26
gennaio

Pupo bandito dall’Ucraina: «Mi hanno messo nella lista dei criminali, rischio l’arresto»

Pupo

Il “gelato al cioccolato” è andato di traverso all’Ucraina. Il cantante Pupo è stato formalmente bandito dal paese guidato da Volodymyr Zelens’kyj come personalità indesiderata e ostile. Lo ha rivelato lo stesso artista italiano, peraltro nei giorni in cui le tensioni tra Kiev e Mosca stanno raggiungendo un pericoloso punto di non ritorno. Non a caso, proprio l’amicizia che lega Enzo Ghinazzi alla nazione di Vladimir Putin è il motivo del provvedimento emesso nei suoi confronti

Il ministero degli Esteri italiano mi ha recentemente ed ufficialmente informato che il governo dell’Ucraina mi ha inserito nella lista nera, quella degli indesiderati, dei ‘criminali’. In pratica, se mi presento alla loro frontiera, rischio di essere arrestato

ha scritto Pupo sulle pagine del Resto del Carlino, spiegando che l’ex repubblica dell’Urss lo avrebbe bandito a seguito della sua partecipazione al festival russo della canzone di guerra, tenutosi a Jalta, nella Crimea occupata dai russi, lo scorso anno.

Peccato! Io comunque non mi fermerò. Continuerò a portare la mia musica in giro per il mondo. Dalla Russia all’Australia e ovunque mi sarà data la libertà di cantare le mie innocue canzoni. Per questo, il prossimo aprile, tornerò di nuovo in Crimea. Lo farò con convinzione e senza nessun timore

ha aggiunto il cantante aretino, che in Russia gode di una particolare popolarità. Non è la prima volta che un simile provvedimento colpisce un artista italiano: nel 2018 era toccato a Michele Placido, nel 2019 a Toto Cutugno e Albano, che erano stati inseriti dall’Ucraina nella “black list” degli ospiti sgraditi per motivi politici.

È inaccettabile che proprio io che canto da sempre la pace ora venga trattato come un terrorista“, aveva lamentato Albano, al quale poi era stato revocato il divieto di ingresso in Ucraina. Accadrà anche a Pupo?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Al Bano
Al Bano non è più una minaccia per l’Ucraina, che lo toglie dalla black list


Tapiro_Albano_Ucraina
Albano attapirato: «Io terrorista? Forse scambiano le mie note alte per delle bombe»


Albano Carrisi
Albano nella black list ucraina: «Minaccia la sicurezza nazionale»


tocca a noi _46
Su Rai3 ‘Musica per la pace’. Anche Morandi, Elisa e Diodato nel cast

1 Commento dei lettori »

1. Paolo Rambaldi ha scritto:

26 gennaio 2022 alle 12:10

Pensavo che fosse per le sue canzoni, che andrebbero considerate un crimine contro l’umanita’… :-D



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.