Giovanni Floris



23
settembre

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (15-21/09/2014). PROMOSSI BENEDETTA PARODI E ANTONIO MARANO. BOCCIATO IL PRIMO POMERIGGIO DI RAI1

Benedetta Parodi a New York pagelle

Promossi

9 a Benedetta Parodi. Conduttrice di Bake Off Italia, la cuoca giornalista è volata a New York per presentare il Everyday Cooking from Italy: 400 Quick and Easy Italian Recipes from Antipasti to Dessert. Finalmente un’italiana ai fornelli tenta la strada americana dove da anni ad insegnare la cucina nostrana ci pensano cuochi e star della tv, che l’Italia l’hanno vista in cartolina (o quasi). Certo poi vorremmo che lo stesso valesse anche per i veri chef, ma quella è un’altra storia. L’auspicio è che Discovery riesca a portare i cooking show di Benedetta in giro per il mondo.

8 ai premi del Roma Fiction Fest. La manifestazione orchestrata da Carlo Freccero sa premiare con criterio, sia la pay tv che la tv free, e saggiamente scegliere di non assegnare nessun riconoscimento al migliore canale, adducendo più che valide motivazioni (per maggiori info clicca qui). Discutibili, anche stavolta, i premi assegnati dai lettori di Tv Sorrisi e Canzoni ma in quel caso la kermesse capitolina ha ben poca voce in capitolo.

7 ad Antonio Marano che finalmente pone fine allo spezzatino dei programmi targato Rai. Tuttavia qualcosa da sistemare c’è ancora, se l’impressione è che solo i programmi e i personaggi “meno in vista” siano stati toccati.

6 alle ennesime dichiarazioni di Anna Maria Tarantola (per maggiori info clicca qui). Belle parole che non hanno quasi mai la dote del pragmatismo.

Bocciati




22
settembre

OTTO E MEZZO, GIOVANNI FLORIS: QUI SONO OSPITE, SPERIAMO CHE LILLI TORNI IL PRIMA POSSIBILE

Giovanni Floris, Otto e Mezzo

Un riferimento veloce ma dovuto a Lilli Gruber, la vera padrona di casa. Così Giovanni Floris ha aperto stasera la puntata di Otto e Mezzo da lui condotta in qualità di sostituto della collega di rete, assente ormai da una settimana dal video per una “indisposizione”. Stamane, con un breve comunicato, La7 aveva annunciato la temporanea soluzione adottata per ovviare alla mancanza della Gruber dagli schermi. Al contempo, veniva annunciata la sospensione momentanea di DiciannovEquaranta, lo spazio quotidiano curato dall’ex conduttore di Ballarò.

E stasera, come programmato, Floris ha debuttato nel suo ruolo provvisorio, introducendo subito gli ospiti della serata: l’onorevole Pd Rosy Bindi e Marco Damilano, cronista de L’Espresso. Poi ha aggiunto:

Ma evidentemente sono ospite anch’io. Condurrò Otto e Mezzo fino a che non tornerà Lilli Gruber, quindi speriamo tutti il prima possibile e che quindi io conduca per il minor tempo possibile. Un saluto a Lilli, andiamo in pubblicità ed iniziamo con Otto e Mezzo“.

Poche parole, forse pronunciate anche per gettare acqua sul fuoco di quelle indiscrezioni che ipotizzavano dissidi tra Lilli Gruber ed il nuovo arrivato Floris. Supposizioni mai confermate, che tuttavia hanno tratto ossigeno dall’improvvisa sparizione della conduttrice dal video.


22
settembre

STRISCIA LA NOTIZIA 2014/2015: AL VIA STASERA CON LA COPPIA PIERACCIONI-BATTISTA. TAPIRO A FLORIS

Striscia la Notizia, Battista e Pieraccioni

Nell’access di Canale 5 arriva da questa sera alle 20.40 Striscia la Notizia – La voce dell’indecenza; si tratta della 27esima edizione del tg satirico ideato da Antonio Ricci. Molte conferme, ma anche qualche sorpresa, a cominciare dalla prima coppia di conduttori: Leonardo Pieraccioni e Maurizio Battista, al timone del programma per tutta la settimana (da lunedì 29 settembre tornano Michelle Hunziker e Piero Chiambretti).

Striscia la Notizia 2014/2015: stasera il (vecchio) filmato di Daniele De Santis che aggredisce Dario Ballantini

Nella puntata d’esordio di questa sera viene trasmesso un filmato del 2005 con protagonista un giovane Daniele De Santis, l’ultrà romanista accusato di aver ucciso con un colpo di pistola il tifoso napoletano Ciro Esposito prima della finale di Coppa Italia. Nel filmato, registrato al Foro Italico di Roma in occasione degli Internazionali di tennis, De Santis, forse per proteggere Francesco Totti e Ilary Blasi, aveva aggredito il trasformista di Striscia Dario Ballantini (nei panni di Luca Cordero di Montezemolo) e la sua troupe, atterrandoli senza alcun motivo e impedendogli di completare il loro servizio.

Striscia la Notizia 2014/2015: Giovanni Floris è il primo attapirato

Giovanni Floris è, invece, il primo attapirato della 27esima edizione. L’ex conduttore Rai ha ricevuto il Tapiro d’oro per il suo passaggio a La7. Floris, intercettato a Roma da Valerio Staffelli, ha commentato il grosso investimento pubblicitario della Rai per il lancio del nuovo Ballarò: “Con Ballarò i soldi non sono mai buttati, perché ne fa guadagnare talmente tanti che ce ne sono anche per fare pubblicità“. Riguardo il nuovo conduttore di Ballarò Massimo Giannini ha detto: “Oltre a essere un bravo giornalista è un giocatore di calcio molto forte“. Ha poi dichiarato che da questa sera condurrà anche Otto e mezzo al posto di Lilli Gruber: “Lilli da quello che so sta bene. Fino a che ci sarà da sostituirla io sarò qua. E poi tornerà lei“.

Striscia la Notizia 2014/2015: confermati gli inviati, le veline e i velini





22
settembre

OTTO E MEZZO: GIOVANNI FLORIS AL POSTO DI LILLI GRUBER. DICIANNOVEQUARANTA SOSPESO

Giovanni Floris

Giovanni Floris condurrà Otto e Mezzo. Temporaneamente, in sostituzione di Lilli Gruber. A poche settimane dal suo arrivo a La7, a partire da stasera il giornalista si sposterà nell’access prime time in sostituzione della collega, da giorni assente dal video a causa di un’indisposizione. L’ex conduttore di Ballarò prenderà il posto di Lilli, e DiciannovEquaranta – la sua striscia quotidiana d’approfondimento – sarà momentaneamente sospesa per non interferire con la conduzione ad interim. Lo riferisce La7 in un comunicato.

A causa del protrarsi dell’assenza di Lilli Gruber, da questa sera lunedì 22 settembre, la conduzione di Otto e Mezzo sarà temporaneamente affidata a Giovanni Floris. Pertanto la programmazione della striscia DiciannovEquaranta, è stata momentaneamente sospesa per consentire a Giovanni Floris di condurre Otto e Mezzo. La decisione è stata presa dall’editore Urbano Cairo con il pieno accordo di Lilli Gruber, che tornerà quanto prima alla guida del suo programma

si legge nella nota diramata dalla rete terzopolista. Un avvicendamento, quello tra Lilli Gruber e Giovanni Floris, resosi necessario per cause di forza maggiore. Da lunedì scorso, infatti, la giornalista era assente dal video per una “indisposizione”: questa la formula usata da Enrico Mentana per giustificare la messa in onda – a partire da mercoledì – di uno speciale Faccia a Faccia da lui stesso condotto, al posto di Otto e Mezzo. “Un problema pensiamo momentaneo, speriamo momentaneo“, aveva aggiunto il direttore del TgLa7. Da stasera, il programma tornerà in access prime time ma con un conduttore provvisorio d’eccezione.


19
settembre

URBANO CAIRO: DA FLORIS MI ASPETTO COSE BUONISSIME, DIAMOGLI TEMPO. SOGNO UN LETTERMAN SHOW, MENTANA SAREBBE ADATTO

Urbano Cairo, La7

Floris l’ho sempre voluto“. Quella pronunciata da Urbano Cairo sembra una dichiarazione d’amore. In un’intervista a Sette del Corriere della Sera, l’editore di La7 ha così rivendicato la propria scelta di riempire il palinsesto con approfondimenti d’attualità, per i quali – assicura – ha “tenuto e preso il meglio“. L’ultimo arrivato è proprio l’ex conduttore di Ballarò, il quale però non ha fatto faville al debutto dei suoi nuovi programmi.

I dati d’ascolto lasciano poco spazio alle interpretazioni, ma Cairo è fiducioso sui tempi lunghi. Forse fin troppo. In merito allo spazio quotidiano affidato a Giovanni Floris dichiara: “DiciannovEquaranta è in crescita e ha un bel target. Diamogli un paio di mesi per farsi conoscere“.

E’ una fascia difficile (…) Ma ci vuole tempo, appunto: una striscia quotidiana si carica giorno per giorno. E quando va bene aiuta sia il Tg sia le prime serate” ha detto.

Urbano Cairo: da Floris mi aspetto cose buonissime

Cose buonissime” il deus ex machina di La7 se le aspetta anche dall’altro appuntamento targato Floris. “L’impianto di diMartedì è efficace e poi c’è la ciliegina Maurizio Crozza“. All’esordio, però, il programma ha ottenuto il 3,47% di share. Certo, i margini di crescita ci sono anche per l’ex conduttore di Ballarò ma – a giudicare dal format poco innovativo – sembra improbabile che Floris riesca a fare il miracolo.

Urbano Cairo: vorrei che Formigli confermasse il 5%





18
settembre

DM LIVE24: 18 SETTEMBRE 2014. GUIDO MEDA A SKY? – GIANNINI: CON FLORIS NEMMENO UN SMS (DOPO LA PUNTATA 161 MESSAGGI IN MEMORIA)

Guido Meda

Guido Meda

Guido Meda a Sky?

griser ha scritto alle 15:58

Secondo Tvzoom sembrerebbe che la voce storica del motomondiale Guido Meda sia in procinto di passare da Mediaset a Sky. Sembrerebbe che durante il Gp a Misano, Meda abbia fatto un lungo colloquio con la dirigenza della pay tv satellitare.

Giannini: con Floris nemmeno un sms

Il programma di Floris? Non l’ho rivisto registrato, perché non penso ai miei concorrenti ma a quel che devo fare io a Ballarò. Con Giovanni siamo amici ma non ci siamo sentiti, nemmeno via sms, dopo i nostri programmi di ieri sera”. A dirlo è Massimo Giannini, fresco conduttore di Ballarò, che oggi è stato ospite, a Rai Radio2, di ‘Un Giorno da Pecora’.

Per la sua ‘prima’, ieri sera, ha ricevuto anche il supporto dei vertici Rai?

Non ho sentito direttamente Gubitosi o la Tarantola, ma diciamo che il servizio pubblico mi è stato vicino”.

Com’è nata l’intervista a Benigni?

Lui era a Roma solo per qualche giorno, per cui l’abbiamo registrato ieri pomeriggio, prima della puntata. Benigni è stato un traino strepitoso per Ballarò”.

Quanti sms ha ricevuto dopo la puntata?

Dopo la diretta ho acceso il cellulare e avevo 161 sms in memoria, ma nessuno ha detto che non gli era piaciuta la trasmissione”.

Non ha ricevuto nemmeno una critica?


17
settembre

BALLARO’ VS DIMARTEDI’: GIANNINI RESUSCITA PRODI, FLORIS COPIA SE STESSO. E’ PAREGGIO AL RIBASSO

Giannini - Ballarò

Giannini - Ballarò

La sfida del martedì, come è stata ribattezzata, inizia su Rai3. E’ Massimo Giannini a battere il calcio d’inizio. Il conduttore debutta a Ballarò con un editoriale in pompa magna in cui ringrazia il suo predecessore e fa un inchino a mamma Rai. “Il servizio pubblico va tutelato. Le critiche sono ingenerose. Questa è l’azienda più importante del Paese” dice il neo-aziendalista, promettendo al pubblico imparzialità. Cita pure Pulitzer, che fa sempre figo. Poi parte la sigla rivisitata (bene) da Ivano Fossati, e il giornalista – tutto carico – si lascia inquadrare mentre accenna un balletto. Avrà frainteso il titolo del programma, scambiandolo per un verbo al futuro. E’ su di giri, Giannini, ma l’entusiasmo si spegne da solo con il trascorrere dei minuti.

Ballarò: l’intervista registrata a Roberto Benigni

Così, l’effetto novità si è presto trasformato in effetto amarcord. Lo stesso Roberto Benigni, intervenuto con un’intervista registrata, non ha spiazzato come ci saremmo aspettati, e anzi si è solo limitato a rispondere ironicamente alle provocazioni dello stesso Giannini. L’attore toscano, come in un’eterna replica di se stesso, non ha risparmiato la predica al suo pubblico: “ricordatevi del futuro” ha detto. Il conduttore di Ballarò ha preso la palla al balzo e, dalle nebbie del passato, ha fatto riemergere Romano Prodi. In quel momento, mentre l’ex premier bofonchiava qualcosa sull’euro e sulla propria uscita dalla scena politica, il telespettatore cambiava su La7 per scongiurare la catalessi. Dalla padella alla brace: sulla rete terzopolista, Giovanni Floris stava già riproponendo un remake del suo Ballarò.

diMartedì: Floris non si rinnova

Al di là del nuovo studio, che sembrava scippato al Chiambretti Supermarket o a Zeta di Gad Lerner, il giornalista si è limitato a trasmettere un format ormai collaudato, senza applicare particolari innovazioni. Dalla copertina di Maurizio Crozza (sempre brillante, ma non inedito) ai sondaggi di Nando Pagnoncelli, diMartedì non ha segnato alcuna evoluzione evidente per Floris, se non in termini anti-renziani. Il giornalista, infatti, non ha risparmiato critiche all’operato del premier, il quale peraltro era stato invitato alla puntata d’esordio del programma. Da segnalare la pessimo audio, che – a giudicare dalle voci ovattate – sembrava trasmesso da un bunker anti atomico.


16
settembre

BALLARO’ vs DIMARTEDI: GIANNINI DEBUTTA CON PRODI E BENIGNI, FLORIS RIPARTE CON CROZZA E SCALFARI

diMartedì, Giovanni Floris

La sfida d’attualità più attesa avrà inizio stasera, in contemporanea su Rai3 e La7. Massimo Giannini e Giovanni Floris, rispettivamente alla conduzione del nuovo Ballarò e dell’inedito diMartedì, si confronteranno a distanza a colpi di notizie e di ospiti esclusivi. Sulla carta, la terza rete ha messo a segno il primo colpo televisivo, aggiudicandosi la presenza in studio di Roberto Benigni e di Romano Prodi. L’attore e premio Oscar concederà a Giannini un’intervista show a titolo gratuito – si attendono battute sui protagonisti della politica nostrana – mentre l’ex premier sarà chiamato a parlare “della crisi internazionale, dell’Europa e anche della crisi italiana“, come ha anticipato Giannini in conferenza stampa.

Ballarò: temi e ospiti della prima puntata

Per il suo debutto alla guida di Ballarò, il giornalista ha convocato un parterre istituzionale: oltre a Romano Prodi, nello studio di Rai3 ci saranno anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, e molto probabilmente anche il direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli. Nel cast fisso della trasmissione, invece, ci saranno Ilvo Diamanti e la sondaggista Alessandra Ghisleri. Ogni settimana, il politologo sceglierà la parola chiave, denominata “password”, attorno a cui si articolerà il dibattito; la sondaggista di fiducia di Silvio Berlusconi, invece, presenterà i risultati delle sue rilevazioni. In chiusura ci sarà anche una sitcom satirica di venti puntate, “Il candidato”, in cui Filippo Timi interpreta il ruolo di un candidato-fantoccio che riesce a ottenere ottimi risultati alle elezioni.

“Il mio obiettivo  è fare un programma che non sia né di destra né di sinistra, ma fare buon giornalismo. È ovvio che non posso svestirmi della mia identità e del mio passato, ma non è questo quello che devo fare. Devo trattare tutti allo stesso modo, da Renzi a Berlusconi, ed è quello che facevo a Repubblica” ha dichiarato Massimo Giannini in conferenza stampa.

diMartedì: gli ospiti di Giovanni Floris su La7