20
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2014: DM E’ SBARCATO NELLA CITTA’ DEI FIORI

Uno Mattina Magazine

Di serate ne sono andate in onda solo due ma possiamo già tirare un bilancio della 64° edizione del Festival di Sanremo. E il bilancio, signori, è tutt’altro che positivo: canzoni discutibili, ospiti per nulla attuali, ospitate troppo lunghe rispetto al tempo dedicato alle canzoni in gara, clima piatto, le Nuove Proposte relegate al fondo della serata con inizio esibizioni dopo mezzanotte. Tutti elementi che hanno portato la seconda serata del Festival agli ascolti più bassi raggiunti dalla kermesse da parecchi anni a questa parte.

Festival di Sanremo 2014: un tentativo di eventizzare Che tempo che fa

Chiaramente la Rai, che certe scelte le ha fatte perché ovviamente ci credeva, tende a guadare il bicchiere mezzo pieno: questi ascolti, dunque, vengono attribuiti alla concorrenza della Champions League. E il direttore Giancarlo Leone, intervistato ad Uno Mattina Magazine, ha guardato al futuro con ottimismo, forte dell’idea che Fazio & Co abbiano confezionato uno spettacolo bellissimo e ricco di emozioni. Di meglio, insomma, non si poteva fare?

Ma certo che sì. E oggi, nel dibattito diretto da Lorella Landi su Rai 1, abbiamo espresso tutte le nostre perplessità in diretta. DM in persona, commentando questo Festival che vuole “eventizzare Che Tempo che Fa“, ha sottolineato quanto la presenza di Franca Valeri, a cui va comunque un 10 per la sua carriera di attrice, sia stata inopportuna sia per la riuscita dell’esibizione sia perché non era certo il modo migliore per celebrare la storia della Rai, dal momento che la Valeri non ne è stata un’esponente di spicco. Quindi “voto 0 alla direzione artistica“. E se invece le gemelle Kessler sono state una pietra miliare della nostra tv, dopo lo spettacolo di ieri sera, ironicamente definito “una botta di vita“, ormai quel tempo andrebbe forse definitivamente archiviato. Non sarebbe stato più opportuno, come suggerito da DM, riproporre tutte le vallette dei Sanremo passati?

Festival di Sanremo 2014: Baglioni cantante di serie A, quelli in gara cantanti di serie B?

Altre perplessità sono stata avanzate poi sulla presenza di Claudio Baglioni, che pure ha molto emozionato il pubblico in sala e a casa, come super ospite. DM si è domandato: ma perché non è venuto per partecipare alla gara? Perché alcuni cantanti italiani vengono solo come ospiti? Questa divisione tra cantanti italiani di serie A e cantanti di Serie B potrebbe essere parimenti applicata anche per Luciano Ligabue, ospite della prima serata del Festival ed atteso anche per l’ultima, nonché per tutti gli artisti italiani che da anni fuggono la gara ma non il palco dell’Ariston che calcano per soli fini promozionali.

Per quanto riguarda invece le canzoni in gara, che “dovrebbero” essere protagoniste dello show, quelle che hanno colpito maggiormente giornalisti e critici che si sono espressi oggi sono state quelle di Renzo Rubino, in particolare la prima, che però è stata eliminata, nonostante la standing ovation ottenuta dalla platea. Evviva.



Articoli che potrebbero interessarti


Uno Mattina Magazine a Sanremo
FESTIVAL DI SANREMO 2014: LA CASTA NON HA VOLUTO INES SASTRE AL SUO FIANCO? MENTRE GRILLO…


Uno Mattina Magazine a Sanremo
FESTIVAL DI SANREMO 2014: TESTI STUPIDISSIMI PER UN FESTIVAL POLITICIZZATO?


Clerici sanremo young
Sanremo Young: braccio di ferro tra il Comune e la Rai sul nuovo show di Antonella Clerici


Sanremo 2018
Festival di Sanremo 2018: la commissione che sceglierà le Nuove Proposte. Il 15 dicembre in prima serata la finale

7 Commenti dei lettori »

1. bea ha scritto:

20 febbraio 2014 alle 15:18

Scusatemi ma sulla Valeri non sono d’accordo,un omaggio lo meritava,ovunque ,l’unica vera artista rimasta in Italia.



2. kalinda ha scritto:

20 febbraio 2014 alle 15:19

sono d’accordo sul fatto che non ci debbano essere cantanti italiani ospiti.



3. Marco89 ha scritto:

20 febbraio 2014 alle 15:26

Per me invece alcuni grandi nomi come ospiti potrebbero anche andare bene, come appunto Ligabue. Anche la Valeri e le Kessler mi sono piaciute, non è quello il punto. E’ l’insieme che funziona poco quest’anno.
Riguardo i cantanti, per me molte canzoni sono da serie B, alcuni cantanti invece sono di serie A. Non possiamo per esempio giudicare la Ruggiero come una cantante di serie B, anche se le canzoni sono brutte.



4. Luigi ha scritto:

20 febbraio 2014 alle 16:02

Ma la canzone di Rubino che è passata è proprio la prima! O sbaglio?



5. ales79 ha scritto:

20 febbraio 2014 alle 16:05

Baudo lo diceva sempre, e aveva ragione, che non devono esserci ospiti italiani perchè si discrimina…se un italiano vuole venire a sanremo che gareggi altrimenti ciao.



6. Emma ha scritto:

20 febbraio 2014 alle 16:22

Sono daccordo con ales79, molti cantanti snobbano sanremo e anche la grande visibilità che ne deriva, che diciamolo male non fa!
Però stamattina ho seguito Davide ad uno mattina ed ero completamente daccordo con lui, e sono contenta che qualcuno abbia avuto il coraggio di dire in tv come stanno le cose: che questo festival non piace a nessuno e che Fazio ha toppato alla grande!
È assurdo che qualsiasi opinionista, conduttore e giornalista continui a negarlo senza fare una critica oggettiva! La direzione artistica di quest anno inesistente, sembra fatto tutto senza un senso e una direzione precisa. Davvero noioso. E poi questa specie di rimpatriata tra vecchi amici che neanche mia nonna..quanto rimpiango Baudo..



7. Mauro ha scritto:

20 febbraio 2014 alle 16:22

ilo calo è dovuto a vari fattori: 1)al fatto che non c’è nessuna novità nel vedere per il secondo anno consecutivo Fazio/Littizzetto,che ripropongono sempre le solite cose…(sembra di guardare una normale puntata di Che Tempo Che Fa)..Sanremo deve essere un’evento,qualcosa diverso dal solito programma tv..altrimenti non ha motivo di esistere e si perde la connotazione che ricopre!
3)Gli ospiti sono di poco impatto..Una Franca Valeri,Kasia Smutniak.le gemelle Kessler…si possono considerare nomi di grande richiamo?ci vogliono NOMI in grado di catturare l’attenzione pubblica,anche gentw che di norma non segue il Festival,ma che si sintonizza solo per vedere l’ospite…
4)Il cast alla fine è la cosa meno rilevante,pero’ se il contorno è assente e il cast poco brillante(pochi nomi conosciuti di richiamo) la barca affonda.
Vedremo stasera come se la caverà…senza concorrenza…non ci sono scuse se gli ascolti saranno peggiori…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.