10
luglio

Come vanno all’estero le serie italiane di Netflix? Male!

Fedeltà

Fedelta'

Le OTT ti spalancano il mondo, tutto e subito. Se si considera che solo Netflix è attivo in 190 paesi, contando oltre 220 milioni di abbonati, si capisce quanto sia ghiotta tale vetrina per le produzioni e i volti nostrani. Anche per questo motivo negli ultimi anni, abbiamo visto “attori snobettini” accettare ruoli minori pur di abbracciare il “progetto mondiale” e altri sbandierare il debutto internazionale. Sogni di gloria che tali sono rimasti. Analizzando quel che è accaduto sulla piattaforma leader mondiale, il prodotto italiano è rimasto italiano. Anzi, per la verità in molti casi, ha attecchito a stento pure sul suolo tricolore.

Dai dati di Netflix (qui i punti di forza e debolezza) dell’ultimo anno che – attenzione – rivelano il numero di ingressi nelle top 10 settimanali ma non i dati di visione, la fiction ad aver performato meglio all’estero è Fedeltà. Alle tre settimane in top 10 in Italia (dove comunque non ha fatto il botto: seconda posizione, quarta posizione, decima posizione), la produzione originale con Michele Riondino (presto su Disney+) aggiunge l’ingresso nelle top 10 di 42 nazioni. Avrà giocato un ruolo il fatto di essere tratta da un libro famoso nel Belpaese o l’accattivante titolo internazionale Devotion, a Story of Love and Desire? In particolare è il pubblico del continente asiatico ad averlo scelto: 2 settimane in top 10 in Pakistan (è arrivato sino al terzo posto), Israele, India, Bangladesh, Arabia Saudita. E’ arrivata in top 10 anche in Brasile, Messico, Nuova Caledonia ma non ha convinto nessun paese big europeo (dove Riondino ci è approdato con Il Giovane Montalbano targato Rai) e chiaramente nemmeno gli Stati Uniti.

Buona accoglienza in patria ma nessun riscontro significativo all’estero per Strappare Lungo i Bordi. Troppo locale. Scarsa considerazione internazionale anche per Incastrati di Ficarra e Picone, Generazione 56k dei The Jackal, Alessandro Cattelan  – Una Semplice Domanda (non sono bastati i post in inglese del conduttore evidentemente) o Di4ri, serie di genere teen che per sua natura sarebbe più esportabile. Aveva grandi ambizioni, eppure  Stories of a Generation con Papa Francesco di Simona Ercolani non è riuscito ad entrare in nessuna top 10 settimanale, nemmeno in Italia. Che smacco! Male, anche, Luna Park tanto in Italia (una settimana in top 10) quanto all’estero. Curioso è il caso di Guida Astrologica per Cuori Infranti che, se con la prima stagione si era fatto notare in Uruguay, con la seconda ha fatto capolino nella top 10 di 9 paesi, quasi tutti dell’Europa dell’Est.

La ragione delle disfatte tricolori sembra risiedere proprio nella debolezza dei prodotti che già annaspano qui, uniti a talent poco conosciuti all’estero e all‘assenza di un marchio ‘made in Italy’ e/o un prodotto bandiera trainante. Il successo della Casa di Carta, ad esempio, ha posto all’attenzione (del pubblico e “degli algoritmi”) le serie spagnole portando alla fama attori che poi sono stati utilizzati da altre produzioni.

Yara

Si segnala, tra le serie non originali ma presenti in alcuni paesi esteri su Netflix, che Gomorra è stato tre settimane in top 10 in Olanda, e come per i film il discorso cambi. Impossibile non menzionare l’exploit di Yara che, realizzato in collaborazione con Mediaset (era stata annunciata una messa in onda a breve ma durante la presentazione dei palinsesti non se n’è fatto menzione), è entrato nelle top 10 di 70 paesi (tre settimane in Italia come in Russia e una settimana persino nel Regno Unito).

Serie italiane nella top 10 settimanale di Netflix

Summertime 3: 3 settimane in Italia, 1 in Svizzera, 1 in Guadalupa.

Luna Park: 1 settimana in Italia.

Fedeltà: 3 settimane in Italia, top 10 in 42 nazioni.

Guida Astrologica per Cuori Infranti 1: 2 settimane in Italia1, 1 in Uruguay.

Guida Astrologica per Cuori Infranti 2: 1 in Italia, top 10 in 9 nazioni.

Strappare lungo i bordi: 4 settimane in Italia

Alessandro Cattelan – Una Semplice Domanda: 2 settimane in Italia.

Di4ri: 4 settimane in Italia.

Incastrati: 3 settimane in Italia.

Generazione 56 k: 3 settimane in Italia.

K drama vs Telenovelas: il lato ‘non english’ di Netflix

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Valentina Zenere
Niente più giudizi e niente più regole nella quinta stagione di Elite (Trailer)


Fedeltà - Michele Riondino e Lucrezia Guidone
Il San Valentino di Netflix parla di (in) Fedeltà


Toy Boy 2
Toy Boy 2: torna su Netflix il ’sensuale’ giallo spagnolo


Ozark - Netflix
Ozark: su Netflix arriva la prima parte della quarta e ultima stagione

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.