9
maggio

PERCHE’ A MEDIASET SONO COSI’ LIBERI CON I BONOLIS E I POMERIGGI E CON I TELEFILM SONO MORALISTI? AL TELEFILM FESTIVAL SI DISCUTE DELLA CRISI DEI TELEFILM SULLE GENERALISTE

Telefilm Festival - Buscaglia-Freccero-Grasso-Leonardi

E’ già finita la Golden Age dei telefilm in Italia? Se lo chiedevano ieri Giorgio Buscaglia (Responsabile Programmazione Cinema e Fiction RaiDue), Laura Corbetta (Amministratore Delegato YAM112003), Carlo Freccero (Direttore Rai4), Marco Leonardi (Direttore contenuti Mediaset Premium), Carlo Panzeri (Vice Direttore Rete4), Alberto Rossini (Direttore editoriale Canali televisivi – Digicast spa), Fabrizio Salini (Vice Presidente Fox Channels Italy) e Luca Tiraboschi (Direttore Italia 1), ospiti del dibattito moderato da Aldo Grasso nel corso del Telefilm Festival. Alla base della domanda gli ascolti in calo della produzione telefilmica sulla tv generalista, passati dall’11.09% di share di due anni fa all’attuale 9.81%. La kermesse ha provato ad analizzare, con l’aiuto del CERTA (Centro di Ricerca sulla Televisione e gli Audiovisivi dell’Università Cattolica di Milano), le ragioni che hanno determinato la flessione negli ascolti. Un calo generalizzato che, però, come la ricerca ha evidenziato, non ha colpito il genere procedural.

A tal proposito, Giorgio Buscaglia non può che ammettere il buon funzionamento dei polizeschi, frutto altresì del lavoro di Cbs che ha deciso di puntare sul genere riscuotendo notevoli successi. “I polizieschi – continua Buscaglia – si concludono in una puntata; il pubblico non ne può più ed è difficile far capire che la serie continua. Lost su Raidue ha perso audience dalla prima puntata della seconda stagione cioè da quando si è scoperto che c’era una botola”. Alle affermazioni di Buscaglia fanno eco quelle di Fabrizio Salini, convinto che il procedural sia un genere capace di catturare più pubblico; ciò malgrado nel caso di Fox e della sua molteplice offerta il problema della supremazia di un genere non si pone. Sullo stesso argomento, Freccero ritiene che il procedural sia un genere da sempre radicato nei gusti del pubblico: “credo che ci sia un consumo stabile della tv generalista di alcuni generi. Tutti questi telefilm della Cbs hanno preso il posto di Derrick”. Chiamato a rispondere, invece, sulla crisi dei telefilm in generale, il guru di Rai4 parla di mancanza di editorialità delle generaliste e, lanciando una frecciatina a Tiraboschi, aggiunge: “Chi vede il telefilm nella generalista è un disgraziato, perchè glielo spostano continuamente. Rabbrividisco con Dr. House, prima su Italia 1, poi su Canale 5, poi ancora su Italia 1. Dicono che ci sia il coordinamento palinsesti, e chi fa tv sa che chi ci lavora è gente che non fa nulla”.

Non coglie la provocazione, però, il direttore di Italia 1 che si limita ad individuare le tre cause alla base della crisi. Queste sono individuabili nel mutuato scenario competitivo (“una volta Italia 1 era la matrice da cui uscivano le grandi serie televisive, oggi i telefilm sono trasmessi da tutti”), nell’usura del prodotto e nel download (“alle generaliste il prodotto arriva per ultimo; inoltre la differenza tra un successo di una serie e l’insuccesso è di circa 400 mila telespettatori, gli stessi - pressapoco – che seguono il telefilm sulle altre piattaforme”) e nella sceneggiatura (“negli ultimi anni non ho visto niente di forte, solo scimmiottamenti”).

Sul contesto competitivo si esprime anche Panzeri che dice: “Gli ascolti record di ER erano possibili in un contesto dove le generaliste facevano il 90% di ascolto - pur sottolineando che - i numeri che i telefilm fanno oggi sono comunque molto significativi”.  Marco Leonardi e Laura Corbetta approfondicono, poi, il problema della multicanalità e delle molteplici possibilità di fruizione. In particolare, Laura Corbetta individua, come causa di crisi per i telefilm, il rapporto giovani e internet che ha rivoluzionalto le modalità di fruizione dei prodotti televisivi (“mi rendo conto che ai giovani interessa tantissimo la serialità, ma non l’appuntamento. I giovani vanno su internet e da onnivori vedono più puntate messe assieme”), e introduce anche la questione del doppiaggio (“Chi va su internet vede il prodotto in lingua originale, sulle generaliste resta l’idea che tutto debba essere doppiato”).

Queste, dunque, le opinioni di otto big della televisione dalle quali sembra emergere che se crisi c’è non è dei telefilm ma della televisione generalista. E a proposito di questa chiudiamo con l’interrogativo “da un milione di dollari” posto da Freccero nel corso dell’incontro: “Ammiro moltissimo Mediaset, sono liberi, possono fare ciò che vogliono i vari Bonolis e nei pomeriggi. Ma perchè, allora, quando si parla di telefilm fanno i moralisti? Perchè hanno programmato Fringe alle 22.10?” . Questa la risposta del buon Tiraboschi: “Bè, io Bonolis non ce l’ho, lo vedo solo a cena, il pomeriggio non faccio programmi. Fringe, invece, non avrebbe retto alle 21″.



Articoli che potrebbero interessarti


Maria de filippi
PAGELLE DEL 2013: GLI ADDETTI AI LAVORI


Telefilm Festival - Morena Baccarin
TELEFILM FESTIVAL: EDIZIONE SOTTOTONO. ECCO LE PAGELLE. TWIN PEAKS, GIORGIO BUSCAGLIA E IL PROTAGONISTA DI CHUCK I MIGLIORI


Michael Weatherly (Dinozzo in NCIS) al Telefilm Festival 2009
TELEFILM FESTIVAL: DA RICORDARE FRECCERO E “DI NOZZO”, DA DIMENTICARE DANIELA MARTANI E IL PRINCIPE EMANUELE FILIBERTO


Carlo Freccero
Rai, nuovi direttori di rete: Teresa De Santis a Rai1, Carlo Freccero a Rai2, Stefano Coletta confermato a Rai3

23 Commenti dei lettori »

1. Viavai2 ha scritto:

9 maggio 2010 alle 08:18

Il problema è che il costo dei telefilm e film è aumentato di molto,
La troppa pubblicità in un telefilm e film dividendoli i film in tre parti cose allucinanti.
Gli spettatori nel vedere un mucchio di pubblicità si scocciano e si allontanano dalla tv generalista.
Per me i telefilm e film devono farli solo sulle pay tv.
Voglio pagare per non vedere neanche un briciolo di pubblicità.
Ecco i problemi perchè non vanno bene film e telefilm. 



2. Raffaele1 ha scritto:

9 maggio 2010 alle 09:03

Temo che il problema, come è stato detto, sia la non certezza di poter continuare a vedere gli episodi sullo stesso canale e alla stessa ora.
Ricordo alcuni anni fa smalville ne feccero 2 episodi il martedì in prima serata per poi spostarlo alle 23, va beh!!! Armiamoci di videoregistratore, no perché le 23 sono un orario puramente indicativo, il programma precedente può finire alle 23 come anche alle 23 e 30, quindi devi programmare per registrare 2 per registrare 40 minuti di telefilm, già perché il telefilm dura effetivamente 40 minuti ma poi inseriscono non meno di 15 minuti di pubblicità anche questa altro motivo di disaffezione.
E poi diciamocelo le serie con numerose stagioni hanno stancato, fino a che un episodio ha una storia a se che inizia e finisce va bene, ma in serei come smallville, arrivata alla 9° stagione, sto superman che fine fa ? Io in Tv ho visto fino alla 7° adesso sto aspettando i DVD almeno in una settimana vedo tutti gli epsiodi e non perdo il filo. A proposito di filo, come si fa a vedere una serie come lost in 6 anni che se solo non ti ricordi cosa è successo nell’episodio precedente non si capisce più niente ?



3. iLollo ha scritto:

9 maggio 2010 alle 11:05

Buscaglia ha fatto e sta facendo un ottimo lavoro coi telefilm a RaiDue!

anni fa Italia1 era leader x i telefilm di tutti i generi programmati sia al pomeriggio che in access che in prima serata! ora invece va avanti con innumerevoli repliche dei Simpson all’infinito e film!
sono rimasti solo i CSI, distrutti pure loro e lontani dai tempi in cui dominavano con 4 milioni!

RaiDue invece puntando tutto sui polizieschi ha trovato la sua salvezza! NCIS ad esempio fa miracoli tutte le domeniche perché iniziando alle 21.00 precise comincia la sua crescita impressionante che arriva sempre a toccare e superare i 4 milioni nel finale di puntata anche se per quasi tutta la sua durata ha contro gli access di TUTTE le reti compresa l’imbattibile Littizzetto! nessun altro telefilm ha questa forza (consideriamo anche che c’è il calcio la domenica)
oppure Senza Traccia, Cold Case e Criminal Minds che anche se replicati più volte garantiscono sempre ottimi risultati! RaiDue senza polizieschi sarebbe morta!



4. zia-assunta ha scritto:

9 maggio 2010 alle 11:57

Censurano i telefilm e i culi di Bonolis no? Tiraboschi vai a spalare la terra!!!!!!!!!!!!!



5. Viavai2 ha scritto:

9 maggio 2010 alle 12:22

Volete un consiglio?
Abbonatevi o a SKY o a Mediaset premium.
Così li vedete senza pubblicità, ad orari consoni.
Se scegliete Mediaset premium risparmiate pure.



6. amazing1972 ha scritto:

9 maggio 2010 alle 12:34

si chiedono anche la ragione della crisi dei telefilm sulle tv generaliste? ma se fanno di tutto per far passare la voglia! cambio giorno e orario di continuo,pasticci sugli episodi,programmati spesso a caso,pieni zeppi di pubblicità e a volte fanno anche 3 episodi a sera,finendo oltre la mezzanotte. può bastare???? il telefilm ha bisogno di continuità,di rispettare i giorni di programmazione e di non far passare 2 anni tra una serie e l’altra. io da piccolo guardavo dallas,puntuale,ogni martedi un episodio per 30 settimane all’anno. un appuntamento durato 10 anni. oggi è impensabile a la gente paga sky per godersi in santa pace qualcosa



7. Alessiofanreality ha scritto:

9 maggio 2010 alle 12:50

io da quando ho sky le serie tv le seguo li, anche perchè ci sono dei telefilm tio ugly betty che se non hai sky sei rimasto alla seconda serie trasmessa da italia 1 per le serie tv la cosa migliore è la pay tv!!!



8. Pape Satan ha scritto:

9 maggio 2010 alle 14:26

Di quello che dicono queste eminenze
non ci ho capito nulla

(“i vari Bonolis”… “io Bonolis non ce l’ho, lo vedo solo a cena”…

e la supercazzora brematurata no? Bah)

A MIO UMILISSIMO PARERE,
il problema sono le fiction

son quasi tutte di bassa lega,
ne fanno una al giorno,
e hanno preso il posto (male)
dei telefilm

Rimpiango i ragazzi della 3C,
Classe di ferro,

e rivoglio Bruno Sacchi grasso.



9. MarcoLovesBrittney ha scritto:

9 maggio 2010 alle 18:01

Articolo interessante. Tra l’altro stimo molto sia Freccero che Buscaglia, due dei pochi dirigenti ad aver rispetto dei telefilm e a capirli. Non penso che la golden age dei telefilm Usa sia finita. E’ la crisi della tv generalista a determinare questo declino. Che poi declino non è, se si sommano i risultati numerici dei singoli telefilm visti tramite tv generalista, pay tv, web tv e streaming, download vari, DVD acquistati, replice etc…. Naturalmente tutto ciò non è quantificabile e determina una forte dispersione e frazionamento dell’audience. Ma allo stesso tempo c’è una fruibilità globale paradossalmente maggiore rispetto al passato. Mediaset ha ucciso i telefilm in chiaro privilegiando fare introiti con le prime visioni assolute su Premium. Almenonon abbiano la faccia tosta di dire che non funzionano più in chiaro, visto che arrivano con molto ritardo e quasi sempre in collocazioni mortificanti e ballerine (cosa voluta per far abbonare la gente alla pay tv e battere cassa). Alle 20.10 funzionavano benissimo su Italia Uno (es. Gilmore Girls, Summerland, Smallville, Everwood) ma Ricci ha posto il veto per non indebolire Striscia. Raidue è l’unico canale generalista a trattare le serie in maniera decente, anche se ho l’impressione che il buon Buscaglia debba fare le sue belle lotte con l’ottusità di alti dirigenti per riuscire a spuntarla sulla collocazione di alcuni prodotti.

Ed è tragicamente vero che la stupidità e il trash non vengono mai censurate. Se lo fossero, penso che tre quarti dei programmi di Bonolis e della D’Urso sarebbero banditi dalla messa in onda. W Rai4 che dedica molto spazio gratuitamente alle serie tv con successo d’ascolti. Qualche critica però va anche ai telefilm stessi. Nelle ultime 2 o 3 stagioni non sono usciti prodotti forti (se non di nicchia, tipo True Blood) e si va verso una sempre maggior standardizzazione, che indebolisce la forza creativa che ha generato in passato capolavori del piccolo schermo.



10. sirgeorgebest83 ha scritto:

9 maggio 2010 alle 18:28

cavolo, il pubblico italiano si spaventa per una botola. se quello che ha detto sta stronzata non è da mandare sotto i ponti, non so chi lo sia. la verità è che rai due ha trattato lost come una carta da culo. senza parlare poi 2 uomini e mezzo, che va in onda con grande successo in tutto il mondo, mentre nell’italietta ci tocca vederlo alle 17.30 d’estate. certamente tutti pazzi per amore, papi, i fratelli benvenuti etc sono migliori di lost e due uomini e mezzo. W SKY



11. iLollo ha scritto:

9 maggio 2010 alle 18:50

LOST su RaiDue è sempre stato trasmesso in prima serata non appena i diritti lo permettevano (cioé subito dopo la trasmissione su FOX)

se fosse stato su una qualsiasi altra rete, sarebbe stato messo alle 23 già dalla terza stagione mentre noi ce le possiamo godere alle 21.00 proprio perché Buscaglia ha insisitito!

andatevi a vedere la programmazione estiva di RaiDue di questa estate (ho scritto un commento con tutte le novità nel post DM Live24 di oggi) e vedrete che il palinsesto sarà invaso di telefilm in prima visione!



12. Daniele Pasquini ha scritto:

9 maggio 2010 alle 19:08

Buscaglia non mi piacque per nulla quando criticò Freccero, dichiarando che Rai4 doveva smetterla di avere un palinsesto da paytv. Insomma, considerando che il budget di Rai4 lo conoscono anche i muri, ma che dichiarazioni sono?
Oltre al fatto che fu lo stesso Buscaglia a dire su Glee “nulla di che”, però poi ha acquistato Melrose Place 2.0 e 90210. Non so se ci rendiamo conto…



13. iLollo ha scritto:

9 maggio 2010 alle 19:36

@Daniele

certo, ma Buscaglia è stato anche quello che ha fatto trasmettere Brothers&Sisters in prima serata per ben due anni, che mantiene le casalinghe alle 21, che mantiene Lost alle 21, che ha creato le serate crime con ascolti straordinari e che ogni anno crea un palinsesto estivo che è fantastico x tutti gli appassionati di telefilm!

poi certo ha delle convinzioni strane come Supernatural che non vuole trasmettere alle 22.40 ma se poi un giorno a quella stessa ora mi ha messo Weeds facendomi scoprire questa fighissima serie (poi spostata dai piani alti) allora non posso che stimarlo!



14. Daniele Pasquini ha scritto:

9 maggio 2010 alle 19:54

Ecco appunto, “ha delle strane convinzioni”, infatti continuo a non capire il senso di Melrose Place e 90210 (e vorrei capire come inserirà quest’ultimo nel palinsesto pomeridiano, visto che al massimo coprirà un mese).

Detto ciò, ieri ti ho messo gli ascolti in prime time di Rai4… non è andata bene.



15. MarcoLovesBrittney ha scritto:

9 maggio 2010 alle 19:56

Daniele, io apprezzo che Buscaglia abbia acquistato 90210 e Melrose Place. Purtroppo il primo qui è stato un flop e il secondo avrà una collocazione debole in palinsesto, visto che Raidue non è la rete adatta per questi prodotti (ma è colpa soprattutto delle scelte pasticciate dei vari direttori, che hanno dato alla rete un’identità debole e fluttuante sui target). Tuttavia trovo appunto vergognoso che queste serie non siano state acquistate da Italia Uno, che avrebbe dovuto logicamente considerarle un’eredità storica (pur certamente non avendo lo spessore, l’appeal e la forza corale delle serie originali). Su Italia Uno, anche se non prima serata, sarebbero andate bene. Invece le hanno accantonate per principio, a meno che non si tratti di una questione contrattuale con i prodotti Paramount per cui la Rai ha forse un diritto di prelazione. Buscaglia a volte risponde in maniera piccata, ma interviene sempre in prima persona, come un vero fan. Lotta per i prodotti in cui crede e per il lavoro che fa, si espone. Stimo le persone così (e stimo anche Freccero), competenti, appassionate e valide. Ho letto in passato suoi accorati interventi sul sito di Sorrisi e su Telefilm Magazine.

Anzi, suggerirei a Buscaglia di fare un bello smacco a Mediaset, acquistando per Raidue The Young and The Restless (Febbre d’Amore), soap fortissima e ritmata, campione d’ascolti in Usa e distrutta in Italia da Rete4 con una collocazione di nicchia e una programmazione a spezzatino volontariamente suicida (sino alla cancellazione finale per tagli di budget della cenerentola Mediaset). Trasformare Febbre d’Amore in quello che Beautiful fu un tempo per Raidue sarebbe una grande e meritata rivalsa per la soap stessa (considerato poi che in Y&R ci sono molti personaggi di Beautiful come Amber Moore e Deacon Sharpe, amatissimi in Italia, non faticherebbe a risultare familiare al pubblico pomeridiano) e per Raidue, che non ha più tante frecce al suo arco come un tempo.



16. Daniele Pasquini ha scritto:

9 maggio 2010 alle 20:08

Marco
Per me Buscaglia può acquistare quello che vuole sinceramente, ma deve stare anche attento a ciò che dichiara. Non puoi dirmi “Glee non è nulla di che” (ricordiamo che negli States su Fox fa picchi di 13 milioni di telespettatori con un rating pauroso tra i giovani, gli stessi che dovrebbe teoricamente acchiappare RaiDue, senza considerare poi tutto il conseguente indotto) e allo stesso tempo dichiarare “Melrose Place è carino”. Ma quando mai? Capisco che MP ha un certo appeal “storico” e che quindi l’acquisto “è venuto da sè”, ma certi giudizi qualitativi lasciano veramente a bocca aperta. E’ questo che fondamentalmente contesto a Buscaglia.

Detto ciò, la Rai ha un contratto con Paramount che gli permette di avere la precedenza per l’acquisto dei loro prodotti.

Su RaiDue non posso che condividere. Abbiamo speso tutti fiumi di parole sulle condizioni drastiche (e sottolineo drastiche) della seconda rete. Mi ripeto: meglio un 4% con, chessò, 90210 che un 10% con il Fatto del giorno. Ma tanto, la situazione non cambierà mai.



17. iLollo ha scritto:

9 maggio 2010 alle 20:10

@Daniele

sì, grazie! ho visto, purtroppo L’Isola ha sì mantenuto Rai4 a certi livelli, ma ha anche allontanato il pubblico che prima faceva fare a Streghe oltre 300mila telespettatori! ora c’è bisogno di tempo x riassestarsi, speriamo bene, poi ho letto che nel periodo Sanremo è stato anche cambiato il campione auditel, e proprio in quel periodo la crescita di Rai4 che sembrava inarrestabile, si è bloccata e poi stabilizzata grazie all’Isola!
vedremo che succederà nelle prossime settimane, lo switch off del 18 darà sicuramente una spinta…



18. MarcoLovesBrittney ha scritto:

9 maggio 2010 alle 20:16

” Abbiamo speso tutti fiumi di parole sulle condizioni drastiche (e sottolineo drastiche) della seconda rete. Mi ripeto: meglio un 4% con, chessò, 90210 che un 10% con il Fatto del giorno. ”

Quoto al seimila per cento!



19. iLollo ha scritto:

9 maggio 2010 alle 20:22

tra l’altro col rinnovamento dei canali, RaiDue è annunciata come rete giovane che punta sulla musica e sui telefilm di tutti i generi! cioè, almeno ci vogliono credere… ma arrivato l’autunno sarà sempre tutto uguale :(



20. iLollo ha scritto:

9 maggio 2010 alle 20:25

già che ci siamo, Buscaglia ha annunciato come dovrebbe essere l’autunno:

venerdì:
21.00 NCIS: Los Angeles
21.50 Criminal Minds
22.40 Persone Sconosciute (Persons Unknown)

sabato:
21.00 Cold Case
21.50 The Good Wife

domenica:
21.00 NCIS
21.45 Castle

Life Unexpected andrà al sabato pomeriggio a partire da ottobre!



21. Daniele Pasquini ha scritto:

10 maggio 2010 alle 00:23

iLollo 19
Lo avranno ripetuto credo ogni 6 mesi… figuriamoci se da un momento all’altro decidono di dare una svolta all’identità della rete.



22. sirgeorgebest83 ha scritto:

10 maggio 2010 alle 00:49

illollo……….quando ero in australia, io, lost lo vedevo in chiaro dopo una settimana dalla programmazione americana. certo che se uno mi dice che il problema di lost è una botola…. metto i puntini di sospensione, che nella confusione non c’è negazione (per citare morgan)



23. Fabio ha scritto:

28 maggio 2010 alle 23:47

secondo me parlare di crisi è un po eccessivo..non basta un lieve calo di 2 punti per parlare di crisi..un conto se si fosse passati dall’11% al 4% ma attualmente siamo oltre il 9%. E’ come se uno a scuola prende tutti 10, l’anno dopo prende tutti 8..c’è un calo ma è pur sempre un voto alto e mi piacverebbe sentire vari pareri su questa mia affermazione visto che tutti parlano di crisi del telefilm quando io vedo un lieve calo. Le cause penso siano la competitività tra nuove tv e web che portano via telespettatori, e anche i trattamenti: il telespettore dopo un po si stufa, molti telefilm poi sono per un target specifico e questo potrebbe allontanare telespettatori diciamo “fuori target”.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.