiducioso sui tempi lunghi. Forse fin troppo. In merito allo spazio quotidiano affidato a Giovanni Floris dichiara: “DiciannovEquaranta è in crescita e ha un bel target. Diamogli un paio di mesi per farsi conoscere“.

E’ una fascia difficile (…) Ma ci vuole tempo, appunto: una striscia quotidiana si carica giorno per giorno. E quando va bene aiuta sia il Tg sia le prime serate” ha detto.

Urbano Cairo: da Floris mi aspetto cose buonissime

Cose buonissime” il deus ex machina di La7 se le aspetta anche dall’altro appuntamento targato Floris. “L’impianto di diMartedì è efficace e poi c’è la ciliegina Maurizio Crozza“. All’esordio, però, il programma ha ottenuto il 3,47% di share. Certo, i margini di crescita ci sono anche per l’ex conduttore di Ballarò ma – a giudicare dal format poco innovativo – sembra improbabile che Floris riesca a fare il miracolo.

Urbano Cairo: vorrei che Formigli confermasse il 5%