22
febbraio

Tutto merito di Freud

Tutta Colpa di Freud - Claudio Bisio e Max Tortora

Tutta Colpa di Freud - Claudio Bisio e Max Tortora

Quando si decide di ispirarsi ad un titolo famoso per realizzare un nuovo progetto si corrono due rischi: il primo è quello di tradirne il senso originale, non essendone all’altezza; il secondo e opposto è quello di ripetersi, non offrendo al pubblico nulla di nuovo ed interessante. Ebbene, la fiction Tutta Colpa di Freud, disponibile da venerdì prossimo su Amazon Prime Video, destinata al prime time di Canale 5 ed ispirata all’omonima pellicola del 2014, ha evitato entrambe le trappole, vincendo la propria scommessa.

Il cuore del film di Paolo Genovese – che qui firma il soggetto, mentre la regia è di Rolando Ravello – rimane intatto, la storia non perde la propria sostanza ma viene rallentata, ampliata, e cresce. L’inserimento di nuovi personaggi e situazioni aiuta a spalmare la narrazione su più puntate e ad impreziosirla è in particolare il Matteo di Max Tortora: amico casinaro e sempre presente del protagonista, con il suo affetto sfonda il primato degli  inossidabili legami di sangue, sui quali si fonda la storia.

Claudio Bisio declina in modo del tutto personale il protagonista Francesco, non tradendo l’impronta lasciata da Marco Giallini ma neanche emulandola: il suo psicanalista è più buffo, tragicomico, meno autorevole e dichiaratamente fragile, con i suoi attacchi di panico e le paure manifeste, ma non per questo meno efficace e amorevole. La scelta di puntare poi su attrici non troppo inflazionate nel panorama televisivo per portare in scena le sue tre figlie, aiuta a dare credibilità ai personaggi e a farle adottare dal telespettatore, pur con tutte le loro nevrosi e contraddizioni.

Colpisce in particolare Caterina Shulha, vista di recente in Nero a Metà, che riesce a regalare a Sara – personaggio che fu di Anna Foglietta – più delicatezza, approcciandosi piano alla sua omosessualità, senza forzature. Ma il racconto funziona soprattutto perchè corale, a più voci, nel quale i personaggi si mescolano e si incontrano creando e rafforzando legami con registri sempre diversi, che vanno dal comico al sentimentale senza disperdersi. E, con leggerezza, offre un approfondimento psicologico che Freud avrebbe apprezzato.



Articoli che potrebbero interessarti


Mara Maionchi e Fedez
LOL, chi ride è fuori sul serio


Tutta Colpa di Freud - Bisio e Herbert Ballerina
Tutta Colpa di Freud: il film di Genovese diventa una fiction Canale5-Prime Video. Bisio rimpiazza Giallini


Celebrity Hunted - Costantino Della Gherardesca in metropolitana
Celebrity Hunted: ma chi ci crede?


Made in Italy
Made in Italy: il Diavolo veste Krizia e Versace

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.