26
aprile

AMMUFFI-RAI: FICTION E FILM TV CHE STAZIONANO NEI MAGAZZINI DELLA TV DI STATO

Fiction Rai in magazzino

Tempi duri per “mamma Rai”. La crisi del Paese si riflette puntuale sul mercato pubblicitario. Nonostante gli sforzi, stando a quanto riporta il Corriere della Sera, la Sipra, concessionaria pubblicitaria della tv pubblica, ha collezionato nel primo trimestre 2012: -17% a gennaio, rispetto alle previsioni, -14% a febbraio e addirittura -22% a marzo. Tradotto in denaro, si parla di circa -40 milioni di euro rispetto alle previsioni trimestrali. Un duro colpo per Lorenza Lei, costretta a far quadrare i bilanci, con manovre pronte a scontentare inevitabilmente più d’una persona.

Nel Cda convocato per quest’oggi, il DG Rai presenterà il proprio piano di risanamento dell’azienda, ovvero una possibile manovra da ben 60 milioni di euro. Tanti i tagli previsti, a partire  dai 20 milioni di euro in meno destinati agli investimenti nella produzione. Meno soldi dunque per tutti i programmi Rai, dall’intrattenimento all’informazione, e naturalmente anche per la fiction, fiore all’occhiello dell’azienda, ma anche fonte di corposi investimenti, in buona parte destinati a case di produzione esterne.

Chissà che la crisi non possa portare la tv di Stato ad una maggiore attenzione nello sfruttamento delle proprie risorse, a partire dall’imponente mole di materiale presente da anni nei magazzini dell’azienda. Tra gli scaffali giacciono, infatti, numerosi titoli, spesso coproduzioni di alto valore artistico e commerciale, prodotte da tempo ma inspiegabilmente mai trasmesse, neppure nelle desolanti serate estive, tra l’ennesimo passaggio della trilogia dell’imperatrice Sissi e le repliche di Don Matteo.

E’ il caso ad esempio della fiction Il Commissario Nardone, prodotta per la Rai nel 2010 dalla DAP dei Fratelli De Angelis. La serie in sei puntate diretta da Fabrizio Costa, con protagonista Sergio Assisi, narra la storia vera di Mario Nardone, Commissario napoletano che fu trasferito in una Milano degli anni ’50 e 60, una città cupa e nebbiosa ma allo stesso tempo ricca di grandi sogni e speranze.

Tra le produzioni in attesa di messa in onda, troviamo anche Tutta la musica del cuore, serie in sei puntate prodotta dalla Casanova di Luca Barbareschi sempre nel 2010. Diretta da Ambrogio Lo Giudice, la fiction ha per protagonista Angela, una giovane ispettrice del ministero dell’Istruzione e dell’Università, interpretata da Francesca Cavallin. La donna, preparata e tenace, viene mandata in un Conservatorio pugliese per verificare che le cose funzionino per il meglio, ma qui si aprire per lei una brutta ferita: anni addietro, infatti, fu costretta a rinunciare al suo grande talento da pianista.

In anticamera dal 2008 è invece la miniserie in due puntate, Codice Aurora, con Giampaolo Morelli, Simona Cavallari e Ivano Marescotti. La fiction poliziesca di stampo prettamente noir, narra le vicende di un procuratore della Repubblica, la bella Margherita Borboni, che in quel di Livorno apre un’inchiesta in seguito a un incendio di un campo rom e all’omicidio di un informatore di polizia. Le indagini si faranno ben presto sempre più complesse e pericolose, in quanto i principali indagati sono amici di gioventù della ragazza, oggi proprietari di Night Club di dubbia fama.

Sempre dal 2008, attende la sua messa in onda la versione televisiva di Sonetàula, il film diretto da Salvatore Mereu, tratto dall’omonima opera di Giuseppe Fiori. La storia è ambientata in Sardegna fra il 1937 e il 1950 e ha per protagonista Sonetàula (Francesco Falchetto), un giovane servo-pastore, che a diciotto anni reagisce a un affronto sgarrettando il gregge del provocatore. Non risponde alla chiamata dei carabinieri, sceglie la latitanza e diventa bandito, dividendo la sua vita tra assalti stradali, delitti d’onore e vita randagia.

Altro capitolo a parte riguarda le coproduzioni internazionali, in particolare quelle con la Francia. Ma di questo ci occuperemo in un apposito articolo.



Articoli che potrebbero interessarti


Logo RaiFiction
Fiction Rai 2017/2018: tutte le serie in onda nella prossima stagione


I Medici
Rai Fiction: i titoli che vedrete e le classifiche delle serie più seguite. Per il 2017 budget e serate ridotti


Il regista Saverio Costanzo
L’Amica Geniale di Elena Ferrante diventa una fiction HBO-Rai. Dirige Saverio Costanzo


Rai Fiction
RAI FICTION: LE CASE DI PRODUZIONE CHE HANNO RICEVUTO PIU’ SOLDI. SVETTA LUX VIDE

15 Commenti dei lettori »

1. Markos ha scritto:

26 aprile 2012 alle 15:01

Tutto ciò è inspiegabile…come mai non sono state mai trasmesse?



2. Peppe93 ha scritto:

26 aprile 2012 alle 15:29

Speriamo vadano in onda quest’estate!



3. Sue Ellen84 ha scritto:

26 aprile 2012 alle 16:02

Esatto, quest’estate al posto delle solite repliche possono “riciclare” queste lasciate in magazzino e mai mandate in onda.
Anche se saranno bruttine, sono sempre meglio dei soliti “visti, rivisti e stravisti”.



4. Novantacinque ha scritto:

26 aprile 2012 alle 17:12

Secondo Wikipedia Sonetàula è andato in onda nel 2009 su Rai1.



5. Giuseppe ha scritto:

26 aprile 2012 alle 17:31

Non mi pare che Sonetàula sia già andato in onda su RaiUno. Il film l’ho visto e l’ho trovato piuttosto pesante (lingua sarda nelle varianti logudorese e campidanese e sottotitoli in italiano) rispetto al bel romanzo di Giuseppe Fiori da cui è stato tratto. Forse anche l’altro materiale nei magazzini Rai potrebbe non essere adatto al grande pubblico.



6. amazing1972 ha scritto:

26 aprile 2012 alle 18:47

articolo davvero interessante. sarebbe bello se qualcuno della rai potesse dare risposta al perchè certi prodotti non hanno mai visto la luce,neanche in estate.
mi piacerebbe sapere se sono stati acquistati dei titoli dalla library mediaset,messa in vendita mesi fa. un suggerimento per un nuovo articolo :-)



7. lele ha scritto:

26 aprile 2012 alle 19:23

che senso ha produrre e non mandare in onda? bah
c’è anche Raccontami 3 prodotto e mai mandato in onda.



8. lele ha scritto:

26 aprile 2012 alle 19:44

non voglio fare il maestrino ma vorrei farvi notare che le manovre le fa il governo, non un’impresa.



9. amazing1972 ha scritto:

26 aprile 2012 alle 19:46

no,raccontami 3 non è mai stato prodotto. anche perchè era una fiction di successo e sarebbe stato stupido non mandarla in onda



10. Salvatore Cau ha scritto:

26 aprile 2012 alle 22:02

@novantacinque

Sonetaula non è mai stato trasmesso da Rai1.

@Peppe e Sue Ellen

Lo scorso anno in estate riesumarono il film l’amore proibito del 2007, e di recente è saltata fuori la miniserie Barbarossa.



11. Salvatore Cau ha scritto:

26 aprile 2012 alle 22:04

@Giuseppe

Da sardo concordo su Sonetaula. Il fatto che certi prodotti non siano adatti al grande pubblico, non mi pare una giustificazione :) Ci pensassero prima di produrli.



12. Salvatore Cau ha scritto:

26 aprile 2012 alle 22:06

@lele

Il progetto di Raccontami 3 non andò mai in porto.



13. Veronica ha scritto:

26 aprile 2012 alle 22:50

è davvero vergognoso che queste fiction non siano mai state trasmesse.Perchè leggendo il cast e la trama sembrano molto più interessanti di alcune che sono andate in onda.Ma perchè invece di fare repliche di film e fiction viste e straviste,perchè non fanno queste?Ci guadagnano di più a tenerle chiuse in magazzino?



14. dumurin ha scritto:

27 aprile 2012 alle 10:58

è una vera e propria vergogna che queste fiction non vadano in onda e stagnano nei cassetti di mamma Rai. Almeno che le mettano in onda in estate, dove si guardano meno gli ascolti, ed evitano sempre di fare le solite repliche di film e fiction visti e stravisti.

Attendo l’articolo sulle fiction coprodotte con la Francia.



15. Sue Ellen84 ha scritto:

27 aprile 2012 alle 16:45

@ Salvatore Cau: Solo 2 prodotti sono stati riesumati dal magazzino, chissà quanti ce ne saranno ancora.
Comunque ripeto il mio commento n°3: meglio mandare in onda questi progetti anche se bruttini piuttosto che la solita solfa.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.