27
febbraio

THE VOICE: UN SUCCESSO MONDIALE. E IN ITALIA?

I coach di The Voice of Italy

E’ uno dei fenomeni televisivi degli ultimi anni e ora sta per arrivare anche in Italia. Giovedì 7 marzo alle 21 su Rai2 debutterà The Voice, il talent show che ha riscosso un grandissimo successo in tutto il mondo. Era il settembre 2010 quando il format, ideato da John De Mol “padre” del Grande Fratello, è andato in onda per la prima volta nei Paesi Bassi. Sono bastati pochi mesi affinchè il talent venisse esportato negli Stati Uniti dove è diventato uno dei programmi di punta della Nbc. Complice il traino del Superbowl, la prima puntata della seconda stagione si piazza al primo posto della classifica degli show non sportivi più seguiti degli ultimi 6 anni della tv americana con 37,6 milioni di telespettatori. Il format è stato poi venduto in oltre 25 paesi di tutto il mondo.

In Francia ha registrato il debutto più forte per un talent: la premiere in onda su Tf1 è stata seguita da circa 9.200.000 spettatori (37% di share) battendo così i lanci di Star Academy, X Factor, Idol e Got Talent. Ottimo riscontro anche in Spagna con picchi di 6 milioni e del 35% di share. Ascolti record in Inghilterra, dove il talent è da sempre un genere molto popolare, con una media di 8.900.000 spettatori su BBC 1 pari al 36.30% (media della rete al 20%). Buoni risultati anche in Germania dove The Voice ha totalizzato circa il doppio degli ascolti di X Factor: 4,2 milioni gli spettatori medi della prima stagione mantenuti anche nella seconda, conclusasi a dicembre del 2012.

Dopo essere approdato anche inDanimarca, Belgio, Polonia, Romania e Turchia, ora tocca all’Italia. I giudici/coach sono Raffaella Carrà, Riccardo Cocciante, Noemi e Piero Pelù mentre la conduzione è affidata all’attore Fabio Troiano. I consulenti – come DM anticipato – sono Kekko dei Modà, Marlene Kunz, Gianni Morandi e Mario Biondi. In molti, quindi, si chiedono se The Voice riuscirà a imporsi nel panorama televisivo italiano.

Intanto la concorrenza affila le armi: la sera del debutto del nuovo talent Canale5 schiera la prima tv di Benvenuti al sud, uno dei successi cinematografici più eclatanti degli ultimi anni.

The Voice sarà un successo anche in Italia?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


The voice of Germany
IN GERMANIA E’ BATTAGLIA A SUON DI TALENT: RTL SPOSTA “GOT TALENT” CONTRO LA PREMIERE DI THE VOICE. MA PERDE NEL PUBBLICO GIOVANE


The Voice - NBC
THE VOICE OF: IL NUOVO FENOMENO DEI TALENT E’ SUL TAVOLO DELLE TRATTATIVE. A CHI TOCCHERA’ TRASMETTERLO?


stefano-bollani
STEFANO BOLLANI VS I TALENT: “19 SU 20 CHE PARTECIPANO AD X FACTOR E AMICI SONO CONDANNATI A PAGARE UNO PSICANALISTA. VOGLIO VEDERE LE MASSE CHE COMPRANO IL BIGLIETTO PER ANDARE A VEDERE VALERIO SCANU”


Festival di Sanremo
RAI: ECCO I PROGRAMMI PIÙ COSTOSI DEL 2016. CI SONO SANREMO, IL CAPODANNO, LAURA E PAOLA

18 Commenti dei lettori »

1. dany ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 17:25

io mi aguro abbia successo……anche se su questo blog gridano al flop quindi mi sembra inutile chederlo……..forza THE VOICE….



2. mary ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 17:32

wow ci siamo non ci posso credere,e pensare che l’anno scorso di questi tempi più o meno si diceva forse non l’avrebbero mai fatto…mi auguro che sia un successo le premesse ci sono tutte fra l’altro il ritorno della carrà in tv penso incuriosirà parecchio,ma secondo voi se farà quasi sui 3 milioni è ok?
anche se il giovedì è sempre un rischio ci sono troppe cose,non potevano spostarlo al mercoledì?mi sa c’è meno concorrenza a parte qualche partita di champions che però va una volta ogni tanto, o spostare che dio ci aiuti al mercoledì,boh



3. Matto ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 17:37

Secondo me si,anche Mediaset secondo me lo pensa e ha paura che il nuovo pensioni il vecchio,gli metterà il suo prodotto più forte alla prima,The Voice dovrà ritagliarsi il suo spazio,ma penso che alla lunga potranno fare poco per ostacolarne l’ascesa…



4. Matteo ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 17:41

Ah ho sentito che sta girando un nuovo promo con belle immagini inedite dei coach,confermate?



5. dany ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 17:42

la concorrenza e’ spietata ,ovviamente andando in onda su RAI2 nessuno si aspetta che superi RAI 1 o CANALE5,ma speriamo ottenga un buon risultato comunque in linea con gli obbiettivi della rete…..



6. Hammer ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 18:18

La prima puntata farà quanto faceva x factor su rai 2. Non c’è nulla di nuovo che possa interessare un pubblico diverso da quello che guardava x factor. La giuria non porta con sè un grande seguito, su internet non è che se ne parli più di tanto, i promo che passano in tv sono TREMENDI e dimostrano tutta la poca telegenìa degli artisti italiani. Mah



7. pietrgaf ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 19:54

io sento puzza di flop. non vorrei tirarla a nessuno, ma sinceramente su rai 2 i talent non han mai riscosso un grande successo. certo che però se posso aggiungere un commento personale… ci manca solo la giuria all’angelus del papa e poi tutti i programmi hanno dei giurati. un pò più di fantasia no?



8. Schattol89 ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 20:06

A me non crea nessuna curiosità questo programma!



9. Luca11 ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 20:19

Ho visto quello inglese e quello americano… A me piace, anche se gran merito va dato ai giudici…
E’ andato bene in tutto il mondo ma temo che qui in italia non farà il botto… Spero almeno in una sufficienza… Altrimenti lo vedrei benissimo su SKY, pronto ad alternarsi con X Factor e Masterchef… :)



10. emanuele ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 21:17

speriamo abbia successo…io lo guarderò sicuramente!



11. kalinda ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 21:23

se andasse su Sky e facesse un milione con il 3% sarebbe un trionfo ma su Rai 2 farà due milioni e il 7% e sarà un fiasco.



12. Marco89 ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 22:13

Il problema secondo me è che in Italia ci sono due tipologie di cantanti: quelli snob e tutto il resto. Il punto è che in questo resto non ci sono cantanti televisivi, mediatici, che possano attirare il telespettatore medio. Magari fanno stadi piedi ma la tv è un’ altra cosa, e per questo in Italia sembra tutto più amatoriale, meno figo. Elisa, Giorgia e la Pausini sono tre donne che vendono un casino ma in tv bene non ci stanno soprattutto in un contesto come quello del talent. Qui in Italia c’ è pochissimo marketing, come ho hià scritto, non è come ad American Idol che hanno il bicchiere della Coca cola mentre fanno i provini, visto che sganciano un sacco di soldi. E’ brutto ma è così. Comunque vedremo.



13. rita ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 22:21

mamma leggendo questi ascoltoni negli altri paesi in italia deve debuttare con minimo 3.5ml e il 15% e secondo me sarebbe pure poco se debutta all 11-12 e un floppone.



14. Ciro ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 22:28

mi auguro ke alla prima puntata faccia almeno 2 milioni e mezzo!! sarebbe già oro!!…



15. mugnezz ha scritto:

27 febbraio 2013 alle 23:51

ovviamento no. sarà l’ennesimo flop



16. morescano ha scritto:

28 febbraio 2013 alle 12:01

beh, è uguale a x-factor



17. cigno ha scritto:

28 febbraio 2013 alle 12:20

la giuria ha un grande seguito e i promo sono bellissimi,a chi disprezza sempre cio che si fa in ITALIA ma perche’ non espatriate che siamo gia’ in molti…….THE VOICE non fara’ gli ascolti che fa nelle altre nazioni ma non e’ detto che non possa ritagliarsi un buon successo……e non sara’ uguale a XFACTOR……vipere!



18. Claudio ha scritto:

28 febbraio 2013 alle 15:43

Sarei pronto a sommettere per un sonoro FLOP. Non tanto per la formula del programma, quanto per la conduzione e la giuria. Innanzitutto, al nome Fabio Troiano mi aspetto milioni di persone dire: “CHII?!”; ed effettivamente va ammesso che, in quanto attore di una fiction nemmeno tanto di successo, non sia il conduttore adatto a questo tipo di format.
Secondariamente, la Giuria di The Voice of Italy é, come dire, “vintage”. Eccetto Noemi, gli altri giudici superano di gran lunga la cinquantina.
Ad esempio, negli USA la giuria è composta da cantanti quali Shakira, Adam Levine, Usher.. Comunque cantanti sì vicini ad un pubblico giovane, ma famosi anche tra gli adulti.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.