Calcio



22
gennaio

COPPA ITALIA: DA STASERA LE SEMIFINALI SU RAI 1. APRE JUVE-LAZIO, SLITTA AL 17 APRILE IL RITORNO TRA INTER E ROMA

Juventus vs Lazio

Il grande calcio torna in diretta e in esclusiva sulle reti Rai con le semifinali di Coppa Italia Tim Cup. Dopo aver “scomodato” Rai 2 per i quarti di finale, stavolta in quel di Viale Mazzini c’è odore di grandi numeri, motivo per il quale le quattro partite in programma andranno in onda tutte su Rai 1 alle 20.45, con la visione in HD al canale 501.

Andata: martedì 22 e mercoledì 23 gennaio 2013 – Ad aprire le danze è Juventus vs Lazio, in programma stasera allo Juventus Stadium di Torino. La telecronaca dell’incontro è affidata a Gianni Cerqueti, con Francesco Marino e Luca De Capitani a bordocampo per le interviste. Domani (mercoledì 23 gennaio) riflettori sull’Olimpico di Roma per Roma vs Inter, raccontanta in tv attraverso la voce di Alberto Rimedio e gli interventi dal campo di Alessandro Antinelli e Stefano Mattei.

Ritorno: martedì 29 gennaio e mercoledì 17 aprile 2013 – A distanza di sette giorni dal match d’andata, martedì 29 gennaio 2013 all’Olimpico di Roma si gioca Lazio vs Juventus per decretare la prima squadra finalista. Per conoscere la sfidante, invece, toccherà attendere il 17 aprile; la partita Inter vs Roma allo stadio San Siro di Milano, inizialmente prevista per mercoledì 30 gennaio, è stata rinviata a causa dell’anticipo di campionato che vede la squadra giallorossa scendere in campo contro il Cagliari venerdì 1° febbraio.




8
gennaio

COPPA ITALIA: AL VIA STASERA SULLE RETI RAI I QUARTI DI FINALE. ATTESA PER JUVE-MILAN

Coppa Italia, è di nuovo Juve-Milan

Terminate le feste e ripartito il campionato di calcio di Serie A, in esclusiva sulle reti Rai torna anche la Coppa Italia. Da stasera si entra nella fase calda della competizione con i quarti di finale, “spalmati” in tutto il Paese. Il Nord rappresentato dalle solite tre (Juventus, Inter e Milan), poker al centro (Bologna, Fiorentina, Lazio e Roma), mentre al Sud pesa l’eliminazione del Napoli, con la “piccola” Catania che avanza. Ecco le partite in programma e in tv:

Martedì 8 e mercoledì 9 gennaio 2013 – Il primo match si gioca stasera all’Olimpico di Roma, dove va in scena Lazio vs Catania. Diretta tv su Rai 2 a partire dalle 21.00, con la telecronaca di Marco Lollobrigida. Domani (mercoledì 9) big match allo Juventus Stadium di Torino, che farà da cornice all’attesissimo Juve vs Milan. L’incontro verrà trasmesso dalle 20.45 su Rai 1, con Gianni Cerqueti in postazione di telecronaca. Le due partite decreteranno le squadre protagoniste della prima semifinale.

Martedì 15 e mercoledì 16 gennaio 2013 – Tocca alla parte bassa del tabellone. Allo stadio San Siro di Milano si gioca Inter vs Bologna (martedì 15), mentre al Franchi di Firenze c’è Fiorentina vs Roma (mercoledì 16). Entrambi gli incontri sono programmati in diretta tv su Rai 2 a partire dalle 21.00. Dai due match usciranno le squadre protagoniste della seconda semifinale.


27
dicembre

2012, UN ANNO DI SUCCESSI (PRIMA PARTE): SOLO SANREMO E IL CALCIO MEGLIO DI ITALIA’S GOT TALENT. FICTION DI RAI 1 SUGLI SCUDI

Oltre 8 milioni di spettatori e il 30% di share per il film tv su Borsellino

Un altro anno sta per concludersi ed anche il piccolo schermo si appresta al rompete le righe di un 2012 che, sulla scia dell’anno precedente, ha fatto segnare una fuga di spettatori non indifferente per gli storici canali generalisti. I numeri parlano chiaro, gli obiettivi delle reti si abbassano prepotentemente; eppure c’è chi è riuscito a brillare come un tempo nella corsa all’auditel, dando conferma che gli italiani sanno ancora “riunirsi” di fronte ad appuntamenti forti, che non siano soltanto il Festival di Sanremo o le partite di calcio.

Andiamo, dunque, a ricordare nel dettaglio quali proposte televisive della prima serata del 2012 finiscono di diritto in… Un Anno di Successi:

GENNAIO – Il primo sussulto lo regala Canale 5 con la fiction Il Tredicesimo Apostolo, che incolla all’esordio ben 7.103.000 spettatori, pari al 27.21% di share. Durata sei puntate, la serie chiude con 5.767.000 e il 21.06% di media. Prosegue il “miracolo” del giovedì di Rai 1 con le ultime puntate della fiction Che Dio ci aiuti, che chiude col botto finale di 7.649.000 fedeli (26.45%). Al via la sfida del sabato tra Ballando con le Stelle 8 (media 5.276.000 – 23.19%) e Italia’s Got Talent 3 (media 6.676.000 – 28.27%); clamoroso, in particolare, il risultato del talent di Canale 5, che alla sesta puntata sfiora addirittura i 9 milioni di spettatori (8.812.000 – 34.52%). Brilla anche SkyUno grazie alla finale di X Factor 5, che consegna al canale satellitare un risultato record (3.95%).

FEBBRAIO – Rai 1 gongola con il calcio (la semifinale d’andata di Coppa Italia tra Milan e Juventus è seguita da 9.328.000 calciofili, con uno share del 29.57%), prima di brindare alle cinque serate del Festival di Sanremo (media 11.144.000 – 47.23%), che nella finale raggiunge i 13.287.000 individui (57.43%). Sempre sulla prima rete nazionale, si rivela un successo la serie Provaci ancora Prof 4, che al secondo appuntamento sfiora i 7 milioni (6.909.000 – 23.46%) e chiude le sei puntate con una media di 6.201.000 spettatori, pari al 21.97%. Ancor più netto è il dominio de Il Giovane Montalbano (media 6.991.000 – 26.07%), salutato all’esordio da 7.749.000 fans (27.99%) dell’originale commissario.





13
novembre

RAI SPORT: STEFANO BIZZOTTO E’ IL NUOVO TELECRONISTA DELLA NAZIONALE DI CALCIO

Stefano Bizzotto

L’Italia cambia voce. Stiamo parlando della telecronaca della Nazionale di calcio che, in occasione della partitissima di domani contro la Francia (in programma al Tardini di Parma e in diretta su Rai 1 alle 20.45), “vivrà” l’ultima di Bruno Gentili, prima voce dei match degli Azzurri da più di due anni, pronto ora a cedere il proprio posto a Stefano Bizzotto.

Un avvicendamento in vista dei prossimi Mondiali in Brasile - ha dichiarato il direttore di Rai Sport Eugenio De Paoli - nel segno della continuità e della valorizzazione delle professionalità della testata”. Gentili subentrò a Marco Civoli nel settembre del 2010, dopo la debacle italiana in terra africana, diventando la voce ufficiale di Euro 2012. Stessa sorte, dunque, per Bizzotto, che entra nel post-Europeo in vista dei Mondiali di Brasile 2014.

Italia-Francia di domani sarà un passaggio di consegne tra i due (Bizzotto affiancherà il collega in postazione di commento), mentre il debutto vero e proprio del nuovo “corso” avverrà a febbraio 2013, in occasione del match contro l’Olanda che attende gli uomini di Cesare Prandelli.


10
ottobre

LA SPAGNA CAMPIONE DEL MONDO NON TROVA POSTO IN TV. TIFOSI IBERICI COSTRETTI A RIACCENDERE LA RADIO?

Spagna Campione d'Europa 2012

La crisi economica, si sa, non è una questione solo italiana. Ne sanno qualcosa in Spagna, dove la recessione ha portato all’oscuramento della Nazionale di calcio campione del mondo e d’Europa in carica. Il match delle Furie Rosse a Minsk contro la Bielorussia, valevole per le qualificazioni a Brasile 2014 e in programma venerdì 12 ottobre alle 20.00, rischia di non essere trasmesso in tv.

Nessuna emittente, infatti, è disposta a spendere i 3 milioni di euro chiesti dalla società tedesca e detentrice dei diritti, la Sportfive, che, allo scarso interessamento delle tv spagnole, ha abbassato in poche ore l’offerta a 1,5 milioni. Tutto, però, ancora tace:  TVE (la tv di Stato iberica) ha garantito la messa in onda della partita contro la Francia, in programma martedì 16 ottobre, annunciando di voler rinunciare all’incontro con la Bielorussia, considerando il già oneroso prezzo annuale (43 milioni di euro) che paga per trasmettere le partite della Nazionale.

Un allarme che, in realtà, era già suonato per Georgia-Spagna dello scorso 11 settembre, quando alla fine ci mise una “pezza” Telecinco, acquistando in extremis i diritti vacanti. Stavolta, però, come ha già fatto sapere un portavoce del gruppo Mediaset, “il costo attualmente richiesto non risponde ai criteri di redditività della rete”. In poche parole, Telecinco si chiama fuori.





28
settembre

MEDIASET PREMIUM SEGUE DEL PIERO: ACQUISTATI I DIRITTI DEL CAMPIONATO DI CALCIO AUSTRALIANO

Il benvenuto dell'Allianz Stadium a Del Piero

Alessandro Del Piero sbarca sulle reti Mediaset. Non si tratta della solita ospitata da Maria De Filippi a C’è Posta per Te (per questo ha già dato sabato scorso), e neppure del ruolo di telecronista – auspicato dai vertici del Biscione ad inizio stagione – per le partite di Champions League della Juventus.

Mediaset Premium, infatti, ha acquistato i diritti per trasmettere in esclusiva il campionato di calcio australiano, dove milita attualmente l’ex numero 10 bianconero.

Già osannato dai tifosi d’Australia come l’eroe tra i due Oceani, il debutto è atteso per sabato 6 ottobre, quando la sua nuova squadra, il Sidney FC, andrà a fare visita al Wellington Phoneix. Il match sarà trasmesso in diretta sul canale Premium Calcio a partire dalle 9.30 del mattino (ora italiana).


11
luglio

SERIE A, DIRITTI TV: DA CIELO NESSUNA OFFERTA. STRATEGIA PER ABBASSARE IL PREZZO?

Diritti Tv per la Serie A

La Rai 2 dei tempi d’oro sperata da Simona Ventura non sembra, almeno per il momento, vedere la luce. Dopo lo sbarco di Michele Santoro a La7 (che, di fatto, ha tolto a Cielo l’illustre prime time del giovedì), ora a fare notizia è la mancata offerta del canale digitale di Sky per i diritti in chiaro della Serie A nel triennio 2012-2015.

A sorpresa, infatti, terminata ieri la trattativa, la Lega Calcio non ha ricevuto nessuna busta in merito. Preso atto della rinuncia della Rai alla fascia 13.30-18.15 (con Victoria Cabello ufficialmente privata dei collegamenti dagli stadi durante le partite della domenica), sembrava certa l’offerta di Cielo – intorno agli 8 milioni di euro – per acquisire l’illustre pacchetto che, oltre ad ereditare la fascia di Quelli che il Calcio, consente anche di trasmettere in chiaro i primi gol della giornata di campionato.

In Lega Calcio, però, tutto tace, e nei prossimi giorni si discuteranno eventuali modifiche ad un pacchetto che, a metà luglio, risulta inaspettatamente invenduto. E’ difficile, però, che lo sia ancora per troppo tempo. E soprattutto, quella di Cielo ha tutta l’aria di una strategia per abbassare il prezzo, considerando anche la corsa solitaria (salvo sorprese) del canale free di Rupert Murdoch per aggiudicarsi la posta in palio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


24
giugno

EURO 2012, TOTO-ASCOLTI: IN QUANTI SEGUIRANNO INGHILTERRA-ITALIA?

Euro 2012 - maxischermi anche nelle zone terremotate

La Nazionale più di Sanremo. E’ ormai tradizione per gli italiani fermarsi in massa davanti alla tv quando gli azzurri del pallone scendono in campo per giocarsi tutto: orgoglio, maglia e passaggio del turno. Stasera riflettori su Inghilterra-Italia, un match che in una fase finale di un campionato Europeo o Mondiale non si disputa da oltre venti anni (Italia ‘90, con vittoria degli azzurri per 2-1). I pronostici sull’esito dell’incontro si sprecano da giorni, ma il toto-ascolti? Quanto “incasserà” la Rai dalla sfida tra inglesi e italiani?

Dopo Italia-Irlanda di lunedì scorso, che ha incollato in prima serata ben 19.777.000 telespettatori (con uno share del 67.6%), stasera è lecito attendersi un ulteriore incremento di pubblico per una partita che vale l’accesso in semifinale di Euro 2012 contro la Germania. E la Rai (quest’anno con l’aggiunta dell’apprezzato canale HD) spera nel “colpaccio”, con l’assalto al notevole bottino degli ultimi Europei (Austria e Svizzera, 2008).

Quattro anni fa, infatti, gli azzurri allenati da Roberto Donadoni macinarono ascolti da capogiro. Sorvolando sul debutto amaro contro l’Olanda (oltre 18 milioni di spettatori per il 3-0 degli orange) e l’1-1 contro la Romania nella fascia preserale (circa 16 milioni e mezzo), l’auditel impennò con Francia-Italia, ultima partita del girone: la vittora per 2-0 degli azzurri fu seguita da 23 milioni e mezzo di spettatori, pari al 74% di share. Valori percentuali che sfondarono l’80% nel match di quarti di finale contro la Spagna, terminato 0-0 e prolungatosi fino ai calci di rigore (4-2 in favore degli iberici), seguito in media da quasi 22 milioni.