16
gennaio

POMERIGGIO CINQUE: LA TRAGEDIA DELLA CONCORDIA DIVENTA UN ‘REALITY’ CON TESTIMONI VIP ED APPLAUSI

Naufragio della Costa Concordia

Il rischio di trasformare il naufragio della Costa Concordia in un reality show era dietro l’angolo. E qualcuno doveva pur sbatterci contro. Del resto, per la tv che va a caccia di “esclusive”, le notizie che arrivano dall’Isola del Giglio sono un’occasione unica per edulcorare l’attualità con emozioni pronte all’uso. A Pomeriggio Cinque, ad esempio, oggi la cronaca si è intrecciata ad una rappresentazione della tragedia volutamente evocativa, tra immagini, testimonianze e applausi. A proposito: che c’era da applaudire?

Da Maria Carmela va in scena il racconto di quella notte terribile, ed alcuni dei protagonisti sono presenti in studio. Si parla di “superstiti” ed “eroi”, si fanno supposizioni sulle cause dell’incidente, si ascoltano i racconti raccapriccianti con la faccina contrita. Le analisi ragionate non trovano posto e invece si commentano le manovre del comandante Francesco Schettino con fare sentenzioso: “ha sbagliato tutto“.

Nel programma interviene anche il commissario di bordo Manrico Gianpetroni, recuperato dopo 36 ore. Una testimonianza toccante. Ma le vere sorprese si nascondono nel parterre di ospiti, dove siede anche tale Giovanni Dorian Ruvolo. Il ragazzo – si scopre in rete - lavora per l’ufficio stampa di alcuni vip, tra i quali Guendalina Canessa, Valentina Melis e Francesca Rettondini. Quest’ultima si trovava sulla Concordia al momento dell’incidente e ora fa il tour dei programmi tv per raccontare la tragica esperienza.

Ovviamente anche Pomeriggio Cinque non poteva farsela scappare, accogliendola assieme al suo ufficio stampa ’Dorian’. E via, scritturati per il ruolo di naufraghi.

La circostanza suggerisce alcune riflessioni, perché va bene tutto ma la narrazione di un evento drammatico richiede anche un certo pudore. Lo si deve per rispetto nei confronti delle vittime e anche dei telespettatori a casa.

A tal proposito, raccogliamo una considerazione che Pierluigi Diaco ha postato su Facebook.

“E’ mai possibile che, perfino la terribile tragedia di Costa Concordia, venga usata imprudentemente da alcuni volti noti e meno noti del piccolo schermo che, essendo testimoni diretti dell’incidente (che ha provocato morti e feriti), ora fanno la fila a candidarsi come “superstiti” partecipando con fanatica disinvoltura ai programmi tv?”.

Parole condivisibili, che centrano in pieno la questione. Purtroppo non si può vivere la cronaca come se fosse un perenne reality fatto di comparse e reazioni di pancia. Stavolta qualcuno dovrebbe naufragare, sprofondando un po’ negli abissi della vergogna.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Barbara-DUrso
POMERIGGIO CINQUE: MARIA CARMELA SI GIUSTIFICA PER IL TAROCCO DELL’ABORTO POST CONCORDIA


Aida Nizar Pomeriggio 5
Pomeriggio Cinque, Aida Nizar non accetta discussioni sulla sua età: «Io ho il pelo virgine, invece tu lo hai bruciato»


Perla Maria Monse'
Perla Maria esiste e non le manda a dire. La figlia dodicenne di Maria Monsè tiene banco a Pomeriggio Cinque


Matteo Salvini, Pomeriggio Cinque
Salvini-Isoardi, il vicepremier scherza a Pomeriggio Cinque: «Non sono sul mercato»

34 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:15

che porcheria…speculare anche su questo. Santa pace!



2. Tyrael87 ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:18

solo tristezza per il signor Dorian.



3. lu85 ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:18

Diciamo che Pomeriggio5 non è stato l’unico, eh!



4. giù ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:19

Lo stanno facendo tutti pero’ non solo pomeriggio5…



5. Nicola ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:23

Perché non controllare anche gli altri programmi? A partire da Uno Mattina e Mattino Cinque, per proseguire a “I Fatti vostri” devo continuare?



6. Marco Leardi ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:23

In tanti si stanno occupando della tragedia e tutti sappiamo che – purtroppo – la nostra tv è drogata di sensazionalismi. Ma c’è un limite anche a quello, credo…

@Nicola. Gli applausi e le facce contrite non li ho visti da altre parti.



7. lu85 ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:26

@Marco Leardi: hai perfettamente ragione!! Però secondo me bisognava menzionare tutto il day-time di oggi, Rai e Mediaset: osceno!!



8. isolano ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:26

Ho visto Pomeriggio Cinque e ho provato disagio…



9. Davide Maggio ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:32

Nicola: certo che puoi continuare. Parlare di questa tragedia e’ giornalisticamente importante e ritengo che debba essere fatto. Il tutto sta in come viene fatto. Se hai qualcosa da segnalare… siamo qua.



10. PierVivaCanale5 ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:34

l’arena -così e la vita
vita in diretta-italia sul2….



11. emanuele ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:34

il fatto della crociera è un fatto atroce e sicuramente di grande richiamo mediatico!…

è normale che le reti e i tg ( soprattutto delle reti ammiraglie) parlino di questo fatto…sarebbe anormale il contrario!

però ci sono modi e modi di parlarne!…e farlo conme lo fa la D’Urso è improponibile!…..



12. emanuele ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:36

@Davide Maggio

concordo con te!



13. PierVivaCanale5 ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:38

uno mattina-i fatti vostri



14. shameboy ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:49

Come se la Durso fosse l’unica..Vabbè.



15. luke ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:50

Vedete dove si arriva?!
Allora ho ragione oppure no quando dico che è meglio tenere la TV spenta!



16. Vale_ ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 20:58

il modo?? perchè quali sarebbe ìro questi modi atroci che sono stati usati :O !!! a me sembra che all’Arena sia stato trattato allo stesso modo anche con più persone “note”..diciamo che si va a cercare sempre il pelo nell’uovo anche quando si parla di argomenti seri che meriterebbero tutta l’attenzione senza spostarla su facce faccette e antipatie per i conduttori!!



17. Pippo76 ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 21:00

Ancora con questa storia che tutti se ne occupano?
Certo, poi bisogna vedere in che modo…
Se ovunque e universalmente leggo messaggi schifati per come la D’Urso ha impostato il suo pomeriggio allora il problema è principalmente e sempre li.
Basta leggere il suo twitter come presentava la trasmissione, la gente che c’era, i racconti di presunti superstiti pseudovip, gli applausi ecc. per capire tutto.
E comunque basta parlare di Pomeriggio5 perchè non ha più nulla da dire. Spero solo che finalmente un giorno non ci sarà più VideoNews e questo modo becero di fare cronaca.
Il silenzio è la migliore arma perchè troppa pubblicità…



18. morgatta ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 21:17

infatti Pippo, la miglior risposta è il tracollo verticale degli ascolti della sedicente “giornalista”..e non dimentichiamoci che trash vuol dire spazzatura.



19. Anonimo ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 21:22

Scusate ma alla fine non ho capito una cosa, visto che comunque Barbara D’urso la si critica e attacca, sempre per qualunque cosa faccia…e comunque non è l’unico programma che ha parlato di questa tragedia….e allora perchè invece non pensiamo a quei telegiornali stupidi (Come il Tg2, il Tg5 e il Tg3), che hanno mandato in onda un filmato, dicendo che era il filmato del di dentro della Costa Concordia mentre si stava inclinando, con tutte le persone che venivano sballottate a destra e manca??? Beh quel video era assolutamente falso, cioè non centrava nulla con questo episodio, ma risaliva al luglio 2008, a un incidente di una crociera in Australia e lo si può vedere benissimo su Youtube…. io guarda non so proprio come giudicarli questi notiziari italiani, che invece che telegiornali sembrano pubblicità o schifezze varie….che vergogna e che figura oh….dovremmo parlare di più di questi fatti clamorosi che riguardano le false notizie e filmati che mandano in onda i TELEGIORNALI…SI PROPRIO QUEI PRGOGRAMMI CHE INVECE DOVREBBERO INFORMARE IN TEMPO REALE E AL 100% VERO I CITADDINI DEI FATTI DI CRONACA, ATTUALITà E SPETTACOLO OGNI GIORNO IN MODO VERITIERO!!!!! UN ONTO è CHE SE QUEL FILMATO FOSSE STATO MANDATO IN ONDA DA UN PROGRAMMA QUALSIASI…AH ALLORA…MA DA UN TELEGIORNALE!!!!!!! E POI CON TANTO DI COMMENTO DALLA GIORNALISTA!!!! MA VI RENDENTE CONTO?????? IN CHE PAESE VIVIAMO…..SPEIGATEMELO….CIAO



20. Alessandro ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 21:30

Che porcheria.. ma del resto da cotanto programma vi aspettavate qualcosa di diverso?



21. FabioTerr ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 21:34

Per fortuna non ho seguito pomeriggio cinque ma devo dire che ora tutte queste trasmissioni mi stanno stufando… Sono appassionato di crociere e proprio 4 mesi fa sono stato a bordo di costa concordia. Bene, Essendoci stato li su ho notato come non solo la televisione ma anche la stampa in questi giorni stia speculando eccessivamente su questa tragedia. Ad un tratto tutti sono diventati esperti marinai, magitrati e inquirenti. Ognuno faccia il proprio mestiere e dato che il compito del giornalismo è quello di informare la gente in maniera obbiettiva mettendo da parte le proprie opinioni. Mi fa rabbia sentite certi giornalisti o presunti tale che incolpano il comandante o la compagnia. Ma chi sono loro per dire che l’equipaggio non è stato all’altezza o che non sono trattati nel migliore dei modi. Scusate lo sfogo ma è da sabato che lo dovevo scrivere



22. Marco Leardi ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 21:59

@FabioTerr. Sottoscrivo. Una delle cose più insopportabili sono i giudizi sommari dati in pasto al pubblico e le sentenze sull’operato dell’equipaggio. Ora dobbiamo sorbirci pure gli esperti di nautica improvvisati..
A decidere e ad emettere eventuali condanne sarà la magistratura.



23. IlCreatore ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 22:06

Pomeriggio5, la discarica della tv.



24. Davide Maggio ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 22:09

IlCreatore: indirizzo email valido per favore.



25. alberto ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 22:17

Non ho visto la trasmissione per fortuna. Non è possibile creare un organo che sanzioni questi comportamenti speculativi in nome del santo auditel? Non è ammissibile che tragedie ancora in corso vengano trattate nei talk show con ospiti e sensazionalismi vari. Dovrebbero essere solo i TG a parlarne nell’immediatezza dei fatti.



26. francesco ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 22:33

perchè stupirsi tanto? il mondo è fatto di stronzi e di dementi che spesso coincidono nelle stesse persone. se i dementi che guardano queste porcate di trasmissioni non le guardassero non ci sarebbero dei dementi che le producono e le conducono e gli stessi dementi che le guardano non si troverebbero nella situazione di scandalizzarsi per le porcate che vengono trasmesse.

Schifezze e rifiuti umani da entrambe le parti e su ogni canale!

VOMITEVOLE!!!!



27. Anna Maria ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 22:38

Ma cosa vi aspettavate dalla vecchia gallina trash. Fate come me, non la guardate ed eviterete di andare a vomitare. Questa specula sulle disgrazie e, continuo a dire, porta sfiga. Io non amo particolarmente la Carlucci ma la guardo perchè ho la certezza che non ci saranno seni flosci sventolati e che si appiccicano alle telecamere. Blea che brutta persona.



28. Giuseppe ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 23:26

Era inevitabile che la televisione trasformasse questa tragedia in uno spettacolo. Del resto è una variante che gli spettatori si sorbiranno ghiottamente in attesa della prossima disgrazia o delitto.

Piuttosto starei attento a non colpevolizzare troppo il comune cittadino che esprime giudizi anche su questi casi. Accettare che di qualsiasi cosa si debbano occupare solo gli addetti ai lavori potrebbe essere altrettanto pericoloso che il tranciare giudizi avventati senza cognizione di causa. E va ricordato che anche gli addetti ai lavori, marittimi e magistrati compresi, possono sbagliare.



29. pippo ha scritto:

17 gennaio 2012 alle 00:48

se non altro per la rettondini questa tragedia ha voluto dire tornare alla ribalta dopo anni di latitanza. appena ho saputo che anche lei era sulla nave, subito ho pensato che potesse andare da giletti, come puntualmente è avvenuto.



30. tinina ha scritto:

17 gennaio 2012 alle 10:05

Scusate, ma quelli rappresentati da Dorian sarebbero dei vip? La Canessa, la Melis (chi cazz’è?), la Rettondini?



31. GIOBOND ha scritto:

17 gennaio 2012 alle 11:12

Si ma guardate anche cosa hanno mandato in onda i nostri tg….
Ieri sera a striscia c’è stato un bel video…. complimenti ai tg nazionali!
http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?14513



32. anna ha scritto:

17 gennaio 2012 alle 11:13

qui si parla di pomeriggio 5 ma stamane a Mattino 5, stavano intervistando una coppia di superstiti al naufragio e hanno insistito con l’inquadratura del dito fasciato della povera donna…..ma si può????
Persino la Panicucci ad un certo punto ha detto di ritornare all’immagine intera dei coniugi!!!!



33. Andrè ha scritto:

17 gennaio 2012 alle 15:40

Capisco che la D’Urso sia la regina del trash (e che sia oggettivamente insopportabile), ma sinceramente Pomeriggio 5 è stata proprio la meno a mio avviso! Domenica per 5 minuti ho messo su Giletti… Quello è stato un bello spettacolo?! Non hanno fatto la stessa identica cosa, se non peggio? Capisco il dovere di cronaca, ma ormai non se ne può più! Sti pseudo giornalisti o pseudo presentatori ormai campano sulle disgrazie!!



34. david ha scritto:

17 gennaio 2012 alle 19:55

la solita sceneggiata televisiva all’italiana!un fatto accaduto sabato,ci sono già testimoni che vanno in tv a raccontare i fatti…..dico ma come si fa,dove la gente trova il coraggio di affrontare una cosa del genere,io al posto loro me ne sarei stato a casa e non dalla d’urso a piangere!tutti a cercare i quindici minuti di gloria.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.