18
gennaio

Rai, Fuortes: «Canone troppo basso. Faremo valutazioni costi-benefici sui canali tematici»

Carlo Fuortes (Foto senato.it)

Mentre Oltremanica si valuta l’ipotesi di cancellare il canone per il servizio pubblico radiotelevisivo, in Italia risuona l’insistente lamentela dei vertici Rai sull’importo – ritenuto troppo basso – della gabella in questione. “E’ una risorsa incongrua“, ha ribadito stamane l’Ad Rai Carlo Fuortes, ripetendo in commissione Lavori pubblici del Senato un concetto espresso nei mesi scorsi. E’ cambiato il contesto ma non il messaggio: le casse Rai necessitano di maggiori entrate. 

In merito al “valore unitario” del canone in Italia, Fuortes è andato nuovamente all’attacco:

E’ strutturalmente, come ben noto, il più basso in tutta Europa: 90 euro. Una somma distante da quelle degli altri Paesi al punto da rendere quasi irrilevante la compresenza compensativa, per Rai, della fonte integrativa degli introiti costituita dalla raccolta pubblicitaria. Senza fare riferimento alla Svizzera e all’Austria, Paesi nei quali l’importo unitario è superiore o pari a 300 euro, o alla Germania e alla Gran Bretagna, nei quali è pari rispettivamente a 220 e a 185 euro, in Francia il canone ammonta a 138 euro, oltre il 50% in più rispetto all’Italia

ha affermato il top manager di Viale Mazzini, lasciando trasparire un certo fastidio anche per le recenti discussioni sulle modifiche alla modalità di riscossione.

Troppo frequenti interventi sull’entità del canone o sulle modalità di riscossione rendono evidente, da un lato, l’assenza di un quadro di certezze in cui Rai possa svolgere la sua missione e, dall’altro, la difficoltà di elaborare previsioni economiche solidamente affidabili

ha lamentato Fuortes, dipingendo l’ennesimo ritratto a tinte fosche per le finanze dell’emittente. “Alla luce degli impegni che Rai è chiamata a svolgere, il quadro economico-finanziario e le relative prospettive sono preoccupanti“, ha osservato l’Ad di Viale Mazzini, spiegando anche che la politica dei tagli non potrà essere spinta oltre un certo limite. Ulteriori restrizioni – ha detto – sarebbero “incompatibili con il perimetro industriale e l’ampiezza della missione” aziendale.

Alludendo al piano industriale in approvazione nei prossimi mesi, il top manager ha però accennato alla volontà di mettere mano ai canali tematici. In che termini, esattamente, non lo si è capito.

Stiamo facendo valutazioni sui canali tematici. Ne discuteremo con il piano industriale che sarà approvato nei prossimi mesi. Si farà una valutazione sul rapporto costi-benefici

ha affermato, con una precisazione: “I canali tematici interessano il 6% dell’audience e non si possono considerare residuali o da chiudere“. Una valutazione di non poco conto, forse trascurata nell’ambito della più ampia audizione odierna. Sulla promozione o sulla spending review si giocherà infatti una delle partire d’indirizzo del servizio pubblico del futuro: l’azienda intende investire sul digitale terrestre o no?

Il mercato dei canali tematici lineari sta scendendo a vantaggio delle piattaforme digitali“, ha osservato comunque Fuortes.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Alberto Barachini
RaiPlay bocciata dalla Vigilanza Rai


Carlo Fuortes
Rai, il Cda prefigura un bilancio 2022 in pareggio. «Controllo rigoroso delle spese»


Tg1
Tagli alla TgR, i giornalisti Rai protestano: servizi in onda senza firma. Le ‘misure risarcitorie’ dell’azienda


Rai
Rai, alla faccia dei tagli! Fuortes nomina due nuovi dirigenti

2 Commenti dei lettori »

1. pietrgaf ha scritto:

18 gennaio 2022 alle 15:27

Una bella riunione dei canali… per ridurre le spese no?

Rai1
Rai2 e Rai4 possono stare bene insieme
Rai3 e Rai5 possono ben amalgamarsi
Rai Yoyo e Rai Gulp idem
Rai Sport
Rai News24
Rai Movie e Rai Premium insieme

In certi posto certi canali digitali manco si vedono nemmeno con le televisioni nuove…e il canone però si paga per intero…



2. PAOLO76 ha scritto:

18 gennaio 2022 alle 20:11

certo hanno bisogno di più soldi per sprecarli meglio e mantenere tutti i conduttori inutili….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.