9
ottobre

GIANNI MORANDI LIVE IN ARENA: BUONA LA SECONDA (A PARTE CHER)

Gianni Morandi live in Arena - Cher (da QuiMediaset)

Gianni Morandi live in Arena - Cher (da QuiMediaset)

C’era una volta, in una tv lontana lontana, uno scatolone domestico governato da pesanti leggii dorati, da monologhi imperanti e da elucubrazioni filosofiche degne del platonismo più profondo. Un giorno, la musica osò sfidare il regno dell’alta tv, decisa a dimostrarle che una voce, una fisarmonica e una chitarra potrebbero insegnare e ammaliare quanto i sermoni catodici tanto amati dai radical chic. Nietzsche una volta disse che senza la musica la vita sarebbe un errore e, dopo aver visto le due serate di Gianni Morandi Live in Arena, non potremmo che essere d’accordo con lui.

Perché Gianni Morandi, colui in grado di sfidare i mezzi pubblici di Roma, scalare l’Everest e terminare la maratona di New York con ancora mezza bottiglia d’acqua piena, ci ha dimostrato questo: che uno show televisivo può essere coinvolgente e ritmato senza sfociare nella retorica e senza necessariamente sorbirsi una lezione d’economia di Jean-Paul Fitoussi come nel Rock Economy targato Celentano. Gli elementi ci sono tutti: una gran voce, un’orchestra di cento elementi, un pubblico urlante e una notte stellata. Morandi fa il suo ultimo ingresso all’Arena immerso in un bagno di folla come un Papa melodico senza papamobile, accolto dagli abbracci e dal tifo sfrenato di uomini e donne di tutte le età. E, se vogliamo parlare d’età, potremmo proporre alle case farmaceutiche i nomi di Gianni Morandi, Rita Pavone e Cher come custodi del filtro della giovinezza, riusciti a dimostrare, in appena due ore e mezza, di avere più grinta di un capo ultras e di una directioner messi insieme.

Apre le danze lei, una Rita Pavone tutta pepe che non riesce a stare ferma un attimo, cantando i successi di ieri e di oggi che l’hanno resa celebre. Certo, lo sguardo furbetto e la statura minuta ci sono ancora, ma gli effetti del botox avrebbero potuto benissimo spingere gli organizzatori a contattare il Madame Tussauds chiedendo se una statua di cera fosse scomparsa di recente. L’alchimia con l’eterno ragazzo e i virtuosismi capaci di crepare un cristallo Swarovski ci ricordano che la Pavone non è mai cambiata e che l’Italia dovrebbe ricordarsi di avere. Si prosegue con un comico sui generis, l’unico, forse, che potrebbe essere richiamato all’ordine dai leggii e dai monologhi despoti e impegnati: Checco Zalone.La sua presenza “markettara”, al contrario di quella di Fiorello di ieri, diverte e spiazza, conquistando più di un record: il record di parolacce pronunciate in appena cinque minuti; il record di cliché di un’Italia prevedibile e ridacchiona e il record di lanci promozionali per una pellicola cinematografica. Ah, per chi non l’avesse capito, Sole a catinelle uscirà nelle sale il 31 ottobre. Ma è con la diva Cher che l’Arena si emoziona e si paralizza…per neanche dieci minuti, giusto il tempo di un duetto live e di un singolo in playback. Certo, un superospite del suo calibro avrebbe meritato maggiore attenzione da parte del cantante di Monghidoro che, invece, ha preferita la condotta alla Raimondo Vianello, colpevole di aver cacciato Madonna dal palco dell’Ariston subito dopo l’esibizione al Sanremo 1998.

La serata si conclude virando al femminile, come quasi tutta la puntata, per giunta. Ed ecco così scendere in Arena Nina Zilli, Noemi, Amii Stuart e Bianca Atzei, pronte a cantare a squarciagola le “creature” del buon Gianni. Che dire, Gianni Morandi Live in Arena è riuscito a emozionare ancora una volta, anche se l’ospitata lampo di Cher e l’intervento troppo caricato di Zalone potrebbero costargli il posto nel paradiso dell’alta tv. Almeno per stavolta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gianni Morandi Live in Arena - Fiorello
GIANNI MORANDI LIVE IN ARENA: IL PIU’ GRANDE CONCERTO DOPO IL WEEK END


Cher ospite dello show di Gianni Morandi all'Arena di Verona
CHER SUPER OSPITE DI GIANNI MORANDI LIVE IN ARENA


Verissimo Speciale GF Vip
Verissimo Speciale GF Vip: conducono (e si baciano) Silvia Toffanin e Ilary Blasi


CODICI televoto AMICI 17
Amici 17: torna la classifica di gradimento. Ecco come votare

5 Commenti dei lettori »

1. Paolo Ottomano ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 08:47

Anche Fiorello è stato divertente e più di Zalone onestamente, che a parte le canzoni sembrava si fosse dimenticato cosa fare :) Ma in realtà anche nell’articolo sulla prima puntata mi sembra che tu l’abbia apprezzato: perchè mo dici il contrario? :D



2. Mario Manca ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 10:17

Infatti l’ho molto apprezzato, le uniche “note stonate” della seconda serata sono stati, a mio parere gli interventi di Zalone e Cher. Per il resto chapeau ;)



3. GIOBOND ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 10:52

Concordo con quanto scritto da Mario.
Le uniche note stonate Cher e Zalone…
Fantasticamente Rita…che voce!
Gio



4. elena ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 13:58

pienamente d’accordo con mario, rita pavone live una bomba. ha molto da insegnare ancora a molte miracolate odierne!
zalone mi ha un po’ stufato e comunque un po volgarotto, una domanda: ma c’e’ ancora qualcosa di non ricostruito in cher?



5. Vince! ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 15:14

Serata qualitativamente molto inferiore alla precedente.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.