Augusto Minzolini



31
agosto

VICENDA FERRARIO, MINZOLINI RISCHIA IL PROCESSO PER “ABUSO D’UFFICIO”

Augusto Minzolini

Rimossa dalla conduzione del Tg1 delle 20 e non più reintegrata. Tiziana Ferrario non ci sta e ora non intende far sconti ad Augusto Minzolini, l’ex direttorissimo che ebbe l’ardire di “spodestarla”. Dopo averlo trascinato davanti al Giudice del Lavoro, la giornalista ha intentato una causa penale ed ora il Minzo rischia di finire sotto processo. Il pm della Procura di Roma, Sergio Colaiocco, ne ha infatti chiesto il rinvio a giudizio in merito alla nota vicenda, con l’accusa di abuso d’ufficio. Ora spetterà al gip Rosalba Liso decidere se avviare il dibattimento.

L’ex direttore del Tg1, che nel frattempo è stato eletto senatore tra le fila del Pdl, è accusato di aver “emarginato la Ferrario dal luglio 2009 dall’attività della redazione esteri” per aver aderito alle “proteste espresse dal cdr per assenza di indipendenza della linea del direttore“. La giornalista, inoltre, si rifiutò di sottoscrivere un documento a sostegno di Minzolini e – secondo l’accusa – questi si sarebbe ‘vendicato’ rimuovendola dalla conduzione del notiziario delle 20.

Ferrario vs Minzolini: la difesa dell’ex direttore

La collega in questione era in video da 28 anni. Le proposi alternative prestigiose: super inviato sui grandi eventi o la sede di corrispondenza da New York, dove era stato anche un ex direttore del Tg1, Giulio Borrelli. Lei rifiutò per motivi personali” ha spiegato il Minzo, come riportato da Il Giornale.




15
febbraio

AUGUSTO MINZOLINI CHIEDE IL REINTEGRO ALLA DIREZIONE DEL TG1

Augusto Minzolini

Assolto perché il fatto non costituisce reato. Avrà goduto Augusto Minzolini quando ieri il giudice l’ha dichiarato innocente rispetto all’accusa di peculato per il caso delle spese aziendali. Tutto gongolante per essere uscito senza macchia da un processo che gli costò la direzione del Tg1, il giornalista è così tornato all’attacco ed ha sfidato frontalmente la Rai, chiedendo in punta di legge di essere reintegrato alla guida del notiziario:

Hanno utilizzato una legge applicata solo tre volte in Italia, la 97 del 2001, – ha detto il giornalista, come riportato dal Sole24Ore - la quale prevede all’articolo 3 che di fronte a un rinvio a giudizio il dipendente pubblico debba essere spostato. All’articolo 4, però, afferma che entro 10 giorni da una sentenza anche di primo grado di assoluzione, l’azienda debba rimettere nello stesso posto il dipendente. Quindi mi devono mettere dove stavo“.

L’ex direttorissimo ha quindi chiesto di ottenere nuovamente il suo precedente incarico, e per ribadire il concetto ha aggiunto: “nel momento in cui io non sarò tra 10 giorni nuovamente direttore del Tg1 la Rai andrà contro la legge“. Il Minzo, che attualmente è candidato al Senato con il Pdl ligure, è parso dunque intenzionato ad andare fino in fondo.


14
febbraio

SPESE AZIENDALI, AUGUSTO MINZOLINI ASSOLTO DALL’ACCUSA DI PECULATO

Augusto Minzolini

L’ex direttore del Tg1 Augusto Minzolini è stato assolto dall’accusa di peculato nell’ambito del processo che lo vedeva imputato per il presunto utilizzo improprio delle carte di credito aziendali. Il giudice ha respinto la richiesta del pm Mario Dovinola, il quale aveva chiesto una condanna a due anni, perché “il fatto non costituisce reato“. Al giornalista, lo ricordiamo, si contestava di aver sforato, in 14 mesi, il budget a sua disposizione per circa 68 mila euro. Tale somma è stata restituita dal Minzo stesso.

Per me è stata una vera e propria via Crucis”, ha commentato a caldo l’ex responsabile del Tg1, come riportato da Adnkronos. ”Per questo processo – ha aggiunto il giornalista – ho rifiutato di fare il capo dell’ufficio di corrispondenza della Rai a New York. Ho seguito tutto il processo e quello a cui ho assistito oggi mi rincuora sul rapporto tra giustizia e informazione in questo Paese“. Nei mesi scorsi, Minzolini si era trovato a dover rendere conto della vicenda anche davanti microfoni di Servizio Pubblico, nel corso di un movimentato botta e risposta finito a suon di insulti.

Viene ora di chiedersi se il programma di Michele Santoro racconterà l’assoluzione con la stessa enfasi riservata al processo ancora in corso. Intanto, l’ex “direttorissimo” avrà a che fare con una nuova faccenda giudiziaria: è stata infatti notificata la chiusura di un’altra inchiesta che lo riguarda, quella sul mancato reintegro di Tiziana Ferrario al Tg1. La giornalista non era stata reintegrata nelle sua abituali mansioni, come indicato da una sentenza del giudice del lavoro.





4
dicembre

AUGUSTO MINZOLINI DA GENNAIO IN SECONDA SERATA SU CANALE 5?

Silvio Berlusconi e Augusto Minzolini

Silvio Berlusconi e Augusto Minzolini

Così, tanto per dire, Paolo Del Debbio ieri ha raggiunto lo share record del 9% nonostante i più altisonanti Che tempo che fa di Rai3 e L’Infedele di La7, diventando a tutti gli effetti la quinta colonna di Rete4. Allora per quale strano motivo a Cologno stanno (ancora) vagliando l’ipotesi di ripescare uno dei personaggi più critici dell’azienda pubblica? Si perché, stando a quanto rivelato da Celebrity Now e rilanciato da Dagospia, pare proprio che dalle parti del Biscione abbiano deciso, in vista della nuova stagione invernale, di “accollarsi” l’ex Direttore del TG1 Augusto Minzolini.

Le voci a dire il vero si rincorrevano da mesi, da quando il Direttorissimo venne sostituito dal pensionato Alberto Maccari alla guida del TG dell’ammiraglia Rai e inviato al coordinamento dei corrispondenti. Ora l’ipotesi pare stia prendendo forma: Minzolini potrebbe sbarcare da gennaio su Canale5 con due seconde serate di informazione, sulla scia del defunto Matrix, chiuso sì per i bassi ascolti, ma anche in vista della promozione autunnale di Alessio Vinci nel dì di festa, a sua volta allontanato e sostituito in corsa da Barbara D’Urso.

Già alle prime avvisaglie i giornalisti Mediaset pare avessero alzato le barricate, pronti a farsi sentire con un duro comunicato dei comitati di redazione. Oltre al ricorso (inutile?) di un esterno, il problema, secondo Dagospia, risiedeva nel costo che il passaggio dell’ex Direttore avrebbe comportato sulle casse Mediaset, ritenuto eccessivo in tempi di spending review (leggasi tagli forsennati ai TG).


18
ottobre

DM LIVE24: 18 OTTOBRE 2012. PAOLO VILLAGGIO CONTRO TUTTI, MINZOLINI PREPARA MATRIX?

Paolo Villaggio

Paolo Villaggio

>>> Dal Diario di ieri…

  • Paolo Villaggio contro tutti su Vero

Vero, il nuovo canale televisivo del digitale terrestre, ora visibile sul Canale 55, ospiterà oggi un illustre ospite: Paolo Villaggio. L’attore, amato dal grande pubblico, parteciperà in diretta alle ore 16.00 nella rubrica ‘Storie’ in un insolito ‘Uno contro tutti’ che lo vedrà confessarsi al pubblico come non ha fatto mai fino a ora.

  • Minzolini prepara Matrix?

tinina ha scritto alle 13:37

Il giornalista Augusto Minzolini, ex direttore del Tg 1, in gran segreto sta preparando la squadra per il suo sbarco in Mediaset, pare alla conduzione della nuova edizione di Matrix. Minzolini vorrebbe come autore Andrea Ruggieri, nipote di Bruno Vespa e compagno di Anna Falchi. (Fonte Leggo.it)

  • Gagliardi regista di 1992 per Sky

Valerio ha scritto alle 18:04





22
settembre

AUGUSTO MINZOLINI A UN PASSO DA MEDIASET. DOPO LE ELEZIONI DIRIGERA’ IL TG5?

Augusto Minzolini, Silvio Berlusconi

Lo chiamano il “patto della staffetta”, ma in realtà sembra più una corsa a ostacoli. Il probabile arrivo di Augusto Minzolini a Mediaset – ventilato con insistenza ma non ancora confermato – continua a far discutere, soprattutto all’interno della stessa azienda del Biscione. Da quelle parti, infatti, l’ex direttorissimo non è molto gradito, come dimostrano le voci di protesta sollevate nei giorni scorsi dai giornalisti dell’emittente. Eppure la firma sembra vicina, grazie anche ad un ‘accordo’ che sarebbe stato discusso nientemeno che nelle stanze di Palazzo Grazioli.

Stando a quanto riporta Dagospia, infatti, dietro all’annunciato approdo di Minzolini a Mediaset ci sarebbe una mossa di Silvio Berlusconi, che in tempi non sospetti avrebbe convocato l’ex responsabile del Tg1 e il direttore del Tg5 Clemente Mimun per definire i termini di un avvicendamento giornalistico che li riguarderebbe. Il “patto della staffetta”, come lo ha definito D’Agostino, prevederebbe che al Minzo venga affidato un programma d’approfondimento in seconda serata (su Canale5, nello spazio che fu di Matrix), del quale occuparsi fino alle prossime elezioni. Dopodiché, l’ex direttorissimo verrebbe catapultato sulla poltrona del Tg5.

Sì, l’idea sarebbe proprio quella: assumere il ‘reietto del Tg1′ e sostituirlo a Clemente Mimun a partire dalla primavera del 2013, cioè dopo l’appuntamento elettorale che potrebbe vedere il Cavaliere come candidato premier. Sulla carta il progetto è pure fattibile, ma in realtà bisognerà tenere conto di alcune variabili che al momento non è possibile calcolare. A cominciare dalla reazione che potrebbero avere i giornalisti del Tg5, i quali già ora hanno espresso il loro disappunto nei confronti del super contrattone che spetterebbe al Minzo.


20
settembre

DM LIVE24: 20 SETTEMBRE 2012. MINZOLINI A MEDIASET? CRIPPA: LO SAPRESTE SUBITO

Augusto Minzolini

>>> Dal Diario di ieri…

  • Minzolini a Mediaset

aleimpe ha scritto alle 11:39

Augusto Minzolini firma per Mediaset dove presenterà tre seconde serata alla settimana. (“Il messaggero”)

  • Mediaset: se firmasse lo sapreste subito

aleimpe ha scritto alle 18:29

Augusto Minzolini firma con Mediaset? L’indiscrezione che circola insistentemente da diversi giorni, viene smentita per il momento sia dall’interessato che da Mediaset. «Io non ho firmato nulla», afferma Minzolini. E il direttore generale per l’informazione di Mediaset, Mauro Crippa, -interpellato dall’Adnkronos- aggiunge: «Qualora Minzolini firmasse con Mediaset lo sapreste subito. Non si tengono segreti sulle firme». Per Minzolini è stata ipotizzata sulla stampa la conduzione di un approfondimento che andrebbe in onda al posto di ‘Matrix’ ma c’è chi non esclude che per lui possa arrivare una nuova direzione giornalistica dopo quella del Tg1. (fonte: Adnkronos)


8
agosto

CANALE5 PREPARA UN ROTOCALCO E UN TALK POLITICO PER LA SECONDA SERATA. MINZOLINI: “NON NE SO NULLA”

Augusto Minzolini

Le vacanze possono attendere, almeno per ora. Ai piani alti di Mediaset si lavora per mettere a punto i contenuti delle prossime seconde serate di Canale5, che saranno all’insegna delle news. Con la designazione di Alessio Vinci a conduttore del contenitore domenicale in onda da ottobre, la notte della rete ammiraglia è infatti rimasta sprovvista di Matrix e necessita di un restyling completo.

Come vi abbiamo comunicato, ora l’idea è quella di lanciare una night line di approfondimento curata dal Tg5 di Clemente Mimun. Ma ecco maggiori dettagli sui progetti attualmente al vaglio: come riporta Il Giornale, sono in preparazione un rotocalco di ampio respiro informativo (in stile Tv7, per intenderci) e un programma di stretta attualità politica – genere talk – che racconterà giorno per giorno le vicende più scottanti.

Al riguardo, ieri Dagospia ipotizzava che il conduttore della linea notte targata Canale5 potesse essere Augusto Minzolini. Uno scenario quantomai suggestivo, con la possibilità – sempre secondo il sito – che il giornalista approdasse a Mediaset nella prospettiva di scalzare Clemente J. Mimun dalla direzione del Tg5. Il Minzo, però, ha dichiarato a Libero: “non ne so proprio nulla. Nessuno mi ha chiamato e preferisco non commentare le voci“. Anche fonti di Mediaset avrebbero respinto l’indiscrezione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,