Canone RAI



27
luglio

Canone TV abolito in Francia

Emmanuel Macron (da Facebook)

Emmanuel Macron (da Facebook)

Il vento di novità dalla Francia continua a soffiare. Dopo le notizie riguardanti l’imminente introduzione della rilevazione auditel anche per le piattaforme streaming, adesso nella Repubblica di Macron sale alla ribalta uno dei temi più controversi per quanto riguarda la tv pubblica, quello del canone, con un cambiamento epocale: già da quest’anno quello francese sarà cancellato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




14
aprile

Canone Rai fuori dalla bolletta dal 2023. Primo sì, con tanti dubbi

Rai

separato dalle bollette elettriche a partire dal 2023: un primo sì dalla politica è arrivato ieri. Ma non è ancora detta l’ultima parola. L’ipotesi dello scorporo – già posta all’attenzione dall’Ue – ha iniziato a prendere forma con il via libera a un ordine del giorno presentato da Maria Laura Paxia (Misto) e accolto dal governo. Nell’istanza, in particolare, si impegna l’esecutivo ad “adottare misure normative” dirette a separare la tassa radiotelevisiva dalle fatture relative al consumo elettrico, “al fine di non appesantire i costi dell’energia e non gravare ulteriormente sui consumatori che sono ormai in evidente difficoltà“. Il tutto a partire dal prossimo anno.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


22
febbraio

RaiPlay bocciata dalla Vigilanza Rai

Alberto Barachini

La  fa le pulci alla Rai. Anche nell’epoca dell’efficientismo proclamato dall’Ad Carlo Fuortes, la commissione parlamentare ha avanzato dei rilievi destinati probabilmente a incidere sulle decisioni di governance del servizio pubblico. Le annotazioni – secondo quanto riporta Il Sole24Ore – sono contenute in un report (Documento conclusivo dell’indagine conoscitiva su modelli di governance e ruolo del Servizio pubblico radiotelevisivo) sottoposto proprio quest’oggi all’analisi della Commissione. In esso, si parla di durata degli incarichi apicali (cinque anni invece degli attuali tre), di introiti pubblicitari e pure di gestione dei diritti.





18
gennaio

Rai, Fuortes: «Canone troppo basso. Faremo valutazioni costi-benefici sui canali tematici»

Carlo Fuortes (Foto senato.it)

Mentre Oltremanica si valuta l’ipotesi di cancellare il canone per il servizio pubblico radiotelevisivo, in Italia risuona l’insistente lamentela dei vertici Rai sull’importo – ritenuto troppo basso – della gabella in questione. “E’ una risorsa incongrua“, ha ribadito stamane l’Ad Rai Carlo Fuortes, ripetendo in commissione Lavori pubblici del Senato un concetto espresso nei mesi scorsi. E’ cambiato il contesto ma non il messaggio: le casse Rai necessitano di maggiori entrate. 


27
luglio

Canone Rai verso l’esclusione dalla bolletta elettrica. Lo chiede l’Europa

Mario Draghi (foto - governo.it)

Mario Draghi ed il suo staff studiano un ritorno al passato. Sul , il governo si appresterebbe a decretare un addio all’inclusione della tassa nella bolletta elettrica, misura introdotta dall’allora premier Matteo Renzi nel 2015. L’indicazione a recuperare il vecchio sistema di pagamento, in realtà, non arriva da Palazzo Chigi ma da Bruxelles. Ce la chiede l’Europa, insomma.





10
novembre

Rai: in arrivo un tesoretto da 80 milioni?

Fabrizio Salini

L’accordo, per il momento, sarebbe stato fissato solo con una stretta di mano. Un gesto che, sulla carta, vale all’incirca 80 milioni di euro. Un gruzzolo che la Rai si appresterebbe a ricevere grazie ad una condivisione di intenti tra l’AD , il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell’Economia. Le tre parti in causa – secondo quanto anticipa l’AdnKronos – si appresterebbero a formalizzare un patto per ‘restituire’ al servizio pubblico il 5% del canone tolto all’azienda dalla Legge di Stabilità del 2015.


27
dicembre

Rai, ecco i programmi che coprono i costi solo con gli spot. Chi l’ha visto? svetta

Federica Sciarelli, Chi l'ha visto

I programmi Rai che possono fare a meno del canone sono pochissimi. Nel 2017, soltanto quattro. Un documento del servizio pubblico – di cui Repubblica dà notizia – svela quali trasmissioni coprivano (in quell’anno) la totalità delle loro spese grazie alla pubblicità. Tra di esse, alcune sorprese: Chi l’ha Visto? e Linea Blu rientrano infatti tra le produzioni più virtuose.


4
agosto

Matteo Salvini: «In Rai troppi canali. Si dovrà scegliere, o canone o pubblicità»

Matteo Salvini

Irremovibile sulla nomina di Marcello Foa alla Presidenza Rai, ha le idee chiare anche sul futuro del servizio pubblico. Valorizzare le realtà produttive locali, puntare sulle testate regionali, avere almeno una rete senza pubblicità e scegliere tra canone o pubblicità: il vicepremier spara proposte, fissa obiettivi. A suo avviso, anche l’azienda di Viale Mazzini dovrà cambiare registro.