9
giugno

RIZZO NERVO DA’ IL BENSERVITO A LIOFREDI: RAI2 HA BISOGNO DI CARLO FRECCERO. E IL DIRETTORE REPLICA CON GLI ASCOLTI

Carlo Freccero

Carlo Freccero

Finchè è qualcuno esterno all’azienda (Luca Tiraboschi, Direttore di Italia1) poco male. Quando però a lanciare frecciate sono i piani alti di Viale Mazzini, la questione diventa spinosa. Parliamo ancora di Massimo Liofredi, attuale direttore della seconda rete pubblica. Il clima che si respira a Rai2 non è proprio dei più rosei: stando infatti alle voci che circolano ormai da anni sono in pochi a vedere di buon occhio l’ex capostruttura di Rai1 alla guida del “canale giovane” di Viale Mazzini.

A queste si è aggiunta proprio recentemente una “voce ufficiale”, quella del consigliere Rai Nino Rizzo Nervo che dalle pagine di Europa ha bocciato tout court l’intero operato di Liofredi a Rai2. Con la risoluzione consensuale del contratto di Santoro, Rizzo Nervo ha dato praticamente per morta quella “seconda rete alla perenne ricerca di un’identità”, che rischia di essere superata sia da Rai3 che dalla concorrenza targata Mediaset (Italia 1 e Rete4) e addirittura il “crollo degli ascolti trascinerebbe verso il baratro tutta l’azienda.

Rizzo Nervo ha già la soluzione in tasca per risollevarne le sorti: Carlo Freccero. Il Direttore di Rai4 infatti “sarebbe l’unico in grado di reinventare in poco tempo una rete, se se la sente di rimettersi in gioco”. In effetti, Freccero è un vero cavallo di razza, un grande esperto di comunicazione ingiustamente relegato nello scantinato digitale della tv, che è riuscito in un anno a dare un senso ad un canale nuovo, Rai4, raggiungendo picchi di share assolutamente impensabili all’epoca. D’altronde fu proprio sotto la sua gestione che la seconda rete ha collezionato ottimi ascolti. La sua sarebbe, dunque, eventualmente una “nomina vincente”, peccato che il suo nome non sembri rientrare al momento nei piani del Direttore Generale Lorenza Lei, malgrado abbia ribadito in una recente intervista che per lei contano solo il merito e il curriculum.

Liofredi d’altro canto non ci sta ad essere trattato in questo modo soprattutto perché (da Europa): “in un Paese civile e normale non accadrebbe o non dovrebbe accadere che un consigliere di amministrazione di un’azienda butti via con tanta leggerezza il lavoro di due anni di un gruppo di dipendenti che ha saputo conquistarsi la fiducia di larga parte del pubblico che guarda i programmi Rai”. Ed effettivamente, come sottolineato dal direttore, i numeri sono in parte dalla sua parte: Rai2 ha vinto 86 settimane su 96 sul competitor del Biscione e non ha subìto alcuna flessione rispetto al precedente periodo di garanzia, aumentando addirittura dello 0.17% di share.

Ma d’altronde, a prescindere dagli ascolti e dalla professionalità dei singoli in forze a Rai2, è innegabile che il palinsesto della seconda rete continui a soffire un po’ di incoerenza con produzioni quali I fatti vostri, Pomeriggio sul 2 (in alcuni spazi), La signora in giallo, Mezzogiorno in Famiglia poco si conciliano con produzioni dal target più giovane come XFactor, L’isola dei famosi, Quelli che il calcio e Due.

Nonostante gli intenti della Lei appena insediatasi, pare comunque che il quadro dirigenziale della Rai, ancora lontana dall’approvare il palinsesto del prossimo autunno, non subirà particolari modifiche nel breve termine.



Articoli che potrebbero interessarti


Luca Tiraboschi
LUCA TIRABOSCHI: RAI2 E’ UNA RAI1 PIU’ SFIGATA. NON E’ UN NOSTRO COMPETITOR


Carlo Freccero
Carlo Freccero: «La mia Rai 2 inizia adesso. Da Fazio mi aspetto l’8%. Ventura a nozze con i fichi secchi ma ce la farà. Detto Fatto spostato per tutelare Rai 1»


Adriana Volpe
Adriana Volpe tuona di nuovo contro Freccero: «Una Rai 2 in ginocchio e non si fa niente»


Adriana Volpe
Adriana Volpe contro la Rai2 di Freccero: «Ditemi che i dati d’ascolto non sono veri. Meglio stare in silenzio, altrimenti si perde il posto»

19 Commenti dei lettori »

1. Franco2 ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:03

Fraccero sta facendo un ottimo lavoro a Rai4. Non mi sembra giusto toglierlo da lì.
Rai2 con la partenza di Santoro è spacciata. Niente e nessuno potrà salvarla; nemmeno Freccero.



2. shameboy ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:07

Ma magari!! Ma c’è qualche possibilità che possa ritornare Freccero?



3. Zoro ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:15

magari tornasse Freccero alla guida di Rai 2, anche se onestamente mi spiacerebbe cmq che andasse via da Rai 4, visto lo splendido lavoro che sta facendo e per la paura che un altro direttore possa eliminare gli anime!!!



4. lele ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:17

freccero stava facendo un bel lavoro su rai 4 ma, quando non sono stati più prodotti quei piccoli programmi come sugo e vite reali (in linea con l’idea di una rete aperta ai contenuti del web, come era stata presentata in origine), mi ha deluso. Rimane comunque un grande professionista della tv e della rai che saprebbe rilanciare rai 2.
Speriamo bene!



5. jp ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:18

Con tutto il rispetto Massimo Liofredi lei non sa come si fa la TV per un pubblico moderno. Lei parla sempre di famiglie (ma quello e il target per Raiuno, che vuole pure lei invecchiarsi). Lei non ha mai proposto nulla di nuovo, solo cose gia viste. Poi (si dice) che lei vuole togliere l’unica fabbrica di novita di Raidue che e “Quelli che…”. Quella squadra che lei puo valorizzare usandola ad esemptio in seconda serata (La Grande Notte era un programma favoloso che toccava e superava il milione ogni Lunedi). Invece lei in in seconda serata preferisce programmi a dir poco orrendi come quello (di qui nessuno si ricorda il nome) della Setta, un programma di moda brutto, etc. E facile dire che uno ha vinto le stagioni, con programmi come Annozero (che adesso purtroppo non ci sara piu) e come l’Isola dei Famosi (del quale successo e in gran parte merito della perseveranza della Ventura). I telefilm (che non hanno tutti lo stesso successo) e vero che danno qualche forma d’identita alla rete, pero diciamolo pure che non sono mica prodotti Rai (o di Raidue). In ogni caso i telefilm di Raidue, non dovranno essere un vanto per lei, ma per Giorgio Buscaglia che e uno che in questi anni si e dimostrato capacissimo a scegliere le serie migliori.

Il consigliere che ha proposto Freccero come unica ancora di salvezza non si puo condannare, anzi. Il nome di Freccero e ancora oggi accostato a successi mai dimenticati (Ottavo Nano in primis). Poi Freccero sa fare pure TV commerciale, vedi Al Posto Tuo, Affari di Cuore che hanno segnato un anno record per Raidue, quando la rete batteva pure Canale 5. Questi programmi gl hanno tolti chissa come mai per far posto a contenitori da Raiuno (anche se lei, a dire il vero, non era ancora direttore).

Raidue con Bulldozer, La Grande Notte, Music Farm, stava diventando un goiello. Poi qualcuno ha avuto la pessima idea di nominare Ferrario. Marano e ritornato e ha cercato di ringiovanire. Pero poi, caro Liofredi, lei ha preferito trasmettere programmi che fanno solo concorrenza a Raiuno e Raitre (documentari su Modugno e Pavarotti ad esempio). Adesso qualcosa sta cambiando (con Insideout ad esempio) ma forse ormai e troppo tardi.



6. lele ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:19

sia chiaro, per me rai 4 è il miglior canale digitale: fresco, innovativo, mai banale.



7. Zoro ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:21

lele

su questo quotissimo con te, anche se forse alla fine non è stata colpa sua se non ci sono più state nuove puntate di Vite Reali e Sugo, voglio pensare questo!



8. lele ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:27

@zoro
lo spero anche io!



9. ANTONIO1972 ha scritto:

9 giugno 2011 alle 18:33

freccero è un genio,un folle,l’unico a poter risollevare raidue dal limbo in cui è. solo che è un personaggio un po scomodo,dubito che lo prendano davvero a dirigere la rete. 20 anni fa fu direttore per un po di rete4 e creò veri e propri casi,successi clamorosi come le telenovele topazio (4 milioni ogni pomeriggio),la donna del mistero ( l’ultima puntata fece 7,5 milioni) e vari show,come bellezze al bagno con heather parisi (4/5 milioni in estate)



10. Matteo ha scritto:

9 giugno 2011 alle 20:03

mentre voi parlate di raidue nel limbo di rete morta questa rete abbandonando l’idea di rete giovane ha avuto notevoli rialzi dei suoi programmi durante la giornata , questi sono i fatti . forse la rai2 morta la volete propio voi perche’ se torna ad essere una rete giovane sprofondera’ nell’ oblio



11. Clà ha scritto:

9 giugno 2011 alle 20:28

Freccero può fare benissimo Rai2 e Rai4 come fanno a mediaset con donelli



12. Clà ha scritto:

9 giugno 2011 alle 20:30

Matteo rete giovane c’è modi e modi d farla, ovviemnte i giovani mica vengono tutti in una volta ma piano piano….



13. Matteo ha scritto:

9 giugno 2011 alle 20:43

ma i giovani non la vogliono manco piano piano e questo rai2 l’ha capito bene , difatti con l’abbandono della teoria rete giovane ha iniziato il suo continuo rialzo , forse la forza di raidue e’ propio questa non avere un identita’ ma dare semplicemente …. quel che vuole il pubblico , l’unico danno che avra’ la rete e per annozero che se ne va



14. Phaeton ha scritto:

9 giugno 2011 alle 23:04

Concordo con tutto… o per meglio dire vanno fatte delle scelte che poi vanno perseguite se la scelta è di fare una rete giovane allora così andrebbe fatto se viceversa la scelta è di fare una rete che prenda pubblico da tutte le parti senza avere una identità allora bene così. Su Italia1 si può dire di tutto tranne che non sia in target, poi che il target spesso rende il gioco poco valido questo è anche possibile, ma è in target e cerca, pur con qualche scivolone, di sperimentare sempre. Secondo me andrebbe rivista tutta la Rai tutta, andrebbe risistemata completamente, andrebbe rivista tutta l’organizzazione… perchè se deve fare servizio pubblico lo faccia se deve invece competere contro un’azienda privata competa come si deve abbandonando ogni tipo di compromesso…



15. annie ha scritto:

9 giugno 2011 alle 23:50

Liofredi vuole sostituire la Ventura con la Balivo e Belen…che altro dire?Questo,tra l’altro,è uno dei motivi di rottura tra la direzione generale,con Marano vice dg che sostiene la Ventura,e i direttori di rete.



16. Malgi ha scritto:

10 giugno 2011 alle 01:40

La realtà è un’altra. Freccero faceva una bella Rai 2, ma in un momento in cui c’erano solo 6 canali. Tmc faceva ascolti risibili, le satellitari entravano appena sul mercato ed il digitale era lontano anni luce. La verità è che oggi Freccero avrebbe le stesse difficoltà di Liofredi. Tenete presente che I Fatti Vostri, Mezzogiorno in Famiglia ecc. ecc. ecc. c’erano anche ai tempi di Freccero e, allora come oggi, rappresentano lo stesso spaccato d’Italia. Proprio in questi giorni stavo rispolverando alcuni libri di storia della tv italiana. Su Freccero tutti sono concordi sulla sua genialità di comunicatore, però oggi si guarda ad allora senza ricordare il contesto in cui tutto quello avveniva. Freccero ha fatto grandi cose con Fabio Fazio, aveva Paolo Limiti il pomeriggio (e Freccero si vantava di avere un programma come Ci vediamo in tv, che allora come oggi piacerebbe solo ad un pubblico anziano). La mattina aveva soap come Santa Barbara, ha avuto la fortuna di beccare una sitcom eccellente come Friends (da allora non c’è più stata una sitcom internazionale in grado di fare quei numeri – almeno in Italia – , su qualsiasi rete, indipendentemente dalla presenza del satellite). Poi ci si è messi in testa che Rai2 deve inseguire i giovani per forza, anche negli orari in cui i giovani non ci sono. Vorrei lanciare un sondaggio. Voi al posto dei Fatti Vostri cosa ci mettereste? E come vi cambierebbe la vita senza Magalli o senza Guardì? Purtroppo c’è molta ipocrisia in giro. Rai2 ha sostanzialmente un palinsesto ingessato da spazi non propri ma obbligatori: tutti gli speciali di Minoli sui 150 dell’Unità d’Italia erano proprio necessari? Alcuni sono interessanti e buoni per una generalista, ma gli altri era meglio lasciarli su Rai Storia. Tutti i programmi di Rai Edu la mattina non c’entrano nulla. Non è meglio regalare qualche cartoon in più ai bambini? Che senso ha un programma come Social King di Rai Ragazzi il sabato e la domenica mattina? A chi va su Internet che cosa gliene può fregare di un programma del genere? Chi come voi conosce i meccanismi della tv (e in questo, lo riconosco, siete molto bravi) sa ad esempio che su certi programmi neanche il direttore di Rai2 può fare nulla, perchè li decidono altre direzioni, a sua volte coperte dai piani più alti. Liofredi ha avuto due intuizioni nella sua Rai2: Due (strepitoso quello con Pausini Ferro, meno quello con Zucchero, eccellente quello con Morandi Vecchioni, così come quello Dalla De Gregori), e Il Fatto del Giorno con Monica Setta che, può stare pure antipatica, ma era riuscita a catturare un pubblico che a quell’ora non poteva più delle solite chiacchiere da pomeriggio, ma che voleva sapere le ultime novità in fatto di pensioni, lavoro… A qualcuno questo successo ha dato fastidio e così anche la politica è stata tolta alla Setta per fare posto al ciarpame di bassa lega… Detto questo buona fortuna a tutti. Ci stanno distruggendo una delle poche reti che poteva dare qualcosa in più.



17. PeregoLibri ha scritto:

10 giugno 2011 alle 11:28

A mio avviso, un uomo come Freccero sarebbe in grado di dirigere Rai 2 senza lasciare Rai 4. D’altronde guardiamo Mediaset: Donelli dirige Canale 5, La 5 e Mediaset Extra, Tiraboschi Italia 1 e (tra un mesetto scarso) Italia 2. Credete davvero che Freccero non sia in grado di risollevare Rai 2 senza abbandonare Rai 4 alla sua sorte?



18. PeregoLibri ha scritto:

10 giugno 2011 alle 11:33

@Clà: ho letto solo ora il tuo commento, abbiamo avuto la stessa idea :D



19. Tommi ha scritto:

10 giugno 2011 alle 11:38

Liofredi è più adatto a dirigere o Rai1 o Rai5, ha dimostrato si di fare dei buoni ascolti ma allo stesso tempo di non saper dirigere una rete giovane come Rai2, infatti se fossi io mettere Liofredi a Rai1 e Freccero a Rai2 (con Rai4 ancora sotto la sua gestione)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.